MSCI vs FTSE: quale indice azionario scegliere?

Gli indici azionari come MSCI e FTSE sono benchmark di riferimento per valutare le performance di interi mercati o settori specifici.

Questi indici, fondamentali per la costruzione di un portafoglio ETF, rappresentano un punto di riferimento per capire le tendenze dei mercati globali. Replicarli con ETF e fondi permette di ottenere un’esposizione diversificata.

Ma quali sono le differenze tra MSCI e FTSE e come scegliere il più adatto? Analizziamo nel dettaglio le caratteristiche di ciascun indice.

👇 SUGGERIMENTO 👇

Scalable Capital è una delle piattaforme più interessanti per investire sull’MSCI World grazie all’ampia offerta di fondi negoziabili e alle condizioni vantaggiose.

Oltre 1700 ETF sono disponibili sulla piattaforma Scalable Capital, coprendo tutte le principali asset class e aree geografiche. Si spazia da ETF azionari sui mercati globali a obbligazionari con diverse tipologie di emittenti e scadenze.

Scalable Capital offre anche molti ETF a commissioni zero, permettendo di contenere i costi di negoziazione.

Clicca qui per iniziare ad investire in ETF con Scalable Capital

Significato gli Indici MSCI e FTSE

MSCI vs FTSE

Cos’è l’indice MSCI?

L’indice MSCI World è un indice azionario globale che rappresenta le performance delle principali società dei mercati sviluppati. È composto dai titoli a larga e media capitalizzazione di 23 paesi sviluppati, coprendo circa l’85% della capitalizzazione di questi mercati.

L’MSCI World è uno degli indici più seguiti a livello globale. Serve come benchmark per numerosi fondi ed ETF che replicano l’andamento dei mercati sviluppati. Ha un’elevata diversificazione geografica e settoriale.

Altri popolari indici MSCI sono l’MSCI Emerging Markets, focalizzato sui mercati emergenti, e l’MSCI ACWI che include sia paesi sviluppati che emergenti. MSCI è un fornitore leader di indici azionari con una metodologia consolidata.

Ti potrebbe interessare la nostra guida: MSCI World : i 5 migliori ETF per investire sull’indice

Cos’è l’indice FTSE?

FTSE è l’acronimo di Financial Times Stock Exchange. L’indice FTSE Developed rappresenta l’andamento delle principali società dei mercati sviluppati globali. Include titoli large e mid-cap da 25 paesi sviluppati, con una copertura del 90% circa della capitalizzazione.

FTSE è un altro importante fornitore di indici a livello mondiale. Oltre al FTSE Developed, l’indice FTSE All-World include sia paesi sviluppati che emergenti, mentre il FTSE Emerging focalizza sui mercati emergenti.

Gli indici FTSE sono benchmark diffusi anche in Europa. Ad esempio i lFTSE MIB rappresenta le 40 principali società italiane. FTSE ha una metodologia consolidata per la costruzione di indici azionari globali e regionali.

MSCI vs. FTSE: le differenze

La scelta tra MSCI e FTSE come fornitori di indici per gli investimenti in ETF è un aspetto cruciale per gli investitori che cercano di diversificare il loro portafoglio a livello globale. Entrambi i fornitori offrono una vasta gamma di indici che coprono diversi mercati e settori, ma ci sono alcune differenze chiave tra i due.

1. Classificazione dei Mercati: una delle principali differenze tra MSCI e FTSE risiede nella loro classificazione dei mercati. MSCI tende ad avere una classificazione più conservativa dei mercati emergenti. Ad esempio, considera la Corea del Sud come un mercato emergente, mentre FTSE la classifica come un mercato sviluppato.

2. Composizione e Diversificazione: gli indici FTSE tendono ad avere un numero maggiore di aziende rispetto a quelli di MSCI, ma spesso queste aziende hanno una capitalizzazione di mercato più piccola. Questo può influenzare la diversificazione dell’indice e la sua esposizione a specifici settori o regioni.

3. Gestione delle Azioni Cinesi: entrambi gli indici includono le azioni cinesi A-share, ma con percentuali diverse. Questo ha un impatto diretto sulla rappresentazione della Cina nei loro indici dei mercati emergenti, influenzando così l’esposizione degli investitori a questo mercato in rapida crescita. Ad esempio, MSCI ha iniziato a includere le azioni A-share cinesi (azioninegoziate nelle borse di Shanghai e Shenzhen) nei suoi indici nel 2018. FTSE ha seguito un percorso simile, ma con una tempistica e un ritmo di inclusione diversi.

4. Costi e Performance: i costi degli ETF che tracciano gli indici MSCI e FTSE sono generalmente simili, ma possono variare leggermente a seconda del fornitore e del tipo di indice. In termini di performance, le differenze nella composizione degli indici non hanno mostrato variazioni significative nel lungo termine, sebbene ci possano essere variazioni a breve termine a causa di specifici eventi di mercato.

MSCI e FTSE differiscono anche per quanto riguarda il peso delle piccole capitalizzazioni. MSCI tende a includere un numero maggiore di piccole capitalizzazioni nei suoi indici rispetto a FTSE, il che può portare a una maggiore volatilità, ma anche a potenziali rendimenti più elevati.

MSCIFTSE
MercatiEmergenti e SviluppatiEmergenti e Sviluppati
Principali PaesiUSA, Giappone, Regno Unito, Francia, CanadaUSA, Giappone, Regno Unito, Francia, Canada
Principali SettoriTecnologia, Servizi Finanziari, SaluteTecnologia, Servizi Finanziari, Beni di Consumo
Principali SocietàApple, Microsoft, Amazon, Facebook, AlphabetApple, Microsoft, Amazon, Facebook, Alphabet
Broker per investireScalable Capital / AvaTradeScalable Capital / AvaTrade

Nel complesso, sia MSCI che FTSE offrono indici di alta qualità che coprono un ampio spettro di mercati e settori. La scelta tra i due dovrebbe essere guidata dalle specifiche esigenze e obiettivi di investimento dell’investitore.

Confronto tra MSCI vs. FTSE

Performance

Per quanto riguarda la performance, non ci sono differenze sostanziali tra gli indici MSCI World e FTSE Developed.

I rendimenti sono pressoché identici, con uno scarto generalmente inferiore all’1%. Ad esempio, nel periodo 2018-2022 l’MSCI World ha reso il +36,11% e il FTSE Developed +35,21%.

Discorso diverso per gli indici emergenti, dove si notano maggiori divergenze dovute alla diversa classificazione di alcuni mercati chiave.

Dal 2018 ad oggi l’MSCI Emerging Markets ha reso il +48,75%, mentre il FTSE Emerging +56,75%. Il vantaggio di FTSE è dovuto all’inclusione di Corea del Sud e Polonia.

Capitalizzazione e numero di titoli

L’MSCI World copre l’85% della capitalizzazione, escludendo il 15% di small cap, e include 1506 titoli.

Il FTSE Developed copre il 90%, escludendo solo il 10% di small cap, con 2148 titoli. Anche per gli indici emergenti l’MSCI esclude più small cap, quindi il FTSE ne contiene di più pur con una minore incidenza sul valore complessivo.

Paesi rappresentati e diversificazione

L’MSCI World copre 23 paesi sviluppati, il FTSE Developed 25. Per gli emergenti l’MSCI ne include 24, il FTSE 26.

La maggiore differenza sta nella Corea del Sud, inclusa nel FTSE sviluppato ma non nell’MSCI. Anche la diversificazione settoriale è simile.

Entrambi gli indici mirano ad una esposizione bilanciata ai vari comparti.

A titolo di esempio, i pesi per paese al 2023 erano i seguenti:

PaesePeso FTSE All World (%)Peso MSCI World (%)
USA61.04%69.91%
Giappone6.32%6.13%
Regno Unito3.83%3.94%
Cina3.19%
Francia2.87%3.31%
Canada3.14%
Altri22.81%13.56%

(Fonti: FTSE Russel, MSCI)

Settori

Per quanto riguarda i settori, sia l’indice MSCI World che il FTSE Developed hanno una composizione abbastanza simile.

Entrambi sono fortemente orientati al settore tecnologico, che rappresenta oltre il 20% del peso totale. Seguono settori come finanza, sanità, beni di consumo discrezionali e industriali.

Le proporzioni cambiano leggermente, ad esempio l’MSCI World ha una maggiore esposizione ai titoli finanziari mentre il FTSE Developed a quelli industriali. Ma nel complesso l’allocazione settoriale è comparabile, con tutti i maggiori comparti rappresentati in modo bilanciato per una diversificazione ottimale.

Ciò riflette l’obiettivo di entrambi gli indici di fornire un’esposizione globale equilibrata, evitando concentrazioni eccessive. Sia MSCI che FTSE selezionano i titoli anche sulla base della capitalizzazione, dando più peso alle società di maggiori dimensioni e rilevanza sui rispettivi mercati.

Entrambi gli indici si concentrano sugli stessi settori di attività, con la tecnologia dell’informazione che spicca in modo significativo in entrambi i casi. In generale, tutte le altre categorie hanno una percentuale di incidenza simile in entrambi gli indici.

A titolo di esempio, ecco una indicazione di massima per il 2023:

SettorePeso FTSE All World (%)Peso MSCI World (%)
Tecnologia dell’informazione24.31%22.23%
Beni di consumo discrezionali14.06%11.12%
Servizi finanziari13.84%14.61%
Industria13.05%11.06%
Assistenza sanitaria11.46%12.79%
Beni di consumo di base6.09%7.38%
Energia5.02%4.55%
Materiali3.77%4.13%
Servizi di comunicazione3.08%7.00%
Servizi pubblici2.87%2.78%
Immobiliare2.45%2.34%

(Fonti: FTSE Russel, MSCI)

Azioni rappresentate

Entrambi gli indici rappresentano un’ampia varietà di azioni da tutto il mondo, offrendo un benchmark globale per gli investitori. Tuttavia, le ponderazioni specifiche di ciascuna azione all’interno degli indici differiscono.

Le prime 10 azioni rappresentate in ciascuno degli indici forniscono un’immagine chiara della composizione di ciascun indice. Nell’MSCI World, le prime tre posizioni sono occupate da Apple Inc., Microsoft Corp e Amazon.com Inc., rispettivamente.

Queste aziende hanno un’importanza significativa nell’indice, con Apple che rappresenta il 5.20% del peso totale dell’indice.

Un altro punto interessante da notare è la presenza di diverse aziende tecnologiche nelle prime posizioni di entrambi gli indici. Questo sottolinea l’importanza del settore tecnologico nel mercato azionario globale.

Ecco una composizione di massima dei due indici per quanto riguarda le prime 10 azioni rappresentate:

MSCI WorldFTSE All World
Apple Inc5.20%4.36%
Microsoft Corp4.05%3.79%
Amazon.com Inc2.23%1.93%
Nvidia Corp2.13%1.82%
Alphabet Inc Cl A1.42%1.26%
Alphabet Inc Cl C1.29%1.10%
Tesla Inc1.29%1.11%
Meta Platforms Inc Class A1.15%1.02%
Berkshire Hathaway B0.82%0.73%
Exxon Mobil Corp0.79%
Lilly (Eli) & Co0.73%

Ricorda, le percentuali rappresentano la ponderazione di ciascuna azione all’interno dell’indice.

Top 3 ETF MSCI World

iShares Core MSCI World UCITS ETF

L’iShares Core MSCI World UCITS ETF replica l’indice MSCI World, composto dalle principali aziende dei mercati sviluppati globali. Con un patrimonio di 49 miliardi di euro, è il più grande ETF al mondo che replica questo indice.

Ha un TER contenuto dello 0,20% e utilizza una replica fisica, detenendo tutti i titoli inclusi nel benchmark. È quotato sulle principali borse europee, con elevati volumi che garantiscono un buon livello di liquidità. Può essere un’ottima soluzione a basso costo per ottenere un’esposizione diversificata ai mercati sviluppati con un unico ETF.

Xtrackers MSCI World UCITS ETF

Xtrackers MSCI World UCITS ETF replica l’indice MSCI World ad un costo contenuto, con un TER dello 0,19%. Usa una replica sintetica, investendo in swap sui titoli dell’indice. È quotato alla borsa di Londra con buoni volumi medi, assicurando un discreto livello di liquidità.

Può essere una valida alternativa più economica agli ETF iShares, per investire sull’indice MSCI World spendendo ancora meno in commissioni annuali. Il meccanismo a replica sintetica può comportare rischi aggiuntivi da valutare, ma consente di ridurre i costi.

Invesco MSCI World UCITS ETF

L’ETF Invesco MSCI World UCITS ETF replica l’indice MSCI World con un patrimonio di 3,3 miliardi di euro e un TER dello 0,19%. Utilizza una replica sintetica, investendo in swap sui titoli dell’indice di riferimento.

È quotato sulle principali borse europee come Milano e Francoforte con buoni volumi che assicurano un buon livello di liquidità. Può essere una valida alternativa agli ETF iShares e Vanguard sull’indice MSCI World, con costi leggermente inferiori.

Top 3 ETF FTSE All World

Vanguard FTSE All-World UCITS ETF (USD) Accumulating

Tra gli ETF che replicano l’indice FTSE All-World, il Vanguard FTSE All-World UCITS ETF (USD) Accumulating permette di esporsi al benchmark in dollari USA anziché in euro.

Questo ETF accumulante ha un patrimonio di 6,6 miliardi di dollari e un TER del 0,22%. Utilizza una replica fisica, detenendo tutte le azioni dell’indice. È quotato sulle principali borse europee con elevati volumi che garantiscono un’ottima liquidità.

Vanguard FTSE All-World UCITS ETF Distributing

Il Vanguard FTSE All-World UCITS ETF è disponibile anche in versione a distribuzione, con ticker VWRL. Si tratta dello stesso ETF che replica l’indice FTSE All-World ad un costo dello 0,22%, ma che distribuisce semestralmente i dividendi anziché reinvestirli.

Con un patrimonio di 9,5 miliardi di euro, il Vanguard FTSE All-World UCITS ETF Distributing utilizza una replica fisica ed è quotato con ottima liquidità sulle principali borse europee.

Questa versione distribuente può essere adatta per chi preferisce ricevere un flusso periodico di dividendi anziché vederli reinvestiti. Il TER rimane uguale alla versione ad accumulazione. Complessivamente si tratta di un ottimo ETF a basso costo per investire sui mercati globali con distribuzione dei proventi.

Invesco FTSE All-World UCITS ETF Acc

Tra gli ETF che replicano l’indice FTSE All-World, una valida alternativa più economica è l’Invesco FTSE All-World UCITS ETF Acc. Questo ETF ha un patrimonio di 2,3 miliardi di euro e spese correnti ridotte pari allo 0,15%.

Utilizza una replica fisica, detenendo tutte le azioni che compongono il benchmark. È quotato alla borsa di Londra con buoni volumi che garantiscono un buon livello di liquidità.

Migliori broker per investire in ETF Msci World e FTSE All World

Per investire in ETF replica gli indici MSCI World e FTSE All-World è necessario aprire un conto presso un broker online. I migliori consentono di acquistare questi ETF a costi ridotti e con un’ampia scelta di prodotti.

Tra i broker consigliati per investire su questi indici citiamo Scalable, che offre più di 1700 ETF senza commissioni di negoziazione e con un solo costo annuo di custody. Consente di acquistare a costo zero gli ETF iShares e Vanguard su MSCI World e FTSE All-World.

Anche eToro offre oltre 800 ETF commission-free, ma prevede uno spread sugli ETF dello 0,75%.

Infine, Interactive Brokers garantisce l’accesso ad oltre 1300 ETF a partire da 1,25€ di commissione per trade. Grazie all’ampia offerta permette di scegliere tra molti ETF MSCI World e FTSE All-World.

Scalable Capital

Scalable Capital è una piattaforma ideale per investire in ETF Msci World in modo professionale e vantaggioso.

Questo broker offre una gamma completa di ETF azionari globali, inclusi i principali fondi che replicano l’indice Msci World. Un altro punto di forza è la possibilità di acquistare frazioni di ETF, azzerando di fatto la barriera d’ingresso anche per i piccoli investitori.

Azioni ed ETF
Scalable Capital Valutazione

Deposito minimo
1€
Scalable Capital

Mercati: Italia, Europa, USA, Asia

La piattaforma per azioni ed ETF

Zero commissioni

Pac a partire da 1€

Inoltre, Scalable Capital permette di creare portafogli ETF bilanciati e ottimizzati in base al profilo di rischio di ciascun investitore. L’ottimizzazione fiscale è un ulteriore vantaggio, grazie al regime amministrato e alla ritenuta alla fonte applicata sui dividendi.

Il trading avviene con costi di gestione contenuti. Scalable coniuga un’ampia scelta di ETF Msci World e altri indici con servizi evoluti per operare al meglio su questi strumenti.

Rappresenta dunque una soluzione ideale per inserire in modo professionale gli ETF Msci World nel proprio portafoglio di investimenti.

Offre inoltre interessi fino al 2,6% sulla liquidità non investita, rappresentando di fatto una valida alternativa anche ai conti deposito.

Clicca qui per iniziare a investire in ETF con Scalable Capital

Per approfondimenti consulta la nostra recensione su Scalable Capital.

eToro

eToro è una piattaforma di investimento online che permette di negoziare ETF senza pagare commissioni. L’offerta comprende oltre 800 ETF su cui è possibile investire senza costi di negoziazione.

Broker
eToro Valutazione

Deposito minimo
50€
eToro

Mercati: Italia, Europa, USA, Asia

La piattaforma di Social trading più apprezzata

Trading azioni (commissioni disponibili sul sito)

Copy Trading e SmartPortfolios

Il 51% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando opera con questo fornitore di CFD. Dovreste valutare se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.

Gli ETF sono esenti da commissioni ma prevedono uno spread dello 0,75% sul prezzo di acquisto e vendita. Questo spread rappresenta la principale fonte di guadagno di eToro sugli ETF.

Tra gli ETF disponibili sono presenti i principali prodotti che replicano indici come MSCI World, FTSE All-World, S&P 500 ed altri benchmark globali. eToro consente anche di fare trading CFD su ETF senza detenere l’ETF fisico.

Il deposito minimo è di 50€. L’aspetto positivo è l’assenza di commissioni e la possibilità di fare trading online su centinaia di ETF. Lo spread dello 0,75% invece può risultare svantaggioso per investimenti di lungo periodo con piani di accumulo.

Complessivamente eToro può essere una piattaforma valida per il trading speculativo su ETF con importi ridotti.

51% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando opera con questo fornitore di CFD. Dovreste valutare se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.

Per approfondimenti consulta la nostra recensione su eToro.

Interactive Brokers

Interactive Brokers è una piattaforma avanzata per investire in ETF, con la più ampia scelta a disposizione. Offre l’accesso a oltre 1300 ETF negoziabili sulle principali borse mondiali.

Gli ETF su Interactive Brokers prevedono commissioni di negoziazione a partire da 1,25€, con possibilità di riduzioni in base al volume mensile scambiato. Le commissioni ridotte e la vasta scelta di ETF lo rendono adatto per investitori attivi.

Sono presenti tutti i principali ETF che replicano indici globali come MSCI World, FTSE All-World, S&P 500 e molti altri benchmark azionari ed obbligazionari. È possibile anche lo short selling.

Il deposito minimo è di 10.000€ per aprire un conto, più alto rispetto ad altri broker. Questo e la complessità della piattaforma la rendono più indicata per investitori esperti rispetto ai principianti. Interactive Brokers è ideale per chi cerca la massima scelta in ETF ed efficienza nei costi di negoziazione.

Per approfondimenti consulta la nostra recensione su Interactive Brokers.

MSCI vs FTSE: le domande frequenti (FAQ)

Qual è la differenza principale tra MSCI e FTSE?

La differenza principale risiede nella classificazione dei mercati: per esempio, MSCI classifica la Corea del Sud come mercato emergente, mentre FTSE la considera un mercato sviluppato.

Quali sono gli ETF più popolari basati su MSCI e FTSE?

Gli ETF più popolari basati su MSCI includono l’MSCI World ETF e l’MSCI Emerging Markets ETF. Per FTSE, si distinguono il FTSE All-World ETF e il FTSE Developed World ETF.

Cosa devo considerare quando scelgo tra ETF MSCI e FTSE?

È importante considerare gli obiettivi di investimento, la tolleranza al rischio, i costi degli ETF e la diversificazione del portafoglio quando si sceglie tra ETF MSCI e FTSE.

Conclusioni

Abbiamo visto in questa guida le principali differenze e caratteristiche tra i due indici MSCI e FTSE.

La scelta tra MSCI e FTSE dipende dal livello di esposizione desiderato ai mercati emergenti e dalla capitalizzazione delle società incluse. Entrambi offrono un’ampia diversificazione, con costi simili per gli ETF collegati.

Analizzando nel dettaglio le composizioni e le strategie d’investimento, si può optare per l’indice più in linea con i propri obiettivi.

Gli ETF correlati offrono inoltre opportunità uniche di investire in questo indice, permettendo una diversificazione ancora maggiore. In questo senso una delle migliori piattaforme per investire su questo indice è XTB, un broker regolamentato che permette anche di fare Piani di accumulo (PAC) su oltre 1500 ETF a costi praticamente irrisori.

Oppure qui sotto trovate altre alternative valide che vi consentono di fare trading con gli ETF.

Per iniziare è fondamentale partire a fare pratica con le demo. Vi lasciamo con i link ufficiali che sono mediati dal server di WebEconomia in modo da garantire l’accesso sicuro:

Sono le migliori piattaforme con conti demo illimitati e sopratutto gratuiti per sempre.

Digital marketing specialist | Blockchain enthusiast | Mi occupo di temi legati alla finanza personale, investimenti e trading sulle criptovalute.