Investire in materie prime: come iniziare

Investire in materie prime rappresenta un’attività finanziaria che viene considerata spesso come alternativa al tradizionale investimento in azioni o in valute.

Quello delle materie prime (commodities) è un mercato molto dinamico regolato dalla legge della domanda e offerta. Questo determina, come in ogni mercato, il prezzo finale di una materia prima.

In questa guida cercheremo di capire come investire nelle materie prime evitando gli errori più comuni. Per iniziare ad investire abbiamo bisogno, come prima cosa, di utilizzare una delle migliori piattaforme per investire sulle materie prime. Sul nostro sito presentiamo sempre siti di trading che sono regolamentati e che offrono strumenti facili da utilizzare ed adatti ad un pubblico molto ampio.

Ad esempio ci sono strumenti come il Copy Trading di eToro che possono risultare molto utili, e che permettono in pochi passi di copiare le operazioni di altri traders. E si tratta di investitori che in passato hanno ottenuto rendimenti elevati.

Per iscriverti su eToro vai qui.

Le possibilità per negoziare sulle commodities sono tante, cercheremo quindi in questa guida di vedere quali sono le modalità più diffuse e presenteremo anche le materie prime principali che vengono scambiate ogni giorno sui mercati.

Cosa sono le materie prime?

Prima di vedere quali sono le piattaforme di investimento da utilizzare cerchiamo di capire effettivamente cosa sono le materie prime e perché possono essere usato a scopo di investimento.

Col termine materia prima (commodity) si intendono dei beni o materiali allo stato grezzo che vengono utilizzati per produrre altri beni. Pensiamo ad esempio all’oro che viene utilizzato per la produzione di prodotti e gioielli o al petrolio usato per la benzina.

Le materie prime tradizionali sono quelle che conosciamo tutti: i metalli preziosi come l’oro, argento, rame fino al petrolio, gas, zucchero, cotone e così via. Tutti questi materiali vengono impiegati in processi produttivi che portano alla produzione dei beni di consumo che utilizziamo tutti giorni.

Col termine commodities si fa riferimento, inoltre, ad un altro significato che è quello relativo agli investimenti e si parla in questo caso di commodities trading.

Investire in materie prime

Molti investitori operano sopratutto sui metalli come l’oro che ha un grande valore intrinseco oltre al petrolio che viene scambiato sopratutto tramite futures e derivati.

Negli ultimi anni le commodities sono ritornate nel radar degli investitori a causa della crisi globale che ha colpito il settore energetico. Molti capitali si stanno spostando anche su beni come l’oro, considerato il bene rifugio per eccellenza.

In generale le materie prime sono considerate un ottimo asset da investimento in quanto consentono all’investitore di diversificare il proprio portafoglio , proteggono dall’inflazione e sono considerate un rifugio in caso di situazione ribassista prolungata del mercato.

Un portafoglio ben bilanciato oggi non può non contenere al suo interno una percentuale divisa tra azioni, obbligazioni e appunto materie prime.

Prima di continuare con questa guida riepiloghiamo le caratteristiche generali degli investimenti in materie prime:

👍 Cosa significa investimento in materie prime?Si tratta di una attività finanziaria che consente di operare sull’andamento dei prezzi delle principali materie prime.
✅ CaratteristicheDiversificazione / Stagionalità / Protezione dall’inflazione
💰Principali commoditiesOro / Petrolio / Gas / Argento
⏱ Orizzonte temporaleMedio – Lungo periodo
✅ Modalità di investimentoCFD / ETF / ETC
🥇Migliori piattaforme per investire in materie primeeToro / Capital.com

Investire in materie prime: gli strumenti finanziari

Come detto in precedenza, per investire in materie prime abbiamo a disposizione vari strumenti come:

  • gli ETF (Exchange Traded Funds)
  • i contratti derivati CFD
  • gli ETC (Exchange Traded Commodities)
  • i fondi di investimento
  • l’acquisto di azioni di aziende legate alle commodities
  • la compravendita fisica di materie prime

Cerchiamo di approfondire i più importanti.

ETF sulle commodities

Gli Exchange Traded Funds (ETF) sono dei fondi a gestione passiva che replicano l’andamento di un indice o paniere di commodities.

Nel caso delle commodities è più corretto parlare di ETC (Exchange Traded Commodities) che consentono di esporsi ad un mercato specifico attraverso la replica di un indice che sintetizza il prezzo delle commodities. Sono infatti legati a più materie prime e consentono quindi di diversificare il rischio.

Gli investitori più prudenti possono scegliere di affidarsi alla gestione passiva di un ETF diversificando i propri investimenti per cercare di ridurre i rischi legati al mercato. Esempi classici di ETF molto utilizzati sulle materie prime sono gli ETF sul petrolio come ad esempio il WisdomTree Wti Crude Oil ETF o il Lyxor STOXX Europe 600 Oil & Gas UCITS ETF.

Oppure pensiamo agli ETC sull’oro, col nome ETC che deriva dall’acronimo Exchange Traded Commodities, ed è uno strumento finanziario derivato cartolarizzato che replica passivamente le performance del gold.

Trading con i CFD

Un’altra modalità che può essere utilizzata e che è molto utilizzata è offerta dal trading con i contratti derivati CFD.

Questi strumenti sono offerti oggi da broker online specializzati in materie prime ma anche dalle banche in quanto presentano dei costi molto bassi una flessibilità estrema.

Con i contratti derivati è infatti possibile operare sia al rialzo che al ribasso, dunque in qualunque situazione di mercato. E’ quindi molto importante in situazioni di bear market prolungato.

Per fare trading con le materie prime occorre avere ottime conoscenze sul mercato che si va ad affrontare in quanto ci sono dei rischi, come per tutti gli strumenti finanziari. Nel mercato delle commodities abbiamo in generale una volatilità elevata, che si traduce però anche in opportunità di investimento nel breve periodo.

Vediamo un esempio concreto di trading CFD ad sempio sull’oro con uno dei broker specializzati come eToro.

1. Come prima cosa registriamoci creando un account gratuito su eToro (trovi il link ufficiale da qui).” pos=”parBroker”.

2. Inseriamo i nostri dati e confermiamo la mail di iscrizione che ci arriva nella nostra casella di posta elettronica.

3. Facciamo il login alla piattaforma e vedremo una schermata simile:

eToro Lista Preferiti

4. Facciamo il primo deposito (bastano 50 € per aprire un conto reale) oppure operiamo col conto demo per fare pratica

eToro Deposita fondi

4. Selezioniamo dall’elenco degli asset negoziabili l’oro (GOLD) e clicchiamo su Investi

eToro - Scheda Gold

5. Inseriamo l’importo da investire e clicchiamo su Imposta Ordine

eToro Gold- Ordine

6. Fatta questa operazione avremo inserito un ordine di acquisto sulla piattaforma di eToro che vedremo nella nostra dashboard:

facciamo attenzione ad impostare gli stop loss e alla leva finanziaria che va usata con cautela. Può moltiplicare i profitti in breve tempo ma anche le perdite.

E per iniziare bastano 50 Euro per aprire un conto reale su questa piattaforma:

Fondi di investimento

I fondi comuni di investimento sono una alternativa tradizionale agli investimenti speculativi. Generalmente col termine fondi di investimento si fa riferimento sia ai fondi a gestione attiva che passiva.

I fondi a gestione passiva sono gestiti in automatico e non dobbiamo fare nulla. Quelli a gestione attiva invece subiscono periodiche operazioni di ribilanciamento e dunque hanno dei costi superiori.

Sono comunque dei fondi che investono i soldi a seconda del nostro profilo di rischio e spesso sono usati anche con le commodities.

Tuttavia si tratta generalmente di investimenti dedicati a grossi investitori a causa delle commissioni elevate. I piccoli investitori, oggi, preferiscono usare strumenti come CFD ed ETF che danno maggiore flessibilità e costano meno.

Compravendita fisica di materie prime

Per completezza nominiamo l’ultima modalità di investimento che è quella della compravendita di beni fisici. Ad esempio ci sono piattaforme come BullionVault, di cui abbiamo parlato tempo fa, che consentono l’acquisto di oro fisico quindi monete e lingotti.

Questi servizi hanno però dei costi elevatissimi a causa del trasporto o la custodia in caveau e quindi sono sempre meno utilizzati dagli investitori.

Migliori piattaforme per investire in materie prime

Abbiamo visto quali sono gli strumenti finanziari più utilizzati per operare con le materie prime.

Per iniziare ad investire abbiamo bisogno di una piattaforma di investimento.

Ma quali caratteristiche deve avere? Come prima cosa deve essere regolamentata e cioè avere una licenza per operare in Italia, ma non basta. Una buona piattaforma deve avere un elenco ampio di commodities su cui investire oltre alla possibilità di operare senza commissioni.

I piccoli investitori, infatti, dispongono di capitali bassi e dunque devono poter operare con broker poco costosi ed in grado di offrire le migliori condizioni. In questo senso le piattaforme di trading sulle commodities richiedono depositi iniziali che vanno da 20 Euro fino ad un massimo di 250 euro per poter iniziare.

Vediamo allora alcune delle migliori piattaforme per materie prime disponibili oggi:

BROKER
CARATTERISTICHE
VANTAGGI
ISCRIZIONE
Broker consigliato
Valutazione
commissioni basse
Copy trading e conto demo
Copy Portfolio

68% di utenti perdono denaro con questo provider facendo trading di CFD.

Valutazione
CFD su azioni
Conto demo gratis
Servizi di intelligenza artificiale
DeGiro
Migliore per ETFCommissioni ZeroISCRIVITI
Valutazione
Deposito minimoConti Zero spread!
Valutazione
Servizio CFD su azioni e indici
Strumenti avanzati
Conto demo illimitato
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

eToro

Il broker eToro mette a disposizione al momento della scrittura 31 tipi diversi di materie prime. Di ciascuna ne riporta prezzo attuale e andamento grafico. Oltre al relativo sentiment di mercato.

Molti investitori usano questa piattaforma anche per poter copiare i trader che hanno ottenuto risultati in passato attraverso una funzione che si chiama Copy Trading. E’ possibile quindi iniziare subito e contemporaneamente imparare da chi sta ottenendo risultati.

eToro, inoltre, mette a disposizione 100mila euro virtuali di conto demo per fare pratica, mentre il deposito minimo è di 50 euro.

Investi ora sulle materie prime con eToro

XTB

XTB è un Broker estremamente user-friendly che offre la possibilità di negoziare su varie materie prime.

XTB mette a disposizione una Calcolatrice del trading avanzata, delle statistiche di performance in realtime, Trade dai grafici, ma anche la possibilità di chiudere contemporaneamente gruppi di ordini.

Tutti gli incontri dedicati alla formazione sono gratuiti. Parliamo della Trading Academy XTB.

XTB non richiede un deposito minimo, e puoi depositare qualsiasi cifra a cui sei interessato per poter fare trading.

Il conto demo del broker XTB consta di 100mila euro virtuali, sebbene con un limite di tempo di 30 giorni.

Inizia a fare trading sulle materie prime con XTB

Capital.com

Il broker Capital.com permette di operare su moltissimi asset, tra cui le materie prime.

Di fatti, offre grafici con oltre 70 indicatori ed oscillatori di trading. Così da avere anche un controllo incrociato, dato che un indicatore da solo dà una lettura parziale potenzialmente fallibile.

Interessanti sono poi gli avvisi sui prezzi in formato notifiche push. Posiziona il livello di prezzo necessario e ricevi notifiche push istantanee da Capital.com. Possono essere impostate per azioni, materie prime, indici, Forex e coppie di valute criptate.

Puoi iniziare a investire in materie prime con Capital.com cliccando qui.
83.45% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Quotazione delle principali materie prime

Qui sotto potete trovare un elenco con le quotazioni delle principali materie prime, aggiornata in tempo reale:

Quali sono le migliori materie prime su cui investire?

Vediamo ora quali sono le migliori materie prime su cui investire oggi. Come abbiamo visto nella tabella ci sono molte commodities che hanno a che fare col settore energetico, quindi ideali anche nel breve termine.

Investire in materie prime significa cercare di diversificare il proprio capitale di investimento su vari asset. Vediamo le principali e quelle più utilizzate dagli investitori.

Oro

La prima commodity per eccellenza è senza dubbio l’oro, considerata come il bene rigugio più importante.

Il valore dell’oro è in generale stabile anche se sui mercati è soggetto a lievi oscillazioni. Di solito nei momenti di crisi tende a salire leggermente per poi scendere verso i livelli tradizionali. Molti investitori hanno il Gold nel loro portafoglio.

E’ sempre possibile investire in oro attraverso gli strumenti finanziari oppure comprarlo fisicamente e rivendendolo.

Quando si fa trading sull’oro bisogna sempre far riferimento ai suoi legami col dollar index, in genere è sempre legato all’andamento del dollaro americano. Importante poi seguire le notizie di economia, di politica che ne influenzano inevitabilmente il prezzo.

Petrolio

Il petrolio costituisce sicuramente una delle materie prime più importanti per gli investitori. Il prezzo del petrolio è molto volatile ed influenzato dalle notizie economiche mondiali.

Molti investitori oggi possono scambiare e negoziare sui mercati anche in modo speculativo investendo sul petrolio tramite derivati o ETF.

Il volume di scambi elevato rende molto appetibile il trading su questa materia prima.

Per fare trading sul prezzo in genere si fa riferimento a due quotazioni:

  • Petrolio Brent che è quotato sulla Borsa di Londra
  • Petrolio WTI ( West Texas Intermediate) che fa riferimento al greggio USA ed è quotato invece sulla Borsa di New York

Ricordiamoci che le commodities sono molto volatili e quindi anche il petrolio può essere sfruttato nelle situazioni di ribasso di mercato. Qui sotto potete vedere alcuni dati sul WTI:

Gas Naturale

Il gas naturale è un’altra grande commodity di attualità. E’ un combustibile fossile tra i più green e dunque viene scambiato sui mercati finanziari con vari strumenti.

Il prezzo è molto volatile dunque bisogna fare molta attenzione nel negoziare questa materia prima. Investire in gas naturale può risultare quindi rischioso sopratutto se si opera nel breve termine e nel contesto di una crisi energetica come quella vissuta nel 2022.

E’ fra le commodities che può essere utilizzata anche negli ETF per poter diversificare.

Argento

Un altro metallo prezioso negoziabile tramite futures è l’Argento. Si tratta di una materia prima utilizzata molto dai piccoli investitori.

Negli anni questa commodity ha incontrato il favore degli investitori in quanto il suo prezzo è abbastanza volatile e crea numerose opportunità di investimento. E’ un metallo molto apprezzato nell’industria e nell’oggettistica oltre a quella elettronica.

Anche il prezzo dell’argento può subire forti oscillazioni e dunque si presta ad essere negoziato tramite strumenti come Futures e CFD.

La correlazione maggiore dell’argento è col prezzo dell’oro piuttosto che col dollaro.

Investire in materie prime oggi: conviene nel 2022?

Conviene investire in materie prime oggi? Abbiamo visto che questo mercato consente varie modalità di investimento che passano dall’acquisto fisico fino alla negoziazione sui mercati tramite futures, ETF e CFD.

In generale i futures sono scambiati su mercati noti come il New York Mercantile Exchange Chicago Board of Trade ed il London Metal Exchange

Oppure è sempre possibile utilizzare i fondi a gestione sia passiva che attiva. La scelta è molto soggettiva e dipende dal profilo di rischio dell’investitore.

Grazie alle piattaforme dei broker online è sempre possibile negoziare commodities tramite i contratti derivati per acquistare e vendere qualunque tipo di materia prima online e a costi estremamente bassi.

Per capire se conviene investire su questi mercati è opportuno fare attenzione alle notizie economiche e monitorare l’andamento di alcuni parametri fondamentali come l’inflazione o i dati sui prezzi degli energetici in modo da diversificare il più possibile.

Investire in materie prime: le FAQ

Quali sono gli strumenti migliori per investire in materia prime?

Oggi ci sono molte opportunità per investire in materie prime. E’ possibile, infatti, usare vari strumenti come gli ETF, i contratti derivati CFD ed i futures oltre naturalmente all’acquisto fisico. Prima di scegliere lo strumento è bene comprendere la propria strategia di investimento.

Quali sono le principali materie prime su cui investire?

Le materie prime principali sono quelle più scambiate sui mercati in termini di volumi e quindi oro e petrolio. Ci sono però ottime opportunità di investimento offerte da altri metalli come argento e palladio oltre alle soft commodities (zucchero, caffè).

Investire in materie prime conviene?

Non è possibile rispondere a questa domanda in modo assoluto. Le materie prime offrono ottime opportunità di investimento e possono essere utilizzate per diversificare il proprio portafoglio. Fate le vostre analisi per decidere su quali negoziare.

Investire in materie prime - Riepilogo

Conclusioni

Investire in materie prime significa utilizzare strumenti finanziari per operare sulle commodities con un orizzonte temporale medio lungo.

Per poter operare è necessario prima imparare le strategie e le tecniche (alcune le potet trovare in questo corso gratuito) e poi scegliere una piattaforma facile da usare per applicare le conoscenze.

Per operare al meglio è fondamentale rimanere aggiornati con le notizie economiche che molto spesso sono offerte dai broker online stessi. Per partire sono sufficienti capitali bassi e tanta voglia di fare.

Concludiamo questo articolo con un elenco di piattaforme che offrono conti demo per iniziare.

Per iniziare è fondamentale partire a fare pratica con le demo. Vi lasciamo con i link ufficiali che sono mediati dal server di WebEconomia in modo da garantire l’accesso sicuro:

Sono le migliori piattaforme con conti demo illimitati e sopratutto gratuiti per sempre.