Yahoo diventa Altaba e Marissa Mayer lascia il Cda

Nel non troppo lontano 2000, Yahoo era in vetta alle Internet Company con un valore complessivo di 125 miliardi di dollari, sfortunatamente però mentre Google cresceva sempre più velocemente, il titano del Web (per via di scelte sbagliate e coincidenze non favorevoli) ha perso via via sempre più di importanza, nonostante ormai la crisi fosse ormai evidente, nel 2008 Yahoo rifiutò l’offerta di 44,6 miliardi di dollari da parte di Microsoft.

Il crollo di Yahoo

È ormai ufficiale, dalle ceneri di Yahoo nascerà Altaba una investment company in cui parteciperà Alibaba Group Holding e Yahoo Japan, mentre i servizi Internet passeranno nelle mani di Verizon, pronto all’acquisizione con un assegno da 4,8 miliardi di dollari.

La decisione è stata comunicata da Yahoo alla Securities and Exchange Commision americana, per quanto riguarda il numero dei consiglieri verrà ridotto a 5.

Marissa Mayer lascia il Cda

Alle condizioni già abbastanza critiche di Yahoo, si sono aggiunte anche una sequela di investimenti errati, oltre agli attacchi hacker avvenuti tra il 2013 e 2014 che hanno compromesso irrimediabilmente la fiducia nel brand, insanabile anche per la giovane prodigio Marissa Mayer.

La CEO di Yahoo che ne ricopre questo ruolo da luglio 2012, voluta fortemente dall’azienda e “strappata” da Google, dopo l’acquisizione di Tumblr sembrava fosse riuscita a rimettere in carreggiata l’azienda di Sunnyvale, tuttavia la scelta di rimanere fuori dal mondo delle app ha pesato enormemente sulla saluta di Yahoo.

A conclusione della vendita con Verizon, Marissa Mayer ha comunicato che lascerà il suo posto nel board e con lei anche il co-fondatore David Filo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY