Comprare e Vendere azioni Disney: come fare e piattaforme [2020]

Come comprare azioni Disney? Conviene comprare azioni Disney? Già, perché Disney non è solo quella fabbrica di sogni che tutti conosciamo, fatta di storie favolose raccontate a mezzo cartoon o attori in carne ed ossa da quasi un secolo.

Disney è anche un’ottima occasione di investimento, acquistando i suoi titoli in Borsa. Essendo una società quotata dagli anni ‘50. E’ anche sulla bocca di tutti in questo momento dopo il lancio della sua piattaforma di Streaming Disney+ (Disney Plus) che vuole fare concorrenza a Netflix.

Di seguito vediamo dunque come fare per investire in azioni Disney e se conviene.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker eToro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Disney storia

The Walt Disney Company, più nota semplicemente come Disney, è una multinazionale americana che si occupa di intrattenimento. La propria sede a Burbank, in California. Presso gli omonimi e mitici studios.

La Disney fu originariamente fondata il 16 ottobre 1923 dai fratelli Walt e Roy O. Disney, col nome iniziale Disney Brothers Cartoon Studio.

Negli anni a seguire ha cambiato nome in The Walt Disney Studio e Walt Disney Productions. Fino ad acquisire la attuale denominazione The Walt Disney Company nel 1986.

Come ormai risaputo, l’azienda si è affermata come leader nel settore dell’animazione. Per poi allargare il proprio raggio d’azione anche nei film dal vivo, televisione, e parchi a tema.

Dagli anni ’80, la Disney ha creato di suo e acquisito da terzi, divisioni aziendali con lo scopo di commercializzare contenuti che vadano oltre quelli destinati solo ai più piccoli o alle famiglie.

E così, passo dopo passo, attualmente The Walt Disney Studios include Walt Disney Pictures, Pixar, Marvel Studios, Lucasfilm, 20th Century Studios, Searchlight Pictures e Blue Sky Studios.

Per quanto riguarda i segmenti operativi, troviamo Disney Media Networks, Disney Parks, Experiences and Products e Walt Disney Direct-to-Consumer & International.

L’impero Disney oggi è arrivato a possedere:

  • il network ABC
  • reti televisive via cavo come Disney Channel, ESPN, Freeform, FX e National Geographic e l’ultima arrivata Disney+ (plus)
  • divisioni editoriali, di merchandising, musicali e teatrali
  • Disney Parks, Experiences and Products con 14 parchi a tema sparsi per il Mondo

Simbolo della Disney è ovviamente lui, Topolino, creato nel 1928 dalle società Walt Disney e Ub Iwerks come spin-off di un altro film Plane Crazy. Dove apparve per la prima volta. Il suo primo film da protagonista fu Steamboat Willie, dove appare come un simpatico comandante di una barca. Tra le due pellicole, ce n’è stata una seconda: The Gallopin’ Gaucho.

Mickey Mouse andò a sostituire un altro personaggio: Oswald the Lucky Rabbit, un coniglio antropomorfo che possiamo ritenere un suo antenato. Tenuto comunque in vita fino al 1938.

Negli anni, la Disney ha anche mutato il ruolo della donna. La quale, attraverso i suoi cartoni, è passata dall’essere una figura sognatrice che attende il proverbiale “Principe azzurro” che gli svolti la vita ad una donna disincantata, combattiva, artefice del proprio destino.

La società è inclusa nel Dow Jones Industrial Average dal 1991. Indice azionario che include 30 società americane importanti, anche se da alcuni anni si ritiene che non sia più così rappresentativo, dato che ci sono altri indici ben più inclusivi.

Piattaforme per investire sul titolo Disney

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Conviene comprare azioni Disney?

Il titolo Disney è stato lanciato negli anni 50 sulla Borsa di New York (NYSE). Partendo dal 1980, il titolo quotava 0,89 centesimi dollari per azioni. Il titolo ha proseguito un lento ma incessante rialzo fino al 1998, quando è arrivato a toccare quota 40 dollari ad aprile. Poi un calo sotto i 30 dollari a fine secolo, per poi riprendersi nel 2000 tornando su quota 40 dollari.

Poi un nuovo calo, sotto i 15 dollari nel 2002, poi un nuovo lento e costante rialzo fino al 2008. Quando la famigerata crisi dei subprime ha messo in ginocchio anche le azioni Disney, scese intorno ai 18 dollari.

Da lì una ottima ripresa, con un rialzo costante che ha portato il titolo a toccare i 120 dollari ad inizio 2015. Poi qualche leggero calo alternato a riprese, non scendendo comunque mai sotto i 90 dollari.

Poi un nuovo rialzo a fine 2019, arrivando a sfiorare i 150 dollari e da febbraio 2020 un crollo verticale dovuto alle drammatiche vicende del Coronavirus Covid-19.

Ecco qual è la quotazione attuale del titolo Disney:

Quindi, da ciò si evince come il titolo Disney segua in primis l’andamento medio di tutta la borsa di New York, legandosi in negativo alle vicende principali come l’11 settembre 2011, lo scandalo dei titoli subprima del 2008 e la crisi dovuta al Coronavirus di inizio 2020.

Tuttavia, ha saputo anche bene cavalcare le riprese successive agli shock, tipiche delle borse americane.

Il titolo non può di certo essere considerato obsoleto o legato ad un mondo ormai desueto, visto che negli anni ha acquisito colossi come Marvel o Lucasfilm. Noti rispettivamente per i supereroi dei fumetti la prima e la serie interminabile di Guerre stellari la seconda.

Ma nel suo universo ci sono anche colossi come Network Abc o National Geographic. Che hanno ampliato il suo tipo di programmazione oltre la mera animazione. Così come ad oggi conti 14 parchi a tema.

Quindi, un impero che ha saputo andare ben oltre la mera animazione a mezzo cartoon o film per bambini e famiglie. Investendo continuamente sul proprio futuro, soprattutto a partire dagli anni ‘80.

Anche perché non sono mancati momenti di crisi nel corso della sua storia. Come quelli dei decenni ‘70 e ‘80. Dove la società dovette rivedere il proprio modello di business, aprendo un canale Tv e nuovi parchi a tema. Poi dagli anni ‘90 i profitti tornarono a rifiorire.

Naturalmente, si tratta di una società che ha i suoi problemi. Si pensi al lancio del servizio streaming, che comporta costi aggiuntivi stimati intorno a 1 miliardo di dollari all’anno. Con le spese già aumentate dell’8% su base annua, raggiungendo i 44,6 miliardi di dollari.

Poi, ovviamente, c’è il capitolo concorrenza. Dal 2020 AT&T WarnerMedia introdurrà un proprio servizio di streaming, dopo che ha acquisito Time Warner per 84,5 miliardi di dollari. Il servizio include colossi come HBO, TBS, TNT, Turner Sports, Cartoon Network e soprattutto Warner Bros.

Ad esso, si aggiungerà anche la concorrenza sempre via streaming di Discovery e Comcast.

Parliamo comunque di una società che ha saputo evolversi negli anni ed è un titolo solido su cui puntare. Un brand conosciuto in tutto il Mondo. Poi ovviamente, non bisogna mai dimenticare che il mercato finanziario è sempre qualcosa di imprevedibile.

Fare trading sul titolo Disney con Investous

Detto di Disney, vediamo come comprare le azioni Disney. E’ possibile farlo tramite Cfd, su un Broker come Investous (clicca qui per saperne di più).

Nato nella seconda metà del 2018 e fattosi presto strada nell’Olimpo dei Broker, riuscendo anche a scalzarne altri sul mercato da molto più tempo.

Investous, tra le altre cose, è un Broker che vanta regolare licenza CySEC, prevede solo lo spread sul trading e zero commissioni, nonché i segnali di trading di un colosso con molto credito quale Trading Central. Il quale è stato insignito per 9 anni consecutivi con i prestigiosi Analysis Technical Awards. Per saperne di più sui segnali di trading gratuiti clicca qui.

Investous è anche molto conveniente riguardo le commissioni che prevede sui servizi che propone.

Per aprire un account gratuito su Investous visitate questa pagina.

Fare trading sul titolo Disney con eToro

Il Broker eToro (clicca qui per saperne di più) vanta quasi 11 milioni di trader iscritti sparsi in tutto il mondo. E’ anche essa una piattaforma spread-only, con commissioni molto convenienti.

Il Broker eToro offre servizi come il social network Social trading, il copy trading CopyTrader e i Copyportfolios.

E’ possibile comprare azioni Disney su eToro tramite i succitati Contract for difference. Contratti derivati il cui guadagno, come lascia intuire il nome, derivano dalla differenza di prezzo dell’asset da quando lo abbiamo acquistato a quando viene quotato quando il contratto scade.

Tramite i Cfd è possibile investire sia short che long, sfruttando altresì la Leva finanziaria.

Per aprire un account gratuito su eToro visitate questa pagina.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.