Value Investing: cos’è e come funziona [2021]

Hai sentito parlare del value investing e vorresti saperne di più? In questa sede ti offriamo una guida completa sul value investing, Uno strumento molto interessante che può sicuramente aiutarti nella tua attività di trader.

Spesso, infatti, nel trading online circolano termini in lingua anglosassone, dietro i quali però poi alla fine si scopre che la comprensione è semplice e magari già ne eri a conoscenza.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading online è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker OBRinvest. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie attività di trading on line ed essere più profittevoli.

Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Vediamo dunque cos’è il value investing, come si applica e le alternative.

Value investing significato

Value investing: significato

Cosa significa il termine value investing? Sebbene la traduzione alla lettera dall’inglese significhi investimento di valore, in realtà trae un po’ in inganno giacché nel trading online deve essere inteso come la possibilità di scoprire il valore delle azioni quotate in borsa.

Un modo per comprendere se davvero le azioni collegate ad una società quotata in borsa siano davvero qualcosa su cui conviene investire o meno. Quindi, un buon investimento proficuo.

Value investing: le domande frequenti

Cerchiamo come prima cosa di rispondere alle domande comuni:

Cosa significa value investing?

Si tratta di una tecnica che consente di valutare qual è il valore effettivo delle azioni e investire di conseguenza.

Conviene imparare il value investing?

E’ sicuramente una tecnica che fa parte del bagaglio di competenze tecniche che un investitore deve sviluppare. Per ottenere più informazioni si possono studiare i corsi gratuiti come quelli offerti dal broker OBRinvest.

Funziona ancora la tecnica del value investing?

Fa parte delle tecniche base, ovviamente va studiata perché i mercati stanno cambiando molto velocemente.

Cos’è il Value Investing?

Agganciandoci al discorso fatto nel paragrafo precedente, diciamo che il Value Investing nasce dall’esigenza di dover valutare le società quotate in borsa sulla base di due aspetti:

  • valore tangibile
  • utili presenti

Cosa vuol dire questo? Che il trader che effettua una analisi tecnica del mercato, dà meno peso al trend attuale dell’asset, nonché alle probabili previsioni del suo andamento futuro. Infatti, questi due aspetti sono invece presi in considerazione da un’altra strategia di valutazione delle azioni quotate in borsa: il Growth Investing.

E perché il Value Investing li esclude? Poiché esso si poggia sull’assunto che investire in azioni sia un business. Pertanto vanno acquistate quando il loro valore è calato, attendendo che salgano di prezzo per poi rivenderle. Traendo così una plusvanenza.

Il Value Investing cerca anche di proteggere il trader da ciò che è il sentiment del mercato. Il modus operandi mosso dall’istinto, ora l’euforia di guadagnare, ora la depressione.

Migliori piattaforme per investire

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Social trading, copy trading
*67% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
Servizio CFDDemoISCRIVITI
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Conto demo gratisServizi di intelligenza artificialeISCRIVITI
Bonus 25€Conti Zero spread!ISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Value investing come funziona

Come funziona il value investing? Sul fatto che il trader che decide di agire secondo questa strategia, si muove semplicemente su un assunto: vai long quando i titoli azionari sono scesi di prezzo e va i short quando il loro prezzo è in rialzo.

Ecco che il trader che persegue il value investing cerca di prescindere dall’irrazionalità del mercato. Pertanto, non si farà coinvolgere quando il mercato sarà entrato in panic selling e quindi tutti vendono. Perché per lui è il momento di comprare.

Viceversa, quando il mercato è preso dall’euforia e la maggioranza è protesta al Buy, ecco che il trader che segue il value investing deciderà di vendere. Proprio perché troverà facilmente trader interessati ed un mercato benevolo.

Del resto, un Guru come Warren Buffet ha fatto della strategia Contrarian la sua arma vincente per decenni.

Come valutare le azioni

Benjamin Graham, che ha ideato il value investing, ha creato una vera e propria formula matematica al fine di calcolare minuziosamente il valore di un’azione:

(22,5 * Utile * Valore Contabile)

In pratica, nel caso in cui il prezzo di un’azione sia inferiore numero di Graham, allora vuol dire che il titolo azionario è sottovalutato ed è meglio acquistarlo.

La formula matematica non spaventi, soprattutto i trader che a scuola in matematica erano una schiappa (come la maggioranza degli italiani, tra l’altro, quindi sono in buona compagnia).

Si tratta di una formula semplice e i dati da inserire sono anche di facile reperibilità visto che le società sono per la legge sulla trasparenza, costretti a renderli pubblici.

Libri per imparare il value investing

Bé si può rispondere a questa domanda facilmente, dato che si deve direttamente rispondere con il libro del suo autore: L’Investitore Intelligente di Benjamin Graham, del 1949 ed ancora molto attuale. Tanto che spesso viene citato pure quando si consigliano i libri sul trading online per imparare.

La sua bontà ha sfidato i decenni, i grandi cambiamenti economici epocali, le pesanti recessioni e le periodiche crisi cicliche. Eppure, viene ancora aggiornato periodicamente.

Certo, i trader alle prime armi potrebbero trovare qualche difficoltà, perché non mancano nozionismi. Inoltre, le strategie di trading si imparano in un secondo momento, solo quando si ha già una certa dimestichezza col trading online.

Per esempio, può essere utile per un trader in erba il corso gratuito di OBRinvest o il servizio di copy trading di eToro. Vediamo in cosa consiste.

Corso gratuito: OBRinvest

Il Broker OBRinvest offre una sezione dedicata alla formazione dei trader molto ampia e dettagliata. Il tutto, incluso nell’iscrizione alla piattaforma, che prevede fino a 4 account tra cui scegliere e un deposito minimo di 250 euro.

Questi gli strumenti messi in campo da OBRinvest per avviare i trader al trading online:

  • Conto demo con 100mila euro virtuali
  • Glossario con i principali termini sul trading online
  • Segnali di trading elaborati dalla società autorevole nel settore Trading Central
  • eBook da scaricare gratuitamente
  • Video on demand caricati sulla piattaforma
  • Webinar da seguire da diretta in remoto

Per iniziare a investire con OBRinvest clicca qui.

Alternative per iniziare a investire: copytrading di eToro

Il copy trading eToro offre la possibilità di copiare i trader migliori, chiamati Popular investors, selezionabili in base al loro livello di rischio, percentuale di successo, nickname, avatar, breve descrizione della propria strategia.

Il trading copiato è personalizzabile con stop loss e take profit e la copiatura è sempre interrompibile. Si possono copiare fino a 100 trader.

Potrai così imparare ma contemporaneamente guadagnando già.

Per iniziare a investire con eToro visita questa pagina.

67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Growth Investing: cos’è

Cos’è il growth investing? Si tratta di una strategia d’investimento che si occupa più da vicino dell’apprezzamento del capitale.

Chi persegue questa strategia viene definito growth investors e preferiscono investire in società che mostrano segni di crescita superiori alla media. Pure di fronte a certi aspetti, come un rapporto prezzo-utili o rapporto prezzo/valore contabile degli asset svantaggioso.

In realtà, il succitato Warren Buffett non pone in contrapposizione il growth investing con il value investing, affermando invece che la crescita resti una componente nel calcolo del valore. Diventando una variabile che può essere ora variabile ora significativa, ora avere effetti positivi, ora negativi.

Come Benjamin Graham viene definito il padre putativo del Value investing, così Thomas Rowe Price, Jr. viene individuato come quello del growth investing. Dato che l’ha promosso tramite la sua società: la T. Rowe Price, del 1937. diventata attualmente una vera e propria multinazionale.

Molto importante però nel growth investing è stato il contributo di Philip Arthur Fisher, con il volume “Common Stocks and Uncommon Profits” del 1958.

Value Investing secondo Warren Buffett

Abbiamo prima accennato al fatto che l’oracolo di Omaha, il guru del trading online, Warren Buffett, è stato tra quelli che ha tratto dal value investing i maggiori benefici.

Value investing

Infatti, fin da giovane ad inizio anni 50 ha fatto investimenti seguendone i dettami. Ritrovandosi così un patrimonio immenso. Oggi viaggia verso i 90 miliardi di dollari di patrimonio e viene quotato tra i primi 5 paperoni del mondo.

Ad onor del vero, però, Warren Buffet non fa immaginato come il mitico Paperon de’ paperoni che fa i tuffi nelle monete d’oro. O come Montgomery Burns che è spietato con gli altri malgrado i miliardi. Warren Buffet fa anche tanta beneficenza ed è sempre ben disposto a consigliare i trader alle prime armi.

Queste le sue principali strategie. Una sorta di 7 comandamenti scritti su una lapide di pietra:

  1. Investire solo in ciò che si conosce
  2. Utilizza il Value Investing come strategia di trading
  3. Acquista solo i titoli azionari con prezzi bassi
  4. Investi in aziende capaci di resistere ai cambiamenti del tempo
  5. Applica un ottimo money management
  6. Acquista se i mercati sono in ribasso
  7. Persevera con una mentalità a lungo termine

Value investing limiti

Quali sono i limiti del value investing? Come tutte le strategie di trading, anche questa, malgrado le belle parole spese da Buffet, ha delle debolezze.

Probabilmente, le azioni collegate al settore tecnologico stanno cambiando i mercati finanziari. E stanno ribaltando gli assunti del value investing. Infatti, i colossi tecnologici sono continuamente al rialzo, da anni. Quindi, non siamo in presenza di bolle.

Basta citare l’esempio più eclatante: le azioni Amazon. Colosso dell’-ecommerce che non ha certo bisogno di presentazioni e che dal Covid-19 ha tratto notevoli vantaggi.

Orbene, nel 2020 le azioni della fortunata creatura di Jeff Bezos hanno raggiunto un rapporto prezzo / utili pari a 70. Con il prezzo che è passato da 254.32 $ a 3137.39 $.

Qualcosa che chi persegue il value investing non avrebbe certo beneficiato. Infatti, per 1 dollari investito in Amazon, se ne sono ricavati 12. In effetti, per questo genere di investimento, andrebbe meglio il Growth Investing.

Ma anche altri titoli legati alla tecnologia stanno ribaltando gli assunti del Value investing. Come Netflix, per esempio. Questo per dire che la teoria va bene ma è semnpre importante restare flessibili e avere un occhio all’attualità dei mercati finanziari.

Conclusioni

Dunque, il value investing è una interessante strategia di mercato. Che ha reso ricco uno come Warren Buffet.

Tuttavia, come tutte le strategie, non è una verità assoluta e va valutata da caso a caso. In effetti, il trading è cambiato molto negli ultimi anni. Soprattutto a causa della tecnologia.