Mercato forex: cos’è, come funziona, come investire: guida completa

Cos’è il mercato Forex? Come funziona il mercato Forex? Il mercato Forex è una truffa? Come investire nel mercato Forex? Ecco una guida completa sul mercato Forex, il più grande mercato finanziario al mondo dove si scambiano valute al fine di ottenere un profitto. Facendo leva sulle oscillazioni del loro valore.

Vediamo dunque tutto quanto concerne il Mercato Forex e come sfruttarne le potenzialità.

Forex cosa significa

Cosa significa Forex? Si tratta di un acronimo, che sta per Foreign exchange. Indicato appunto utilizzando le prime tre lettere del primo termine e le prime due lettere del secondo. Viene indicato anche con sole due lettere: FX.

I migliori broker forex

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Mercato Forex storia

Qual è la storia del Mercato Forex? Tutto parte dall’accordo di Bretton Woods, adottato nel 1944. L’obiettivo principale dell’accordo era di fornire stabilità monetaria internazionale impedendo che i soldi fuggissero attraverso le nazioni. Il suo obiettivo secondario era di limitare la speculazione valutaria. Prima dell’accordo Bretton Woods, il Gold Standard dominava il sistema economico internazionale. Il Gold Standard esisteva tra gli anni del 1815 e la prima guerra mondiale. Sotto il Gold Standard, le valute guadagnarono stabilità, dato che la valuta di ciascun paese era sostenuta dall’oro. Abolì l’antica pratica usata dai re e dai governanti per degradare arbitrariamente il valore della loro moneta, innescando l’inflazione.

Il Gold Standard aveva i suoi difetti. Come un’economia rafforzata, un paese avrebbe importato pesantemente dall’estero fino a quando non esauriva le sue riserve auree. Di conseguenza, l’offerta di moneta si ridurrebbe, i tassi di interesse aumenterebbero e l’attività economica rallenterebbe, creando recessioni cicliche. Alla fine, quando il prezzo delle merci avrebbe toccato il fondo, le altre nazioni continuerebbero a comprare delle iniezioni che avrebbero iniettato oro all’economia locale del paese, aumentando l’offerta di moneta e, di conseguenza, abbassando i tassi di interesse e producendo ricchezza nell’economia del paese. Tali modelli economici hanno prevalso su tutto il Gold Standard, fino allo scoppio della prima guerra mondiale.

Con l’accordo di Bretton Woods, i paesi partecipanti hanno concordato di mantenere il valore della propria valuta entro un margine ristretto rispetto al dollaro USA e un corrispondente tasso d’oro . Ai paesi veniva proibito di svalutare le loro valute al loro vantaggio commerciale e potevano farlo solo se la svalutazione era inferiore al 10%. Durante gli anni ’50, il volume in continua espansione del commercio internazionale portò a massicci movimenti di capitali generati dalla costruzione del dopoguerra.

Questa realtà economica destabilizzò i tassi di cambio esteri, che contraddicevano l’accordo di Bretton Woods. Era chiaramente il momento di cambiare; l’accordo di Bretton Woods fu infine abbandonato nel 1971 e il dollaro USA non era più convertibile in oro. Nel 1973, le valute delle principali nazioni industrializzate fluttuavano più liberamente. Il valore della valuta di un paese era ora controllato dalle forze dell’offerta e della domanda e non più dalle riserve auree. I prezzi delle valute venivano diffusi quotidianamente e il volume, la velocità e la volatilità dei prezzi sempre crescenti si svilupparono rapidamente negli anni ’70. Ciò ha dato origine a nuovi strumenti finanziari, alla deregolamentazione del mercato e alla liberalizzazione degli scambi.

Negli anni ’80, il movimento di capitali transfrontalieri si è accelerato con l’avvento di computer e tecnologia, estendendo il commercio di divise in tutti i fusi orari asiatici, europei e americani. Le transazioni in valuta estera sono aumentate da circa 70 miliardi di dollari al giorno nel 1980 a più di 2,4 trilioni di dollari al giorno nel 2003.

Un importante catalizzatore per la crescita del commercio Forex è stato il rapido sviluppo del mercato dell’Eurodollaro, dove i dollari USA sono depositati nelle banche al di fuori degli Stati Uniti. Inoltre, gli euromereati sono quelli in cui i beni sono depositati al di fuori della valuta di origine.

Il mercato dell’Eurodollaro nacque per la prima volta negli anni ’50 quando le entrate petrolifere della Russia – tutte in dollari – furono depositate al di fuori degli Stati Uniti per timore di essere bloccate dai regolatori statunitensi. Ciò ha dato origine a un vasto pool di dollari offshore al di fuori del controllo delle autorità statunitensi. Il governo degli Stati Uniti ha imposto delle leggi per limitare i prestiti in dollari agli stranieri. Gli euromereati erano particolarmente attraenti perché avevano regolamentazioni molto meno e offrivano rendimenti più elevati. Dalla fine degli anni ’80 in poi, le compagnie statunitensi hanno iniziato a contrarre prestiti offshore, trovando gli euromereati un’alternativa molto interessante per contenere l’eccesso di liquidità, oltre a fornire prestiti a breve termine e finanziamenti per importazioni ed esportazioni.

London Exchange era (e rimane) il principale Mercato del Forex. Negli anni ’80, Londra divenne il centro finanziario del mercato dell’Eurodollaro quando le banche britanniche iniziarono a prestare Dollari come alternativa alla Sterlina inglese per mantenere la loro posizione di leader nella finanza globale. La posizione geografica di Londra (che opera durante l’orario di mercato asiatico e americano) è anche strumentale nel preservare il suo predominio nell’euro-mercato.

Mercato Forex perché è importante

Perché il Mercato Forex è importante? Fino a poco tempo fa, il forex trading nel mercato valutario era stato il dominio di grandi istituzioni finanziarie, società, banche centrali, hedge fund e persone estremamente facoltose. L’emergere di Internet ha cambiato tutto questo, e ora è possibile per gli investitori medi acquistare e vendere valute facilmente con un clic del mouse attraverso i conti di intermediazione online. Le fluttuazioni valutarie sono generalmente molto piccole. La maggior parte delle coppie di valute si sposta meno di un centesimo al giorno, rappresentando una variazione inferiore all’1% del valore della valuta. Ciò rende lo scambio estero uno dei mercati finanziari meno volatili in circolazione.

Pertanto, molti speculatori valutari fanno affidamento sulla disponibilità di una leva enorme per aumentare il valore dei movimenti potenziali. Nel mercato forex al dettaglio, la leva può arrivare fino a 250: 1. La leva finanziaria più elevata può essere estremamente rischiosa, ma a causa del commercio 24 ore su 24 e della profonda liquidità, i broker di valuta estera sono stati in grado di fare leva su uno standard del settore per rendere i movimenti significativi per i traders.

L’estrema liquidità e disponibilità dell’alto livello di leva ha contribuito a stimolare la rapida crescita del mercato e lo ha reso il posto ideale per molti trader. Le posizioni possono essere aperte e chiuse in pochi minuti o possono essere tenute per mesi.

I prezzi delle valute si basano su considerazioni oggettive di domanda e offerta e non possono essere manipolati facilmente perché la dimensione del mercato non consente nemmeno ai maggiori attori, come le banche centrali, di spostare i prezzi a piacimento. Il mercato forex offre molte opportunità agli investitori. Tuttavia, per avere successo, un trader di valute deve comprendere le basi dietro i movimenti valutari. L’obiettivo di questo tutorial forex è di fornire una base per investitori o trader che sono nuovi ai mercati delle valute estere.

Mercato Forex cos’è

Cos’è il Mercato Forex? Il mercato Forex è il mercato dei cambi in cui vengono scambiate le valute. Le valute sono importanti per la maggior parte delle persone in tutto il mondo, che se ne rendano conto o no, perché le valute devono essere scambiate per condurre affari esteri. Se vivi negli Stati Uniti e vuoi acquistare formaggio dalla Francia, o tu o la società che acquista il formaggio deve pagare il fornitore francese per il formaggio in euro (EUR).

