Migliori obbligazioni da comprare: investire minimizzando il rischio [2021]

Conviene investire nelle obbligazioni? Come investire nelle obbligazioni?

Le obbligazioni sono uno degli strumenti più longevi per risparmiare o investire i propri capitali. Vanno pensati come un prestito che chi emette questi documenti poi restituirà con gli interessi.

Pertanto, chi investe in obbligazioni è come se prestasse denaro, in cambio di un importo maggiorato di interessi ottenibile ad una certa scadenza prefissata.

Le obbligazioni hanno perso appeal in questi anni, vuoi perché sono emersi altri strumenti più invitanti per investire il proprio denaro, vuoi perché i tassi di interesse in certi casi sono a dir poco irrisori.

Anche per questo, in questa guida completa sulle obbligazioni, ti diremo anche le migliori alternative alle obbligazioni e se conviene investire oggi.

Cosa sono le obbligazioni

Si tratta di titoli di debito (per che li emette) e di credito (per chi li acquista). In pratica sono una parte di debito acceso da una società o da un ente pubblico, emessi con lo scopo di ottenere finanziamenti da parte di privati.

Questi ultimi, da parte loro, otterranno la restituzione del capitale investito maggiorato di interessi maturati nel tempo. I quali sono tanto maggiori quanto è lungo il lasso di tempo di durata delle obbligazioni.

Per chi cerca investimenti finanziari vantaggiosi, in effetti, le obbligazioni si dimostrano uno strumento per ottenere finanziamenti a condizioni più vantaggiose rispetto a quanto otterrebbero mediante le banche.

Conviene investire in Obbligazioni?

Infatti, chi emette obbligazioni beneficia di tassi di interesse in genere inferiori rispetto a quelli che pagherebbe se chiedesse tale prestito alle banche. Ormai sempre più avide.

Di contro, l’investitore beneficia di un tasso maggiore rispetto a quello di un investimento in liquidità. Col vantaggio pure di poter smobilizzare il proprio investimento in un mercato secondario.

Occorre però specificare che chi sottoscrive una obbligazione, non partecipa all’attività gestionale dell’emittente. Dato che non può partecipare alle decisioni da prendere nelle assemblee.

Avrà però il vantaggio dal fatto che la remunerazione del capitale di rischio azionario è comunque subordinata al preventivo pagamento di interessi e rimborsi di capitale agli obbligazionisti stessi.

Pertanto, ciò significa che chi sottoscrive una obbligazione ha la priorità rispetto agli azionisti.

Le obbligazioni convertibili sono invece un tipo particolare di obbligazione, tramite la quale chi possiede il titolo può decidere di convertirlo in un titolo azionario. Che prenderà il nome di azioni di compendio.

Per effetto di ciò, l’obbligazionista diventa azionista. Con tutti gli oneri e i diritti che deriva da ciò.

Come comprare le migliori obbligazioni

Vediamo quali sono le strade migliori per comprare le migliori obbligazioni.

Mercati regolamentati

Il portale ideale per cercare obbligazioni è senza dubbio quello di Borsa Italiana e andare nella sezione Mot. Acronimo di Mercato Obbligazionario Telematico.

In questa sede, sceglieremo il tipo di Bond di nostro interesse e selezioneremo il nome del bond.

In caso di titolo non italiano, ma europeo, dovremo andare su Euromot.

Ancora, se l’obbligazione attivata è quotata su una borsa europea che non sia la nostra (di Milano), allora dovremo andare su Euronext.

Dovremo seguire questo percorso: Trading/ Fixed income / Bonds. I titoli possono essere cercati per:

  • Nome
  • Codice Isin (la sequenza alfanumerica identificativa del titolo
  • Emittente
  • Categoria di appartenenza

Nel caso in cui le obbligazioni siano quotate sulla Borsa Tedesca, allora occorre riferirsi al portale Deutsche boerse.

Per seguirne l’andamento, dobbiamo cercarci sulla destra della schermata e inserire il codice Isin nella finestra kurssuche. Se il tedesco ti appare ostico (come darti torto) e hai deciso di scegliere la lingua inglese, allora sarà tradotto in price search.

Qualora non abbia a portata di mano il codice Isin, allora puoi pigiare su erweiterte suche (in inglese extended search) e troverai il titolo di appartenenza.

Se le tue obbligazioni sono quotate sulla Borsa del Lussemburgo dovrai consultare il sito di quella Borsa. Il percorso che dovrai seguire è consultation/ search e quindi alla pagina di ricerca.

Migliori Obbligazioni: Tresaury Bond

Le obbligazioni americane T-Bond o Tresaury Bond sono considerate tra gli investimenti più sicuri con rendimenti fissi attorno all’1,10%.

Molti investitori li ritengono tra gli investimenti più sicuri al mondo. Tuttavia è difficile trovare una banca italiana in grado di offrire questo tipo di obbligazioni. Il motivo è molto semplice. Si tratta di obbligazioni su cui dovrebbero applicare enormi commissioni ed esporsi al rischio di cambio.

Dunque se siete interessati a queste obbligazioni è possibile usare la piattaforma di trading eToro che offre degli ETF obbligazionari che replicano l’andamento dei T-Bond come ad esempio:

  • iShares 1-3 Year Treasury Bond (SHY) per scadenze brevi da 1 a 3 anni
  • iShares 20+ Year Treasury Bond (TLT) per scadenze superiori a 20 anni
Per iniziare a investire con eToro clicca qui e visita il sito ufficiale

Qui invece puoi accedere alla recensione completa di eToro.

Mercati Over the counter

In alternativa, puoi scegliere i mercati non regolamentati, chiamati mercati Over the counter.

Quest’ultimo, in quanto tale, non segue le vie ufficiali ma si muove tra privati, mediante le classiche telefonate tra gli stessi operatori. O l’intermediazione di portali virtuali. Come per esempio Alternative Trading System, che viene offerto dal prestigioso portale economico Bloomberg. Uno dei più famosi ed in fondo più sicuri, dato che, trattandosi di mercati non regolamentati, il rischio è di finire sempre in cattive mani.

Le quotazioni potranno poi essere viste e applicate previa accettazione del primo operatore da altri operatori iscritti a Bloomberg.

Per fare un esempio ed un parallelo col trading, il Forex è un mercato OTC.

Asta o collocamento

Potresti anche chiederti come vendere le obbligazioni. In tal caso, dovrai affidarti ad aste o collocamenti. Che, ovviamente, possono servire anche per comprare obbligazioni.

Le obbligazioni in collocamento hanno il pregio di riportare, sui fogli informativi, tutti i costi impliciti nel prezzo di emissione.

E le commissioni? Solitamente, più il titolo è di breve durata, più sarà l’impatto delle commissioni.

Devi però sapere che, per comprare obbligazioni tramite asta, dovrai affidarti ad un intermediario finanziario. Il quale avrà il compito di prenotare la quantità desiderata di obbligazioni il giorno prima dell’asta vera e propria.

Il sistema di collocamento dell’asta competitiva avviene senza indicazione del prezzo di base.

I titoli saranno aggiudicati al prezzo ufficiale d’asta, che equivale al prezzo medio ponderato delle domande di titoli soddisfatte in asta.

Ti potrebbe interessare la nostra guida ai fondi obbligazionari.

Migliori obbligazioni da comprare nel 2021

Premesso che oggi è difficile investire in obbligazioni, poiché i tassi di interesse in molti casi si avvicinano quasi allo zero, proviamo comunque a cercare quelli più appetibili.

  1. Fallen Angels: obbligazioni emesse da società solide, le quali hanno subito però un peggioramento del rating. Del resto, chi mastica inglese saprà che significa proprio angeli caduti. Perché sono così appetibili? Poiché, avendo già subito un declassamento, difficilmente ne subiranno un altro ulteriore. Salvo casi gravi. Del resto, le quotazioni dovrebbero restare abbastanza stabili per un periodo prolungato di tempo. In genere, un titolo, soprattutto se notoriamente di qualità, tende comunque a riprendere il range precedente e ciò non può che farne crescere le quotazioni.
  2. Inflation linked: si tratta di obbligazioni che erogano interessi in base all’inflazione. Ovviamente, per la loro natura, si mostrano molto interessanti quando i prezzi sono in crescita. Non sono ancora molto battuti dagli investitori e forse ciò può essere un vantaggio perché magari promozionati a condizioni vantaggiose proprio per diffonderli. Le obbligazioni indicizzate all’inflazione sono solitamente messe da Stati. Considera il fatto che le politiche monetarie ultra-espansive delle banche centrali potrebbero far lievitare l’inflazione. Grazie alla rivalutazione del capitale a scadenza, il patrimonio sarà protetto da una svalutazione monetaria.
  3. Obbligazioni convertibili: si tratta di obbligazioni a tasso fisso che possono essere convertite in azioni. Abbiamo detto che danno gli stesso diritti concesso agli azionisti. Nel caso in cui non si opti per la conversione, l’obbligazione seguirà il suo corso e garantiscono il capitale alla scadenza. Si mostrano interessanti proprio per il loro essere ibridi, paragonabili agli immobili (real estate). Il grande vantaggio è che, nel caso in cui si verifichi un rialzo dei mercati, le obbligazioni convertibili ne guadagnano. In caso di cali, le convertibili non perderebbero comunque troppo. Dato che il capitale sarà restituito alla scadenza, salvo grave insolvenza dell’emittente (ma se sono emessi da uno stato, è difficile che ciò accada).

Obbligazioni italiane: BTP

I BTp sono titoli obbligazionari a tasso fisso a medio-lungo termine.

Sono emessi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che, con appositi decreti, ne determina gli importi, i tagli (di almeno 1.000 euro), la durata (3, 5, 7, 10, 30 anni), il livello delle cedole e le modalità di assegnazione.

Per acquistare un BTP bisogna investire almeno un importo pari 1.000 € (taglio minimo di acquisto).

Il rischio di acquistare BTp è collegato alla volatilità del prezzo prima della scadenza. Il quale risulta maggiore nel caso di scadenze a lungo termine. A ciò occorre aggiungere la volatilità dei mercati causata dal Coronavirus, dato che gli spread mostrano andamenti altalenanti e non costanti.

Obbligazioni Europee

Le obbligazioni europee sono sempre titoli di debito a lungo termine che generano profitto tramite gli interessi. Quindi, vi sarà un ritorno del capitale inizialmente investito, ad una scadenza prestabilita, maggiorato di interessi.

Per scegliere la migliore obbligazione europea occorre valutare:

  • il rating: la valutazione dell’affidabilità del debitore
  • Il tasso di interesse: che può essere fisso o variabile
  • valuta nella quale è espresso il titolo: sebbene in Europa, come noto, molti paesi rientrano nell’Eurozona
  • durata: più è lunga, più il tasso di interesse è lucroso e più basse sono le commissioni
  • rendimento: come ogni investimento, più è elevato, più significa che l’investimento è pericoloso

E’ dunque fondamentale fare una analisi rischio – rendimento per valutare se l’investimento conviene oppure no.

Obbligazioni governative: convengono?

Le obbligazioni governative, proprio perché emesse da Stati nazionali, generalmente si mostrano molto più sicure rispetto alle obbligazioni emesse da privati.

Infatti, è quasi impossibile che uno Stato fallisca, anche perché in genere viene sempre salvato da altri stati che corrono in aiuto con prestiti. Tutt’al più si troverà ancora più indebitato.

Certo, ci sono stati più rischiosi di altri, come quelli in via di sviluppo. Dove le economie sono più volatili e la situazione politica meno stabile. Tuttavia, sono anche obbligazioni che, proprio a fronte di ciò, sono anche più remunerative.

Del resto, titoli governativi dell’Eurozona, offrono tassi di interesse molto contenuti. Infatti fungono più da strumento per risparmiare anziché da strumento per investire.

Obbligazioni Paesi Emergenti

Le obbligazioni dei paesi emergenti sono quelle che rientrano nel discorso fatto poc’anzi. A fronte di tassi elevati, che superano anche il 10 percento, si va però incontro a maggiori rischi di insolvenza.

Sia perché si tratta di Stati con una economia che non ha una certa sicurezza, sia perché si tratta di Stati con governi quasi sempre incerti, dove i colpi di stato sono sempre dietro l’angolo, così come le guerre e le crisi diplomatiche coi paesi confinanti.

Questo discorso vale soprattutto per i paesi sudamericani, sebbene per paesi emergenti si intendano ancora paesi come la Russia (uscita ormai da un ventennio dall’Urss) e la Cina (paese che sta addirittura superando gli Usa come potenza mondiale).

Dunque, occorre mettere in conto anche i rischi maggiori e non farsi solo attrarre dai profitti allettanti.

Ad esempio se volete investire sui paesi emergenti il broker eToro offre degli interessanti ETF come:

  • iShares Emerging Markets Local Government Bond UCITS ETF (IEML.L);
  • iShares JP Morgan USD Emerging (EMB)

Obbligazioni Corporate

Si tratta di titoli di credito emessi da società private e banche (obbligazioni bancarie). Le quali assegnano al titolare il diritto di riscuotere periodicamente una cedola.

Nonché farsi rimborsare il 100% del capitale nominale indicato quando arriva a scadenza.

Per trovarle, basta seguire il percorso sopra indicato quando abbiamo parlato di titoli allocati sui mercati ufficiali.

La cedola su base annua fornisce il tasso d’interesse calcolato sul capitale nominale. Può essere staccata più volte l’anno, e si parlerà di cedole infrannuali. Oppure una sola volta ma in più anni.

Investire in obbligazioni conviene?

Investire in obbligazioni ha perso l’appeal che aveva fino ad inizio anni ‘90, quando anche i titoli governativi davano ottimi rendimenti e dunque non possono essere considerate come investimenti redditizi.

Oggi le obbligazioni sono viste più come uno strumento di risparmio, ossia un modo per allocare in modo sicuro del capitale che abbiamo in più e che non vogliamo trattenere in Banca.

Le obbligazioni emesse da privati o da stati emergenti danno dei margini di guadagno maggiori in termini di interessi, sebbene a fronte di maggiori rischi come detto.

Anche perché col tempo sono emersi altri strumenti di investimento, molto più dinamici ed appetibili come il trading online e i CFD. E nel prossimo paragrafo parleremo proprio di questa alternativa.

Potresti essere interessato anche a CFD obbligazionari.

Alternative alle obbligazioni: investire in Borsa con eToro

Il broker eToro è una piattaforma di trading online con 3 licenze per operare, quindi sarai al sicuro in termini di rispetto dei dati sensibili e del capitale che hai sul conto.

Ancora, eToro offre commissioni basse sui servizi, e zero sul trading. Mentre riguardo lo spread sul trading, sono molto bassi.

Bene anche sul fronte servizi, visto che eToro offre la possibilità di copiare i trader più bravi chiamati Popular investors.

Non manca un conto demo con 100mila euro virtuali.

Per iniziare a investire in Borsa con eToro clicca qui ed apri il tuo conto gratis.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Obbligazioni: le domande frequenti

Cosa sono le obbligazioni?

Si tratta di titoli che una società privata o uno Stato emette al fine di reperire capitali. Chi li sottoscrive, alla scadenza prefissata, riceverà indietro il capitale. Mentre gli interessi saranno staccati durante il periodo con più cedole, o alla fine. Dipende da cosa c’è scritto nel contratto.

Conviene investire in obbligazioni?

Rispetto ad anni fa, vuoi per i tassi di interesse ridotti, vuoi per i nuovi strumenti di investimento, le obbligazioni hanno perso appeal. Tanto che a conservarlo sono soprattutto quelli emessi dagli stati emergenti.

Oggi le obbligazioni sono visti soprattutto come strumento di risparmio, per accantonare in modo sicuro capitali in pià.

Quali sono le migliori alternative alle obbligazioni?

Il trading CFD si sta ponendo come ottima alternativa, e puoi provarci con un broker sicuro come eToro.

Migliori obbligazioni

Conclusioni

Le obbligazioni sono uno strumento per reperire finanziamenti, emesso da stati o società privati. I quali, al termine della scadenza prefissata, restituiranno la somma iniziale. Oltre a erogare degli interessi anche essi prestabiliti.

Oggi le obbligazioni si mostrano meno appetibili di un tempo, anche perché sono emersi nuovi strumenti di investimento online, come il trading CFD.

Puoi provare questa alternativa su un broker sicuro e conveniente come eToro.