Piano di Accumulo di Capitale (PAC): come funziona, rischi e vantaggi

Investire con un Piano di Accumulo di Capitale? E’ facile, vediamo come funziona, che esborso comporta, quali sono i rischi ed i vantaggi associati. Se stai cercando un modo per investire il tuo capitale risparmiato, puoi decidere ed optare per i Piani di accumulo o PAC, i quali sono la soluzione ideale per chi vuole pensare al proprio futuro o investire in modo graduale, senza neppure accorgersi di versare soldi, risparmiando. Vediamo di scendere in dettaglio.

Piano di accumulo di Capitale: che cos’è?

I PAC (Piani di accumulo) sono dei prodotti interessantissimi di investimento che servono a creare e ad “accumulare” (come ricorda la denominazione stessa) un capitale, il quale cresce gradualmente nel tempo. Ciò consente di assicurarsi un futuro migliore, preservare l’attuale benessere economico durante la vecchiaia o assicurare l’avvenire di un figlio o di un nipote, badare alla sua stabilità economica o garantire una riserva di denaro da utilizzare per la formazione o per avviare un progetto di vita, come acquistare una casa o finanziare la formazione.

I piani di accumulo si annoverano tra le forme di risparmio che consentono di perseguire una sana strategia di investimento fruttuoso e graduale nel tempo, non richiedendo necessariamente di versare un’ingente somma. Infatti, la somma da versare viene fissata e pattuita in base: alle tue possibilità; alla somma che si vuole raggiungere al termine dei versamenti. Vi è piena libertà da parte del soggetto contraente di sancire e determinare la somma da versare per accumulare e maturare un determinato capitale che può essere riscattato in maniera anticipata o alla fine del termine del contratto.

In pratica, se si dispone di piccole cifre risparmiate o accumulate nel corso di una vita, il Piano di Accumulo consente di “accumulare” gradualmente ed in maniera assolutamente sana un capitale, al fine ultimo di accrescerlo per mezzo di investimenti finanziari.

Caratteristiche del Piano di Accumulo (PAC)

Il Piano di Accumulo è uno strumento di investimento che consente di puntare nel medio-lungo termine, cercando di approfittare dei rendimenti dei mercati azionari. Per questo è ideale per chi, come te, vuole giungere ad accumulare con gradualità e nel tempo una somma con versamenti mensili anche di importo esiguo. Le somme, l’ammontare e la regolarità dei versamenti è a discrezione del cliente che decide di sottoscrivere un Piano di accumulo. Per poter sottoscrive un PAC, occorre essere titolari di un conto corrente bancario.

Si deve tenere debitamente conto che esistono diversi piani di accumulo con differenti classi di rischiosità che occorre valutare seriamente; il capitale risparmiato aumenta senza avvertire il peso di troppi sacrifici e di troppe proibizioni. E’ vero che si tratta di una forma di “risparmio forzato” ma, al termine dei versamenti, il soggetto potrà beneficiare ed accedere al proprio capitale maturato nel tempo, senza problemi. Inoltre, è data la possibilità di sospendere o interrompere un Piano di Accumulo senza applicazione di penali e con la possibilità di riscattare il capitale maturato, senza subire delle perdite rispetto a quanto versato in fase di accumulo.

Vantaggi derivanti dal PAC

Come hai compreso un primissimo vantaggio rispetto ad altre forme di investimento e di risparmio forzato riguarda il fatto che puoi decidere a tua discrezione l’importo da versare, si tratta anche di piccole somme da investire mensilmente, senza troppi sacrifici. Decidi tu quanto vuoi investire e risparmiare.

Inoltre, la diversificazione temporale del Piano di accumulo diluisce il rischio di oscillazione e di volatilità del mercato, puoi diversificare l’investimento tra una vasta varietà di asset finanziari: non concentrare tutto in un unico investimento in un solo momento, ricordati sempre di diversificare il portafoglio rischio/rendimento con il vantaggio di bilanciare gli alti e bassi del mercato. Ad esempio i fondi comuni sono strutturati in modo tale da proteggete il capitale investito dalla volatilità dei mercati finanziari e di gestire in maniera professionale i risparmi. Proprio, per questo, per aprire un piano di accumulo è necessario scegliere per prima cosa, gli assets sui quali si vuole investire periodicamente i risparmi quali: titoli di Stato, obbligazioni, azioni, quote di fondi comuni d’investimento.

Molti istituti di credito e banche offrono un importante vantaggio, quello riguardante la flessibilità e la possibilità di personalizzare il prodotto: in ogni momento e senza spese aggiuntive si ha la possibilità di variare gli assets, il loro importo e la relativa periodicità, o anche sospendere il piano per poi riattivarlo più avanti, senza pagare e sostenere penali.

Rischi derivanti dal PAC

Come ogni forma di investimento esistono dei rischi e svantaggi intrinseci che occorre considerare ad hoc prima di investire in questa forma di risparmio.

Quando si opta per fare un investimento, c’è sempre un grado di rischiosità da valutare: non si può stimare con precisione quale sarà il grado di rischio e di rendimento del prodotto finanziario e di investimento. Per stimarlo bisognerebbe analizzare il mercato finanziario nella sua interezza ed il quadro macroeconomico generale. La rischiosità del PAC deriva e dipende dal tipo di investimento scelto con riferimento al mercato delle azioni e delle obbligazioni, per questo si può attutire il rischio ricorrendo alla strategia di diversificazione del portafoglio assets. Il problema della volatilità potrebbe essere risolta impostando investimenti di lungo termine e facendo leva sulla componente obbligazionaria con il trascorrere del tempo.

Altro svantaggio per il contraente potrebbe essere quello legato al fatto che per raggiungere il suo obiettivo di investimento, deve accumulare gradualmente e puntare al medio-lungo termine per ricevere il capitale. Non esiste una durata ottimale degli investimenti, ma la teoria della finanza e l’esperienza insegnano che, storicamente, per periodi superiori ai dieci anni le azioni ed ogni asset garantiscono ottime soddisfazioni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY