Bitcoin supera i 50.000$: le ragioni del nuovo pump e le previsioni future

Il 2024 si è aperto all’insegna di un forte rally rialzista per il Bitcoin, con il prezzo che è riuscito a superare nuovamente la soglia psicologica dei 50.000 dollari dopo oltre un anno.

L’ultima volta che la criptovaluta più famosa aveva raggiunto questo livello era dicembre 2021.

Quali sono i fattori che hanno determinato questa nuova impennata del prezzo? E cosa possiamo aspettarci per il futuro prossimo del Bitcoin?

Bitcoin supera i 50.000 dollari

Se volete investire in criptovalute potete utilizzare la piattaforma regolamentata di eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito).

E’ un broker che può essere utilizzato anche sfruttando la funzionalità di Copy Trading, cosa che permette di copiare le posizioni di altri trader automaticamente. Per attivare un conto sono poi sufficienti 50€ per iniziare subito, oltre al conto demo gratuito.

Per saperne di più sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.

51% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando opera con questo fornitore di CFD. Dovreste valutare se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.

Gli ETF spot Bitcoin guidano la crescita

Uno dei fattori chiave che ha contribuito a far risalire il prezzo del Bitcoin oltre i 50.000 dollari è l’approvazione di numerosi ETF spot Bitcoin sul mercato americano a Gennaio 2024.

Secondo un report della società di asset management CoinShares, nell’ultima settimana questi ETF spot hanno registrato flussi record pari a oltre 1 miliardo di dollari.

Report Coinshares ETF

La stragrande maggioranza di questi nuovi capitali, circa il 98%, è confluita in fondi su Bitcoin. I maggiori ETF spot sul mercato, come quelli di BlackRock e Fidelity, hanno visto crescere gli asset in gestione di centinaia di milioni nel giro di pochi giorni.

Per dare un termine di paragone, l’interesse istituzionale condensato in questi ETF spot risulta attualmente più di 10 volte superiore alla nuova produzione giornaliera di Bitcoin generata dai miner, pari a circa 1.100 BTC al giorno.

Questa fortissima domanda incontra una offerta limitata, e ciò contribuisce a far salire il prezzo. Finché il trend di crescita dei flussi di capitali verso gli ETF prosegue, è plausibile che costituisca un solido supporto al rally rialzista di Bitcoin.

Per saperne di più sugli ETF Bitcoin puoi consultare questo video:

ETF Bitcoin: cosa sono e come funzionano (Guida 2024)
Dopo anni di attesa, nel 2024 la SEC ha finalmente approvato i primi ETF spot Bitcoin negli Stati Uniti, dando il via a una nuova era per le criptovalute com…
ETF Bitcoin: cosa sono e come funzionano (Guida 2024)

The video was uploaded on 15/1/2024.

You can view the video here.

The video lasts for 31 minutes and 13 seconds.

in cui abbiamo spiegato cosa sono questi prodotti e come funzionano.

Gli investitori retail acquistano in vista dell’halving

Oltre al traino degli investitori istituzionali con gli ETF spot, un altro fattore che sta alimentando l’attuale crescita del Bitcoin è l’interesse da parte degli investitori retail, soprattutto in previsione dell’halving previsto per aprile 2024.

L’halving è un evento fondamentale nel codice di Bitcoin che si verifica circa ogni 4 anni. Comporta un dimezzamento della ricompensa che spetta ai miner per ogni blocco validato sulla rete, e quindi una riduzione dell’offerta di nuovi Bitcoin immessi in circolazione.

Considerando le leggi della domanda e dell’offerta, la progressiva diminuzione del tasso di emissione di Bitcoin tende storicamente a farne aumentare il valore di mercato. Per questo, in vista dell’halving molti investitori retail stanno accumulando Bitcoin, scommettendo su un apprezzamento del prezzo a seguito di questo evento.

E’ anche un meccanismo psicologico che contribuisce a portare molti retail a credere che il prezzo aumenterà.

Si tratta di una strategia adottata anche in occasione dei precedenti halving, basata sull’assunto che la ridotta offerta non sarà bilanciata da un analogo calo della domanda. Gli investitori individuali confidano che anche questa volta l’effetto sarà un rally rialzista, e si posizionano di conseguenza acquistando Bitcoin con largo anticipo sulla data dell’halving.

Come segnala Grayscale in un report sull’halving, questa volta Bitcoin potrebbe comportarsi diversamente. Le classiche vendite che aumentano da parte dei miner subito dopo l’halving potrebbe questa volta essere “compensate” dall’effetto degli ETF.

Possibile una nuova corsa verso i massimi storici?

Alla luce del traino offerto dagli ETF spot e dall’interesse retail per l’halving, quali prospettive ci sono per il futuro a medio termine del Bitcoin?

Secondo alcuni analisti tra i più ottimisti, l’attuale contesto potrebbe preludere ad una nuova corsa rialzista capace di riportare il Bitcoin a segnare un nuovo All Time Hight (ATH) nei prossimi mesi. Bisogna considerare che il record assoluto per la criptovaluta risale a novembre 2021, quando raggiunse la quotazione record di 64.899 dollari.

Con l’effetto ETF spot sul mercato americano e la “spinta” dell’halving sulla riduzione dell’offerta, c’è chi ritiene che traguardi come i 100.000 dollari siano tutt’altro che irrealistici da raggiungere entro la fine del 2024. Si tratta certamente di proiezioni ambiziose, che richiederebbero il mantenimento di volumi di acquisto molto elevati per un periodo prolungato.

Ecco qual è la quotazione attuale di Bitcoin:

Affinché la corsa verso i massimi storici si realizzi effettivamente, saranno però necessari ulteriori sviluppi positivi, sia in termini di domanda istituzionale che interesse del pubblico. Una minore volatilità dei prezzi favorirebbe inoltre una crescita più organica e stabile nel tempo.

Conclusioni: cosa ci aspetta ora?

Il superamento dei $50.000 da parte di Bitcoin rappresenta un momento chiave per il mercato delle criptovalute. Segna un ritorno di fiducia dopo il “crypto winter” del 2022 e alimenta l’entusiasmo per il futuro di questa tecnologia.

La recente crescita esplosiva del prezzo appare trainata principalmente dalla domanda istituzionale degli ETF e dall’interesse retail per l’halving 2024. Se questi fattori persisteranno, ci sono concrete possibilità di assistere ad una nuova corsa rialzista che potrebbe riportare la criptovaluta leader verso i massimi storici.

Tuttavia, la strada per una crescita sostenuta è piena di sfide. La volatilità di Bitcoin rimane un ostacolo per l’adozione da parte del grande pubblico.

La strada per i 100.000$ rimane ancora lunga e la prudenza resta d’obbligo per ogni investitore.

Il superamento dei $50.000 è un passo importante per Bitcoin, non è un punto di arrivo ma l’inizio di una nuova fase per un mercato che vuole diventare più maturo.

Naturalmente le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.

51% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando opera con questo fornitore di CFD. Dovreste valutare se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.

Per altri approfondimenti puoi seguirci sul nostro canale Youtube dove analizziamo i migliori progetti crypto e sul nostro canale Telegram per avere notizie e aggiornamenti su tutto il mercato crypto e sui vari progetti.