Nikkei indice: cos’è, come funziona, storia, come fare trading

Cos’è l’Indice Nikkei? Come funziona l’indice Nikkei? Qual è la storia dell’Indice Nikkei? Come fare trading con Indice Nikkei? Perché Indice Nikkei è importante? Scopriamolo di seguito.

Il Nikkei 225, chiamato più comunemente Nikkei, è l’indice azionario della borsa di Tokyo (Tokyo Stock Exchange o TSE). Viene calcolato dal quotidiano Nihon Keizai Shimbun (Nikkei). Fu calcolato per la prima volta nel 1950 e rappresenta la più citata media di titoli azionari giapponesi.

È simile al Dow Jones statunitense, in quanto si tratta di un indice ponderato in base al prezzo. Nel calcolo del valore dell’indice, quindi, viene attribuita una maggiore ponderazione alle società con un prezzo per azione più alto.

Il Nikkei misura la performance di 225 grandi società quotate in borsa in Giappone, provenienti da un ampio ventaglio di settori dell’economia. Proprio per il numero delle società che ingloba e la varietà di settori da cui proviene, l’indice Nikkei offre un importante ed esaustivo dell’economia del Sol levante. Ma è anche un indicatore della fiducia degli investitori rispetto alle azioni giapponesi.

Ma a parte per le statistiche, l’Indice Nikkei è anche un interessante modo per investire facendo trading. Vediamo dunque di seguito tutti gli aspetti dell’Indice Nikkei e come fare trading.

Indice Nikkei cos’è

Il Nikkei 225, più comunemente chiamato Nikkei, l’indice Nikkei, o il Nikkei Stock Average, è un titolo indice di mercato del Tokyo Stock Exchange (TSE). Come anticipato nell’incipit, viene calcolato quotidianamente dal quotidiano Nihon Keizai Shinbun (The Nikkei) dal 1950. Si tratta di un indice ponderato in base al prezzo, che opera nello Yen giapponese, e le sue componenti sono riviste una volta all’anno.

Attualmente, il Nikkei è la media più quotata delle azioni giapponesi, simile al Dow Jones Industrial Average. Infatti, era noto come il “Nikkei Dow Jones Stock Average” negli anni tra il 1975 e il 1978.

Indice Nikkei storia

Il Nikkei 225 cominciò a essere calcolato il 7 settembre 1950. Dal gennaio 2010, l’indice viene aggiornato ogni 15 secondi durante le sessioni di negoziazione. Il Nikkei 225 Futures, introdotto a Singapore Exchange (SGX) nel 1986, l’Osaka Securities Exchange (OSE) nel 1988, Chicago Mercantile Exchange (CME) nel 1990, è ora un indice dei future riconosciuto a livello internazionale.

La media del Nikkei si discosta nettamente dal modello da manuale delle medie azionarie, che crescono ad un tasso esponenziale costante. La media ha toccato il suo massimo storico il 29 dicembre 1989, durante il picco della bolla dei prezzi delle attività giapponesi, quando ha raggiunto un picco infragiornaliero di 38.957,44, prima di chiudere a 38.915,87, essendo cresciuto di sei volte durante il decennio. Successivamente, ha perso quasi tutti questi guadagni, chiudendo a 7.054,98 il 10 marzo 2009, l’81,9% sotto il suo massimo vent’anni prima.

Un altro indice importante per la Borsa di Tokyo è il Tokyo Stock Exchange is the Tokyo Stock Price Index (TOPIX). Il 15 marzo 2011, il Il secondo giorno lavorativo dopo il massiccio terremoto nella parte nordorientale del Giappone, l’indice è sceso di oltre il 10% per finire a 8605,15, con una perdita di 1,015 punti. L’indice ha continuato a scendere per tutto il 2011, toccando il minimo a 8160.01 il 25 novembre, chiudendo al minimo dal 10 marzo 2009.

Il Nikkei è sceso di oltre il 17% nel 2011, chiudendo l’anno a 8455,35, il valore più basso della chiusura di fine anno trenta anni, quando l’indice finì a 8016.70 nel 1982. Il Nikkei ha iniziato il 2013 vicino a 10.600, raggiungendo un picco di 15.942 a maggio. Tuttavia, poco dopo, è precipitato di quasi il 10% prima del rimbalzo, rendendolo il più volatile indice del mercato azionario tra i mercati sviluppati. Entro il 2015, ha raggiunto oltre 20.000 marchi; segnando un guadagno di oltre 10.000 in due anni, rendendolo uno degli indici del mercato azionario in più rapida crescita al mondo.

Tuttavia, entro il 2018, la crescita dell’indice è stata più moderata intorno ai 22.000 marchi. C’è preoccupazione che l’aumento dal 2013 sia artificiale e dovuto agli acquisti della Bank of Japan (“BOJ”). Dall’inizio del 2013, fino alla fine del 2017, la BOJ possedeva circa il 75% di tutti i fondi negoziati in borsa giapponesi (“ETF”), e sono i primi 10 azionisti del 90% dei componenti del Nikkei 225.

Come tutti gli altri, anche questo indice è un indice ponderato in base al prezzo. Alla fine del 2014, la società con la maggiore influenza sull’indice è stata la società Fast Retailing (TYO: 9983).

Indice Nikkei come funziona

Come funziona Indice Nikkei? I 225 componenti del Nikkei comprendono i titoli domestici più liquidi elencati nella prima sezione della Borsa di Tokyo. È un indice azionario ponderato in base al prezzo, in yen. Anche il Dow Jones Industrial Average è un indice ponderato in base al prezzo. La quotazione dei titoli è determinata dal prezzo delle azioni, che differisce dagli altri principali indici in cui la capitalizzazione di mercato viene utilizzata nei calcoli.

Il Nikkei 225 viene calcolato ogni 15 secondi durante l’orario di negoziazione della Borsa di Tokyo. Gli stock inclusi nell’indice sono riviste annualmente a settembre e se vengono apportate modifiche vengono istituite in ottobre.

Indice Nikkei società componenti

Quali sono le società che compongono l’Indice Nikkei? Nel momento della scrittura, il Nikkei 225 è costituito dalle seguenti società (codice identificativo giapponese dei titoli in parentesi):

Alimentazione:

  1. Ajinomoto Co., Inc. (TYO: 2802)
  2. Asahi Breweries, Ltd. (TYO: 2502)
  3. Japan Tobacco Inc. (TYO: 2914)
  4. Kikkoman Corp. (TYO: 2801)
  5. Kirin Brewery Co., Ltd. (TYO: 2503)
  6. Meiji Holdings Company, Limited (TYO: 2269)
  7. Nichirei Corp. (TYO: 2871)
  8. Nippon Meat Packers, Inc. (TYO: 2282)
  9. Nisshin Seifun Group Inc. (TYO: 2002)
  10. Sapporo Holdings Ltd. (TYO: 2501)
  11. Takara Holdings Inc. (TYO: 2531)

Tessile:

  1. Teijin Ltd. (TYO: 3401)
  2. Toray Industries, Inc. (TYO: 3402)
  3. Toyobo Co., Ltd. (TYO: 3101)
  4. Unitika, Ltd. (TYO: 3103)

Carta:

  1. Nippon Paper Group, Inc. (TYO: 3863)
  2. Oji Paper Co., Ltd. (TYO: 3861)

Chimica

  1. Asahi Kasei Corp. (TYO: 3407)
  2. Denki Kagaku Kogyo K.K. (TYO: 4061)
  3. Fujifilm Holdings Corp. (TYO: 4901)
  4. Kao Corp. (TYO: 4452)
  5. Kuraray Co., Ltd. (TYO: 3405)
  6. Mitsubishi Chemical Holdings Corp. (TYO: 4188)
  7. Mitsui Chemicals, Inc. (TYO: 4183)
  8. Nippon Kayaku Co., Ltd. (TYO: 4272)
  9. Nissan Chemical Industries, Ltd. (TYO: 4021)
  10. Nitto Denko (TYO: 6988)
  11. Shin-Etsu Chemical Co., Ltd. (TYO: 4063)
  12. Shiseido Co., Ltd. (TYO: 4911)
  13. Showa Denko K.K. (TYO: 4004)
  14. Sumitomo Chemical Co., Ltd. (TYO: 4005)
  15. Tokuyama Corporation (TYO: 4043)
  16. Tosoh Corp. (TYO: 4042)
  17. Ube Industries, Ltd. (TYO: 4208)

Farmaceutica

  1. Astellas Pharma Inc. (TYO: 4503)
  2. Chugai Pharmaceutical Co., Ltd. (TYO: 4519)
  3. Daiichi Sankyo Co., Ltd. (TYO: 4568)
  4. Dainippon Sumitomo Pharma Co., Ltd. (TYO: 4506)
  5. Eisai Co., Ltd. (TYO: 4523)
  6. Kyowa Hakko Kirin Co., Ltd. (TYO: 4151)
  7. Otsuka Holdings Co. Co., Ltd. (TYO: 4568)
  8. Shionogi & Co., Ltd. (TYO: 4507)
  9. Takeda Pharmaceutical Company, Ltd. (TYO: 4502)

Petrolio e carbone

  1. JXTG Holdings (TYO: 5020)
  2. Showa Shell Sekiyu K.K. (TYO: 5002)

Gomma da cancellare

  1. Bridgestone Corp. (TYO: 5108)
  2. The Yokohama Rubber Co., Ltd. (TYO: 5101)

Vetro e ceramica

  1. Asahi Glass Co., Ltd. (TYO: 5201)
  2. NGK Insulators, Ltd. (TYO: 5333)
  3. Nippon Electric Glass Co., Ltd. (TYO: 5214)
  4. Nippon Sheet Glass Co., Ltd. (TYO: 5202)
  5. Sumitomo Osaka Cement Co., Ltd. (TYO: 5232)
  6. Taiheiyo Cement Corp. (TYO: 5233)
  7. Tokai Carbon Co., Ltd. (TYO: 5301)
  8. Toto Ltd. (TYO: 5332)

Prodotti in acciaio

  1. JFE Holdings, Inc. (TYO: 5411)
  2. Kobe Steel, Ltd. (TYO: 5406)
  3. Nippon Steel Corp. (TYO: 5401)
  4. Nisshin Steel Co., Ltd. (TYO: 5413)
  5. Pacific Metals Co., Ltd. (TYO: 5541)

Metalli non ferrosi

  1. Dowa Holdings Co., Ltd. (TYO: 5714)
  2. Fujikura Ltd. (TYO: 5803)
  3. Furukawa Co., Ltd. (TYO: 5715)
  4. The Furukawa Electric Co., Ltd. (TYO: 5801)
  5. Mitsubishi Materials Corp. (TYO: 5711)
  6. Mitsui Mining & Smelting Co., Ltd. (TYO: 5706)
  7. Nippon Light Metal Co., Ltd (TYO: 5703)
  8. SUMCO Corp. (TYO: 3436)
  9. Sumitomo Electric Industries, Ltd. (TYO: 5802)
  10. Sumitomo Metal Mining Co., Ltd. (TYO: 5713)
  11. Toho Zinc Co., Ltd. (TYO: 5707)
  12. Toyo Seikan Kaisha, Ltd. (TYO: 5901)

Macchinari

  1. Amada Co. Ltd. (TYO: 6113)
  2. Chiyoda Corp. (TYO: 6366)
  3. Daikin Industries, Ltd. (TYO: 6367)
  4. Ebara Corp. (TYO: 6361)
  5. Hitachi Construction Machinery Co., Ltd. (TYO: 6305)
  6. Hitachi Zōsen Corporation (TYO: 7004)
  7. IHI Corp. (TYO: 7013)
  8. The Japan Steel Works, Ltd. (TYO: 5631)
  9. JTEKT Corp. (TYO: 6473)
  10. Komatsu Ltd. (TYO: 6301)
  11. Kubota Corp. (TYO: 6326)
  12. Mitsubishi Heavy Industries, Ltd. (TYO: 7011)
  13. NSK Ltd. (TYO: 6471)
  14. NTN Corp. (TYO: 6472)
  15. Okuma Holdings, Inc. (TYO: 6103)
  16. Sumitomo Heavy Industries, Ltd. (TYO: 6302)

Macchinari elettrici

  1. Advantest Corp. (TYO: 6857)
  2. Alps Electric Co., Ltd. (TYO: 6770)
  3. Canon Inc. (TYO: 7751)
  4. Casio Computer Co., Ltd. (TYO: 6952)
  5. Dainippon Screen Mfg. Co., Ltd. (TYO: 7735)
  6. Denso Corp. (TYO: 6902)
  7. FANUC Corp. (TYO: 6954)
  8. Fuji Electric Holdings Co., Ltd. (TYO: 6504)
  9. Fujitsu Ltd. (TYO: 6702)
  10. GS Yuasa Corp. (TYO: 6674)
  11. Hitachi, Ltd. (TYO: 6501)
  12. Kyocera Corp. (TYO: 6971)
  13. Panasonic Corp. (TYO: 6752)
  14. Minebea Co., Ltd. (TYO: 6479)
  15. Mitsubishi Electric Corp. (TYO: 6503)
  16. NEC Corp. (TYO: 6701)
  17. Nisshinbo Holdings Inc. (TYO: 3105)
  18. Oki Electric Industry Co., Ltd. (TYO: 6703)
  19. Pioneer Corporation (TYO: 6773)
  20. Ricoh (TYO: 7752)
  21. Seiko Epson Corp. (TYO: 6724)
  22. Sony Corp. (TYO: 6758)
  23. Taiyo Yuden Co., Ltd. (TYO: 6976)
  24. TDK Corp. (TYO: 6762)
  25. Tokyo Electron Ltd. (TYO: 8035)
  26. Yaskawa Electric Corporation, Limited (TYO: 6506)
  27. Yokogawa Electric Corp. (TYO: 6841)

Cantieri navali

  1. Kawasaki Heavy Industries, Ltd. (TYO: 7012)
  2. Mitsui Engineering & Shipbuilding Co., Ltd. (TYO: 7003)

Automobili

  1. Hino Motors, Ltd. (TYO: 7205)
  2. Honda Motor Co., Ltd. (TYO: 7267)
  3. Isuzu Motors Ltd. (TYO: 7202)
  4. Mazda Motor Corp. (TYO: 7261)
  5. Mitsubishi Motors Corp. (TYO: 7211)
  6. Nissan Motor Co., Ltd. (TYO: 7201)
  7. Subaru Corp. (TYO: 7270)
  8. Suzuki Motor Corp. (TYO: 7269)
  9. Toyota Motor Corp. (TYO: 7203)
  10. Yamaha Motor Corp. (TYO: 7272)

Strumenti di precisione

  1. Citizen Holdings Co., Ltd. (TYO: 7762)
  2. Konica Minolta Holdings, Inc. (TYO: 4902)
  3. Nikon Corp. (TYO: 7731)
  4. Olympus Corp. (TYO: 7733)
  5. Terumo Corp. (TYO: 4543)

Altra manifattura

  1. Dai Nippon Printing Co., Ltd. (TYO: 7912)
  2. Toppan Printing Co., Ltd. (TYO: 7911)
  3. Yamaha Corp. (TYO: 7951)

Pesca

  1. Nippon Suisan Kaisha, Ltd. (TYO: 1332)
  2. Maruha Nichiro Holdings, Inc. (TYO: 1333)

Miniera

  1. Inpex Corp. (TYO: 1605)

Costruzione

  1. Comsys Holdings Corp. (TYO: 1721)
  2. Daiwa House Industry Co., Ltd. (TYO: 1925)
  3. Haseko Corp. (TYO: 1808)
  4. JGC Corporation (TYO: 1963)
  5. Kajima Corp. (TYO: 1812)
  6. Obayashi Corp. (TYO: 1802)
  7. Sekisui House, Ltd. (TYO: 1928)
  8. Shimizu Corp. (TYO: 1803)
  9. Taisei Corp. (TYO: 1801)

Compagnie di trasporti

  1. Itochu Corp. (TYO: 8001)
  2. Marubeni Corp. (TYO: 8002)
  3. Mitsubishi Corp. (TYO: 8058)
  4. Mitsui & Co., Ltd. (TYO: 8031)
  5. Sojitz Corp. (TYO: 2768)
  6. Sumitomo Corp. (TYO: 8053)
  7. Toyota Tsusho Corp. (TYO: 8015)

Retail

  1. Aeon Co., Ltd. (TYO: 8267)
  2. FamilyMart Uny Holdings Co., Ltd. (TYO: 8028)
  3. Fast Retailing Co., Ltd. (TYO: 9983)
  4. Isetan Mitsukoshi Holdings Ltd. (TYO: 3099)
  5. J. Front Retailing Co., Ltd. (TYO: 3086)
  6. Marui Group Co., Ltd. (TYO: 8252)
  7. Seven & I Holdings Co., Ltd. (TYO: 3382)
  8. Takashimaya Co., Ltd. (TYO: 8233)

