MPS, Banca di Spoleto e Banca Marche: attenti ai Conti Deposito

euro-conto-deposito

Mario Draghi sta insistendo sul fronte del credit crunch: è necessario che gli istituti bancari tornino a sostenere l’economia, e favorire l’immissione di liquidità. Il presidente della Bce, parallelamente, auspica il ritorno di un atteggiamento da parte delle banche più “user-friendly”.

Quest’ultima raccomandazione sembra essersi tradotta in un netto miglioramento delle offerte di tre banche italiane: il Monte dei Paschi di Siena, la Banca Popolare di Spoleto e la Banca Marche.

Il Sole 24 Ore mette in guardia i contribuenti: attenti, non è sempre oro quello che luccica.

Leggi anche: scopri il miglior conto deposito 2016

Il motivo della diffidenza è che, “guarda caso”, sono proprio queste tre banche ad aver affrontato, negli ultimi tempi, alcuni problemi di stabilità e anche di etica.

Sul Monte dei Paschi di Siena non occorre specificare nulla: lo scandalo ha riempito le pagine dei giornali a partire da gennaio, e in ogni caso il mega-prestito da parte dello Stato di certo non ha risolto tutti i problemi dell’istituto in un colpo solo, a mo’ di bacchetta magica.

La Banca Popolare di Spoleto soffre tutt’ora di problemi più specifici. Innanzitutto, è stata commissariata da Bankitalia. In secondo luogo, ha subito un downgrade a causa della qualità, scarsa e in via di peggioramento, dei crediti detenuto. Sta ravvisando inoltre una certa difficoltà (non preventivata) per quel che concerne le attività di funding.

La Banca Marche sta affrontando, invece, le difficoltà causate dal buco di bilancio scoperto e ratificato nel 2012. Una voragine di 527 milioni. Questa a sua volta è stato causato da un’ondata di “prestiti facili” che, in una parte consistente, non sono più ritornati. La ricapitalizzazione, stabilità in una quantità vicina ai 320 milioni, potrebbe non bastare.

Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Spoleto e Banca Marche sono gli istituti che propongono le offerte più vantaggiose di tutta Italia. Rendimenti altissimi, soprattutto sui conti deposito. Il problema è che sono, come abbiamo visto, anche le banche più in difficoltà del panorama italiano. Secondo Il Sole 24 Ore non si tratta di una semplice coincidenza. Ecco cosa ne pensa il giornalista Gianfranco Ursino: “Sono tutte banche che navigano in cattive acque, pronte a riconoscere i tassi più alti d’Italia pur di attrarre mezzi freschi”.

Insomma, si tratterebbe di un tentativo “disperato” di recuperare capitale. Un meccanismo simile a quello dello spread, che si alza quando chi cerca il finanziamento versa in gravi condizioni o difetta in credibilità. Mps, Banca di Spoleto e Banca Marca, con i rendimenti alti promessi ai clienti, starebbero pagando una sorta di premio per il rischio.

Certo, esistono differenze. C’è chi è più disperato di altri. Non a caso, più grave la situazione più vantaggiosa è l’offerta. Il Monte dei Paschi di Siena, ad esempio, è in via di guarigione, o per lo meno ha ricevuto un prestito ingentissimo da parte dello Stato in grado di tappare i buchi, e non a caso offre un rendimento alto per i depositi a lunga scadenza. Spoleto invece li offre per i depositi di qualsiasi tipo, Banca Marche per quelli a scadenza breve.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

1 commento

  1. che tipo di articolo è questo pubblicato? o meglio quale informazione fornisce? Bisogna fare attenzione ai conti di deposito! Però non viene detto che la maggior parte dei conti di deposito ( sicuramente quelli di banca Mps per esempio) sono assistiti dalla garanzia del fondo interbancario fino a 100 mila euro a depositante, la qualcosa mi sembra di una certa rilevanza. Pertanto perchè creare un allarmismo su uno strumento finanziario di quelli più sicuri in assoluto in questo momento storico?

LEAVE A REPLY