Robot criptovalute: funzionano davvero?

Cosa sono i robot di criptovalute? I robot di criptovalute funzionano davvero? Quali sono le migliori piattaforme di robot di criptovalute?

Le criptovalute sono un asset digitale che sta interessando un gran numero di persone. Da quando il Bitcoin ha sfiorato i 20mila dollari di valore a metà dicembre 2017. Trascinando con sé il valore di altre criptovalute, seppur a debita distanza.

Ciò ha portato molti media mainstream a parlare di criptovalute, spiegando anche ai meno avvezzi di trading online di cosa si trattasse. Molti però hanno recepito quelle informazioni con i propri filtri sprovveduti, finendo per credere che investire nelle criptovalute fosse un gioco da ragazzi.

Spinti anche dai device mobili che, tramite le app, fanno credere che il trading online fosse un gioco alla portata di tutti. Soprattutto in alcuni paesi asiatici come Corea del sud o Giappone, o negli Stati Uniti.

Ciò ha costretto alcuni governi ad intervenire seriamente, come la Corea del sud. O l’Unione europea di farlo tramite il suo organismo di controllo sui mercati finanziari: l’ESMA, con l’emanazione del MiFID II.

Una direttiva che ha imposto per esempio il divieto delle opzioni binarie o il limite della Leva finanziaria a massimo 1:2 sulle criptovalute.

Purtroppo, il crescente interesse vero le criptovalute, ha anche portato alla proliferazione di truffe. Da parte di chi promette facili guadagni milionari con magici sistemi automatici.

In realtà, le piattaforme per il trading automatico di criptovalute – chiamate anche trading bot – esistono e funzionano. Ma sono tutt’altra cosa rispetto alle truffe.

Dunque, vediamo di cosa si tratta e come funzionano i robot di criptovalute.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo delle criptovalute. Ad esempio ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Robot di criptovalute cos’è

Robot di criptovalute è il gergo che si utilizza per indicare le piattaforme di trading online automatico di criptovalute. Ossia, quelle piattaforme che lavorano al posto dell’utente. Al quale viene solo richiesto di caricare un importo sul sistema e attendere che esso agisca per conto suo, facendolo guadagnare.

Ci sono molte piattaforme sul web che promettono di far ottenere grandi guadagni senza che il trader abbia alcuna conoscenza di trading online. Né tanto meno sulle criptovalute.

Avendo peraltro una percentuale di riuscita del 100 percento o comunque molto simile. Che si avvicini a questa percentuale, come il 99 o il 97 percento. Cifre date per rendere il loro funzionamento più verosimile e realista.

Robot di criptovalute: come funziona

Un robot di criptovalute afferma di funzionare in modo totalmente automatico, utilizzando un sistema tecnologico all’avanguardia che anticipa cosa farà il mercato.

Si tratta di segnali di trading sofisticati in grado di percepire i movimenti dei prezzi degli asset. In questo caso le criptovalute. Come detto, con una capacità di indovinare la previsione prossima, o addirittura del, cento per cento.

Purtroppo però nessuna piattaforma di trading online spiega nel dettaglio come funzionano. Dicendo solo che sono un sistema esclusivo per pochi fortunati e che bisogna affrettarsi per iscriversi al sistema. In quanto a numero chiuso

Robot di criptovalute truffa?

I robot di criptovalute sono truffe? Buona parte di essi probabilmente sì, in quanto nessuno ha ancora creato un sistema che anticipi l’andamento del mercato. Forse perché è impossibile saperlo. Men che meno di un asset con una volatilità alta come le criptovalute. Che non conosce logiche e si muove in modo imprevedibile.

Ci sono robot di criptovalute che hanno incassato una lunga serie di recensioni ed opinioni negative, perché poi, alla prova dei fatti, non hanno mantenuto quanto promesso.

Ecco alcune piattaforme ormai note per questo:

Come si evince da questa lista, nel nome portano sempre riferimenti al Bitcoin o alle Crypto. Proprio per attirare l’attenzione su di sé.

Ci sono poi piattaforme di trading automatico che invece funzionano, ma non chiedono di certo solo di caricare il conto e premere un bottone.

Invece, chiedono all’utente di inserire alcuni parametri che poi il sistema dovrà eseguire. In alcuni casi anche facendosi coadiuvare da un tecnico che ci aiuti.

Come individuare le piattaforme di trading automatico truffa? Ci sono caratteristiche comuni a tutte. Ossia queste:

  • Non hanno una licenza per operare
  • Hanno la propria sede in Paradisi fiscali o Stati non normati da organismi di vigilanza
  • Fanno marketing aggressivo, telefonando spesso, per invogliare a caricare altro denaro
  • Pubblicano finte pubblicità, che ritraggono Vip che ne parlano entusiasti. A loro insaputa, a grossi Network
  • Asseriscono che il sistema sia esclusivo, per pochi eletti e a numero chiuso. Spingendo quindi ad iscriversi in fretta
  • Affermano di basarsi su algoritmi sofisticati, in grado di prevedere il mercato. Senza però spiegare nel dettaglio come funzionano

Trading automatico con Plus500

Plus500 (clicca qui per il sito ufficiale) è un Broker che vanta sia licenza CySEC che FCA. L’organismo di vigilanza sui mercati finanziari della Gran Bretagna, in quanto la società che la gestisce è quotata sulla prestigiosa London Stock Exchange.

Vediamo di seguito come funziona il trading automatico su Plus500. Ossia gli strumenti che mette a disposizione dei trader:

a) Stop Loss

Questa funzione consente di impostare il livello di prezzo sul quale vogliamo che il trading al ribasso si fermi, per evitare che vada oltre, finendo per incassare una perdita.

b) Stop Limit su Plus500

Più noto come Take profit, ha la stessa funzione del precedente solo che quando il trading è al rialzo. Quindi il trading si ferma quando raggiungerà quel valore per evitare che il prezzo inizi a scendere e così incasseremo una perdita.

c) Stop Operativo

Con questo strumento, una posizione a cui è già stato applicato un ordine Stop Loss, viene aggiornata in automatico nel caso in cui il mercato si muova in modo favorevole.

d) Ordine di acquisto ad un determinato tasso

Questa funzione consente di ordinare al Broker di aprire una posizione di acquisto (rialzo) o vendita (ribasso) solo quando la quotazione raggiunge un determinato livello.

Per aprire un conto gratis su Plus500 ed iniziare con le criptovalute clicca qui.

Altri robot di criptovalute

Il trading automatico non è sempre una truffa. Ci sono piattaforme che funzionano, ma richiedono comunque che l’utente sia parte attiva nelle decisioni. E non si affidi solo alla sorte.

Qualche esempio sono le seguenti piattaforme:

1. CWE

Crypto World Evolution è ad oggi ancora considerata tra le migliori sul mercato, permette di impostare il limite di trading, mantenendolo attivo fino a quando non raggiunge l’1% o più.

Quindi, continuerà ad aprire gli scambi per gli asset fino a quando non deciderai di interromperli.

Funziona tramite inizialmente tramite Bitcoin, permettendo in seguito di scegliere fino a 15 altcoin.

2. CryptoTrader

Funziona esclusivamente su cloud, utilizzabile H24, ed offre strategie sia gratis che a pagamento.

Prevede un account Free ed uno Premier ed è collegato con Exchange importanti come Poloniex, Bittrex e Kraken.

Non è però molto consigliato per i trader poco avvezzi di criptovalute.

3. Zenbot

Se da un lato questa piattaforma presuppone alcune conoscenze di codifica, dall’alto esegue un trading ad alta frequenza.

E’ utulizzabile sui principali sistemi operativi in circolazione ed è completamente Open source.

4. Gekko

Gekko è un’altra piattaforma open source. Dà la possibilità di elaborare proprie strategie per poi codificarle.

Estremamente user-friedly, è collegato a ben 18 Exchange di criptovalute. E’ stato progettato e ideato da Mike van Rossum, molto noto nel campo delle criptovalute.

5. Cryptohopper

Nato da poco, anche esso funziona in cloud. Offre ampie analisi tecniche, back testing nonché di usufruire di modelli pre-impostati.

Non è open source, offre tre account diversi ed è collegato a molti Exchange famosi. Offre la possibilità di impostare stop loss e scambi multipli.

6. Gunbot

Offre oltre 30 strategie di trading e non impone la sottoscrizione di abbonamenti.

Vanta oltre 6mila trader iscritti ma non risulta proprio dall’interfaccia semplice.

Anzi, molti si lamentano che spesso si blocchi, facendo perdere delle occasioni di trading.

7. TRADEWAVE

Tradewave usa il sistema Python, per scrivere il codice bot di trading direttamente nel browser. Vanta anche una community amplia ed attiva.

Prevede la possibilità di copiare gli utenti esperti.

C’è chi si lamenta dell’assistenza clienti non sempre risolutiva.

8. HAASBOT

Piattaforma estremamente personalizzabile ed offre molti indicatori tecnici. Ma necessita anche di una infarinatura di programmazione.

Non male comunque l’assistenza tecnica messa a disposizione degli iscritti.

9. Leonardo

Leonardo funziona in collegamento coi principali Exchange, ma in aggiunta anche OKCoin e OKCoin CNY.

Il servizio è fornito in bundle.

10. 3commas

3Commas offre stop loss e take profit, funziona online collegato a 13 Exchange. Tra cui i principali.

In particolare, collabora con l’Exchange Huboi, offrendo i propri servizi in modo gratuito se si è iscritti ad esso.

Come si evince da questa lista, non stiamo parlando di piattaforme per il trading automatico che fanno tutto da sé, chiedendo all’utente solo di caricare fondi. Chiedono la sua partecipazione attiva e, in alcuni casi, anche qualche conoscenza del linguaggio di programmazione.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.