Banca

  1. Aozora Bank, Ltd. (TYO: 8304)
  2. The Chiba Bank, Ltd. (TYO: 8331)
  3. Concordia Financial Group, Inc. (TYO: 7186)
  4. Sumitomo Mitsui Trust Holdings, Inc. (TYO: 8309)
  5. Fukuoka Financial Group, Inc. (TYO: 8354)
  6. Mitsubishi UFJ Financial Group, Inc. (TYO: 8306)
  7. Mizuho Financial Group, Inc. (TYO: 8411)
  8. Resona Holdings, Inc. (TYO: 8308)
  9. Shinsei Bank, Ltd. (TYO: 8303)
  10. The Shizuoka Bank, Ltd. (TYO: 8355)
  11. Sumitomo Mitsui Financial Group, Inc. (TYO: 8316)

Sicurezza

  1. Daiwa Securities Group Inc. (TYO: 8601)
  2. Matsui Securities Co., Ltd. (TYO: 8628)
  3. Nomura Holdings, Inc. (TYO: 8604)

Assicurazione

  1. Dai-ichi Life Insurance Company, Limited (TYO: 8750)
  2. MS&AD Insurance Group, Inc. (TYO: 8725)
  3. Sompo Holdings, Inc. (TYO: 8630)
  4. Sony Financial Holdings Inc. (TYO: 8729)
  5. T&D Holdings, Inc. (TYO: 8795)
  6. Tokio Marine Holdings, Inc. (TYO: 8766)

Altri servizi finanziari

  1. Credit Saison Co., Ltd. (TYO: 8253)

Immobiliare

  1. Mitsubishi Estate Co., Ltd. (TYO: 8802)
  2. Mitsui Fudosan Co.,Ltd (TYO: 8801)
  3. Sumitomo Realty & Development Co., Ltd. (TYO: 8830)
  4. Tokyo Tatemono Co., Ltd. (TYO: 8804)
  5. Tokyu Land Corp. (TYO: 3289)

Ferrovie e bus

  1. Central Japan Railway Company (TYO: 9022)
  2. East Japan Railway Company (TYO: 9020)
  3. Keio Corp. (TYO: 9008)
  4. Keisei Electric Railway Co., Ltd. (TYO: 9009)
  5. Odakyu Electric Railway Co., Ltd. (TYO: 9007)
  6. Tobu Railway Co., Ltd. (TYO: 9001)
  7. Tokyu Corp. (TYO: 9005)
  8. West Japan Railway Company (TYO: 9021)

Altro tipo di trasporto su terra

  1. Nippon Express Co., Ltd. (TYO: 9062)
  2. Yamato Holdings Co., Ltd. (TYO: 9064)

Trasporto marino

  1. Kawasaki Kisen Kaisha, Ltd. (TYO: 9107)
  2. Mitsui O.S.K. Lines, Ltd. (TYO: 9104)
  3. Nippon Yusen K.K. (TYO: 9101)

Trasporto aereo

  1. All Nippon Airways Co., Ltd. (TYO: 9202)

Magazzinaggio

  1. Mitsubishi Logistics Corp. (TYO: 9301)

Comunicazione

  1. KDDI Corp. (TYO: 9433)
  2. Nippon Telegraph and Telephone Corp. (TYO: 9432)
  3. NTT Data Corp. (TYO: 9613)
  4. NTT DoCoMo, Inc. (TYO: 9437)
  5. SKY Perfect JSAT Holdings Inc. (TYO: 9412)
  6. Softbank Corp. (TYO: 9984)

Energia elettrica

  1. Chubu Electric Power Co., Inc. (TYO: 9502)
  2. The Kansai Electric Power Co., Inc. (TYO: 9503)
  3. The Tokyo Electric Power Co., Inc. (TYO: 9501)

Gas

  1. Osaka Gas Co., Ltd. (TYO: 9532)
  2. Tokyo Gas Co., Ltd. (TYO: 9531)

Servizi

  1. Dena Co., Ltd. (TYO: 2432)
  2. Dentsu Inc. (TYO: 4324)
  3. Japan Post Holdings Co., Ltd. (TYO: 6178)
  4. Konami Corp. (TYO: 9766)
  5. Rakuten Inc. (TYO: 4755)
  6. Recruit Holdings Co., Ltd. (TYO: 6098)
  7. Secom Co., Ltd. (TYO: 9735)
  8. Tokyo Dome Corp. (TYO: 9681)
  9. Toho Co., Ltd. (TYO: 9602)
  10. Trend Micro Inc. (TYO: 4704)
  11. Yahoo Japan Corp. (TYO: 4689)

La Borsa di Tokyo

Abbiamo detto che l’Indice Nikkei è un frammento importante della Banca di Tokyo. La Borsa di Tokyo, che si chiama Tōshō (東 証) o TSE / TYO in breve, è una borsa valori situata a Tokyo, in Giappone. È la quarta più grande borsa del mondo per capitalizzazione di mercato aggregata delle sue società quotate e più grande in Asia. A partire da aprile 2015 sono state registrate 2.292 società quotate con una capitalizzazione di mercato combinata di 4,09 trilioni di dollari USA. Nel luglio 2012 è stata approvata dalla Japan Fair Trade Commission una fusione programmata con la Borsa valori di Osaka. L’entità risultante, il Japan Exchange Group (JPX), è stata lanciata il 1 ° gennaio 2013.

Il TSE è incorporato come un kabushiki gaisha con nove direttori, quattro revisori dei conti e otto funzionari esecutivi. La sua sede centrale si trova a 2-1 Nihonbashi-Kabutochō, Chūō, Tokyo, o “Kabuto-chō”, che è il più grande distretto finanziario del Giappone. Le sue ore di funzionamento sono dalle 8:00 alle 11:30 e dalle 12:30 alle 17:00. Dal 24 aprile 2006, la sessione di negoziazione del pomeriggio è iniziata alle solite ore 12:30. Le scorte quotate sul TSE sono separate nella Prima Sezione per le grandi aziende, la Seconda Sezione per le aziende di medie dimensioni e le Madri (Mercato delle azioni ad alto tasso di crescita ed emergenti) sezione per le aziende startup ad alta crescita.

Al 31 ottobre 2010, ci sono 1.675 società di First Section, 437 società di Second Section e 182 madri di aziende. I principali indici che tracciano il TSE sono l’indice Nikkei 225 delle società selezionate dal Nihon Keizai Shimbun (il più grande quotidiano d’affari giapponese ), l’indice TOPIX basato sui corsi azionari delle società della Prima Sezione e l’indice J30 delle grandi società industriali gestito dai maggiori quotidiani giapponesi. Ne fanno parte quattro aziende nazionali e 10 titoli esteri.

Altre istituzioni relative alla TSE includono il club stampa della Borsa, chiamato Kabuto Club, che si incontra al terzo piano dell’edificio TSE. La maggior parte dei membri del Kabuto Club sono affiliati con Nihon Keizai Shimbun, Kyodo News, Jiji Press o emittenti televisive commerciali come Bloomberg LP e CNBC. Il Kabuto Club è generalmente più attivo durante aprile e maggio, quando le società pubbliche rilasciano i loro conti annuali. Il 15 giugno 2007, il TSE ha pagato $ 303 milioni per acquisire una quota del 4,99% in Singapore Exchange Ltd.

Borsa di Tokyo storia

La Borsa di Tokyo fu fondata il 15 maggio 1878, come il Tokyo Kabushiki Torihikijo sotto la direzione dell’allora ministro delle finanze Okuma Shigenobu e l’avvocato capitalista Shibusawa Eiichi. Il commercio iniziò il 1 ° giugno 1878. Nel 1943, lo scambio fu combinato con altre dieci borse nelle principali città giapponesi per formare un’unica borsa giapponese. Lo scambio combinato fu chiuso e riorganizzato poco dopo il bombardamento di Nagasaki.

La Borsa di Tokyo ha riaperto sotto il suo attuale nome giapponese il 16 maggio 1949, in conformità con il nuovo Securities Exchange Act. Il run-time della TSE dal 1983 al 1990 non ha precedenti, nel 1990 rappresentava oltre il 60% della capitalizzazione del mercato di gran lunga il più grande del mondo) prima di precipitare in valore e posizionarsi al 4 ° più grande mercato al mondo per capitalizzazione di mercato delle azioni quotate. L’attuale edificio TSE è stato aperto il 23 maggio 1988, sostituendo l’edificio TSE originale dal 1931, e il Il 30 giugno 1999 la sala operativa della TSE è stata chiusa, in modo che lo scambio potesse passare al commercio elettronico per tutte le transazioni.

Una nuova struttura, denominata TSE Arrows, è stata inaugurata il 9 maggio 2000. Nel 2010, TSE ha lanciato il suo impianto commerciale Arrowhead. Nel 2001, TSE si è ristrutturata come società per azioni: prima di allora era strutturata come un’associazione incorporata con i suoi membri come azionisti.

Nihon Keizai Shinbun cos’è

Il Nikkei, formalmente conosciuto come The Nihon Keizai Shinbun (日本 経 済 新聞, Japan Economics Newspaper), è la pubblicazione di punta di Nikkei, Inc. e il più grande quotidiano finanziario del mondo, con una diffusione giornaliera superiore ai tre milioni. Il Nikkei 225, indice del mercato azionario per la Borsa di Tokyo, è stato calcolato dal quotidiano dal 1950. Le radici del Nikkei sono iniziate con un dipartimento di quotidiani interno di Mitsui & Company nel 1876 quando iniziò la pubblicazione di Chugai Bukka Shimpo (letteralmente Domestic and Foreign Commodity Price Newspaper), un bollettino settimanale di quotazioni di mercato.

Il dipartimento fu trasformato in Shokyosha nel 1882. Il giornale divenne quotidiano (tranne la domenica) nel 1885 e fu ribattezzato Chugai Shogyo Simpo nel 1889. Fu fuso con Nikkan Kogyo e Keizai Jiji e ribattezzato Nihon Sangyo Keizai Shimbun nel 1942. Il giornale ha cambiato il suo nome in Nihon Keizai Shimbun nel 1946. A partire dal 30 novembre 2015 Nikkei è diventato il proprietario ufficiale del Financial Times, dopo aver acquistato il giornale da Pearson PLC.

  • Nikkei Inc. è specializzata nella pubblicazione di notizie finanziarie, aziendali e di settore. Le sue principali notizie includono:
  • Nikkei Asian Review, un giornale commerciale in lingua inglese lanciato nel novembre 2013
  • Nihon Keizai Shimbun, un giornale economico di primo piano.
  • Nikkei Veritas, un giornale finanziario settimanale che ha sostituito Nikkei Kinyu Shimbun (Nikkei Financial Daily) nel marzo 2008.
  • Nikkei Business Daily, un giornale di settore.
  • Nikkei Marketing Journal, un giornale di commercio.
  • Nikkei Weekly, un quotidiano economico in lingua inglese.

Nikkei vende questi giornali in tutto il mondo, nelle loro lingue originali e in traduzione. Rende anche molti dei suoi articoli giapponesi disponibili in inglese attraverso servizi di filo, un sito web in lingua inglese e un accordo di licenza con LexisNexis. Nikkei ha concordato il 23 luglio 2015 di acquistare il gruppo FT con sede nel Regno Unito, che comprende il quotidiano Business Times, per l’equivalente di $ 1,32 miliardi da Pearson PLC. Il 30 novembre 2015, Nikkei ha completato l’acquisizione di Financial Times da Pearson plc.

Nikkei possiede anche TV Tokyo e Nikkei CNBC, che forniscono copertura del mercato giapponese durante orario di negoziazione e ritrasmette CNBC durante le ore di chiusura e nei fine settimana.

Nikkei 225 trading rischi

Quali sono i rischi di investire nell’Indice Nikkei 225? Occorre sapere quanto segue:

  • L’indice Nikkei viene considerato l’indice più volatile del mercato, per i suoi ampi e bruschi movimenti di prezzo dal territorio. Un esempio di ciò è quanto accaduto nel 2013, quando ha aperto in prossimità dei 10,600 punti per poi schizzare ad un picco di 15,942, prima di cedere il 10% e in seguito rimbalzare nuovamente. Gli esperti ritengono alla luce di ciò che il trading con il Nikkei è destinato soprattutto ai trader più esperti e con buoni margini di perdita. Serve dunque tanta formazione, sia teorica che pratica.
  • L’economia giapponese è basata sulle esportazioni, per lo più verso gli Stati Uniti. Questo crea un forte legame tra le due economie, perciò il Nikkei segue i movimenti dei mercati e indici statunitensi. Dunque, se decidete di fare trading sul Nikkei, dato sempre un occhio al mercato americano.
  • Il trading con il Nikkei richiede un attenzione particolare verso quello che succede nei mercati statunitensi. Se il Dow aumenta, il Nikkei generalmente segue lo stesso andamento nel corso della seduta successiva.
  • In virtù di quanto detto nei due punti precedenti, diventa fondamentale fare trading nella prima ora di scambi a Tokyo per riuscire a capitalizzare dai movimenti del giorno precedente. Una buona regola generale è quella di acquistare se il Dow ha chiuso in rialzo e vendere se ha chiuso in calo.
  • Il Nikkei è molto sensibile ad eventi mondiali come i disastri naturali, le guerre, i disordini politici e le novità in ambito economico. È inoltre importante seguire i dati economici degli Stati Uniti e del Giappone, inclusi i tassi relativi alla disoccupazione e alla creazione di posti di lavoro, i tassi di interesse, il valore del PIL e altri benchmark economici.

Da tutto ciò si evince che fare trading sull’Indice Nikkei 225 è tutt’altro che cosa facile e comporta seri rischi. I quali possono essere mitigati attraverso la formazione, l’utilizzo di uno strumento finanziario come i CFD e il mettersi nelle mani di Broker seri e rinomati.

Abbiamo poi parlato della stretta correlazione tra Indice Nikkei 225 ed economia statunitense. Un clamoroso esempio lo troviamo ad inizio giugno 2012. Il primo giugno 2012 fu pubblicato il rapporto sui salari non agricoli negli Stati Uniti. Questo rapporto ha deluso i mercati e scatenato una svendita dell’indice Dow Jones. Lunedì 4 giugno 2012, che era il prossimo giorno di negoziazione successivo all’uscita della NFP, il Nikkei 225 ha perso così tanto valore che, martedì 5 giugno 2012, è stato scambiato a minimi pluriennali. Metaforicamente parlando, una volta che i mercati statunitensi hanno iniziato a tossire, i mercati giapponesi hanno preso un raffreddore.

Altre relazioni come il PIL e i dati sulle vendite al dettaglio riflettono tutti la salute dell’economia statunitense, che è il partner commerciale numero uno del Giappone. Se l’economia degli Stati Uniti non cresce, influenzerà la sua capacità di importare merci e materie prime dal Giappone, e questo danneggerà anche le vendite di prodotti giapponesi importati ai consumatori statunitensi. Un cattivo rapporto sul PIL e sulle vendite al dettaglio porterà a vendite a Wall Street e a corrispondenti svendite nell’indice Nikkei 225. Un buon PIL e dati sulle vendite al dettaglio porteranno a guadagni sugli indici Dow Jones e Nikkei 225.

Investire in Nikkei 225 tramite ETF

Come noto, non è possibile acquistare direttamente un indice, ma ci sono diversi fondi scambiati in borsa (ETF) i cui componenti sono correlati al Nikkei. Gli ETF che tracciano il Nikkei e commerciano sul Tokyo Stock Exchange comprendono Blackrock Japan’s iShares Nikkei 225 e il Nikkei 225 Exchange Traded Fund di Nomura Asset Management. L’ETF dell’indice MAXIS Nikkei 225 è un fondo denominato in dollari negoziato alla Borsa di New York.

Trading Nikkei 225 come funziona

Come funziona il trading sull’indice Nikkei 225? In genere, i principali Broker offrono la possibilità di operare Cfd su Nikkei ‏(JP225) sia in contanti che in contratti future. L’indice dei Cfd in contanti raccoglie transazioni non datate che intendono replicare il prezzo in contanti dell’indice sottostante: pertanto, tali transazioni sono aggiustate per interesse e dividendi. L’indice dei Cfd in contratti future scade invece in specifiche date future ed è regolato in contanti alla data di scadenza.

Come funziona un CFD? Si tratta di un contratto tra due parti, il trader ed un broker, che esprime la differenza di prezzo di un asset di mercato. Quest’ultima esprime quindi la differenza tra il prezzo di acquisto e di chiusura moltiplicato il numero di azioni specificate nel contratto.

I prezzi indicati dal broker CFD sono molto simili al prezzo di mercato ed è possibile negoziare CFD ricevendo l’addebito di una commissione.

I CFD danno anche la possibilità di usufruire della leva finanziaria, la quale consente di moltiplicare i propri profitti rispetto alle proprie reali potenzialità finanziarie. Si badi però che la leva finanziaria viene definita un’arma a doppio taglio e non a caso. Infatti, come moltiplica i profitti così moltiplica le perdite. Quindi va usata dopo tanta pratica e parsimonia

Trading Nikkei 225: migliori Broker

Quali sono i migliori Broker per fare trading sul Nikkei 225? A nostro avviso i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Tali Broker hanno regolare licenza, il che significa che mettono a riparo i dati sensibili degli utenti e i loro soldi sul conto. Inoltre offrono questi servizi appannaggio dei clienti:

  • Assistenza clienti
  • Conto demo
  • Materiale per la formazione
  • Grafici
  • Segnali di trading
  • App per smartphone e tablet
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY