Wormhole: come trasferire criptovalute tra blockchain diverse con un Bridge [Tutorial]

In questo articolo parleremo di Wormhole Bridge cercando di spiegare cos’è e come funziona. La finanza decentralizzata (Defi) ha fatto nascere moltissime opportunità per mettere a rendita asset finanziari come le criptovalute.

Molti progetti sono nati sulla blockchain di Ethereum, altri invece su blockchain differenti. Questo, da un lato apre scenari interessanti, dall’altra pone il problema di spostare crypto tra blockchain diverse. Cosa accade se infatti si vogliono spostare i propri fondi da una catena all’altra?

Ad esempio supponiamo di avere USDC su rete Solana e di volerli spostare su Terra per investire sui protocolli di Terra Luna. Come fare? La soluzione consiste nell’utilizzare un Bridge che faccia da ponte tra due chain.

Wormhole è appunto un bridge che consente con semplicità di trasferire asset da una blockchain ad un’altra con la massima sicurezza. Vedremo, infatti, con un esempio come sia facile tornare indietro sui propri passi o completare il trasferimento se qualcosa va storto durante la conversione.

Ecco quindi la guida definitiva su come usare Wormhole e trasferire i propri fondi su chain eterogenee. Vedremo prima di tutto come funziona un Bridge e qualche esempio di spostamento con un video tutorial alla fine che spiega passo passo come fare.

Se ti interessa fare trading in modo sicuro puoi utilizzare le piattaforme regolamentate come ad esempio quella del broker eToro.

  1. Registrati su eToro
  2. Fai pratica con il conto demo
  3. Deposita denaro sul tuo account
  4. Prova il copy trading

Che cos’è un Bridge ?

Il numero di blockchain continua a crescere e spesso queste non comunicano tra loro. Stiamo assistendo, infatti, allo sviluppo di reti indipendenti ognuna con i propri token, comunità di utenti attivi e servizi.

Sorge quindi la necessità, in un mondo decentralizzato, di scambiare informazioni tra reti eterogenee. Il fatto che Bitcoin, Ethereum o Solana abbiano tutte delle proprie blockchain indipendenti va contro proprio il principio di decentralizzazione.

Generalmente le applicazioni e gli smart contract costruiti su una blockchain funzionano solo si quella. Questo pone dei limiti evidenti allo sviluppo della tecnologia e all’interoperabilità.

E’ per questo motivo che stanno nascendo dei bridge (letteralmente “ponti”) che permettono il trasferimento sicuro di asset, criptovalute, NFT e qualsiasi cosa abbia un “valore” tra chain differenti.

Quello dell’interoperabilità sarà uno dei temi centrali di quest’anno, sopratutto se vogliamo che la tecnologia si sviluppi sempre di più e non ci siano limiti all’adozione di massa delle criptovalute.

Come sapete una criptovaluta si basa fondamentalmente su una tecnologia ovvero la blockchain.

Nel settore ci sono tante blockchain, gli esempi più grandi sono Bitcoin, Ethereum, Solana, Terra per citare i più importanti.

Gli investitori di criptovalute si troveranno prima o poi ad operare sulla Defi (finanza decentralizzata) e a voler spostare i propri fondi. Ecco che in questo caso il Bridge ci viene in aiuto.

Prima di affidarsi ad uno qualunque di questi strumenti è bene studiare e fare delle prove. In questa guida parleremo di uno dei bridge del momento ovvero Wormhole.

👍 Cos’è ?App decentralizzata che consente di trasferire asset (crypto) tra blockchain diverse.
✅ CaratteristicheCommissioni basse / Molte chain supportate
💰Tokenvh(token)
✅ Blockchain supportateSolana / Ethereum / BSC / Terra / Polygon / Avalanche / Oasis
🥇Migliore piattaforma per criptovaluteeToro
🥇Miglior exchange centralizzatoBinance

Come funziona Wormhole Bridge

Cos’è dunque Wormhole? Si tratta di un bridge, come visto in precedenza, che permette di trasferire crypto, NFT e token tra reti differenti.

Rispetto alla prima versione, nell’ultima sono state introdotte varie novità. Ecco alcune caratteristiche importanti di Wormhole:

  1. Supporta molte blockchain tra cui Solana, Ethereum, Binance Smart Chain, Terra, Polygon, Avalanche, Oasis
  2. Possibilità di trasferire token, crypto ed NFT
  3. Costi e commissioni basse
Wormhole Bridge

Essendo uno scambio cross chain si andranno quindi a pagare le gas fees (costi di transazione) su ogni chain con cui si interagisce.

Ma come funziona Wormhole? In pratica Wormhole fa il wrapping dei token che si vogliono scambiare e li deposita in uno smart contract. Avremo ad esempio dei token vh (il token nativo), weUSCD, wsSOL per citarne alcuni.

Wormhole usa oracoli decentralizzati che tracciano quando gli utenti bloccano i loro token e fanno il burn su una rete.

Detta così sembra difficile, in realtà il funzionamento è molto semplice. Gli asset wrapped generati vengono poi inviati sulla blockchain di destinazione sulla quale possono essere scambiati sui vari protocolli Defi.

Chiariremo tutto con degli esempi vedendo anche cosa fare in caso di errori e come tornare indietro se si commettono errori nelle transazioni.

Esempio: spostamento di token da Terra a Solana

Dalla home page di Wormhole, supponiamo di voler fare un trasferimento di token, come prima cosa clicchiamo su “Transfer Token” e ci ritroveremo in questa schermata.

Come possiamo vedere il processo di trasferimento richiede dei passi:

  1. Source: selezione della blockchain di partenza e del token da inviae
  2. Target: selezione della blockchain di arrivo
  3. Send Token: processo attraverso il quale si fa il wrapping e l’invio verso la chain di destinazione
  4. Redeem Token: fase in cui si completa la procedura di trasferimento in caso di errori

Vediamo allora con un esempio come trasferire i nostri asset. Supponiamo che la nostra Source sia la rete Terra e che il Target sia Solana, ovvero vogliamo spostare asset tra queste due chain.

E nell’esempio specifico vogliamo spostare UST su rete Solana.

Fase 1: Apriamo Wormhoke e selezioniamo Target Solana

Clicchiamo su Connect e colleghiamo il nostro Wallet come ad esempio Terra Station. Da Terra permettiamo a Wormhole di accedere ai nostri fondi.

Clicchiamo su Select Token e decidiamo quale token, ad esempio UST . Come vedete nell’immagine qui sotto vengono proposte anche applicazioni Defi per fare il wrapping di UST.

Selezioniamo l’importo da trasferire e clicchiamo su Next.

Fase 2: Target

Scelta la chain di partenza ora selezioniamo la blockchain di arrivo selezionandola in Target e connettendo il nostro wallet.

Selezioniamo in questo caso Solana e colleghiamo il nostro wallet, useremo il Phantom Wallet ma possiamo usare quello che vogliamo.

Come vedete il sistema ci fa il riepilogo del token che stiamo per inviare al bridge avvisandoci che pagheremo delle commissioni su rete Solana.

Fase 3: Send token

Arriviamo dunque alla fase vera e propria in cui si inviano i token. Come vedete da questa schermata:

ci prepariamo all’invio dei fondi. Cliccando su Transfer ci viene chiesta la conferma. Stiamo inviando UST da Terra a Solana in un token wrapped.

Clicchiamo su Confirm e la transazione si conclude. Una volta ricevuto il token nel nostro wallet potremo fare lo swap sulla rete Solana oppure usarlo come vogliamo.

In pochi istanti dunque dovremmo vedere su Phantom i nostri UST wrapped su rete Solana. Nel caso in cui chiudiamo la finestra del browser o ci sono problemi di rete possiamo usare la fase 4 di Redeem per recupere la nostra transazione.

Fase 4 : Redeem token

Come vediamo in questa schermata possiamo anche recuperare una transazione nel caso ci fossero problemi di connessione.

Possiamo andare nella schermata “Redeem” come vediamo in questa foto:

e recuperare una transazione non andata a buon fine. Ecco i passi da seguire:

  1. Selezioniamo in Source la chain da cui è partita la transazione
  2. Selezioniamo in Target la chain a cui sono stato inviati i fondi
  3. In Source (tx) inseriamo il codice della transazione

Clicchiamo su Recover ed il sistema ci dirà se la transazione non è completata permettendoci di recuperarla. Se l’indirizzo inserito al punto 3 corrisponde effettivamente ad una transazione di fondi a Wormhole potremo riprenderla e completarla.

Questa procedura ci può servire anche in caso di errore come vedremo in seguito. Ora il punto difficile per molti è trovare il Source (Tx) della transazione. Niente paura è più semplice di quanto pensiamo,

Se abbiamo usato come Source nel nostro caso Terra troveremo la transazione nella history di Terra Station che ci manderà su Terra Finder. Nel caso di Ethereum sarà ad esempio Etherscan o BSC Scan in caso di rete di Binance. Per Solana avremo ad esempio Solscan.

