Twitter lancia pagamenti in criptovalute e Bitfinex servizio Layer-2

Il governo cinese ha deciso di indurire ulteriormente le sue politiche anti-criptovalute, iniziate nel 2017, in concomitanza coi primi consistenti rialzi di prezzo del Bitcoin.

La Banca popolare cinese (PBoC) ha annunciato infatti in via ufficiale venerdì 24 settembre, una serie di nuove misure per combattere l’adozione delle criptovalute nel paese. Tra cui la promozione di un coordinamento interdipartimentale più forte nel reprimere l’attività crittografica.

Per fare ciò, dieci autorità statali cinesi, tra cui inevitabilmente la stessa PBoC, la Cyberspace Administration of China e il Ministero della Pubblica Sicurezza, hanno istituito un “meccanismo di coordinamento” per impedire agli operatori finanziari di partecipare a qualsiasi transazione fatta in criptovalute.

Se ti interessa fare trading in modo sicuro puoi utilizzare le piattaforme regolamentate come ad esempio quella del broker eToro.

  1. Registrati su eToro
  2. Fai pratica con il conto demo
  3. Deposita denaro sul tuo account
  4. Prova il copy trading

Tra le cose già fatte, annoveriamo miglioramenti significativi alle piattaforme di monitoraggio delle criptovalute. Al fine di identificare in modo efficiente le transazioni che avvengono per vie illegali tramite criptovaluta.

La PBoC ha sottolineato che già molte agenzie governative cinesi stanno reprimendo le criptovalute in conformità con le leggi cinesi.

Questa la dichiarazione ufficiale della Banca popolare cinese:

“I dipartimenti di gestione finanziaria, i dipartimenti di sicurezza informatica e informazioni, i dipartimenti delle telecomunicazioni, i dipartimenti di pubblica sicurezza e i dipartimenti di supervisione del mercato lavorano a stretto contatto per tagliare i canali di pagamento, disporre di siti Web e applicazioni mobili pertinenti in conformità con la legge”.

Questa presa di posizione delle autorità finanziarie cinesi deriva dalla preoccupazione per la crescente popolarità di criptovalute e stablecoin. Come ha ammesso Wen Xinxiang, direttore del dipartimento di pagamento e regolamento presso la People’s Bank of China.

In realtà, sono già state diverse le contromisure rispetto alla crescente popolarità delle criptovalute nel colosso asiatico.

Per esempio, le autorità locali avevano già chiuso diverse mining farm e sospeso il commercio di criptovalute quest’anno nel corso del 2021.

Bisognerà capire quanto il governo centrale cinese riuscirà a mantenere una forte diga rispetto al torrente potente delle criptovalute. Probabilmente, si sta cercando di arrivare alla creazione di una criptovaluta centralizzata.

Una scelta che coinvolge sempre più paesi, con altre potenze come la Russia che ci stanno lavorando da tempo o come gli Usa che iniziano a pensarci da tempi più recenti.

In Centroamerica, invece, ciò sta diventando una realtà dilagante, anche per staccarsi definitivamente dal dollaro americano.

Twitter inserisce opzione di pagamento in criptovalute

Se dalla Cina arrivano notizie non buone riguardo le criptovalute, migliori invece giungono dai Social network. Che in fondo, in modalità diverse, stanno dando una grossa mano alle cryptocurrencies.

Twitter criptovalute

Come noto, Facebook già da tempo prevede transizioni in Bitcoin, oltre ad avere in cantiere una propria critpovaluta. Mentre su TikTok e Instagram troviamo pubblicate le storie di vip che le promuovono (anche se di recente c’è stata una restrizione).

Ora anche Twitter si aggrega alla compagine. Il gigante dei social media Twitter, usato soprattutto per seguire i vip o gli hashtags collegati agli eventi principali, ha deciso infatti di abilitare le opzioni di pagamenti in criptovaluta. Consentendo a qualsiasi utente di pagare attraverso la piattaforma.

Esther Crawford, product manager dello staff di Twitter, in un post di giovedì scorso, ha affermato che la funzione di suggerimenti crittografici sarà disponibile per tutti gli utenti iOS a livello globale e che la piattaforma prevede di implementare opzioni per Android nelle prossime settimane.

Il collegamento riguarderà app di terze parti, tra cui Cash App, Patreon, Venmo, Chipper, Bandcamp, Razorpay, GoFundMe, PicPay e Wealthsimple Cash. In base alla propria zona di riferimento per ricevere fondi.

Questa la dichiarazione di Crawford:

“Vogliamo che tutti su Twitter abbiano accesso a percorsi per essere pagati (…) Le valute digitali che incoraggiano più persone a partecipare all’economia e aiutano le persone a scambiarsi denaro attraverso i confini e con il minor attrito possibile – aiutaci ad arrivarci”.

Oltre ai servizi collegati appena citati, i suggerimenti di Twitter sono disponibili per l’utilizzo tramite il Bitcoin (BTC) Lightning Network, che invia il pagamento tramite l’app Strike. Oaggiungendo un indirizzo BTC direttamente al proprio profilo.

Il tutto, in modo gratuito, almeno stando a quanto detto da Esther Crawford. Del resto, prevedere certi servizi è già di per sé un vantaggio in termini di pubblicità e di concorrenza.

Il CEO di Twitter, Jack Dorsey, aveva in realtà già accennato allo sviluppo di un’opzione di pagamento in BTC quando ha ha rivelato che il suo concetto di “Tip Jar” è stato progettato per consentire agli utenti della piattaforma di premiare i creatori di contenuti tramite un semplice tap.

In quella occasione, sono stati anche accennati i piani di Square per costruire un Exchange decentralizzato di criptovalute.

Bitfinex lancia servizio di livello 2 DeversiFi

Uno tra i più importanti exchange di criptovalute al mondo, Bitfinex, ha annunciato in questi giorni un servizio, primo nel suo genere, utile per collegare la sua piattaforma centralizzata con la piattaforma di trading decentralizzata di livello 2 DeversiFi.

Questo collegamento fornirà agli utenti l’accesso alle esperienze senza autorizzazione e incentrate sulla privacy dei sistemi di finanza decentralizzata (DeFi), in combinazione con le caratteristiche altamente liquide e accessibili delle istituzioni finanziarie centralizzate (CeFi).

Un comunicato della società ha osservato che le transazioni saranno inizialmente esclusive di Tether (USDT) – una stablecoin affiliata allo scambio – ma potrebbero eventualmente aprirsi a vari token ERC-20 in futuro.

DeversiFi, basata su Ethereum, è una piattaforma di trading basata sulla tecnologia scalabile di StarkWare. Due mesi fa, hanno lanciato il primo bridge di livello 2 tra Ethereum e Polygon Network progettato per deviare dalle costose tariffe del gas comunemente sperimentate sulla catena.

Le piattaforme di livello due come Arbitrum e Optimism hanno registrato un aumento sostanziale nel corso del 2021, contribuendo all’ulteriore adozione di protocolli di finanza decentralizzata.

Will Harborne, CEO e co-fondatore di DeversiFi, ha dichiarato:

Layer-2 è il futuro della blockchain. Che si tratti di Lightning Network per Bitcoin o roll-up come DeversiFi per Ethereum, le criptovalute e la DeFi sono finalmente sul punto di diventare accessibili a tutti”.

Anche Paolo Ardoino, CTO di Bitfinex, ha condiviso le sue aspettative sulla potenziale adozione a seguito del lancio:

“Sono fiducioso che ci sarà una pronta adozione di questo meccanismo di trasferimento a basso costo tra la nostra base di clienti poiché l’interesse per la DeFi continua a crescere”.

Twitter lancia pagamenti crypto: conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulla questione Twitter e criptovalute.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche di copiare dai migliori investitori.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro