Ford rilancia il modello Bronco ma arrivano accuse per caso Floyd

Il mercato delle auto, si sa, non vive un buon momento ormai da anni. Poi se arrivano anche crisi economiche come quella che stiamo vivendo complice il Covid-19, le cose non possono di certo andare meglio.

Non fa accezione a questa situazione Ford, colosso automobilistico americano. Il cui titolo è in continuo declino ormai dal luglio 2014, quando ha toccato per l’ultima volta i 17 dollari. A maggio 2020 è sceso sotto i 5 dollari, per poi riprendersi leggermente in estate.

E così, ha tirato fuori dal cilindro una vecchia gloria del passato. Fuori produzione da 24 anni. Il modello Broco.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker eToro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Ford Broco modelli

Il modello Ford Bronco tornerà sul mercato dal 2021, come annunciato in diretta streaming (ormai un must imposto anche esso dalla Pandemia) lunedì 13 luglio in simultanea su ABC, ESPN e National Geographic. Un vero e proprio cortometraggio dove sono stati presentati i vari modelli previsti:

  • la Bronco a 2 porte
  • la Bronco a 4 porte
  • la Bronco Sport

La serie di punta di veicoli Ford 4 × 4 è un marchio che si appoggia fortemente su nostalgia, personalizzazione, design funzionale e tecnologia. Come il sistema di infotainment di prossima generazione della casa automobilistica e una funzionalità di tracciabilità digitale che consente ai proprietari di pianificare, registrare e condividere le loro esperienze tramite un’app.

Non è la Ford Bronco del 1966, il primo anno in cui il robusto fuoristrada a due porte è arrivato sul mercato per competere con la Jeep CJ-5.

Tuttavia, il DNA di quel modello storico è presente in questa versione moderna del Bronco 2 e in una nuova versione a quattro porte. Il terzo modello, il Bronco Sport, è uno spin-off più comodo, più piccolo e più economico, progettato per essere off-road capace e funzionare come un guidatore quotidiano nelle strade e nelle autostrade della città.

La produzione sui nuovi Bronco 2 e Bronco 4 partirà ad inizio 2021 con i primi modelli che arriveranno nelle concessionarie la prossima primavera. Sebbene la Bronco Sport raggiungerà i concessionari entro la fine dell’anno prossimo.

Tutti e tre i modelli Bronco saranno costruiti nello stabilimento di assemblaggio del Michigan, a Wayne. Ford ha anche aperto le prenotazioni, in cui i potenziali clienti possono risparmiare $ 100 per mantenere il loro posto per i modelli Bronco a due e quattro porte.

Il modello base Bronco 2 parte da $ 29.995 e il Bronco 4 inizia $ 34.695. La versione base di Bronco Sport inizia a $ 28,155.

Quotazione del titolo Ford

Ford coinvolto dal caso Floyd

Sulla scia dei recenti movimenti per l’uguaglianza razziale, c’è una spinta per Ford Motor Company a fare un grande cambiamento.

Alcuni dipendenti chiedono alla casa automobilistica di smettere di costruire e vendere veicoli della polizia.

Le auto e i SUV Ford sono stati un punto fermo per le forze dell’ordine per buona parte dell’ultimo secolo. Ma i dipendenti chiedono alla società di riconsiderare tale partnership, i dirigenti Ford hanno dichiarato di poter supportare il cambiamento senza cambiare le vendite o la produzione.

La scorsa settimana, ben 100 dipendenti Ford hanno chiesto alla casa automobilistica di interrompere la produzione di veicoli per i dipartimenti di polizia.

Nella lettera, i dipendenti citano le immagini degli ufficiali dei veicoli della polizia Ford che guidano tra folle di manifestanti e utilizzano agenti chimici. Oltretutto, il marchio Ford è chiaramente visibile nel filmato della morte di George Floyd.

Il gigante automobilistico ha prodotto veicoli utilizzati dalle forze dell’ordine dagli anni ’50. Secondo il sito Web di Ford, la sua flotta di veicoli della polizia includeva Ford Explorer ribattezzato Interceptor, F-150 e Expedition SUV, ciascuno con aggiornamenti di sicurezza e guida per gli ufficiali. Nessun veicolo della polizia è più iconico della Crown Victoria, che ha cessato la produzione nel 2011.

In risposta, il CEO di Ford Jim Hackett e il presidente Bill Ford hanno dichiarato che Black Lives Matter sta rivedendo la diversità dell’azienda, ma le vendite di veicoli della polizia continueranno. In una e-mail ai dipendenti, Hackett ha dichiarato che la vendita di veicoli della polizia non è controversa e che “i problemi che affliggono la credibilità della polizia non hanno nulla a che fare con i veicoli che guidano”.

Ha aggiunto che porre fine alla vendita di veicoli della polizia danneggerebbe la sicurezza degli ufficiali.

Tuttavia, la dirigenza Ford ha lasciato intendere che non ha intenzione di fermare la fornitura di auto alla polizia americana. Anche perché, in un periodo di vacche magre come quello in cui versa da tempo, non potrebbe neanche permetterselo.

Non disdegnando comunque il proprio impegno per le istanze anti-razziste che stanno incendiando il mondo da alcune settimane. Puntando il fatto che la capacità di intervento della polizia, passi anche per le vetture che gli forniscono.

Ecco di seguito alcuni passaggi principali del comunicato stampa della multinazionale americana, inviato dal CEO Jim Hackett, in accordo con Bill Ford, presidente della multinazionale come vuole discendenza:

“(…) I problemi che affliggono la credibilità della polizia non hanno nulla a che fare con i veicoli che guidano (…) i veicoli Ford più intelligenti possono essere utilizzati non solo per migliorare la capacità degli agenti di proteggere e servire. Ma anche per fornire dati che possono rendere la polizia più sicura e responsabile (…) Portando via i nostri intercettori di polizia, faremmo del male alla loro sicurezza e renderebbe loro più difficile svolgere il loro lavoro (…) Credo che queste sfortunate circostanze offrano a Ford un’opportunità ancora più grande non solo di innovare nuove soluzioni, ma anche di sfruttare la nostra posizione unica”.

Vendite Ford crollate di un terzo nel Q2 2020

Le vendite di Ford Motor Co. nel secondo trimestre sono diminuite del 33%. Ma è in “buona compagnia”, dato che, nello stesso lasso di tempo, General Motors Co. ha registrato un calo delle vendite del 34% e Fiat Chrysler Automobiles NV un calo del 39%.

Il che dimostra quanto il COVID-19 abbia influenzato le vendite di automobili in gran parte dell’economia statunitense. E non solo.

Stando ai dati snocciolati dalla stessa Ford, la casa automobilistica ha venduto 433.869 nel secondo trimestre 2020, in calo rispetto ai 650.336 venduti l’anno scorso. Le vendite al dettaglio di Ford sono diminuite di meno del 14,3%.

L’arresto del coronavirus ha influenzato maggiormente le vendite della flotta. I noleggi giornalieri sono diminuiti del 94%, mentre quelli commerciali sono scesi del 78% dagli arresti della produzione. Le prestazioni commerciali sono migliorate nel trimestre, ha osservato Ford.

La redditizia serie F della Ford ha registrato vendite complessive di 180.825 pickup, in calo del 22,7% rispetto allo scorso anno. La Serie F ha ampliato la propria posizione di leadership nel secondo trimestre con un aumento stimato di 2,6 punti percentuali nella quota di vendita al dettaglio.

Nel mese di giugno, la Ford Explorer è diventata il SUV di medie dimensioni più venduto. Le vendite complessive di Explorer sono aumentate del 12% rispetto allo scorso anno.

Tuttavia, la società ha messo in piedi una politica di incentivi che ha fatto in modo che l’urto della crisi fosse minore.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.