Ad ogni modo in wallet come Metamask, Phantom o Terra Station è sempre possibile vedere le ultime transazioni in cui trovare il codice della transazione o transaction hash.

Potremo così ottenere i nostri token nella chain di interesse.

Esempio di transazione errata: invio di USDC da Solana a Terra

Abbiamo detto che il transaction hash è molto importante in quanto ci consente sia di completare una transazione di Redeem ma anche di tornare indietro.

Sui nostri canali social un utente ci ha posto una domanda relativa ad un errore che ha fatto e così abbiamo pensato di rispondere qui in modo da aiutare anche altri utenti che potrebbero fare lo stesso.

Esempio: Solana – > Terra

Token: USDC → UST

L’utente in questione ha inviato USD Coin da Solana alla rete Terra confermando la transazione. Sfortunatamente non esiste un token wrapped USDC sulla rete Terra.

Dopo tutte le fasi, l’utente così di ritrova con un token wh che non è possibile scambiare su Terra.

Per farlo in modo corretto avrebbe dovuto fare lo swap di USDC in wUST su rete Solana con un DEX come Orca Finance ad esempio e poi inviarlo tramite Wormhole.

In questo caso avrebbe ricevuto UST direttamente su Terra.

Cosa fare in questi casi? I fondi sono persi? Assolutamente no. E’ infatti sufficiente copiare il transaction hash come vediamo in questa foto:

Andiamo sulla transazione nella History di Terra, scendiamo giù nella schermata cliccando su Show Logs e troviamo il codice del contratto.

Copiamo il codice avviando il procedimento al contrario selezionando in Wormhole come Source Terra e come blockchain target Solana.

Copiamo il codice del contratto in Select Token.

Come vedete il sistema trova che è stata fatta una transazione e ci consente di riavere i nostri USDC su Solana facendo l’operazione contraria.

Come vedete il tutto è molto semplice ed intuitivo.

Interoperabilità: il futuro della Blockchain

Il futuro del web è sicuramente rivolto all’apertura e alla decentralizzazione. Lo sviluppo del web 3.0 richiederà sempre più interoperabilità e la blockchain può essere una tecnologia di aiuto.

I bridge ad esempio consentiranno a blockchain di coesistere e scambiare informazioni in modo più veloce e sicuro contribuendo alla nascita di nuovi paradigmi. Se vogliamo più adozione da parte della massa si deve necessariamente andare in questa direzione.

I protocolli blockchain devono collaborare tra loro spingendo la tecnologia ad essere più aperta e sfruttabile per facilitare l’accesso a chi vuole investire.

In un futuro ideale gli scambi tra chain diversi dovrebbero avvenire in modo trasparente, senza che l’utente conosca tutte queste dinamiche di spostamento di fondi.

Wormhole Bridge: le domande frequenti

Cos’è Wormhole Bridge?

Si tratta di un bridge che consente di inviare asset tra blockchain differenti con costi bassi ed in modo semplice ed immediato.

Come funziona Wormhole?

E’ un ponte che collega due blockchain in Defi permettendo l’invio di asset tokenizzati facilitando lo scambio. Wormhole fa il minting dei token wrapped che possono essere riscattati sulla rete di destinazione.

Wormhole ha un token?

Wormhole fa da bridge dunque effettua il wrapping e l’invio in cambio dei fondi inviati, non è una blockchain con un suo token ma una applicazione decentralizzata.

Wormhole Riepilogo

Conclusioni

Abbiamo visto in questa guida il funzionamento di Wormhole bridge. Si tratta di una piattaforma molto utile che risolve un problema fondamentale, quello del trasferimento di token, NFT ed asset tra una blockchain ed un’altra.

Nel mercato esistono altri bridge ma questa piattaforma sta crescendo in volumi ed utilizzo da parte degli utenti. Basta usarla per rendersi conto dei margini di miglioramento che ha. Rappresenta dunque una scelta ottimale per chi vuole risparmiare tempo nei trasferimenti cross chain.

Se volete invece investire in criptovalute avete la solita scelta. Potete utilizzare la Defi oppure acquistare crypto sui principali exchange o fare trading sulle piattaforme CFD.

Per iniziare è fondamentale partire a fare pratica con le demo. Vi lasciamo con i link ufficiali che sono mediati dal server di WebEconomia in modo da garantire l’accesso sicuro:

Sono le migliori piattaforme con conti demo illimitati e sopratutto gratuiti per sempre.