General Electric, crisi Usa-Iran speranza per rialzo azioni

General Electric (GE) dovrebbe battere le aspettative sugli utili del quarto trimestre, secondo gli analisti di Deutsche Bank. Le azioni GE all’ultimo controllo sono aumentate dell’1,1% a $ 11,80 nel trading di lunedì. Sono cadute di oltre il 2% venerdì.

Deutsche Bank si aspetta che General Electric riferisca un utile del quarto trimestre di 19 centesimi per azione, superando la stima dell’analista di 18 centesimi. Questo ritmo sarà guidato da miglioramenti trimestrali nei quattro settori di attività dell’azienda.

Le vendite nel settore energia dovrebbero aumentare di $ 26 milioni, rispetto a un calo di $ 144 milioni nel trimestre precedente. Le vendite di energie rinnovabili dovrebbero aumentare di $ 322 milioni, rispetto a un calo di $ 98 milioni nel trimestre precedente.

Le vendite nel settore dell’aviazione dovrebbero essere $ 1,79 miliardi nel quarto trimestre, rispetto a $ 1,72 miliardi nel periodo precedente. I ricavi sanitari dovrebbero essere $ 1,22 miliardi, rispetto a $ 970 milioni nel terzo.

“È difficile identificare catalizzatori positivi in questo trimestre, dato che le previsioni di consenso sul lato vendita rimangono generalmente troppo elevate”, afferma la nota di DB.

“Nonostante la recente sovraperformance dei corsi azionari di GE, vediamo il potenziale per un risultato coerente con le nostre aspettative di stimolare un continuo slancio del prezzo delle azioni.”

Le azioni GE sono aumentate di quasi il 40% negli ultimi 12 mesi. Il mercato è alla ricerca di un aggiornamento da parte della direzione sull’impatto della messa a terra di Boeing (BA) – 737 MAX.

Un tempo iconico colosso industriale, poche aziende hanno subito una perdita rilevante come la General Electric (NYSE: GE). In effetti, il prezzo delle azioni GE ha raggiunto il picco nella bolla dot-com degli anni 2000, non riuscendo mai a riguadagnare la sua gloria precedente.

Ma con le azioni che si sono trasformate in una performance straordinaria nel 2019, potrebbe verificarsi?

Non solo il picco degli stock di GE di circa 20 anni fa è precipitato a seguito di un considerevole rally che ha portato alla crisi finanziaria del 2008. Le azioni si sono nuovamente schiantate nel 2017 dopo che la situazione fiscale della società è diventata insostenibile. Inoltre, c’è il motto: se le azioni sono economiche, di solito c’è un motivo.

Con il titolo GE, stai correndo il rischio che la gestione possa realizzare una ripresa forse senza precedenti. Ad essere onesti, il leader aziendale che ha il potenziale per farlo è l’attuale CEO Larry Culp. Dirigente con una lunga storia di successi, ha aumentato la capitalizzazione di mercato del suo precedente datore di lavoro Danaher (NYSE: DHR) a $ 50 miliardi da $ 9,7 miliardi durante il suo mandato di 14 anni.

Detto questo, Culp ha trasformato una solida azienda in una grande azienda. Ma con General Electric, il muro che deve scalare ha una dimensione diversa. Per fare un paragone, il titolo GE è Chesapeake Energy (NYSE: CHK) del settore industriale in quanto non è sufficiente un’eccellente leadership. GE richiede altri fattori per spostarsi favorevolmente per vedere la ripresa.

Può succedere? Non è un’opportunità per gli investitori avversi al rischio. Tuttavia, se vuoi fare una piccola scommessa misurata, qui ci sono tre elementi da considerare.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Le azioni di General Electric influenzate da Boeing 737

Gli stakeholder a lungo termine di General Electric hanno indubbiamente familiarità con il detto “quando piove, piove”. In effetti, quando Boeing (NYSE: BA) ha subito una grave crisi con il suo jet 737 Max 8, complice un meccanismo di stabilizzazione difettoso, le agenzie governative di tutto il mondo hanno messo a terra l’aereo.

Per fortuna, General Electric è il produttore del motore di Max 8. Inoltre, la divisione aeronautica della compagnia era uno dei pochi punti luminosi. Senza di essa, il quasi impossibile diventa semplicemente l’impossibile.

Naturalmente, quindi, gli investitori hanno evitato azioni GE come la peste. Tuttavia, la crisi del 737 Max 8 non durerà per sempre. Una volta che Boeing ha riacquistato la fiducia dei suoi clienti, General Electric può quindi tornare al suo business.

General Electric potrebbe beneficiare della crisi tra Usa e Iran

Inoltre, la fortuna di GE potrebbe aver finalmente dipendere da venti esterni. Attualmente, infatti, i titoli non si concentrano su Boeing, ma piuttosto sulle tensioni tra Stati Uniti e Iran. Con la possibilità che il conflitto alla fine possa surriscaldarsi, l’unità di aviazione militare di GE potrebbe godere di un considerevole aumento.

Discorso alquanto cinico, ma tant’è. Chi fa parte dell’industria bellica, non può che sperare che i venti di guerra portino a incendi concreti. Un po’ come accaduto in Australia in questi mesi.

La questione ambientalista

Uno dei notevoli cambiamenti sociali a cui abbiamo assistito negli ultimi anni è l’ambientalismo. Di recente, è nata la Green generation, capeggiata dalla scedese Greta Thunberg.

Le preoccupazioni per la sostenibilità hanno dominato i titoli dell’anno scorso. E una delle soluzioni inoltrate è la promozione di iniziative volte alla energia pulita. L’ultimo mese, il Dipartimento dell’Acqua e dell’Energia di Los Angeles ha annunciato l’intenzione di convertire una delle sue centrali elettriche al 100% di idrogeno entro il 2045. A tale scopo, la società di servizi integrerà una varietà di piattaforme di energia rinnovabile per produrre idrogeno tramite elettrolisi.

Attualmente, le barriere tecnologiche impediscono di raggiungere prima l’obiettivo del 100% di idrogeno, ma secondo i ricercatori di Harvard Lee M. Miller e David Keith, ciò potrebbe non realizzarsi. Sulla base della loro analisi, gli Stati Uniti stanno sottovalutando gravemente i requisiti del territorio per diventare completamente verdi.

Ad esempio, se l’intero paese fosse alimentato da fonti di energia rinnovabile, “potrebbe richiedere che un terzo del paese sia coperto da impianti di energia solare ed eolica rinnovabili”. In altre parole, l’unità di alimentazione di General Electric è ancora rilevante. Ci vuole solo un po’ di tempo perché persone e organizzazioni influenti lo realizzino.

Le azioni di General Electric sono ad un bivio

E’ noto come le azioni GE siano economiche. E il ribasso è dovuto soprattutto alla succitata questione Boeing. Tuttavia, l’angolo opposto è che le azioni sono balzate in modo sostanziale dai suoi minimi di fine 2018.

Al momento della stesura, le azioni GE sono scambiate a poco meno di $ 12. Ciò pone le condivisioni sulla linea di supporto appena prima del suo incidente di ottobre 2018. Per dirla in altro modo, GE è a un bivio. Per gli investitori prudenti, è più sicuro supporre che le azioni abbiano nuovamente raggiunto il picco. Culp può fare miracoli, ma General Electric richiede un miracolo. Ma per gli speculatori, potrebbe esserci abbastanza slancio (almeno nel breve termine) per innescare un significativo rialzo.

Il trend è negativo da luglio 2016, quando il titolo era arrivato a quasi 33 dollari. Poi è intrapresa una discesa inarrestabile, arrivando perfino a 7 dollari nel dicembre 2018. Il timido rialzo in corso da allora è ancora troppo fragile e fatto di continue cadute.

Migliori piattaforme per investire in General Electric

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.