Nasce nuovo colosso farmaceutico: Eli Lilly rileva Loxo Oncology

Nasce un nuovo colosso farmaceutico, dal matrimonio di due Big Pharma. Parliamo di Eli Lilly, che ha rilevato la rivale Loxo Oncology per 8 miliardi di dollari. Al fine di rafforzare la sua gamma di prodotti per la lotta al cancro.

Gli azionisti di Loxo riceveranno 235 dollari per azione in contanti, con un premio del 68% rispetto alla chiusura di Loxo del 4 gennaio.

Il sodalizio tra Eli Lilly e Loxo Oncology è solo l’ultimo di una lunga serie. Prima di esso, era stato la volta di Bristol-Myers Squibb e Celgene per 74 miliardi di dollari.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, gli azionisti di Celgene riceveranno un’azione Bristol-Myers Squibb e 50 dollari in contanti per ciascun titolo posseduto. Ciò ha significato valutare le azioni Celgene 102,43 dollari ognuna, con un premio del 54 per cento rispetto alla chiusura del 2 gennaio.

Inoltre gli azionisti di Celgene acquisiranno per ogni azione un cosiddetto contingent value right (cvr), che darà loro diritto di ricevere una remunerazione legata al raggiungimento di alcuni obiettivi.

Questa la nota diffusa all’indomani dell’operazione: ““.una società leader nella biofarmaceutica, ben posizionata per rispondere alle esigenze di persone affette da cancro, malattie infiammatorie e immunologiche, patologie cardiovascolari attraverso farmaci innovativi di alto valore e capacità scientifiche all’avanguardia.

Eli Lilly chi è

Eli Lilly and Company è un’azienda farmaceutica globale con sede a Indianapolis, Indiana, con uffici in 18 paesi. I suoi prodotti sono venduti in circa 125 paesi. L’azienda fu fondata nel 1876 dal colonnello Eli Lilly, un chimico farmaceutico e veterano della guerra civile americana, da cui la società prese il nome.

I notevoli successi di Lilly comprendono essere la prima azienda a produrre in serie il vaccino contro la poliomielite sviluppato da Jonas Salk, e insulina. È stata una delle prime aziende farmaceutiche a produrre insulina umana utilizzando il DNA ricombinante incluso Humulin (farmaco insulinico), Humalog (insulina lispro) e il primo prodotto insulinico biosimilare approvato negli Stati Uniti, Basaglar (insulina glargine). Lilly è attualmente il più grande produttore di farmaci psichiatrici e produce Prozac (fluoxetina), Dolophine (metadone), Cymbalta (duloxetina) e Zyprexa (olanzapina).

La società è classificata al 132 ° posto su Fortune 500. Si trova al 221esimo posto nell’elenco Forbes Global 2000 delle più grandi aziende pubbliche del mondo e 252 nella lista di Forbes dei migliori datori di lavoro in America. Eli Lilly è membro a pieno titolo della Federazione europea delle industrie e associazioni farmaceutiche (EFPIA). A partire dal 1997, era la più grande società e il più grande benefattore caritatevole dell’Indiana.

Eli Lilly origini

Il fondatore dell’azienda era il colonnello Eli Lilly, un chimico farmaceutico e un veterano dell’esercito dell’Unione dell’American Civil War. Lilly è stato presidente della compagnia fino alla sua morte nel 1898. Una versione stilizzata della sua firma appare ancora nel logo dell’azienda.

Nel 1869, dopo aver lavorato per drogherie a Greencastle e Indianapolis, nell’Indiana, Lilly divenne socio in una farmacia di Parigi, Illinois, con James W. Binford. Sebbene il drugstore fosse redditizio, Lilly era più interessata alla produzione di medicinali che alla gestione di una farmacia. Ha iniziato a formulare piani per creare una sua compagnia. Lilly lasciò la partnership con Binford nel 1873 e tornò a Indianapolis.

Lilly aprì un’operazione di produzione di droga chiamata Johnston e Lilly con John F. Johnston come suo partner nel 1874, ma sciolse la partnership fallita il 27 marzo 1876. Lilly utilizzò la sua parte dei beni, che ammontava a circa $ 400 in merce (diversi pezzi di equipaggiamento e pochi litri di sostanze chimiche non miscelate) e circa $ 1.000 in contanti, per aprire la propria attività di produzione farmaceutica a Indianapolis nel maggio 1876. La sua nuova attività imprenditoriale divenne Eli Lilly and Company.

Il 10 maggio 1876, Lilly aprì il proprio laboratorio in un edificio in mattoni a due piani affittato (ora demolito) a West Pearl Street a Indianapolis, dove iniziò a produrre medicinali. Il cartello all’esterno, sopra la porta del negozio, recitava: “Eli Lilly, Chemist.” Lilly ha iniziato la sua attività di produzione con $ 1.400 ($ 31.163 nel 2015 dollari concatenati) in capitale circolante e tre dipendenti: Albert Hall (Chief Compounder), Caroline Kruger (imbottigliatrice e product finish), e il figlio quattordicenne di Lilly, Josiah (JK), che aveva lasciato la scuola per lavorare con suo padre come apprendista.

Le prime medicine che Lilly ha iniziato a produrre erano il chinino, un farmaco usato per curare la malaria. Il risultato è stato un aumento di vendite “dieci volte”. Alla fine del 1876, il suo primo anno di attività, le vendite raggiunsero $ 4.470 ($ 99,499 nel 2015 incatenati). Alla fine del 1877 le vendite raggiunsero $ 11,318 ($ 251,932 nel 2015 dollari incatenati),e nel 1879 erano cresciuti a $ 48.000 ($ 1,221,086 nel 2015 incatenati dollari).

Eli Lilly storia

Lilly assunse suo fratello, James, come suo primo venditore a tempo pieno nel 1878. James e il successivo team di vendita commercializzarono le droghe della compagnia a livello nazionale. La società superò la sua prima posizione in Pearl Street, dove rimase dal 1876 al 1878, e si trasferì in quartieri più grandi a 36 South Meridian Street. Nel 1881 Lilly acquistò un complesso di edifici in proprietà a McCarty e Alabama Street e trasferì l’azienda nella sua nuova sede nella zona industriale a sud di Indianapolis. Lilly in seguito acquistò strutture aggiuntive per la ricerca e la produzione.

Lilly si impegnò a produrre farmaci da prescrizione di alta qualità, in contrasto con i medicinali brevettati comuni e spesso inefficaci. Dalle sue strutture a Indianapolis l’azienda produceva e vendeva “farmaci etici” per l’uso da parte della professione medica. Le medicine di Lilly includevano etichette che rivelavano ingredienti del prodotto.

La prima innovazione di Lilly fu la gelatina per pillole e capsule. Altre innovazioni iniziali della società includevano aromi di frutta e pastiglie zuccherate che rendevano più facili da deglutire le medicine. Nel 1881, Lilly formò ufficialmente l’azienda come Eli Lilly and Company, eletta un consiglio di amministrazione e distribuì azioni ai membri della famiglia e collaboratori vicini.

L’unico figlio del colonnello Lilly, Josiah (J. K.), un chimico farmaceutico, si laureò al Philadelphia College of Pharmacy nel 1882 e si unì all’attività di famiglia come sovrintendente del suo laboratorio dopo l’università. J. K. divenne presidente della compagnia nel 1898.

Nel 1883 la società si è impegnata a mescolare e vendere Succus Alteran, il suo primo prodotto di grande successo e uno dei suoi migliori venditori. Il prodotto è stato commercializzato come “depuratore del sangue” e come trattamento per la sifilide, alcuni tipi di reumatismi e malattie della pelle come eczema e psoriasi. Le vendite di questo prodotto hanno fornito fondi a Lilly per espandere le proprie strutture produttive e di ricerca. Verso la fine degli anni 1880 il colonnello Lilly era uno dei principali uomini d’affari della zona di Indianapolis, la cui compagnia aveva più di cento impiegati e aveva $ 200.000 ($ 5.276.296 nel 2015 dollari concatenati) in vendite annuali.

Mentre la società Lilly cresceva, altre imprese operazioni vicino allo stabilimento sul vicino lato sud di Indianapolis. L’area si è sviluppata in uno dei principali centri commerciali e industriali della città. La produzione, la produzione, la ricerca e le operazioni amministrative di Lilly a Indianapolis alla fine occuparono un complesso di oltre due dozzine di edifici che coprivano un’area di quindici isolati, oltre a stabilimenti produttivi lungo Kentucky Avenue.

Nel 1890, il colonnello Lilly consegnò la gestione quotidiana degli affari a suo figlio, JK, che gestiva la compagnia per trentaquattro anni. Sebbene gli anni Novanta dell’Ottocento fossero un tumultuoso decennio economicamente, la compagnia prosperò e ne uscì più forte che mai.

Nel 1894 Lilly acquistò un impianto di produzione da utilizzare esclusivamente per la creazione di capsule. La società ha anche fatto molti progressi tecnologici nel processo di produzione, compresa l’automazione della produzione di capsule. Negli anni successivi la società creò annualmente decine di milioni di capsule e pillole. Fino all’inizio del secolo Lilly operò a Indianapolis e nella zona circostante come fecero molte altre aziende farmaceutiche, producendo e vendendo “pillole rivestite di zucchero”, estratti fluidi, elisir e sciroppi “.

L’azienda utilizzava le piante per le sue materie prime e produceva i suoi prodotti a mano. Uno storico ha osservato: “Sebbene la società di Indianapolis fosse più attenta nel produrre e promuovere farmaci rispetto ai medici di medicina del tempo, la società rimase ambigua riguardo alla ricerca scientifica.” Oltre al colonnello Lilly, suo fratello James, e figlio, Josiah (JK), la compagnia in crescita ha assunto un’altra famiglia Lilly. Il cugino del colonnello Lilly, Evan Lilly, fu assunto come contabile.

Quando erano giovani, i nipoti di Lilly, Eli e Josiah Jr. (Joe), facevano commissioni e si esibivano in altridd jobs. Eli e Joe sono entrati nell’azienda di famiglia dopo il college. Alla fine, ogni nipote è stato presidente della compagnia e presidente del consiglio di amministrazione.

Josiah (J. K.), figlio del colonnello Lilly e padre di Eli e Joe, ereditò la compagnia dopo la morte del colonnello Lilly e ne divenne presidente nel 1898.

Al momento della morte del colonnello Lilly, la compagnia aveva una linea di prodotti di 2.005 articoli e un fatturato annuo di oltre $ 300.000 ($ 8.547.600 nel 2015 concatenato con dollari). Il colonnello Lilly fu un pioniere nell’industria farmaceutica moderna, con molte delle sue prime innovazioni che in seguito divennero una pratica standard. Le sue riforme etiche in un commercio caratterizzato da dichiarazioni stravaganti di medicine miracolose hanno iniziato un periodo di rapido sviluppo nello sviluppo di farmaci.

J. K. Lilly ha continuato a sostenere la regolamentazione federale sui farmaci. Sotto la guida di J. K., la società ha introdotto concetti di gestione scientifica, organizzato il dipartimento di ricerca dell’azienda, aumentato la forza vendita e avviato la distribuzione internazionale dei suoi prodotti. Inoltre J. K. ha supervisionato una grande espansione dell’azienda.

Nel 1905 la compagnia raggiunse un fatturato di $ 1 milione (corrispondenti a oltre 26 milioni di dollari oggi).

Eli Lilly controversie

Eli Lilly è stata coinvolta in diverse controversie, comprese controversie di etica politica e medica. Eli Lilly è ora l’unico produttore di BGH ad aver acquistato i diritti per produrre il farmaco da Monsanto.

Uno studio fondamentale ha rilevato che la fluoxetina (Prozac) ha maggiori probabilità di aumentare il comportamento suicidario complessivo. Il 14,7% dei pazienti (n = 44) su fluoxetina ha avuto eventi suicidari, rispetto al 6,3% nel gruppo di psicoterapia e all’8,4% nel gruppo di trattamento combinato. Eli Lilly, il produttore e il ricercatore principale non hanno reso evidenti questi risultati.

Diversi documenti interni, rilasciati dal British Medical Journal, hanno indicato un legame tra l’uso di Prozac e comportamenti suicidi o violenti. La FDA ha avvertito che Prozac e antidepressivi simili potrebbero causare agitazione, attacchi di panico e aggressione. Questi documenti rivelarono che Eli Lilly lo sapeva già nel 1984, anni prima che il farmaco fosse approvato dalla FDA.

Nel settembre 2013, Eli Lilly citò in giudizio il Canada per aver violato i suoi obblighi verso gli investitori stranieri facenti parte dell’Accordo di libero scambio del Nord America, permettendo ai suoi tribunali di invalidare i brevetti per due dei suoi farmaci. La compagnia ha chiesto un risarcimento di 500 milioni di dollari per i potenziali profitti persi.

Loxo Oncology chi è

Sul proprio sito ufficiale, Loxo Oncology si presenta invece come “una azienda focalizzata sullo sviluppo e la commercializzazione di farmaci altamente selettivi per pazienti con tumori genomicamente definiti”.

L’azienda è stata fondata per sfruttare due tendenze scientifiche:

L’uso crescente di test genomici nella gestione clinica dei pazienti affetti da cancro, porta all’identificazione di molti difetti che causano la cancerizzazione delle cellule normali. Miglioramento degli approcci di chimica per la costruzione di terapie altamente selettive contro singoli target nella cellula cancerosa.

Queste intuizioni stanno fornendo opportunità per lo sviluppo e l’investigazione di nuovi candidati per farmaci su misura per alcuni difetti genomici sottostanti. Loxo Oncology si concentra sullo sviluppo di trattamenti per persone con tumori causati da un singolo cambiamento di DNA inappropriato, noto come “driver oncogenico”.

Il suo lavoro si concentra su queste anomalie dei singoli geni, in modo tale che un farmaco potrebbe avere il potenziale per trattare il cancro con effetti drammatici. Per quanto possibile, stiamo lavorando alla progettazione di farmaci altamente selettivi perché crediamo che i farmaci costruiti con un unico scopo abbiano la più alta probabilità di inibire profondamente la via interessata.

Loxo Oncology ritiene che quando un test genomico identifica un paziente con un tumore causato da un driver oncogenico, ci dovrebbe essere una medicina altamente mirata per affrontare la vulnerabilità sottostante che porta al cancro. La sua pipeline è focalizzata sullo studio di farmaci altamente selettivi che inibiscono i fattori oncogeni nel cancro.

Il prodotto di punta di Loxo Oncology è VITRAKVI, realizzato di connubio con un altro colosso farmaceutico: Bayer. Un prodotto che però non è commercializzato in tutti i Paesi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY