Azioni Value: ecco i migliori titoli del 2023

Le azioni value rappresentano una delle strategie d’investimento più efficaci nel lungo termine.

Nel settore degli investimenti in borsa, il concetto di Value Investing emerge come una strategia di rilievo che mira a identificare e investire in azioni sottovalutate. Ne abbiamo parlato varie volte su Webeconomia.

Questo approccio, reso popolare da Warren Buffett, si focalizza sull’acquisto di azioni che sono negoziate per meno del loro valore intrinseco. In altre parole, gli investitori value cercano “occasioni” nel mercato, puntando su azioni che, secondo una valutazione razionale, sono vendute ad un prezzo inferiore al loro valore reale.

In questa guida vedremo nel dettaglio cos’è il value investing, come individuare le migliori azioni value e come costruire un portafoglio vincente sfruttando questa strategia collaudata.

👇 SUGGERIMENTO

Scalable Capital è una delle piattaforme più interessanti per investire sulle azioni value.

Oltre 1700 ETF sono disponibili sulla piattaforma Scalable Capital, coprendo tutte le principali asset class e aree geografiche. Si spazia da ETF azionari sui mercati globali a obbligazionari con diverse tipologie di emittenti e scadenze.

Scalable Capital offre anche molti ETF a commissioni zero, permettendo di contenere i costi di negoziazione.

Clicca qui per iniziare ad investire in azioni con Scalable Capital

Cos’è il value investing e cosa sono le azioni value

Il value investing è una strategia di investimento focalizzata sull’individuazione di titoli azionari sottovalutati, chiamati appunto “azioni value“. L’idea di base è acquistare queste azioni a un prezzo inferiore rispetto al loro intrinseco valore, puntando sul fatto che prima o poi il mercato riconoscerà questo valore facendo salire le quotazioni.

Le azioni value sono quindi titoli di società solide e profittevoli le cui quotazioni sono però basse, spesso per motivi irrazionali o psicologici come un eccesso di pessimismo tra gli investitori. Acquistandole a sconto rispetto ai fondamentali, si ottiene un margine di sicurezza che minimizza i rischi.

Questa strategia fu teorizzata da Benjamin Graham e resa celebre da Warren Buffett, che l’ha applicata con successo per decenni battendo costantemente il mercato.

Il value investing richiede pazienza e competenze specifiche, ma storicamente ha dimostrato di poter generare eccelle

Per approfondimenti puoi consultare la nostra guida sul value investing.

❓ Cosa sonoAzioni “sottovalutate” o vendute ad un prezzo inferiore al loro valore reale.
✅  Chi può fare Value InvestingTutt
🥇 Dove usare il Value InvestingScalable Capital / FP Markets
💰 Capitale per iniziareBasso / No grossi investimenti

Caratteristiche delle Azioni Value

Vediamo quali sono gli aspetti distintivi di questa categoria di titoli azionari.

Azioni Value

Storia e principi del Value Investing

Il value investing nasce dalle teorie di Benjamin Graham, considerato il padre di questo approccio.

L’idea è di acquistare azioni sottovalutate per poi venderle quando il prezzo si riallinea al valore reale. Reso celebre da Warren Buffett, il value investing si basa sull’analisi fondamentale per identificare titoli con potenziale inespresso.

Richiede pazienza, poiché i prezzi possono impiegare del tempo per risalire. Ma storicamente ha generato eccellenti rendimenti.

Analisi Fondamentale: la chiave per identificare le Azioni Value

Per individuare le azioni sottovalutate, l’analisi fondamentale di bilanci, multipli e prospettive aziendali è cruciale.

Consente di stimare il valore intrinseco di un business e confrontarlo con le quotazioni di Borsa. Solo comprendendo a fondo i fondamentali è possibile cogliere eventuali discrepanze tra prezzi e valori.

Indicatori di una Azione Sottovalutata o Value

Per capire se un titolo azionario è effettivamente sottovalutato, è necessario fare attenzione ad alcuni indicatori chiave che possono segnalare un potenziale interesse dal punto di vista del value investing. Ad esempio bassi multipli di Borsa come P/E, P/BV e P/S indicano solitamente una sottovalutazione.

Vediamo i principali:

  • Rapporto prezzo/utili (P/E): un basso multiplo P/E (Price Earning) può segnalare una sottovalutazione, ma va contestualizzato con la crescita attesa. Confrontando il P/E di società simili si possono trovare anomalie.
  • Rapporto prezzo/patrimonio netto (P/BV): se inferiore a 1 può indicare un titolo a sconto. Il patrimonio netto incorpora il valore contabile degli asset.
  • Capitalizzazione contenuta: società sotto il miliardo di capitalizzazione hanno maggiore potenziale di crescita inespresso.
  • Solidità patrimoniale: un’azienda finanziariamente solida, con basso indebitamento e attività superiori alle passività, ha i numeri dalla sua parte.
  • Utili e dividendi costanti nel tempo: la capacità di generare profitti e remunerare gli azionisti in modo regolare è un buon segno.
  • Posizione competitiva forte ma prezzo stagnate: se l’azienda è leader di settore ma il titolo non cresce, può essere un affare.
  • Settore maturo e poco “di moda”: comparti tradizionali trascurati dagli investitori possono nascondere perle sottovalutate.

Tuttavia è bene ricordare che questi indicatori da soli non bastano. Vanno analizzati in profondità con spirito critico nel contesto aziendale.

Non esistono regole facili: serve studio!

Migliori azioni value 2023

Abbiamo visto come individuare le migliori azioni sottovalutate non sia semplice. Bisogna analizzare i bilanci e identificare tutti i parametri necessari per poter definire una azione “value”. Questo richiede tempo.

Abbiamo cercato in questa guida di proporvi alcune delle azioni che potrebbero essere interessanti per il 2023 per costruire un possibile portafoglio value.

Exxon Mobil Corp. (XOM)

Exxon Mobil è uno dei principali colossi petroliferi globali, con alcune caratteristiche che la rendono una potenziale azione value:

  • Settore oil & gas tradizionale ma ancora fondamentale nell’economia attuale. Exxon è un leader consolidato.
  • Multipli bassi: P/E intorno a 9 e dividend yield del 3% circa. Valutazioni contenute per il suo status.
  • Ripresa dei profitti nel 2022 grazie al rincaro del petrolio. Margine di crescita ulteriore se i prezzi restano alti.
  • Transizione energetica graduale. Gli idrocarburi serviranno ancora per decenni. Exxon si sta attrezzando anche per un futuro low-carbon.
  • Interessante come azione difensiva e a basso Beta per bilanciare rischi durante periodi di alta volatilità sui mercati.
  • Opportunità speculativa per chi scommette su un ciclo positivo di lungo termine per petrolio e gas naturale.

Exxon sembra un classico titolo value da analizzare per chi cerca stabilità e dividendi ma vede potenziale nel settore oil.

Berkshire Hathaway (BRK)

Berkshire Hathaway è una holding guidata da Warren Buffett che investe in aziende sottovalutate. Ecco perché il suo titolo può essere interessante per i value investor:

  • Warren Buffett è il più celebre investitore value della storia. BRK applica alla lettera questa strategia con enormi profitti.
  • Acquisisce partecipazioni di controllo in società solide ma temporaneamente in difficoltà. Le rilancia al massimo potenziale.
  • Ottima diversificazione. BRK ha investimenti in svariati settori: assicurazioni, ferrovie, energia, finanza. Equilibrio ideale.
  • Multipli contenuti nonostante la crescita storica eccezionale. Capitalizzazione over 500 miliardi di $.
  • Non effettua mai split azionari per disincentivare speculazione di breve termine. Approccio long term.
  • Le azioni BRK sono prototipi perfette del value investing. Espongono al metodo di Buffett in modo diretto.

Acquistare titoli Berkshire significa affidarsi alla leggenda del value investing ed alla sua comprovata strategia.

NVIDIA Corp (NVDA)

NVIDIA è una società tecnologica specializzata in schede grafiche e intelligenza artificiale. Vediamo perché potrebbe essere una valida azione growth:

  • Settore in espansione: semiconduttori, AI, machine learning, metaverso. Ambiti dalla crescita esponenziale.
  • Leadership consolidata nelle GPU avanzate, cuore di applicazioni come gaming, crypto, data science.
  • Acquisizione di ARM per espandersi nell’IoT e guida autonoma. Visione di lungo termine.
  • Multipli elevati che riflettono le enormi aspettative di crescita futuro. P/E di circa 60x.
  • Fatturato e utili in aumento di anno in anno. Marginalità superiore alla media.
  • Non distribuisce dividendi per reinvestire profitti in innovazione e ricerca.
  • Target ambiziosi di raddoppiare entrate e triplicare utile per azione entro il 2025.

NVDA sembra un titolo growth ideale per sfruttare trend forti di lungo periodo nel settore tecnologico.

Ti potrebbe interessare: come investire nelle migliori azioni di Semiconduttori.

Broadcom Inc (AVGO)

Broadcom è una società tecnologica focalizzata su semiconduttori e infrastrutture software. Vediamo perché potrebbe essere una buona azione value:

  • Settore tech consolidato. Broadcom è leader nelle sue aree di business.
  • Multipli contenuti per il settore: P/E intorno a 12x e dividendo yield del 3%.
  • Fatturato ed utili in crescita costante negli ultimi 5 anni. Proiezioni positive.
  • Bilancio solido, cassa netta positiva, debito sotto controllo.
  • Acquisizioni mirate per espandersi in nuovi segmenti promettenti come il cloud.
  • Resistente nei periodi di recessione grazie alla natura necessaria dei suoi prodotti.
  • Esposta ai trend secolari della digitalizzazione e automazione industriale.

AVGO sembra un classico titolo value tech da acquistare a valutazioni interessanti per una crescita costante.

Procter & Gamble Co (PG)

Procter & Gamble è una delle più grandi aziende di beni di largo consumo al mondo. Analizziamo perché può essere una solida azione value:

  • Settore difensivo e resiliente alle crisi. Domanda stabile per beni essenziali.
  • Portafoglio di marchi fortissimi come Gillette, Pampers, Tide. Brand awareness elevata.
  • Economie di scala. PG può minimizzare costi grazie ad enormi volumi produttivi.
  • Distribuzione capillare a livello globale. Accesso garantito ai mercati.
  • Multipli contenuti. P/E sotto 20 e dividendo yield del 2,5% costante da anni.
  • Cassa netta positiva. PG genera flussi di cassa affidabili.
  • Utile ed utili per azione in crescita costante da decenni.

PG è l’esempio perfetto di azione difensiva e anti-ciclica da inserire in ottica value.

Dove comprare le migliori Azioni Value?

Per investire in azioni sottovalutate è cruciale scegliere un broker autorizzato che permetta di analizzare a fondo i titoli e operare con costi contenuti.

I migliori broker offrono piattaforme complete con strumenti utili come screening finanziari, report sugli utili trimestrali, notizie di mercato in tempo reale. Consentono di valutare agevolmente gli indicatori fondamentali alla base delle strategie value.

Commissioni ridotte e spread minori sono poi essenziali per non erodere i rendimenti potenziali. L’ideale è prediligere broker regolamentati che permettano di negoziare anche frazioni di azioni reali, così da investire piccole somme sui titoli desiderati.

Ecco alcuni dei migliori:

BROKER
CARATTERISTICHE
VANTAGGI
ISCRIZIONE
Broker consigliato
commissioni basse
Copy trading e conto demo
Smart Portfolio

76% di utenti perdono denaro con questo provider facendo trading di CFD.

Valutazione
Corso trading gratis Social trading
Forex, azioni, criptovaluteSocial trading
Demo gratuitaCommissioni basse su Azioni
Deposito minimoConti Zero spread!
Servizio CFD su azioni e indici
Strumenti avanzati
Conto demo illimitato
broker premiato
demo gratuita
Migliori spread del mercato
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Qual è la differenza tra azioni Value e Growth?

Le azioni si possono classificare in due categorie principali: value e growth. Analizziamo le differenze.

Le azioni value sono emesse da società consolidate, spesso maturate, che operano in business tradizionali. Hanno multipli di Borsa contenuti, utili e ricavi relativamente stabili nel tempo e solitamente distribuiscono dividendi agli azionisti. Il loro potenziale sta nell’essere sottovalutate: acquistandole a sconto si punta sul fatto che il prezzo risalirà.

Le azioni growth invece appartengono a società giovani e dinamiche, in fase di rapida espansione. Hanno valutazioni elevate, non distribuiscono dividendi e sono focalizzate sull’aumento di fatturato e quote di mercato. Il loro potenziale sta nella crescita esponenziale prevista.

Le value puntano sulla stabilità e su multipli contenuti. Le growth scommettono su aumenti di capitale grazie all’espansione del business.

Non esiste una categoria migliore in assoluto: dipende da obiettivi e propensione al rischio dell’investitore.

Azioni Value: le domande frequenti (FAQ)

Cosa significa esattamente il termine “azioni value”?

Le azioni value si riferiscono a titoli che sono valutati al di sotto del loro valore intrinseco sul mercato.
Gli investitori utilizzano l’analisi fondamentale per identificare queste azioni, con l’obiettivo di investire in aziende solide a prezzi scontati in attesa di un rialzo futuro delle quotazioni.

Come si identificano le azioni value?

L’identificazione delle azioni value avviene attraverso un’analisi fondamentale dettagliata, che include la valutazione di vari parametri come il rapporto prezzo/utili, il valore contabile, la crescita degli utili, il flusso di cassa e altri indicatori finanziari.
Gli investitori cercano aziende con solidi fondamentali che sono temporaneamente sottovalutate dal mercato.

Il Value Investing è adatto a tutti gli investitori?

Il Value Investing richiede una buona comprensione dei fondamentali aziendali e una pazienza considerevole, dato che può richiedere tempo affinché il mercato riconosca il vero valore delle azioni sottovalutate.
È più adatto per investitori a lungo termine con una tolleranza al rischio moderata e una visione di investimento ben informata.

Azioni Value: riepilogo

Conclusioni

Il value investing richiede studio e dedizione, ma può portare a rendimenti eccellenti nel lungo termine.

Individuare i titoli value (sottovalutati) e costruire un portafoglio ben bilanciato è la chiave per ottenere stabili guadagni.

L’investimento in azioni sottovalutate non è solo una strategia per realizzare profitti, ma è anche una manifestazione di fiducia nel valore intrinseco e nella resilienza di un’azienda.

Mentre il mercato continua a evolversi, il core del Value Investing rimane immutato. Con le risorse giuste e una metodologia ben definita, gli investitori possono navigare nel mondo delle azioni value, scoprendo opportunità che altri potrebbero trascurare.

Qui sotto vi segnaliamo alcune piattaforme regolamentate che permettono di fare trading sulle azioni.

Per iniziare è fondamentale partire a fare pratica con le demo. Vi lasciamo con i link ufficiali che sono mediati dal server di WebEconomia in modo da garantire l’accesso sicuro:

Sono le migliori piattaforme con conti demo illimitati e sopratutto gratuiti per sempre.

Esperto di mercati finanziari e trading online Laureato in Economia, mi occupo di mercati dal 2014 e scrivo guide per il sito Webeconomia.it