Ciò significa che l’importatore statunitense dovrebbe scambiare il controvalore in dollari USA (USD) in euro. Lo stesso vale per i viaggi. Un turista francese in Egitto non può pagare in euro per vedere le piramidi perché non è la valuta accettata localmente. Per cui, il turista deve scambiare gli euro per la valuta locale, in questo caso la sterlina egiziana, al tasso di cambio corrente.

La necessità di scambiare le valute è la ragione principale per cui il mercato forex è il mercato finanziario più grande e più liquido in il mondo. Supera gli altri mercati in termini di dimensioni, persino il mercato azionario, con un valore medio scambiato di circa US $ 2.000 miliardi al giorno. Il volume totale cambia continuamente, ma a partire da agosto 2012, la Bank for International Settlements (BRI ha riferito che il mercato forex ha superato i 4.9 trilioni di dollari USA al giorno.

Un aspetto unico di questo mercato internazionale è che non esiste nessun mercato centrale per i cambi. Piuttosto, il commercio di valute è effettuato elettronicamente over-the-counter (OTC), il che significa che tutte le transazioni avvengono tramite reti informatiche tra gli operatori di tutto il mondo, piuttosto che su una centrale centralizzata.

Il mercato è aperto 24 ore al giorno, cinque giorni e mezzo a settimana, e le valute sono scambiate in tutto il mondo nei maggiori centri finanziari di Londra, New York, Tokyo, Zurigo, Francoforte, Hong Kong, Singapore, Parigi e Sydney. Quasi ogni fuso orario Ciò significa che quando termina il giorno di negoziazione negli Stati Uniti, il mercato del forex ricomincia da capo a Tokyo e Hong Kong. Quindi, il mercato forex può essere estremamente attivo in qualsiasi momento della giornata, con quotazioni dei prezzi che cambiano costantemente.

Mercato Forex come funziona

Come funziona il Mercato Forex? Esistono in realtà tre modi in cui le istituzioni, le società e gli individui commerciano il forex: il mercato a pronti, il mercato a termine e il mercato dei futures.

Il forex trading nel mercato spot è sempre stato il più grande mercato perché è il “sottostante” reale asset su cui si basano i mercati dei contratti a termine e dei futures. In passato, il mercato dei future era la sede più popolare per gli operatori commerciali perché era disponibile per gli investitori individuali per un periodo di tempo più lungo.

Tuttavia, con l’avvento del commercio elettronico e di numerosi broker forex, il mercato spot ha visto un enorme aumento di attività e ora supera il mercato dei futures come mercato di negoziazione preferito per i singoli investitori e speculatori. Quando le persone si riferiscono al mercato forex, di solito si riferiscono al mercato spot. I mercati dei contratti a termine e dei contratti futures tendono ad essere più popolari con le società che devono coprire i loro rischi di cambio in una data specifica futura.

Mercato Forex spot cos’è

Cos’è il Mercato Forex spot? In particolare, il mercato spot è il luogo in cui le valute vengono acquistate e vendute in base al prezzo corrente. Quel prezzo, determinato dalla domanda e dall’offerta, è un riflesso di molte cose, inclusi i tassi di interesse attuali, la performance economica, il sentimento verso situazioni politiche in atto (sia a livello locale che internazionale), nonché la percezione della performance futura di una valuta contro un’altra . Quando un accordo è finalizzato, questo è noto come un “affare spot”. Si tratta di una transazione bilaterale con la quale una parte consegna un importo in valuta concordato alla controparte e riceve una quantità specificata di un’altra valuta al tasso di cambio concordato.

Dopo che una posizione è stata chiusa, l’accordo è in contanti. Sebbene il mercato a pronti sia comunemente noto come uno che si occupa di transazioni nel presente (piuttosto che nel futuro), queste operazioni richiedono in realtà due giorni per il regolamento.

Mercato a termine e mercato futures cos’è

Cos’è il mercato a termine? Cos’è il mercato futures? A differenza del mercato spot, i mercati a termine e futures non scambiano le valute attuali. Invece si occupano di contratti che rappresentano crediti verso un determinato tipo di valuta, un prezzo specifico per unità e una data futura per il regolamento.

Nel mercato dei contratti a termine, i contratti vengono acquistati e venduti OTC tra due parti, che stabiliscono i termini dell’accordo tra loro. Nel mercato dei futures, i contratti futures sono acquistati e venduti in base ad una dimensione standard e ad una data di regolamento sui mercati delle materie prime pubbliche, come la Borsa di Chicago Mercantile.

Negli Stati Uniti, la National Futures Association regola il mercato dei futures. I contratti futures hanno dettagli specifici, tra cui il numero di unità oggetto di negoziazione, le date di consegna e regolamento e gli incrementi minimi di prezzo che non possono essere personalizzati. Lo scambio agisce come una contropartita per il commerciante, fornendo liquidazione e regolamento. Entrambi i tipi di contratti sono vincolanti e sono solitamente regolati per contanti per lo scambio in questione alla scadenza, anche se i contratti possono anche essere acquistati e venduti prima della loro scadenza.

I mercati dei contratti a termine e dei contratti futures possono offrire protezione contro il rischio durante la negoziazione di valute. Di solito, le grandi società internazionali utilizzano questi mercati per proteggersi dalle fluttuazioni dei tassi di cambio futuri, ma anche gli speculatori prendono parte a questi mercati.

Mercato Forex, come leggere la quotazione di una valuta

Come si legge la quotazione di una valuta? Quando viene quotata una valuta, viene effettuata in relazione a un’altra valuta, in modo che il valore di una sia riflesso attraverso il valore di un’altra. Pertanto, se stai cercando di determinare il tasso di cambio tra il dollaro statunitense (USD) e lo yen giapponese (JPY), la quotazione forex dovrebbe essere simile a questa:

USD/JPY = 119.50

Questa è indicata come una coppia di valute. La valuta a sinistra della barra è la valuta di base, mentre la valuta a destra è detta la quota o la valuta del contatore. La valuta di base (in questo caso, il dollaro USA) è sempre uguale a un’unità (in questo caso, US $ 1), e la valuta quotata (in questo caso, lo yen giapponese) è l’equivalente di una unità base in l’altra valuta. La citazione significa che $ 1 = 119,50 yen giapponesi. In altre parole, US $ 1 può comprare 119,50 yen giapponesi. La quotazione forex include le abbreviazioni di valuta per le valute in questione.

Ci sono due modi per quotare una coppia di valute, direttamente o indirettamente. Una quotazione di valuta diretta è semplicemente una coppia di valute in cui la valuta nazionale è la valuta quotata; mentre una citazione indiretta, è una coppia di valute in cui la valuta nazionale è la valuta di base. Quindi, se si considerasse il dollaro canadese come valuta domestica e il dollaro USA come valuta estera, una quotazione diretta sarebbe USD / CAD, mentre una citazione indiretta sarebbe CAD / USD.

La quotazione diretta varia la valuta domestica, e la base, o valuta straniera, rimane fissa su una unità. Nella citazione indiretta, d’altra parte, la valuta estera è variabile e la valuta nazionale è fissata su una unità. Ad esempio, se il Canada è la valuta nazionale, una quotazione diretta sarebbe 1.18 USD / CAD e significa che $ 1 $ acquisterà $ 1,18. La citazione indiretta per questo sarebbe l’inverso (1 / 1.18), 0,85 CAD / USD, che significa con C $ 1, è possibile acquistare US $ 0,85. Nel mercato a pronti del forex, la maggior parte delle valute è negoziata con il dollaro USA, e il dollaro USA è spesso la valuta di base nella coppia di valute. In questi casi, si parla di citazione diretta.

Ciò si applicherebbe alla coppia di valute USD / JPY sopra indicata, che indica che 1 $ USA equivale a 119,50 yen giapponesi. Tuttavia, non tutte le valute hanno il dollaro USA come base. Le valute della regina – quelle valute che storicamente hanno avuto un legame con la Gran Bretagna, come la sterlina inglese, il dollaro australiano e il dollaro neozelandese – sono tutte citate come la valuta di base rispetto al dollaro statunitense.

L’euro, che è relativamente nuovo, è quotato allo stesso modo. In questi casi, il dollaro USA è la valuta del contatore e il tasso di cambio è indicato come una citazione indiretta. Questo è il motivo per cui la quotazione EUR / USD è indicata come 1,25, ad esempio perché significa che un euro equivale a 1,25 dollari USA. La maggior parte dei tassi di cambio sono quotati su quattro cifre dopo la cifra decimale, ad eccezione dello yen giapponese (JPY), che è quotato a due cifre decimali.

Quando una quotazione di valuta viene data senza il dollaro USA come una delle sue componenti, questa viene chiamata una valuta incrociata. Le coppie di valute incrociate più comuni sono EUR / GBP, EUR / CHF e EUR / JPY. Queste coppie di valute espandono le possibilità di trading nel mercato forex, ma è importante notare che non hanno tanto seguito come coppie che includono il dollaro USA, che sono anche chiamate major.

Mercato forex: ecco i principali cambi valuta

NomePrezzoVar %

Mercato Forex, il prezzo di offerta e il prezzo di acquisto

Come con la maggior parte delle negoziazioni nei mercati finanziari, quando si negozia una coppia di valute c’è un prezzo di offerta (definito in gergo Bid) e un prezzo di acquisto (Ask). Di nuovo, questi sono in relazione alla valuta di base. Al momento dell’acquisto di una coppia di valute (a lungo termine), il prezzo di domanda si riferisce all’importo della valuta quotata che deve essere pagata per acquistare un’unità della valuta di base, o quanto il mercato venderà una unità della valuta di base per in relazione alla valuta quotata.

Il prezzo di offerta viene utilizzato quando si vende una coppia di valute (in breve) e si riflette quanta parte della valuta quotata sarà ottenuta quando si vende un’unità della valuta di base, o quanto il mercato pagherà per valuta quotata in relazione alla valuta di base. La quotazione prima della barra è il prezzo di offerta, e le due cifre dopo la barra rappresentano il prezzo di domanda (solo le ultime due cifre del prezzo intero sono in genere quotate). Si noti che il prezzo di offerta è sempre inferiore al prezzo di richiesta.

Diamo un’occhiata a un esempio:

USD / CAD = 1.2000 / 05

Bid = 1.2000

Ask= 1.2005

Se vuoi comprare questa coppia di valute, questo significa che hai intenzione di acquistare la valuta base e quindi stai guardando il prezzo ask per vedere quanto ( in dollari canadesi) il mercato addebiterà dollari statunitensi. In base al prezzo richiesto, è possibile acquistare un dollaro statunitense con 1.2005 dollari canadesi.

Tuttavia, per vendere questa coppia di valute o vendere la valuta di base in cambio della valuta quotata, si osserverà il prezzo dell’offerta. Ti dice che il mercato comprerà una valuta base di $ 1 (venderai il mercato la valuta base) per un prezzo equivalente a 1,2000 dollari canadesi, che è la valuta quotata. Qualunque sia la valuta quotata prima (la valuta di base) è sempre quella in cui viene condotta la transazione. O acquisti o vendi la valuta base. A seconda della valuta che desideri utilizzare per acquistare o vendere la base, fai riferimento al tasso di cambio spot della coppia di valute corrispondente per determinare il prezzo.

Mercato Forex, come si determina lo Spread

La differenza tra il prezzo di offerta e il prezzo di domanda è denominata spread. Se dovessimo guardare il seguente cross:

EUR / USD = 1,2500 / 03

lo spread sarebbe 0,0003 o 3 pips, noti anche come punti. Sebbene questi movimenti possano sembrare insignificanti, anche il più piccolo cambiamento di punto può comportare la perdita di migliaia di dollari a causa della leva finanziaria. Ancora una volta, questo è uno dei motivi per cui gli speculatori sono così attratti dal mercato forex; anche il più piccolo movimento dei prezzi può generare enormi profitti.

Il pip è l’importo più piccolo che un prezzo può spostare in qualsiasi quotazione di valuta. Nel caso del dollaro statunitense, dell’euro, della sterlina inglese o del franco svizzero, un pip sarebbe pari a 0,0001. Con lo yen giapponese, un pip sarebbe 0,01, perché questa valuta è quotata al secondo decimale. Quindi, in una quotazione forex di USD / CHF, il pip sarebbe di 0,0001 franchi svizzeri. La maggior parte delle valute si scambia in un intervallo compreso tra 100 e 150 pips al giorno.

Mercato Forex, l’importanza del Dollaro

Una delle differenze tecniche chiave tra i mercati forex è il modo in cui le valute sono quotate. Nei mercati dei contratti a termine o dei futures, le divise estere sono sempre quotate rispetto al dollaro statunitense. Ciò significa che il prezzo viene effettuato in termini di quanti dollari statunitensi sono necessari per acquistare un’unità dell’altra valuta.

Ricorda che nel mercato a pronti alcune valute sono quotate contro il dollaro USA, mentre per altre, il dollaro USA viene quotato contro di loro. Pertanto, il mercato a termine e le quotazioni sul mercato a pronti non saranno sempre parallele tra loro. Ad esempio, nel mercato a pronti, la sterlina britannica è quotata contro il dollaro USA come GBP / USD. Questo è lo stesso modo in cui sarebbe quotato nei mercati dei contratti a termine e dei futures. Pertanto, quando la sterlina britannica si rafforza contro il dollaro USA nel mercato a pronti, aumenterà anche nei mercati dei contratti a termine e dei futures.

D’altra parte, guardando al tasso di cambio del dollaro USA e dello yen giapponese, il primo è citato contro quest’ultimo. Nel mercato a pronti, la citazione sarebbe 115, ad esempio, il che significa che un dollaro USA comprerebbe 115 yen giapponesi. Nel mercato dei futures, sarebbe quotato come (1/115) o .0087, il che significa che 1 yen giapponese comprerebbe 0,0087 dollari USA. Quindi, un rialzo del tasso spot USD / JPY equivarrebbe a un calo del tasso di cambio del JPY perché il dollaro USA si sarebbe rafforzato rispetto allo yen giapponese e quindi uno yen giapponese avrebbe acquistato meno dollari statunitensi.

Mercato Forex: gli orari

Quali sono gli orari del Mercato Forex? Il Mercato Forex non dorme mai, in quanto coinvolge praticamente le Borse di tutto il Mondo, con i loro relativi fusi orari. Pertanto quando chiude una Borsa ne sono aperte delle altre. Per fare un esempio:

  • La Borsa di Londra è aperta dalle 9 alle 17
  • La Borsa di New York dalle 14 alle 22
  • La Borsa di Sidney dalle 23 alle 7
  • La Borsa di Tokyo dalle 1:00 alle 9:00

Mercato Forex: come investire

Come investire nel Mercato Forex? Il modo migliore è attraverso il trading online. Il trading forex è simile al mercato azionario perché gli individui interessati al trading devono aprire un conto di trading. Come il mercato azionario, ogni conto forex e i servizi che fornisce differiscono, quindi è importante trovare quello giusto.

Di seguito parleremo di alcuni fattori che dovrebbero essere considerati quando si sceglie un account forex.

Leva finanziaria

La leva finanziaria è fondamentalmente la capacità di controllare grandi quantità di capitale, utilizzando pochissimo del proprio capitale. Tuttavia, maggiore è la leva, maggiore è il livello di rischio. L’ammontare della leva su un account varia a seconda dell’account stesso, ma la maggior parte utilizza un fattore di almeno 50:1, con un massimo di 250:1. Un fattore di leva di 50:1 significa che per ogni dollaro che hai nel tuo account controlli fino a $ 50.

Ad esempio, se un trader ha $ 1,000 nel suo account, il broker presterà a quella persona $ 50.000 per operare sul mercato. Questa leva fa anche il tuo margine, o l’importo che devi avere nel conto per scambiare un certo importo, molto basso. In azioni, il margine è di solito almeno del 50%, mentre la leva di 50:1 è pari al 2%.

La leva è vista come uno dei principali vantaggi del trading sul forex, poiché consente di ottenere guadagni consistenti con un piccolo investimento. Tuttavia, la leva può anche essere estremamente negativa se un trade si muove contro di te perché le tue perdite sono amplificate anche dalla leva. Con questo tipo di leva, esiste la possibilità reale di perdere più denaro di quanto investito, anche se la maggior parte delle aziende ha arresti protettivi che impediscono che un account diventi negativo.

Per questo motivo, è fondamentale che tu lo ricordi quando apri un account e che quando determini la leva desiderata capisci i rischi connessi. Non a caso, metaforicamente la Leva finanziaria viene definita “arma a doppio taglio”.

Spread e commissioni

Un altro importante vantaggio dei conti forex è che il trading al loro interno è fatto di base senza commissioni. Questo è diverso dai conti azionari, in cui si paga al broker una commissione per ogni operazione. La ragione di questo è che hai a che fare direttamente con i market maker e non devi passare attraverso altre parti come broker.

Questo può sembrare troppo bello per essere vero, ma stai sicuro che i market maker stanno ancora facendo soldi ogni volta che scambi.

Ogni volta che fai un trade, sono i market maker a catturare lo spread tra questi due. Pertanto, se l’offerta / domanda per una valuta estera è 1.5200 / 50, il market maker rileva la differenza (50 punti base). Se hai intenzione di aprire un conto forex, è importante sapere che ogni Broker ha spread diversi sulle coppie di valute straniere scambiate attraverso di loro. Anche se spesso differiscono solo di pochi pips (0,0001), questo può essere significativo se scambi molto nel tempo. Quindi, quando apri un account assicurati di scoprire la consistenza dei pip che ha sulle coppie di valute straniere che stai cercando di scambiare.

Questi due sono i fattori prettamente economici che riguardano il trading Forex. Ma innanzitutto occorre verificare che ci si affidi ad un Broker che abbia regolare licenza Consob o CySEC. In quanto ciò mette a riparo il trader da possibili truffe. E ancora, che il broker metta a disposizione un Conto demo per fare pratica quando si è agli inizi senza mettere a repentaglio i propri soldi veri. Importante è poi anche l’assistenza clienti, che deve essere in italiano, 24×7, facilmente raggiungibile.

Non devono poi mancare altri servizi come Grafici chiari per vedere lo storico di un cross valutario e i segnali di trading, che ci suggeriscano in modo efficace come e quando investire. Infine, il Broker deve mettere a disposizione materiale didattico come eBook, corsi di formazione on demand, webinar, incontri dal vivo.

Migliori Broker per investire nel Forex

A nostro modesto avviso, i Broker che rispondono a queste esigenze sono:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Mercato Forex è una truffa?

Possiamo rispondere a questa domanda con un dipende. Nel senso che il Mercato Forex può trasformarsi in una truffa nel caso in cui ci si affidi a piattaforme di trading online senza licenza e truffaldine. Che sono aperte solo con lo scopo di fregare il prossimo chiedendovi di caricare il conto, millantandovi facili guadagni. Per poi accorgervi che non solo non avete guadagnato nulla ma avete anche perso i soldi che avete guadagnato sul conto, difficilmente recuperabili anche dietro regolare denuncia.

 

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY