La Yellen incalza e il suo intervento è sempre più vicino

Yellen

Sembra che dai dati dell’economia statunitense si veda ancora una crescita troppo lenta e come era già stato anticipato nella riunione di settembre del Fomc, qualora si fosse continuati in questa direzione e con questi andamenti, sarebbe giunto il momento di alzare i tassi. Ecco che la Yellen si tiene pronta allora ad intraprendere le prime mosse già a partire da Dicembre, senza fare i conti con le mosse della nostra controparte europea oltreoceano, il presidente Draghi della BCE, che come già ribadito più volte non avrà problemi a mantenere i tassi e il Qe invariato almeno fino a marzo 2017.Yellen

Cosa sta aspettando la Yellen?

La Federal Reserve avvisa, ma come detto, dovrà rimanere in attesa dei risvolti politici durante il mese di novembre a causa delle elezioni presidenziali e del clima politico sempre più teso tra i due candidati Trump e H. Clinton.

Fin ora non ci sono stati cambiamenti perché dall’ultimo “minute”, documento che detto semplicisticamente, riassume le finanze statali, si era preferito attendere i dati sull’occupazione del lavoro e si sperava che l’inflazione toccasse un livello pari al 2%. Rimane quindi, quella della Yellen, una politica monetaria cauta e cautelativa, senza i giusti dati, non se la sente di intervenire. Vedremo le reazioni degli investitori già in attesa di questa presidenziali e immediatamente dopo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY