Comprare (e vendere) azioni PayPal: come fare e se conviene

Come comprare azioni PayPal? Conviene usare azioni PayPal? Quali sono i migliori Broker per acquistare azioni Paypal?

PayPal, per chi esegue acquisti online o per chi invia e riceve denaro ad amici, parenti o per motivi professionali, non dovrebbe essere una novità.

Si tratta di una piattaforma per le transazioni online attiva ormai da anni. Tra le più importanti ed utilizzate al Mondo.

Al conto PayPal è possibile collegare una propria carta (anche prepagata), così da poter attingere nel caso in cui i soldi sul proprio wallet siano insufficienti. O per trasferire i fondi del wallet su una carta che usiamo per i nostri acquisti in negozi tradizionali o sempre virtuali.

Negli ultimi anni, in realtà, PayPal ha perso qualche colpo. Sia perché non prevede più una propria carta, togliendo così una grande comodità agli utenti. Sia perché sono emerse nuove piattaforme per pagamenti concorrenti, lanciate dagli stessi siti che un tempo la prevedevano come mezzo di pagamento.

Un grande colpo è giunto per esempio da Amazon, prima piattaforma e-commerce al Mondo. Non a caso, il suo fondatore ed attuale Ceo, Jeff Bezos, è da qualche anno l’uomo più ricco del Mondo.

Infatti, Amazon ha lanciato una propria piattaforma di pagamento: Amazon Pay, non prevedendo più Paypal tra le sue opzioni. Anche eBay – che possiamo collocare al secondo posto tra le piattaforme e-commerce più utilizzate – potrebbe fare lo stesso l’anno prossimo.

Aliexpress, la risposta cinese ad Amazon, prevede invece il pagamento di una piccola commissione se si vuole pagare con PayPal.

Tanti piccoli colpi che però non hanno ancora scosso le fondamenta di questa società.

Di seguito, dunque, vi diremo tutto quanto occorre sapere su PayPal. E se è un buon affare fare trading sulle sue azioni.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker eToro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

PayPal cos’è

Cos’è PayPal? Nome completo PayPal Holdings Inc., è una società americana che gestisce un sistema di pagamenti online di livello internazionale.

paypalNatanel 1998 col nome di Confinity, ha lanciato una IPO nel 2002. Proprio quell’anno, è stata rilevata dal colosso e-commerce eBay per $ 1,5 miliardi.

Nel 2019, si è posizionata 204^ nella classifica Fortune 500. Stilata in base al fatturato.

PayPal ha la sua sede centrale nel North Innovation Center di San Jose, in California. Mentre il centro operativo ha sede in Omaha, nel Nebraska. Città famosa per aver dato i natali ad uno dei più ricchi e famosi trader del Mondo: Warren Buffet. Chiamato non a caso l’Oracolo di Omaha.

Dal luglio 2007, PayPal ha aperto una propria sede nell’Unione europea, ma sotto forma di Banca. Con sede in Lussemburgo. Mentre a livello Mondiale, ne ha aperta una a Singapore. Tra i paesi più tecnologici del Mondo. E una in India, altro paese con spiccate attitudini informatiche.

In madre patria americana sono arrivate invece sedi in Arizona, Austin e a La Vista.

A partire dal 2011, ha avviato varie sedi per l’assistenza clienti o funzioni operative a Berlino, Dublino, Shangai, Malesia, Kuala Lumpur.

Azioni PayPal quotazione in tempo reale

Quotate sul NASDAQ con il codice PYPL, le azioni PayPal stanno vivendo al momento della scrittura un grande momento.

Se si guarda all’ultimo quinquennio, le azioni PayPal hanno sfondato la resistenza dei 40 dollari verso fine 2016. Conoscendo un costante rialzo fino al luglio 2019, quando ha raggiunto i 120 dollari ma ha anche registrato una flessione. Forse dovuta all’incasso dei trader, che hanno portato il titolo su un prezzo di 101 dollari.

Poi una nuova ripresa ad inizio 2020, fermatasi bruscamente a febbraio, complice il Coronavirus. Quando è passato da 122 dollari a 86. Il prezzo poi è schizzato verso fine marzo, conoscendo una costante crescita ancora in corso al momento della scrittura. Col titolo che viaggia spedito verso i 180 dollari di prezzo.

Conviene comprare azioni PayPal?

Per rispondere a questa domanda, occorre svolgere una analisi tecnica e fondamentale.

L’analisi tecnica l’abbiamo vista prima per sommi capi, valutando il valore intrinseco del titolo in un periodo medio-lungo. E abbiamo visto come sia in costante crescita, con una accelerata negli ultimi mesi, grazie probabilmente agli acquisti online incrementati con le costrizioni del Lockdown.

Per esempio, in Italia è proprio notizia recentissima di una partnership tra la piattaforma ed Esselunga. Che va così ad aggiungersi alla lunga schiera di siti online che la prevedono come opzione di pagamento.

Per quanto concerne invece l’analisi fondamentale, abbiamo detto che Amazon non prevede già più PayPal da qualche tempo e forse anche eBay potrebbe dismettere i pagamenti tramite PayPal dal 2021.

Facebook per ora prevede PayPal per i pagamenti collegati alle inserzioni pubblicitarie. Ma non va dimenticato che sta per lanciare la propria criptovaluta Libra e non si esclude che in un tempo non remotissimo, potrebbe arrivare anche essa a disfarsi di PayPal.

Secondo le ultime stime 2020, PayPal opera in 202 mercati e conta 305 milioni di conti attivi registrati. Le valute previste da PayPal sono attualmente 25.

