Dan Bilzerian, come guadagna tutti quei soldi? Ecco chi è, storia, patrimonio

Chi è Dan Bilzerian? Qual è la storia di Dan Bilzerian? Qual è il patrimonio di Dan Bilzerian? Se vi state ponendo queste domande, forse avete sentito parlare da qualche parte di Dan Bilzerian. La cosa non sorprende dato che questo classe 1980 è diventato un personaggio del jet-set, un noto giocare di poker e beneficiario di un fondo fiduciario. E’ stato ribattezzato “Re di Instagram”, complici alcune foto che lo ritraggono nella vita agiata di tutti i giorni con donne avvenenti in abiti succinti, automobili costose, animali, case lussuose, armi e molto altro ancora.

Insomma, una vita Social passata ad ostentare lo sfarzo, il che lo rende invidiabile per milioni e milioni di followers. Che vorrebbero fare la sua stessa vita e si chiedono come. Di seguito scopriamo qualcosa in più su di lui.

Dan Bilzerian chi è

Chi è Dan Bilzarian? Diciamo innanzitutto che è nato il 7 dicembre 1980, è un giocatore di poker americano professionista e beneficiario di fondi di trust. Il suo Patrimonio è di 150 milioni di dollari, mentre il suo reddito è stimato sugli 150 milioni di dollari. Il padre, Paul Bilzerian è stato condannato a pagare una multa pari di 62 milioni di dollari dalla Securities and Exchange Commission (SEC).

Dan Bilzerian storia

Bilzerian è nato a Tampa, in Florida. Figlio dello specialista in acquisizioni aziendali Paul Bilzerian e di Terri Steffen. È il fratello del giocatore di poker Adam Bilzerian. Ha origini armene, ma purtroppo si racconta che circa la metà della famiglia di Bilzerian sia stata uccisa durante il genocidio armeno da parte dell’Impero turco (tanti furono gli armeni costretti alla fuga, di fatti molti vip sono di origine armena. Si pensi al cantante Charles Aznavour o all’ex calciatore dell’Inter Yuri Djorkaeff). Ancora oggi oggetto di negazionismo e imbarazzo da parte della Turchia.

Paul Bilzerian, come detto suo padr,e era un scalatore d’aziende a Wall Street e fondò fondi fiduciari per entrambi i suoi figli. Avviandoli così ad una vita agiata. Nella sua biografia si legge che Dan Bilzerian entrò nel programma di formazione della Marina SEAL nel 2000. Tuttavia, dopo diversi tentativi, non è riuscito a laurearsi. Pare sia stato bocciato per una “violazione della sicurezza sul campo di tiro”.

La sua ascesa inizia nel 2009, quando Dan Bilzerian arriva al 180esimo posto nel World Series of Poker Main Event del 2009. Nel 2010 fu invece votato come uno dei giocatori più divertenti su Twitter dal profilo di Bluff Magazine. Nel Novembre del 2011, a Bilzerian e ad altre persone tra cui gli attori Tobey Maguire, Nick Cassavetes, and Gabe Kaplan, fu richiesto di restituite le vincite incassate contro il creatore di schemi ponzi Bradley Ruderman, dopo che quest’ultimo è andato in prigione. Così da aiutare le persone che sono state da egli raggirate.

Sempre nel 2011, Dan Bilzerian ha difeso pubblicamente Alex Rodriguez contro le accuse di gioco d’azzardo illegale, sostenendo di essere presente quando il presunto gioco d’azzardo era avvenuto e Rodriguez non era presente. Il 9 marzo 2011, Bilzerian ha gareggiato e battuto Tom Goldstein per una scommessa di $ 385,000 al Las Vegas Motor Speedway. Lui gareggiava con una Cobra 1967 AC, mentre Goldstein con una Ferrari 458 Italia. Anche le corse e l’alta velocità fanno parte del suo eccentrico stile di vita.

Dan Bilzerian controversie

La vita di Dan Bilzerian è piena di controversie. Intanto, c’è da dire che trascorre la maggior parte della sua vita tra le sue ville in California ed in Nevada. Malgrado abbia meno di 40 anni, nel corso della sua vita ha già subito tre attacchi di cuore, complice la sua vita piena di eccessi caratterizzata soprattutto da un altissimo uso di sostanze stupefacenti. Nel 2014, Dan Bilzerian fu protagonista di una denuncia coi produttori del film “Lone Survivor”. Egli infatti ritiene che, malgrado abbia fornito alla casa di produzione del film 1 milione per comparire 8 minuti ed esprimere 80 parole totali di dialogo, il suo ruolo è stato ridotto a meno di un minuto e soltanto ad una battuta. Ha pertanto richiesto 1.2 milioni di risarcimento.

Nell’agosto dello stesso, Dan Bilzerian fu invece cacciato da un nightclub di Miami per aver preso a calci in faccia la bellissima modella Vanessa Castano nel corso di una rissa. Si è difeso asserendo che la modella, insieme ad un’altra donna, hanno attaccato la sua compagna. Vanessa Castano ha invece affermato che “C’erano due ragazze in piedi accanto a me al tavolo che si stavano picchiando” (forse una delle due era proprio la ragazza di Bilzerian) e che lei ha solo tentato di separarle. Poi è intervenuto Dan Bilzerian che l’ha spinta facendola cadere a terra e poi riempendola di calci in faccia. La Castano ha poi denunciato Bilzerian per le lesioni arrecategli. La Castano ha poi chiesto a Bilzerian 1 milione di dollari di danni, affermando che poteva anche chiedere di più se la cosa non si fosse risolta.

Sempre nel 2014, un anno alquanto infuocato evidentemente per il pokerista, Bilzerian entrò in una nuova disputa legale con l’attrice porno Janice Griffith per un servizio fotografico. Bilzerian decise di lanciare la donna, completamente nuda, dal tetto di casa direttamente in piscina. La ragazza però cadde sul bordo della piscina, rompendosi un piede. Il video dell’incidente è stato anche pubblicato su Youtube, eccolo:

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/yk-PqUCuGN0″ frameborder=”0″ gesture=”media” allow=”encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

Griffith, all’epoca appena diciottenne, ha chiesto un risarcimento danni per 85mila dollari per il suo infortunio, somma però rifiutata. Successivamente la pornostar decise di denunciare sia Hustler (il produttore del set fotografico) che Bilzerian, ma l’avvocato di Bilzerian ha risposto che Griffith aveva un contratto per l’evento grazie a Hustler, e quest’ultimo ha assunto Bilzerian per l’evento e che Bilzerian non era quindi colpevole. Nel gennaio del 2015, l’avvocato di Hustler ha ribadito che la colpa non era del suo assistito.

Il vulcanico 2014 si concluse in coerenza: Dan Bilzerian fu arrestato all’aeroporto internazionale di Los Angeles con l’accusa di aver realizzato un ordigno. Secondo il Dipartimento di Polizia di Los Angeles, Bilzerian è stato arrestato a seguito di un mandato di cattura del Nevada ed è stato prelevato dalla Division Pacific di LAPD intorno alle 22.00. Dan Bilzerian fu poi rilasciato dalla LAPD il giorno seguente, ma fu rinviato a giudizio nel gennaio del 2015. Il mese successivo, invece, Bilzerian non ha contestato l’accusa fattagli e ha quindi incassato una multa di oltre 17 mila dollari.

Dan Bilzerian film

Quali sono i film con Dan Bilzerian? Tanti, ecco l’elenco completo nel momento in cui vi scriviamo:

  • 2013: Olympus Has Fallen
  • 2013: Lone Survivor
  • 2014: The Other Woman
  • 2014: The Equalizer
  • 2014: Cat Run 2
  • 2015: Extraction
  • 2016: War Dogs

Data la controversia prima citata, probabilmente questo pokerista, a parte per la vita eccentrica spiattellata su Instagram e Facebook che lo ha reso famoso, probabilmente paga anche profumatamente per le sue comparsate cinematografiche..

Dan Bilzerian come guadagna

Cosa fa nella vita Dan Bilzerian? Come fa a guadagnare Dan Bilzerian? Domande che si pongono in molti. Lui come lavoro fa il giocatore di poker, ma anche investitore e attore, con un patrimonio complessivo pari a 150 milioni di dollari. Ormai si dedica anche alla mondanità e al jet-set, foraggiato dai suoi tanti soldi e facilitato dai social di oggi che consentono a tutti di diventare Vip tra foto e video che riprendono ogni momento del quotidiano. Anche il più banale.

Vanta oltre 20 milioni di seguaci su Instagram, dove posta video e foto mostrando il suo fisico prestante, la barba folta, belle donne che lo circondano, la compagnia di animali stranissimi, il possesso di auto lussuose di ogni tipo, il maneggiare armi e che lo ritraggono in tante situazioni strane. Donne, soldi, armi, ville lussuose, sfondi paradisiaci. La vita che in tanti sognano, il tutto senza sporcarsi le mani con il lavoro. Quello serio ed onesto.

Come guadagna Dan Bilzerian? A parte il lascito oneroso del padre e l’attività di pokerista, più apparente che reale, guadagna sfruttando soprattutto la sua immagine tramite product placement, sponsorizzazioni varie, ospitate, ecc. Sta quindi investendo sulla propria immagine. Nel 2016 si candidò perfino alle presidenziali americane. Ve lo immaginate Presidente degli Stati Uniti? Altro che Trump…

In una intervista al Daily Dot del 2013, Bilzerian ha affermato di iniziare a giocare a poker ai tempi dell’Università. Al secondo anno però finì sul lastrico. Decise così di dedicarsi alla compravendita di armi, trasformando 750 dollari in 10mila. Successivamente è andato a Las Vegas, dove, tra un gioco d’azzardo e l’altro, ha trasformato questi 10mila dollari in 187 mila. Insomma, un moltiplicatore di denaro, un Re mida che trasforma tutto in oro. Ma in tanti non credono alla sua storia, così eccessivamente Dark Noel, da cinema americano.

Il dubbio è che Dan Bilzerian potrebbe avere parte dei suoi soldi in un patrimonio nascosto. Considerando i registri pubblici a lui collegati, si scopre un impero finanziario fatto da una rete di aziende offshore creare con lo scopo di proteggere dal Fisco americano le grandi ricchezze del padre. Inoltre, come abbiamo già affermato, Bilzerian possiede dei fondi fiduciari, aperti dal padre negli anni di difficoltà con il fisco.

In una intervista al Wall Street Journal, Dan Bilzerian ha confermato di aver ereditato gran parte dei suoi soldi grazie al fondo fiduciario del padre. Ma egli, dall’alto del suo ego, non ha mai ammesso quanto abbiano inciso i soldi del padre nelle sue ricchezze. Lui continua a dire che è in gran parte merito delle sue abilità al Poker, che gli hanno permesso di guadagnare 50 milioni di dollari in un anno.

La realtà di Dan Bilzerian è quindi che non incarna esattamente il sogno americano, ma è bensì un “castello di carta” destinato ad implodere prima o poi. Un mito che rimane tale, in quanto non si è assolutamente “fatto da solo” ma ha invece utilizzato i guadagni illeciti del padre per costruire un impero dal dubbio gusto.

Paul Bilzerian chi è

Chi è Paul Bilzerian? E’ il padre di Dan, a cui deve il suo lancio nel mondo dei soldi. Paul Bilzerian è stato condannato per aver violato le leggi sui titoli e delle imposizioni relative ai tentativi di acquisto di diverse società negli anni ’80. Tale padre tale figlio. Bilzerian è stato condannato con una pena detentiva, che gli ha anche sottratto i suoi profitti ritenuti illegali. Arrivando così al fallimento ed a controversie ancora in corso con la SEC. Lui continua a dichiararsi innocente da ormai un trentennio.

Paul Bilzerian ha dunque accumulato la sua fortuna negli anni Ottanta facendo il corporate raider e usando diverse tattiche per gonfiare il valore delle aziende di cui possedeva azioni, assicurandosi così enormi profitti. Nel 1989 è stato arrestato per truffa e ha scontato 13 mesi di carcere.

Nel 1991 il buon Paul ha dichiarato bancarotta. Due anni dopo, la SEC gli ha comminato una multa da 62 milioni di dollari, che lui ha detto di non poter pagare perché non aveva i soldi. Nel corso dei due decenni successivi, la SEC ha continuato a incalzare Paul Bilzerian, ma lui era sempre un passo avanti. Il punto più alto di questo inseguimento è stato raggiunto quando Paul Bilzerian si è dichiarato insolvente ed è finito in carcere perché si rifiutava di ammettere di aver mentito sullo stato delle sue finanze. Di fatto, di questi 62 milioni di maxi multa, Paul Bilzerian ne ha pagati solo 3,7 nel 2014. Tra il 1994 e il 1999 Paul Bilzerian ha trasferito gran parte dei suoi averi in un sistema di fondi off-shore, presumibilmente proprio per sfuggire al Fisco.

Nel 1995, Paul Bilzerian e sua moglie Terri Steffen, hanno fondato la Paul A. Bilzerian and Terri L. Steffen Family Trust of 1995, che era partner della Overseas Holding Limited Partnership, a sua volta di proprietà di un’altra entità chiamata Overseas Holding Company. Il solito sistema di scatole cinesi insomma. La Overseas Holding Limited Partnership possedeva una parte della Cimetrx, un’azienda di software di cui Bilzerian stesso era stato presidente. Perciò Bilzerian poteva disporre liberamente di soldi che tecnicamente non possedeva, come quando la Overseas Holding Company aveva “preso in prestito” 90mila dollari dalla Bicoastal Holding Company, il cui solo azionista era, guarda caso, sua moglie Terri.

La SEC nella sua indagine sulla Cimetrix ha scoperto che nel 1999 l’azienda versava a Paul Bilzerian uno stipendio mensile di 10mila dollari. Bilzerian veniva pagato tramite la Bicoastal, e aveva diritto anche a un appartamento e a 1,500 dollari al mese come “rimborso spese.” Nel frattempo, la Bicoastal vendeva spesso le sue azioni della Cimetrix, generando fondi per Steffen.

La Cimetrix, da parte sua, ha pure detto non sapeva chi fosse Paul Bilzerian. Sempre la SEC ha scoperto che Paul Bilzerian aveva creato un fondo fiduciario per i suoi due figli, Dan e suo fratello minore Adam (anche lui un famoso giocatore di poker). Nel 2001, un giudice ha affermato che questo era un altro mezzo per celare il suo patrimonio al Fisco. La sentenza di bancarotta di Paul Bilzerian, anch’essa arrivata nel 2001, ha indicato che nel 1997 il fondo intestato ai figli di Bilzerian conteneva circa 12 milioni di dollari in azioni della Cimetrix. A Dan spettava la metà di quella cifra. Quindi non è difficile capire da dove provengano davvero le sue fortune. Poi che egli abbia saputo investire sul proprio personaggio, moltiplicando i propri averi, è un altro discorso.

La storia di Bilzerian senior ricorda un po’ quella degli anni 80 di Jordan Belfort, soprannominato il Lupo di Wall Street. Le cui gesta sono state raccontate in un film di Martin Scorsese con protagonista un sempre straordinario Leonardo Di Caprio. Il film termina con Belfort che dopo qualche anno di detenzione e pauperamento del capitale da parte dello Stato, si mette a fare l’insegnante in un corso di formazione per venditori. Rimettendo così in ciclo i suoi dettami e creando di fatto un esercito di potenziali truffatori di domani.

Dan Bilzerian Patrimonio

Qual è il patrimonio di Dan Bilzerian? Abbiamo detto che, almeno ufficialmente, esso sia pari a 150 milioni di dollari Il padre Paul, è stato invece uno scalatore di società negli anni ’80, intestando parte del suo immenso patrimonio a Dan e all’altro figlio. Quando Bilzerian aveva 36 anni, aveva già guadagnato 40 milioni di dollari. In effetti, egli è molto noto come giocatore di Poker, avendo vinto di recente 10,8 milioni dollari giocando in heads-up, no-limit hold’em, con staking da $ 5,000- $ 10,000. Per festeggiare, prese un jet privato e andò fino in Messico.

Tuttavia, è anche molto probabile che egli debba i suoi tanti soldi alla vita social che svolge, nella quale promuove profumatamente prodotti e stili di vita. Oltre ad aver distribuito i suoi tanti averi in giro per società off-shore al fine di fuggire al Fisco americano.

In una intervista alla rivista ALL IN, Dan Bilzerian ha detto del Poker: “Se pensate al poker come a uno sport come il baseball,” ha detto, “allora io gioco in una serie minore. Ma se pensate al poker come a un business, allora sono Bill Gates. Ho vinto più di 50 milioni di dollari giocando a poker. Chi altro ci è riuscito?”.

Ma come detto, che le sue fortune vengano quasi tutte dal Poker, è poco credibile. Dall’aprile del 2007 fino a gennaio 2016, Dan Bilzerian era anche accreditato come presidente, segretario, tesoriere e direttore della Caligula Corporation. Società contro la quale era in corso un procedimento civile avviato dal governo della Florida nel 2013. La Caligula era stata fondata nel 2005 da Terri Steffen, che secondo le ricostruzioni avrebbe poi ceduto nel 2006 il comando della società al figlio Adam. L’azienda non è mai stata quindi di proprietà di Paul Bilzerian. Eppure nel 2009, nel corso del procedimento di bancarotta della National Gold Exchange – un’azienda con cui Paul Bilzerian aveva fatto affari – si parlava della Caligula come a una società “controllata da Paul Bilzerian.” Ma in una causa del 2010 intentata da un ex avvocato di famiglia, si legge che nel 2007 la Caligula era di proprietà di Dan ma gestita dal padre Paul.

Quindi, da tutto ciò si deduce come Paul Bilzerian abbia intestato la Caligula al figlio Dan, ma per poi gestirla lui. Il che è confermato già da una sentenza del 2009. E la moglie e l’altro figlio Adam? In un’altra sentenza del 2009, si legge che nella Caligula i ruoli di presidente, segretario e tesoriere erano stati ricoperti, in maniera ciclia, dalla moglie di Bilzerian o dai suoi figli Adam e Dan. Ciò quindi conferma ulteriormente questa tesi.

Insomma, l’impero dei Bilzerian è fatto di società che controllano altre società che controllano altre società. Il tutto per distribuire capitali e non incentrarli in sole due mani. Dan, David Hammer—l’ex avvocato di Paul Bilzerian— e la Caligula avevano peraltro fondato una società denominata Haircut Partners nel tentativo di riscuotere i debiti della Bicoastal Holding Company, una delle aziende di Paul Bilzerian. Nel 2010, in una sentenza riguardo l’uso di Haircut da parte di Bilzerian, un giudice del tribunale della Florida ha scritto che la partecipazione dei tre nella Haircut faccia “sorgere nella corte il sospetto che anche lo stesso Bilzerian sia in qualche modo partecipe delle attività della società.”

Dan Bilzerian e gli animali

Dan Bilzerian si fa spesso ritrarre con strani animali o animali rari. Ospite di Richard Branson (il creatore del gruppo Virgin) a Necker Island – un’isoletta che fa parte delle Isole Vergini britanniche – ha attirato le ire degli animalisti, dopo aver postato una foto sul suo profilo Instagram. Bilzerian ha infranto almeno un paio di regole sacre nei confronti di un animale in via d’estinzione – e per questo protetto dal WWF: gli dava da mangiare ma soprattutto lo sta infastidendo permettendo alla sua (come al solito) splendida amica di sedersi a cavalcioni sul suo carapace.

Va da sé che l’ennesima bravata di Bilzerian gli è costata l’altrettanto ennesima valanga di commenti contrariati, apparsi proprio sotto la foto postata. In particolare gli animalisti lo hanno accusato di “non avere rispetto” e di “non avere la benché minima classe”.

Dan Bilzerian e Donald Trump

Cosa pensa Dan Bilzerian di Donald Trump? Tra le sue comparsate, non manca anche una foto col Tycoon e futuro Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il quale, pure è apparso in questi anni spesso in camei cinematografici. Di cui forse il più famoso è in Mamma ho perso l’aereo, dove incrocia il piccolo protagonista pestifero. Dan Bilzerian non nasconde il fatto che il candidato alla presidenza degli Stati Uniti sia letteralmente odiato da metà del paese. Ma è proprio questa la sua forza secondo lui. Egli infatti ritiene che l’odio e l’invidia arrivano da tutti quelli che vorrebbero essere come lui o vorrebbero fare quello che lui fa. E Dan si identifica in Trump proprio per questo.

Ha anche dichiarato: “se è diventato Presidente americano, perché non potrei riuscirci io?”. Nel 2016 sui Social sono comparse anche sue finte campagne elettorali per arrivare alla Casa bianca.

Dan Bilzerian Wikipedia

In tanti su Google cercano la voce Dan Bilzerian Wikipedia, proprio per cercare di saperne di più su questo paperone famoso su Instagram. Tanti ragazzini sognano di diventare come lui del resto, sempre circondato di belle donne, in ville lussuose o spiagge paradisiache, fisico possente, dimestichezza con le armi. Del resto, questi sono ormai i modelli imperanti per gli adolescenti, per effetto dell’edonismo imperante che ha iniziato a diffondersi dagli anni ‘80. Dove muscoli e ricchezza, ostentati nei film e nelle serie Tv americani, producevano nuovi miti. Il crollo di valori sani e modelli puliti da seguire ha fatto il resto.

Comunque su Wikipedia Italia non c’è una sezione a lui dedicata, ma solo in versione americana.

Dan Bilzerian in Italia

Tra i suoi innumerevoli viaggi, Dan Bilzerian è stato anche in Italia. In due città molto amate dai turisti stranieri: Milano e Venezia. In un video pubblicato su Youtube, tra donne mozzafiato e discoteche, si intravedono anche il Duomo di Milano e la bellissima Piazza San Marco. Relegate però ad un ruolo marginale perché ciò che deve comparire è il suo potere economico. Ecco il video di Dan in Italy:

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/dlN52s4hIx4″ frameborder=”0″ gesture=”media” allow=”encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

LEAVE A REPLY