Comprare Polkadot (DOT): cos’è e come funziona la criptovaluta

Conviene investire su Polkadot? Il mondo delle criptovalute è ormai vasto e inizia a diventare difficile contarle. Molte nascono e muoiono poco dopo, altre sono sulla cresta dell’onda da anni, altre ancora sono progetti futuristici in divenire.

Tra queste, si sta facendo strada Polkadot, una criptovaluta che come Ethereum vuole andare oltre questo concetto in senso stretto. Infatti, punta anche ad essere un network e un ecosistema. Nella fattispecie, con lo scopo di generare un Internet di blockchain interoperabili con il fine ultimo di creare un web di tipo decentralizzato.

In comune con le altre criptovalute, però, Polkadot ha che è anche un asset su cui investire. Ma, come tutti gli strumenti finanziari, deve essere conosciuto per benino se si vuole investire seriamente e senza rischi particolari.

Dunque, di seguito vediamo una guida completa su Polkadot. Come funziona e quali sono i migliori broker per investire su Polkadot.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo delle criptovalute. Ad esempio ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Polkadot: cos’è

Cos’è Polkadot? Si tratta di una rete progettata al fine di unificare tutte le altre reti di criptovalute. E’ soprannominata rete multi-chain, dato che, come anticipato nell’incipit, unisce gli altri network.

Polkadot (DOT)

L’obiettivo finale nella testa dei suoi ideatori, è quello di agire come un framework per tutti le blockchain. Per intenderci, se mastichi un po’ di web, è quanto fa il linguaggio HTML con siti, browser e server. Offrendo loro un linguaggio comune per comunicare.

Nel caso di Polkadot, vuole fungere da unificatore dei processi di mining di criptovalute che ad oggi si presentano disordinati e costosi. Quindi, fare sì che gli sviluppatori si concentrino su dapp e smart-contract. Le prime sono applicazioni decentralizzate, i secondi sono contratti digitali che si adattano a svariate funzioni burocratiche e commerciali.

Comprare Polkadot: le domande frequenti

Prima di proseguire con la guida cerchiamo di rispondere alle domande frequenti:

Cos’è la criptovaluta Polkadot (DOT)?

Si tratta di una criptovaluta (DOT) e di un ecosistema che si basa sulla multi-chain come protocollo. E’ un progetto serio da seguire su cui vale la pena di investire.

Conviene comprare Polkadot?

Attualmente è uno dei migliori progetti sulla blockchain, un progetto promettente che vedremo se avrà successo. L’attenzione degli investitori è comunque molto alta su DOT.

Dove comprare Polkadot?

Si possono sfruttare i migliori broker CFD che consentono di negoziare sulle criptovalute senza commissioni. Ad esempio con eToro si ha a disposizione anche il copy trading.

Piattaforme per investire su Polkadot

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
*75% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!ISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Polkadot come funziona

Come funziona Polkadot? In pratica, le blockchain possono connettersi con il suo sistema per poter così lavorare in parallelo (“parachain”). Con lo scopo di accedere alla convalida proof-of-stake.

La “catena di inoltro” della rete consente agli indirizzi delle transazioni di essere controllati. Con i dati che vengono standardizzati. Quindi, si riesce ad avere una sicurezza comune.

Tutte le blockchain collegate a Polkadot utilizzano il loro meccanismo PoS, decidono quando e come aggiornare il proprio codice ed eseguono dapp e token scelti. In questo modo, le blockchain raggiungono un duplice scopo: mantengono la propria sicurezza e ottengono al contempo nuovi protocolli.

Dunque, Polkadot punta a superare due problemi delle blockchain: la scalabilità e la governance. Vale a dire, il numero di transazioni che riescono a portare a termine e gli aggiornamenti cercando di preservare la loro sicurezza.

Ethereum e Polkadot: differenze

Quali sono le differenze tra Polkadot e Ethereum? Vediamole di seguito.

Lo scopo

Ethereum punta ad essere un ecosistema basato sugli smart contract. Chiamati volgarmente contratti intelligenti in italiano. Si tratta di pezzi di codice che eseguono logiche, aggiornando l’unica blockchain Ethereum. Gli smart contract si basano su Solidity

Polkadot fornisce invece agli sviluppatori un framework per creare una propria specifica blockchain. Pur preservando la possibilità di collegarla con altre blockchain dell’ecosistema. Anche Polkadot ha suoi smart contract, ma basati su Ink!.

Ethereum punta a diventare una piattaforma per la creazione della cosiddetta finanza decentralizzata ed eseguire smart contract. Polkadot, invece, punta a facilitare il lavoro degli sviluppatori nel creare ed integrare blockchain.

Design

Qui le differenze tra Ethereum e Polkadot si fanno più evidenti.

Ethereum è una blockchain singola, Polkadot si presenta come una rete blockchain espandibile e scalabile. Per fornire sicurezza e interoperabilità.

Su Ethereum, gli smart contract vengono eseguiti su una singola virtual machine. Su Polkadot gli smart contract funzionano su blockchain.

Ethereum nella sua versione 2.0 vuole offrire scalabilità tramite l’esecuzione di transazioni su chain separate (shard). Ciò che Polkadot già fa oggi.

Gli smart contract esisteranno su un singolo shard, e saranno scalabili grazie ad uno shard parallelo. Su Polkadot ogni shard ospita la logica di base, sono eseguiti in parallelo e sono inviati messaggi asincroni tra essi. Pur preservando la propria funzione di transizione di stato.

Chain principale

La chain di Ethereum 2.0 sarà Beacon Chain. Genererà numeri casuali per il PoS. Lo shard invierà ad essa dei crosslink con le info per finalizzare i dati dello shard.

Su Polkadot la chain principale è Relay Chain. E ci sono le parachains, aventi come funzione quella di fornire la transizione di stato ai validatori della Relay Chain che devono eseguirla.

Gli shards in Ethereum 2.0 avranno accesso ai rispettivi stati tramite i crosslinks e le prove di stato.

Gli shard pubblicano un crosslink sulla Beacon Chain per ogni blocco. Polkadot utilizza un protocollo (XCMP) al fine di permettere alle parachains di potersi scambiare messaggi arbitrari.

Le due parachain hanno full node comuni e possono parlarsi mediante full node. Altrimenti, i validatori della Relay Chain gestiranno la consegna dei messaggi.

Governance

Riguardo la governance, Ethereum sfrutta procedure che avvengono off-chain. Polkadot utilizza la governance on-chain.

Quindi, le due criptovalute si somigliano a livello concettuale, ma poi nel dettaglio hanno delle differenze. La similitudine sarà maggiore, come visto, quando Ethereum 2.0 sarà definitiva.

Dot: la criptovaluta di Polkadot

Come funziona DOT, la criptovaluta di Polkadot? Si tratta del token interno alla rete Polkadot. Consente agli utenti di votare sulle modifiche al codice. Le quali avvengono solo dietro consenso della maggioranza.

Polkadot (DOT) sta avendo un ottimo successo tra gli investitori, arrivando anche al sesto posto per market cap delle criptovalute.

Polkadot - Tecnologia

Ciò soprattutto grazie al suo approdo su uno dei più importanti Exchange al mondo: Binance. Il che ha portato il suo prezzo a crescere del 200%. e ci sono buone prospettive che il token cresca ancora.

Del resto, la grande competizione con Ethereum potrebbe aiutare DOT a salire ancora. Infatti, Polkadot punta a superare il problema delle commissioni alte patito dalla criptovaluta lanciata dal russo-canadese Vitalik Buterin. Grazie alla massiccia scalabilità delle transazioni.

Capitalizzazione di mercato

Al momento della scrittura, Polkadot si piazza quinta per capitalizzazione di mercato sul portale CoinGecko, con 15.249.622.645 USD. Ed un prezzo di quasi 16 dollari statunitensi.

Previsioni Polkadot

Quali sono le previsioni su Polkadot? Le previsioni sono tutte ottime. Si parla di un potenziale sviluppo di circa 200 progetti futuri.

Se è vero che Ethereum resta attualmente il protocollo per smart contracts più utilizzato con una valutazione pari a 43 miliardi (Polkadot per ora è a 5,6 miliardi), le possibilità di crescita sono molto positive.

Abbiamo già visto i dati sulla capitalizzazione di mercato e il prezzo, e abbiamo già visto in passato quanto il prezzo sia impennato.

Secondo il fondo crittografico asiatico Spartan Black, DOT potrebbe presto diventare una delle prime tre criptovalute. Scalzando o la rivale Ethereum o Ripple, ormai da anni sul podio (anche se di recente Ripple è stata sostituita da Tether). Bitcoin invece è ancora saldamente prima e ci resterà ancora per qualche anno.

Il fondo però è anche convinto che tra Ethereum e Polkadot non ci sia rivalità. E la seconda non è destinata a scalzare la prima.

Come investire su Polkadot (DOT)

Il modo migliore per investire in Polkadot è quello di affidarsi ai Contract for difference (CFD), poiché sono un mezzo più sicuro rispetto agli Exchange. Sovente vittime di attacchi Hacker e non obbligati ad avere una licenza per operare, come invece i broker che offrono CFD.

Con i Cfd potrete assumere sia una posizione long che short, godere di basse commissioni e sfruttare le potenzialità della leva finanziaria (che però va imparata bene, non a caso viene chiamata “arma a doppio taglio”).

E dove investire su Polkadot tramite CFD? Lo vediamo di seguito.

Dove comprare Polkadot

Vediamo ora due broker che consentono di investire in tutta sicurezza su Polkadot.

Comprare Polkadot su eToro

eToro è un broker che quanto a sicurezza la sa lunga. Visto che prevede ben 3 licenze per operare (CySEC, FCA e ASIC), nonché il beneplacito Consob per operare in Italia.

Se non siete molto pratici di Polkadot o del trading in generale, oltre al tradizionale Conto demo con ben 100mila, eToro mette a disposizione un sistema per copiare quanto fanno i trader migliori: il copy trading. Potrai anche interagire con altri trader mediante il social trading o parlarne sui tradizionali canali social.

Puoi iniziare a investire in criptovalute con eToro cliccando qui.

67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Comprare Polkadot su ForexTB

Il broker ForexTB è un altro broker molto sicuro, visto che vanta la licenza CySEC.

Puoi scegliere tra 4 account diversi, con soglie di deposito minimo crescenti e servizi sempre maggiori. Potrai beneficiare dei consigli degli esperti di trading di Trading Central, che ti invieranno dei segnali ogni giorno su quando conviene posizionarsi su Polkadot e tanti altri asset previsti dal broker.

Potrai formarti su Polkadot e il trading in generale scaricando gli eBook caricati sulla piattaforma, seguendo i webinar organizzati ciclicamente da ForexTB o facendo pratica in totale sicurezza con un Conto demo di 100mila euro virtuali.

Puoi iniziare a fare trading su Polkadot con ForexTB cliccando qui.

Quotazione Polkadot in tempo reale

Qual è la quotazione di Polkadot? Ecco il grafico in tempo reale:

Conclusioni

Polkadot è una criptovaluta che sta facendo parlare molto di sé. E secondo alcuni esperti potrebbe presto finire tra le prime tre per capitalizzazione di mercato.

Comprare Polkadot

Viene ritenuta in concorrenza con Ethereum, con la quale condivide vari aspetti. Ma potrebbe scalzarla soprattutto perché, alla luce dell’alta scalabilità, potrebbe risultare molto più conveniente.

Quindi, avere questa criptovaluta nel proprio portafogli potrebbe essere una scelta saggia in vista di rally futuri come quelli di settembre 2020.

Il modo migliore per investire su Polkadot è quello di fare trading con i CFD su broker come eToro e ForexTB.