In passato, si è fatto anche carico di servizi di formazione in favore degli studenti americani. Gestendo loro conti, al fine di impartire loro i fondamentali riguardo la consapevolezza del proprio denaro.

Il programma è durato ben 7 anni, dal 2009 al 2016. Per poi sospendere il programma nell’agosto di quell’anno.

Una importante svolta è arrivata nel 2007, quando PayPal ha rilevato Bill Me Later, Inc., ribattezzandolo PayPal Credit. Fornendo fornito servizi per Comenity Capital Bank, provided services di PayPal Credit.

Ha così fornito agli utenti l’accesso a una linea di credito rotativa online istantanea presso migliaia di venditori che accettano PayPal. Fornendo un surrogato alla carta di credito tradizionale. Purché sia accettato PayPal come mezzo di pagamento.

Nel 2009 ha lanciato una propria piattaforma, con protezione peer-to-peer. Qualche anno dopo è arrivata la app su iTunes App Store e Google Play.

Ha poi previsto il servizio “One Touch” per siti Web o app, al fine di velocizzare ancora di più i pagamenti. Senza doversi loggare.

Nel 2012 ha lanciato il servizio “PayPal Here”, un sistema di pagamento mobile per piccole imprese. Che consta in una app e in una sim per smartphone di tipo business.

Nel 2013 ha aggiornato la propria app permettendo agli utenti di cercare negozi e ristoranti locali che accettano pagamenti PayPal. Ma anche di prenotare e pagare anticipatamente.

Snocciolando qualche altro numero, nel 2019 ha registrato un fatturato di 17.772 miliardi di dollari. Conta 305 milioni di utenti iscritti. Quasi 22mila dipendenti. Prevede le seguenti sussidiarie:

  • Braintree
  • Paydiant
  • Honey
  • Venmo
  • PayPal Credit
  • Xoom Corporation
  • TIO Networks
  • card.ioi
  • Zettle
  • Tradera

eBay ha completato la sua dismissione nel 2015. Se questa notizia poteva segnare la fine della piattaforma, in realtà in Borsa il titolo ha spiccato il volo. Certo, bisogna capire cosa accadrà quando la piattaforma e-commerce procederà alla totale dismissione.

Mentre il 19 marzo 2019, PayPal ha annunciato la sua partnership con Instagram. Per poter consentire i pagamenti degli acquisti che avvengono sulla popolarissima app. Il servizio si chiama “Checkout on Instagram”.

Tornando alla domanda di partenza, se comprare azioni PayPal conviene, possiamo rispondere tranquillamente di sì. Dato che è una piattaforma consolidata in questo settore. Il quale è però in continua evoluzione e potrebbero cambiare tante cose in futuro.

Potrebbero venire meno importanti partnership (come già accaduto con Amazon), così come potrebbero nascerne di nuove (si pensi a Samsung Pay o a Instagram). Mentre dei grossi punti interrogativi rimangono eBay e Facebook.

Inoltre, il mondo delle criptovalute sta rivoluzionando non poco il settore dei pagamenti online.

Tutto questo per dire che, trattandosi di un titolo tecnologico, bisogna restare costantemente aggiornati sulla evoluzione della rete. Abbinando analisi tecnica ad analisi fondamentale.

Stando anche attenti a dare il giusto peso al titolo PayPal nel proprio portafoglio titoli.

Dove comprare azioni PayPal

E’ possibile comprare azioni PayPal tramite CFD. Contract for difference, contratti derivati che offrono la possibilità di investire su più tipi di asset, con Leva finanziaria e in modo legale e sicuro.

Oltre alle azioni PayPal, è possibile investire anche negli indici azionari di cui fa parte. Sempre tramite CFD. Ovvero:

  • NASDAQ-100 component
  • S&P 100 component
  • S&P 500 component

Di seguito, vi proponiamo 4 Broker molto convenienti per farlo. Sia perché hanno regolari licenze per operare, sia perché non prevedono commissioni sul trading. Quindi sono spread-only. Inoltre, sui servizi offrono commissioni molto vantaggiose.

Investire sul titolo PayPal con ForexTB

Il Broker ForexTB (clicca qui per il sito ufficiale) offre 4 account tra cui scegliere, con deposito minimo di 250 euro.

Tra i servizi di trading più interessanti, troviamo i segnali di trading. Ossia, suggerimenti inviati da esperti del settore a chi ne fa richiesta, dopo aver fatto approfondite analisi tecniche e fondamentali.

I segnali di trading di ForexTB si distinguono in quanto sono inviati da un colosso del settore: Trading Central.

ForexTB ha licenza CySEC.

Per aprire un conto demo con ForexTb clicca qui.

Investire sul titolo PayPal con eToro

Il Broker eToro (clicca qui per il sito ufficiale) ha un solo account, con un deposito minimo di 200 euro.

Tanti i servizi che offre, sui quali primeggia il Copy trading, ossia la possibilità per i trader neofiti di copiare quelli più esperti.

Oltre alla licenza CySEC, eToro vanta le licenze FCA e ASIC.

Per aprire un conto demo con eToro clicca qui.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Fare trading sul titolo PayPal con Plus500

Il Broker Plus500 (clicca qui per il sito ufficiale) gode di licenza CySEC e FCA. Ha un solo account, con 100 euro di deposito minimo, molto semplice da usare e una vasta gamma di asset tra cui scegliere.

Plus500 prevede una comoda Live chat per assistere gli utenti iscritti bisognosi di aiuto o delucidazioni. Mentre sono ben 32 le lingue da scegliere sul sito.

Il broker è sponsor dell’Atletico Madrid dal 2015.

Per aprire un conto demo con Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.