Dow Jones indice: cos’è, come funziona, storia, come fare trading

Cos’è indice Dow Jones? Come funziona indice Dow Jones? Qual è la storia dell’indice Dow Jones? Come fare trading con indice Dow Jones? A cosa serve indice Dow Jones? Lo vediamo in questo articolo.

Del resto, il Dow Jones Industrial Average, conosciuto più semplicemente come Dow Jones, indice azionario della borsa di New York, un tempo era il più importante fra gli indici. Oggi scavalcato come riferimento per i mercati azionari dall’SP 500 dell’agenzia di rating Standard & Poor’s.

Nel paniere del Dow Jones sono presenti i prezzi dei principali 30 titoli quotati a Wall Street, senza tenere conto della capitalizzazione, quindi del peso delle varie società coinvolte. Proprio la scelta limitata a soli 30 titoli ha fatto sì che nel tempo, l’indice abbia perso, come detto, molta della sua importanza. Il Dow Jones nel 2014 ha stabilito il proprio nuovo massimo superando quota 18.000 anche grazie alla grande crescita dell’economia USA dopo gli anni bui post-crisi 2007-08.

Fatta questa breve premessa, vediamo tutto quanto occorre sapere su indice Dow Jones.

Dow Jones cos’è

Cos’è l’indice Dow Jones? Il Dow Jones Industrial Average (DJIA), o semplicemente il Dow, è un indice del mercato azionario che mostra come 30 grandi società di proprietà pubblica con sede negli Stati Uniti hanno negoziato durante una sessione di negoziazione standard nel mercato azionario.

Il valore del Dow non è una media aritmetica ponderata e non rappresenta la capitalizzazione di mercato delle sue società componenti, ma piuttosto la somma del prezzo di una quota di azioni per ciascuna società componente. La somma viene corretta da un fattore che cambia ogni volta che una delle scorte componente ha una distribuzione azionaria o un dividendo azionario, in modo da generare un valore coerente per l’indice.

È il secondo più antico indice del mercato USA dopo il Dow Jones Media di trasporto, creata dall’editore di Wall Street Journal e Dow Jones.

Dow Jones società che lo compongono

Quali società compongono l’indice Dow Jones? Sul sito de IlSole24Ore è possibile vederle tutte divise per lettere iniziali, oltre alla relativa quotazione. Qui vi anticipiamo solo che ne fanno parte colossi come 3M, American Express, AT&T. Boeing, Caterpillar, Chevron Corporation, Cisto Systems, Coca-Cola, ExxonMobil, General Electric, Goldman Sachs, Intel, IBM, Johnson & Johnson, JPMorgan Chase, Microsoft, Nike, Pfizer, Procter & Gamble, United Technologies Corporation, Visa, Wal-Mart e Walt Disney.

Occorre però dire che i componenti del DJIA sono cambiati 52 volte dal suo inizio il 26 maggio 1896. General Electric aveva la presenza continua più lunga sull’indice, a partire dal 1907. Le modifiche più recenti all’indice includono quanto segue:

  • L’8 aprile 2004 American International Group Incorporated, Pfizer Incorporated e Verizon Communications Incorporated hanno sostituito AT & T Corporation, Eastman Kodak Company e International Paper Company.
  • Il 19 febbraio 2008, Chevron e Bank of America hanno sostituito Altria Group e Honeywell. Chevron era in precedenza un componente Dow dal 18 luglio 1930 al 1 novembre 1999. Durante l’assenza di Chevron, il suo prezzo per azione rettificato per dividendo andò da $ 44 a $ 85, mentre il prezzo del petrolio passò da $ 24 a $ 100.
  • Il 22 settembre 2008, Kraft Foods Inc ha sostituito l’American International Group (AIG) nell’indice.
  • L’8 giugno 2009, le società Travelers e Cisco Systems hanno sostituito General Motors Corporation e Citigroup. Cisco è diventata la terza società quotata al NASDAQ per far parte del Dow.
  • Il 24 settembre 2012, UnitedHealth Group ha sostituito Kraft Foods Inc in seguito alla scissione di Kraft in Mondelēz International e Kraft Foods Group.
  • Il 20 settembre 2013, Goldman Sachs, Nike e Visa hanno sostituito Alcoa, Bank of America e Hewlett-Packard. Visa ha sostituito Hewlett-Packard a causa della scissione in HP Inc. e Hewlett Packard Enterprise
  • Il 19 marzo 2015, Apple ha sostituito AT & T, che era un componente del DJIA dal novembre 1916. Apple è diventata la quarta società quotata al NASDAQ per far parte del Dow.
  • Il 1 ° settembre 2017, DowDuPont ha sostituito DuPont. DowDuPont è stato formato dalla fusione di Dow Chemical Company con DuPont.
  • Il 26 giugno 2018, Walgreens Boots Alliance sostituì la General Electric, che era stata una componente del DJIA dal novembre 1907, dopo essere entrata nell’indice inaugurale nel maggio 1896 e buona parte del periodo dal 1886 al 1907.

Dow Jones storia

Qual è la storia del Dow Jones?

Dow Jones origini

Nel 1884 Charles Dow compose la sua prima media azionaria, che comprendeva nove ferrovie e due aziende industriali apparse nella Afternoon Letter del cliente, un bollettino finanziario quotidiano di due pagine che era il precursore del Wall Street Journal. Il 2 gennaio 1886, il numero di azioni rappresentate in quello che ora è il Dow Jones Transportation Average è sceso da 14 a 12, mentre la Central Pacific Railroad e la Central Railroad del New Jersey sono state rimosse. Pur comprendendo lo stesso numero di titoli, questo indice conteneva solo uno dei dodici industriali originali che alla fine avrebbero costituito l’indice più famoso di Dow.

Prime società che composero il Dow Jones

Il 26 maggio 1896 Dow calcolò la sua prima media solo di titoli industriali, creando ciò che è ora noto come Dow Jones Industrial Average. Nessuno dei 12 industriali originali rimane ancora parte dell’indice. Erano:

  • American Cotton Oil Company, una società precedente a Bestfoods, fa ora parte di Unilever.
  • American Sugar Company, divenne Domino Sugar nel 1900, ora Domino Foods, Inc.
  • American Tobacco Company, suddivisa in un’azione antitrust del 1911.
  • Chicago Gas Company, acquistata da Peoples Gas Light nel 1897, ora controllata operativa di Integrys Energy Group.
  • Azienda di distillazione e allevamento di bestiame, ora Millennium Chemicals, precedentemente una divisione di LyondellBasell, quest’ultima recentemente emersa dal fallimento del Chapter 11.
  • General Electric, ancora operativa, rimossa dal Dow Jones Industrial Average nel 2018.
  • Laclede Gas Company, ancora operativa come Spire Inc, fu ritirata dal Dow Jones Industrial Average nel 1899.
  • National Lead Company, ora NL Industries, rimossa dal Dow Jones Industrial Average nel 1916.
  • North American Company, una holding di servizi elettrici, suddivisa dalla Securities and Exchange Commission (SEC) negli Stati Uniti nel 1946.
  • Tennessee Coal, Iron and Railroad Company di Birmingham, Alabama, acquistata da U.S. Steel nel 1907; L’acciaio americano è stato rimosso dal Dow Jones Industrial Average nel 1991.
  • U.S. Leather Company, sciolta nel 1952.
  • Stati Uniti Rubber Company, ha cambiato il suo nome in Uniroyal nel 1961, fusa con la B.F. Goodrich privata nel 1986, acquistata dalla Michelin nel 1990.

Primi anni Dow Jones

Quando fu pubblicato per la prima volta verso la metà del 1880, l’indice si attestava a 62.76. Raggiunse un picco di 78,38 durante l’estate del 1890, ma finì col toccarne il minimo storico di 28,48 nell’estate del 1896 durante il Panico del 1896. Molte delle più grandi mosse di prezzo in percentuale del Dow si verificarono all’inizio della sua storia, quando la nascente economia industriale maturò. Il 1900 avrebbe visto il Dow fermare il suo slancio mentre si faceva strada attraverso due crisi finanziarie; il panico del 1901 e il panico del 1907. Il Dow rimase bloccato in un intervallo compreso tra 53 e 103 punti fino alla fine del 1914. La negatività che circondò il terremoto di San Francisco del 1906 fece ben poco per migliorare il clima economico.

All’inizio degli anni ’10, il decennio sarebbe iniziato con il panico del 1910-1911 che soffocava la crescita economica per un lungo periodo di tempo. La storia avrebbe seguito il suo corso il 30 luglio 1914; poiché la media si attestava a un livello di 71,42 quando fu presa la decisione di chiudere la Borsa di New York e sospendere le negoziazioni per un intervallo di quattro mesi e mezzo. Alcuni storici ritengono che lo scambio sia stato chiuso a causa di una preoccupazione che i mercati sarebbero precipitati a causa del panico durante l’inizio della prima guerra mondiale. Una spiegazione alternativa è che il Segretario del Tesoro, William Gibbs McAdoo, ha chiuso lo scambio per conservare l’oro USA azione per lanciare il Federal Reserve System più tardi quell’anno, con abbastanza oro per mantenere gli Stati Uniti alla pari con il gold standard.

Quando i mercati si riaprirono il 12 dicembre 1914, l’indice chiuse a 74,56, un guadagno del 4,4 percento. Questo è spesso segnalato come una grande caduta, dovuta all’utilizzo di una successiva ridefinizione. I rapporti del tempo dicono che la giornata è stata positiva. Dopo la prima guerra mondiale, gli Stati Uniti sperimentarono un’altra crisi economica, la recessione del secondo dopoguerra. La performance del Dow rimarrebbe invariata rispetto al valore di chiusura del decennio precedente, aggiungendo solo l’8,26%, da 99,05 punti all’inizio del 1910, a un livello di 107,23 punti alla fine del 1919.

Durante gli anni venti, nello specifico nel 1928, i componenti del Dow furono aumentati a 30 titoli vicino all’altezza economica di quel decennio, che fu soprannominato il ruggente anni Venti. Questo periodo ha minimizzato l’influenza di una recessione degli anni ’20 e di alcuni conflitti internazionali come la guerra polacco-sovietica, la guerra civile irlandese, la guerra d’indipendenza turca e la fase iniziale della guerra civile cinese.

Il Crash del 1929 e la conseguente Grande Depressione nei successivi anni riportarono la media al suo punto di partenza, quasi il 90% sotto il suo picco. L’8 luglio 1932, dopo il suo minimo giornaliero di 40,56, il Dow avrebbe chiuso la sessione a 41,22. Il massimo di 381,17 il 3 settembre 1929 non sarebbe stato superato fino al 1954, in numeri aggiustati per l’inflazione. Tuttavia, il fondo del Crash del 1929 arrivò solo 2 mesi e mezzo dopo, il 13 novembre 1929, quando durante il giorno era al livello di 195,35, chiudendo leggermente più in alto a 198,69. Per il decennio, il Dow finirebbe con un guadagno sano del 131,7%, da 107,23 punti all’inizio del 1920, a un livello di 248,48 punti alla fine del 1929, poco prima del Crash del 1929.

Contrassegnato dall’instabilità globale e dalla Grande Depressione, gli anni ’30 si contesero numerosi scoppi di guerra europei e asiatici, portando alla catastrofica seconda guerra mondiale nel 1939. Altri conflitti durante il decennio che interessarono il mercato azionario comprendevano la guerra civile spagnola del 1936-1939, la seconda guerra italo-abissina del 1935-1936, la guerra di confine sovietico-giapponese del 1939 e la seconda guerra sino-giapponese del 1937. Oltre a ciò, gli Stati Uniti affrontarono una dolorosa recessione nel 1937 e nel 1938, che portò temporaneamente all’economia il recupero si ferma.

Il più grande guadagno percentuale nell’indice di un giorno, il 15,34%, è avvenuto il 15 marzo 1933, negli abissi del mercato orso degli anni ’30 quando il Dow ha guadagnato 8,26 punti chiudendo a 62,10. Tuttavia, nel suo complesso durante la Grande Depressione, il Dow ha registrato alcune delle sue peggiori performance, per un ritorno negativo durante la maggior parte degli anni ’30 per i nuovi e vecchi investitori del mercato azionario. Per il decennio, la media Dow Jones è scesa da 248,48 punti all’inizio del 1930 a un livello stabile di 150,24 punti alla fine del 1939, una perdita di circa il 40%.

Dal Dopoguerra agli anni ‘80

La ricostruzione del dopoguerra negli anni ’40, insieme al rinnovato ottimismo di pace e prosperità, portò a un aumento del 39% del Dow da circa il 148 a 206. La forza nel Dow avvenne nonostante una breve recessione nel 1949 e altri conflitti globali che iniziò poco dopo includendo le ultime fasi della guerra civile cinese, la guerra civile greca, la guerra indo-pakistana del 1947 e la guerra arabo-israeliana del 1948.

Durante gli anni ’50, la Guerra di Corea, la Guerra d’Algeria, la Guerra Fredda e altre tensioni politiche come la rivoluzione cubana, così come i diffusi cambiamenti politici ed economici in Africa durante le fasi iniziali della decolonizzazione europea, non fermarono la salita rialzista del Dow più alto. Inoltre, gli Stati Uniti si sarebbero fatti strada anche attraverso due recessioni di rettifica; uno nel 1953 e un altro nel 1958. Un aumento del 200% della media da un livello di 206 a 616 seguì nel corso di quel decennio.

Il Dow è calato del 22,61% rispetto al Black Monday (1987) da circa il 2.500 a circa 1.750. Due giorni dopo, è salito del 10,15% sopra il livello di 2.000 per un lieve tentativo di recupero.

Il comportamento rialzista del Dow iniziò a fermarsi durante gli anni ’60 quando gli Stati Uniti si impigliarono con questioni politiche straniere come le escursioni militari statunitensi tra cui l’invasione della Baia dei Porci che coinvolgeva Cuba, la guerra del Vietnam, la guerra coloniale portoghese, la guerra civile colombiana che gli Stati Uniti assistettero con campagne contro-guerriglia di breve durata, così come questioni interne come il Movimento per i diritti civili e diversi assassini di politici influenti. Per il decennio, tuttavia, e nonostante una lieve recessione tra il 1960 e il 1961, la media ha comunque ottenuto un guadagno rispettabile del 30% dal livello 616 a 800.

Gli anni ’70 segnarono un periodo di incertezza economica e di relazioni travagliate tra gli Stati Uniti e alcuni paesi mediorientali. Per cominciare, il decennio iniziò con la recessione in corso del 1969-70. In seguito ne seguì la crisi energetica degli anni ’70, che comprendeva la recessione del 1973-75, la crisi petrolifera del 1973 e la crisi energetica del 1979 che iniziava come preludio a un disastroso clima economico provocato dalla stagflazione; la combinazione tra alta disoccupazione e alta inflazione. Tuttavia, il 14 novembre 1972, la media ha chiuso per la prima volta sopra il punteggio di 1.000 (1.003.16), durante un breve raduno di aiuti nel bel mezzo di un lungo mercato ribassista.

Tra gennaio 1973 e dicembre 1974, la media ha perso il 48% del suo valore in quello che divenne noto come il crollo del mercato azionario del 1973-1974; con la situazione esacerbata dagli eventi che circondano la guerra dello Yom Kippur. L’indice si è chiuso a 577.60, il 4 dicembre 1974. Durante il 1976, l’indice è andato oltre 1000 diverse volte, e ha chiuso l’anno a 1.004.75. Anche se la guerra del Vietnam terminò nel 1975, nuove tensioni sorsero verso l’Iran che circondava la Rivoluzione iraniana nel 1979. Altri disordini notevoli come la guerra civile libanese, la guerra civile etiope, la guerra indo-pakistana del 1971 e la guerra civile angolana che gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica considerata critica per l’equilibrio globale del potere, sembrava aver avuto poca influenza sui mercati finanziari. Per quanto riguarda le prestazioni per il decennio, i guadagni sono rimasti praticamente invariati, salendo meno del 5% da circa il livello 800 a 838.

La decade degli anni ’80 è iniziata con la recessione degli inizi degli anni ’80. All’inizio del 1981, ha rotto più di 1000 volte, ma poi si è ritirato. Il più grande calo percentuale di un giorno si è verificato il lunedì nero; 19 ottobre 1987, quando la media è scesa del 22,61%. Non ci sono state spiegazioni chiare per spiegare l’incidente, ma il trading del programma potrebbe essere stato un fattore importante. Il 13 ottobre 1989, il Dow incespicò in un’altra rovina, il Mini-Crash del 1989 che diede il via al crollo del mercato delle obbligazioni spazzatura quando il Dow registrò una perdita di quasi il 7%.

Per il decennio, il Dow ha fatto un aumento del 228% dal livello 838 a 2.753; nonostante il crollo del mercato, Silver Thursday, una recessione degli anni ’80, la bolla del prezzo degli asset del 1980 e altre distrazioni politiche come la guerra sovietica in Afghanistan, la guerra delle Falkland, la guerra Iran-Iraq, la seconda guerra civile sudanese e la prima intifada in Medio Oriente. L’indice aveva registrato solo due anni negativi: nel 1981 e nel 1984.

Dow Jones e la bolla dei Dot-com

Gli anni ’90 hanno portato rapidi progressi tecnologici insieme all’introduzione dell’era delle dot.com. Per iniziare, i mercati si sono contrapposti allo shock del prezzo del petrolio del 1990 aggravato dagli effetti della recessione degli inizi degli anni ’90 e da una breve situazione europea che circondava il mercoledì nero. Alcuni conflitti stranieri influenti come il tentativo di colpo di stato sovietico del 1991 che ebbe luogo come parte delle fasi iniziali della dissoluzione dell’URSS e della caduta del comunismo; la prima e la seconda guerra cecena, la guerra del Golfo Persico e le guerre jugoslave non riuscirono a smorzare l’entusiasmo economico che circondava l’attuale Information Age e la “esuberanza irrazionale” (una frase coniata da Alan Greenspan) di Internet Boom.

Anche gli episodi del genocidio ruandese e della seconda guerra del Congo, definiti come “la guerra mondiale dell’Africa” che ha coinvolto 8 diverse nazioni africane che insieme hanno ucciso oltre 5 milioni di persone, non sembrano avere alcun impatto finanziario negativo significativo sul Dow. Tra la fine del 1992 e l’inizio del 1993, il Dow ha barcollato il livello di 3.000 facendo solo modesti guadagni con il settore delle biotecnologie sofferto dalla caduta della Biotech Bubble; come molte aziende biotech hanno visto i loro prezzi azionari salire rapidamente a livelli record e poi successivamente scendere ai nuovi minimi storici. Il 21 novembre 1995, il DJIA ha chiuso per la prima volta sopra il livello di 5.000 (5.023.55).

Nei due anni successivi, il Dow superò rapidamente il livello di 6.000 nel mese di ottobre del 1996 e il 7000 nel febbraio 1997. Nella sua marcia più alta in territorio record, il Dow raggiunse facilmente gli 8.000 Luglio 1997. Tuttavia, più tardi in quell’anno nel mese di ottobre, gli eventi che circondano la crisi finanziaria asiatica precipitarono il Dow in una perdita di 554 punti fino alla chiusura di 7.161,15; un restringimento del 7,18% in quello che divenne noto come il Mini-Crash del 1997.

Anche se a livello internazionale c’è stata la negatività che circonda la crisi finanziaria russa del 1998 e le conseguenze successive del crollo del fondo a lungo termine derivato dal derivato del lungo periodo nel 1998, che ha comportato cattive scommesse sul movimento del rublo russo, il Dow avrebbe superato il 9.000 livello durante il mese di aprile del 1998, facendo la sua spinta sentimentale verso il livello simbolico di 10.000. Il 29 marzo 1999, la media ha chiuso al di sopra dei 10.000 punti (10.006.78) dopo aver flirtato con lui per due settimane. Ciò ha spinto una celebrazione sul piano commerciale, completo di cappelli da festa. La scena dello scambio ha fatto notizia in prima pagina su molti giornali statunitensi come il New York Times. Il 3 maggio 1999, il Dow ha raggiunto il primo primo posto sopra l’11.000 (11.014.70). I guadagni totali per il decennio hanno superato il 315%; dal livello 2.753 a 11.497.

Il Dow ha registrato un rendimento del 5,3% in media annuo per il 20 ° secolo, un record che Warren Buffett ha definito “un secolo meraviglioso”; quando calcolò che per ottenere di nuovo quel rendimento, l’indice avrebbe dovuto chiudere a circa 2.000.000 entro il dicembre 2099.

Durante il culmine dell’era delle dot.com, gli autori James K. Glassman e Kevin A. Hassett arrivarono al punto di pubblicare un libro intitolato Dow 36,000: La nuova strategia per trarre profitto dall’aumento del mercato azionario. La loro teoria voleva dire che le azioni erano ancora a buon mercato e non era troppo tardi per beneficiare dell’aumento dei prezzi durante il boom di Internet. Caratterizzato dalla paura da parte dei nuovi investitori, l’incertezza degli anni 2000 (decennio) portò a un significativo ribasso.

C’era indecisione se il mercato toro ciclico rappresentasse un rimbalzo temporaneo prolungato o una nuova tendenza a lungo termine. In fin dei conti, ci furono molte dimissioni e delusioni quando i minimi furono rivisti e, in alcuni casi, superati verso la fine del decennio.

Charles Dow chi è

Charles Henry Dow (6 novembre 1851 – 4 dicembre 1902) è stato un giornalista americano che ha co-fondato Dow Jones & Company con Edward Jones e Charles Bergstresser. Dow fondò anche The Wall Street Journal, che è diventato una delle pubblicazioni finanziarie più rispettate al mondo. Ha anche inventato il Dow Jones Industrial Average come parte della sua ricerca sui movimenti del mercato. Ha sviluppato una serie di principi per comprendere e analizzare il comportamento del mercato che in seguito divenne noto come teoria Dow, il fondamento per l’analisi tecnica.

Edward Davis Jones chi è

Chi è Edward Davis Jones? Nato il 7 ottobre 1856 e morto il 16 febbraio 1920, di discendenza gallese, era uno statistico statunitense, per lo più noto per essere il “Jones” nel Dow Jones Industrial Average. Laureato alla Worcester Academy a Worcester, MA, ha co-fondato l’indice Dow Jones & Company nel 1882 insieme a Charles Dow e Charles Bergstresser. Non è associato all’Edward Jones Investments, fondato da un omonimo Edward D. Jones.

Dow Jones come funziona

Come funziona l’indice Dow Jones? Per calcolare il DJIA, la somma dei prezzi di tutti i 30 titoli è divisa per un divisore, il Dow Divisor. Il divisore viene regolato in caso di scissioni di azioni, scissioni o cambiamenti strutturali simili, per garantire che tali eventi non alterino di per sé il valore numerico del DJIA. All’inizio, il divisore iniziale era composto dal numero originale di società componenti; questo inizialmente ha reso il DJIA una semplice media aritmetica. Il divisore attuale, dopo molti aggiustamenti, è inferiore a uno (il che significa che l’indice è maggiore della somma dei prezzi dei componenti).

Eventi quali scissioni di azioni o cambiamenti nell’elenco delle società che compongono l’indice alterano la somma dei prezzi dei componenti. In questi casi, al fine di evitare discontinuità nell’indice, il Dow Divisor viene aggiornato in modo che le quotazioni immediatamente prima e dopo l’evento coincidano.

The Dow Divisor era 0.14748071991788 il 26 giugno 2018. Attualmente, ogni variazione di $ 1 in un determinato stock all’interno della media equivale a un movimento di punto 6.781 (o 1 ÷ 0.14748071991788).

Dow Jones come investire

Come investire nell’indice Dow Jones? Investire nel DJIA è reso ampiamente accessibile in azioni attraverso i fondi negoziati in borsa (ETF) nonché in derivati attraverso contratti di opzione e contratti futures.

Contratti Futures

Nel mercato dei derivati, il Gruppo CME attraverso le sue controllate, la Chicago Mercantile Exchange (CME) e la Chicago Board of Trade (CBOT), emette contratti futures; E-mini Dow ($ 5) Futures (YM), che tracciano la media e scambiano rispettivamente i loro piani di scambio. Il trading viene solitamente effettuato in un’asta Open Outcry o su una rete elettronica come la piattaforma Globex di CME. Dow Futures è uno degli strumenti premarket più importanti e riflette lo stato d’animo in cui si aprirà DJIA.

Contratti di opzione

Il Chicago Board Options Exchange (CBOE) emette Contratti di opzione sul Dow attraverso il simbolo radice DJX in combinazione con opzioni di scadenza a lungo termine chiamate DJX LEAPS. Esistono anche opzioni sui vari ETF; Performance ETFs, Inverse Performance ETFs, 2x Performance ETFs, Inverse 2x Performance ETFs, 3x Performance ETFs, e Inverse 3x Performance ETFs.

Per fare trading sul Dow Jones online si possono utilizzare gli strumenti finanziari di tipo CFD. Negoziare CFD sull’indice Dow Jones online significa negoziare sui futures a scadenza trimestrale più prossimi. Per il Dow Jones le scadenze sono a marzo, giugno, settembre e dicembre. Chi negozia il 7 luglio, ad esempio, negozierà su futures Dow Jones con scadenza al 30 settembre.

I Cfd sono contratti per differenza (ecco da dove deriva il nome, dall’acronimo di Contract for difference), che consentono di guadagnare su una pluralità di asset senza possederli direttamente. Oltre che sulla possibilità di ottenere un guadagno sia se il prezzo sale sia se il prezzo scende. Azzeccando ovviamente la giusta previsione.

Come funziona un CFD? Si tratta di un contratto tra due parti, il trader ed un broker, che esprime la differenza di prezzo di un asset di mercato. Quest’ultima esprime quindi la differenza tra il prezzo di acquisto e di chiusura moltiplicato il numero di azioni specificate nel contratto. Si tratta di un modo di operare che ricalca molto quello che avviene nell’acquisto di azioni. I prezzi indicati dal broker CFD sono molto simili al prezzo di mercato ed è possibile negoziare CFD ricevendo un addebito di una commissione.

Per fare trading sull’indice S&P 500 tramite CFD occorre iscriversi a Broker che offrano questo servizio. Meglio sempre scegliere Broker che abbiano regolare licenza Consob – massima autorità italiana di vigilanza sui mercati finanziari – o della CySEC – massima autorità a livello europeo – in quanto ciò mette a riparo i nostri soldi e i nostri dati sensibili (telefono, e-mail, domicilio, Iban, numero carta) da truffatori malintenzionati.

Oltre a regolare licenza, il Broker deve offrire al trader una serie di servizi:

  • Formazione: tramite ebook, webinar, corsi on demand, incontri annuali dal vivo
  • Conto demo: per fare pratica con soldi virtuali così da non rischiare quando si è neofiti o quando si è esperti e si vogliono provare nuove strategie
  • Assistenza clienti: 7×24, in italiano, facilmente raggiungibile su più canali
  • Segnali di trading: che diano consigli utili su dove e come investire
  • Commissioni e spread favorevoli
  • Grafici chiari che mostrino lo storico degli asset
  • Una app che consenta di fare trading ovunque ci si trovi, sia tramite smartphone che tablet

Trading Dow Jones migliori Broker

Quali sono i migliori Broker su cui fare trading sull’indice Dow Jones? A nostro avviso i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY