WWDC 2019 Apple: iOS 13, iPad OS e Mac Pro, tutte le novità dell’evento

Anche quest’anno si è svolto il Worldwide Developer Conference, meglio conosciuto come WWDC. L’evento organizzato da Apple, nel corso del quale il colosso di Cupertino mostra tutte le sue novità principali a fan, curiosi e addetti ai lavori. Si è svolto come di consueto a San Josè, California, dal 3 al 7 giugno.

Al WWDC 2019, Apple ha annunciato una serie di aggiornamenti software rivolti alla famiglia di dispositivi Apple, tra cui iPhone, iPad, computer desktop e portatili Mac, Apple TV e Apple Watch. C’è anche l’annuncio del nuovo Mac Pro, un potente dispositivo di elaborazione che non è stato aggiornato dal 2013.

Apple poi è chiamata a risollevare le vendite del suo prodotto di punta: iPhone. Superato anche da Huawei negli ultimi trimestri di vendita e che solo il ban di Google riguardante il sistema operativo Android, potrebbe aiutare.

Vediamo dunque quali sono le principali novità presentate da Apple al WWDC 2019.

WWDC 2019 Apple, IOS 13 con modalità Dark mode e aggiornamenti app

La modalità APPSDark per iOS è ufficiale. Era così attesa che c’è stato un mormorio quasi di sollievo tra il pubblico.

Inoltre, molte app ricevono piccoli aggiornamenti: ora c’è anche la possibilità di inviare messaggi di testo nei messaggi e nei contatti suggeriti quando si condividono le cose con quelle che si ricevono più frequentemente. L’app musicale offre anche una modalità lirica che mostra le parole dal vivo accanto alla canzone.

Memoji sta ricevendo più strumenti di personalizzazione, come nuove opzioni di trucco, acconciature e accessori. Promemoria sta ricevendo un grande aggiornamento. Ad esempio, se tagghi qualcuno in un promemoria, riceverai anche quel promemoria la prossima volta che invii un messaggio quando è il momento di chattare su qualsiasi cosa tu abbia notato prima.

Maps sta ottenendo un aggiornamento molto più grande che offre una mappa maggiormente dettagliata e una scorciatoia sulla pagina di avvio che mostra i tuoi luoghi preferiti e le raccolte di luoghi salvati. Quando tocchi un luogo, visualizzerai una foto in cima alla strada che puoi toccare per ingrandire e guardarti intorno a 360 gradi o toccare di nuovo per percorrere la strada. C’è anche una modalità per inviare l’ora di arrivo stimata agli amici quando sei in viaggio.

L’app Foto ora ha una modalità di ordinamento delle foto che divide le tue immagini in giorni, mesi e anni in modo da poter sfogliare più facilmente le tue immagini in ordine cronologico . Ogni sezione è separata da una bobina di evidenziazione o da foto / video principali. Gli sviluppatori possono accedere a una beta per iOS 13 oggi e il pubblico può provarla a luglio. La versione finale del consumatore arriverà per tutti in autunno.

WWDC 2019 Apple, nuovi protocolli di sicurezza per HOMEKIT E APP

Gli annunci fatti nell’evento parlano anche di maggiore sicurezza contro i trasgressori di terze parti: ora puoi decidere se le app debbano chiederti ogni volta se vuoi consentire le informazioni sulla tua posizione. Tutte le altre volte, iOS interromperà l’accesso a quei dati finché un’app non ha bisogno che funzioni.

Apple ha inoltre sviluppato la propria funzione Single Sign-On che utilizza l’autenticazione Face ID del proprio dispositivo per accedere a diverse app e servizi. Puoi persino usarla per condividere o nascondere il tuo indirizzo e-mail, e se decidi di nasconderlo, Apple creerà un account e-mail casuale che inoltrerà le informazioni dalla terza parte alla tua email.

Esistono anche protocolli di sicurezza estesi per HomeKit inclusa una nuova modalità Secure Video che crittografa i filmati video localmente prima di inviare tali informazioni al cloud.

Apple offrirà 10 giorni di registrazione senza occupare memoria iCloud. Apple offrirà anche un supporto di crittografia simile ai router, con partner come Linksys, Eero e Charter Spectrum.

WWDC 2019 Apple, Siri avrà una voce più naturale con novità CarPlay e AirPods

Siri ha una voce leggermente nuova. L’assistente vocale è ora generato interamente da una tecnologia neurale text-to-speech piuttosto che da una registrazione basata sull’uomo. C’è un supporto esteso per Siri su altri dispositivi Apple come AirPod. Sugli auricolari Bluetooth, Siri può leggere i messaggi in arrivo e rispondere immediatamente.

Ora puoi anche condividere AirPods se vuoi condividerlo con un amico durante lo streaming di contenuti. Sull’HomePod, l’oratore può ora riconoscere le diverse voci per le risposte personalizzate. Quando sei in viaggio per casa e da casa, puoi anche toccare il tuo iPhone sull’HomePod per trasferire dove ti trovi una canzone tra i due dispositivi.

Alcuni nuovi aggiornamenti completano Siri: il supporto CarPlay è ora compatibile con altri app di terze parti come Pandora e Waze, e Siri può suggerire scorciatoie automatiche basate sulle tue attività e su app connesse e dispositivi smart home.

WWDC 2019 Apple, iPad ottiene il proprio OS

Apple ora riconosce l’iPad come la sua piattaforma stessa facendo girare iOS nel proprio sistema specifico per iPad. È possibile accedere all’app passando dalla modalità Slide Over semplicemente trascinando verso l’alto e lateralmente o suddividendo facilmente lo schermo trascinando le applicazioni affiancate.

È possibile dividere lo schermo utilizzando la stessa app, ad esempio visualizzare due note contemporaneamente o due e-mail contemporaneamente per fare riferimento l’un l’altro, ad esempio. La vista del file ha anche un aspetto più simile a MacOS, con modalità di visualizzazione della colonna e condividi cartelle su iCloud.

Gli iPad ora supportano anche le chiavette USB o le importazioni di fotocamere da cavi USB direttamente tra i due dispositivi. Ci sono anche alcuni nuovi gesti di modifica del testo, come un pizzico a tre dita per copiare, tagliare e incollare o un tocco a tre dita a sinistra e a destra per annullare e ripetere.

WWDC 2019 Apple, la novità Catalina

Come già annunciato, Apple dice addio ad iTunes: nella nuova versione di macOS, chiamata Catalina, Apple suddividerà l’app in tre app separate per musica, podcast e TV. L’app Podcast ti consente di cercare lo spettacolo e l’episodio in base al contenuto, in modo simile a quello che Google ha annunciato durante la propria conferenza I / O il mese scorso.

Anche le app TV e Music sono identiche a quelle che erano trapelate prima, con più icone colorate sul lato che consentono di sfogliare i contenuti per genere e consigli. Il Mac supporta anche l’iPad come secondo display, offrendo una soluzione alternativa per coloro che voleva un touchscreen sui loro MacBook (ovviamente, è necessario possedere due prodotti Apple). Apple ha chiamato questa funzione Sidecar.

L’iPad può essere collegato tramite connessioni sia cablate che wireless. Sia iOS che macOS offriranno presto il controllo vocale che ti consente di controllare qualsiasi cosa, dall’apertura delle app e alla regolazione del volume ad altre azioni come la modifica del testo. I dettati vocali vengono elaborati localmente sul dispositivo senza inviare alcuna informazione vocale al cloud.

Sul fronte delle app, una nuova app Find My ti consente ora di cercare il tuo dispositivo anche offline utilizzando il beacon Bluetooth che rimbalza su altri dispositivi Apple vicino il dispositivo fuori posto. Screen Time arriva anche sul Mac per rafforzare le limitazioni sui dispositivi. Apple ha annunciato Project Catalyst, un framework che consente agli sviluppatori di portare le app per iPad sul Mac (precedentemente denominato “Marzipan”).

Gli sviluppatori possono accedere a Catalyst oggi e basta spuntare Mac in Xcode per estendere semplicemente il supporto al sistema operativo desktop.

WWDC 2019 Apple, presentato il nuovo Mac Pro

Nel corso dell’evento, Apple ha presentato il nuovo Mac Pro, che è stato completamente ridisegnato dall’estetica del 2013. Il dispositivo è molto più angolare che, per qualche ironico, sembra un po’ più un cesto della biancheria? Per altri una grattugia per il formaggio?

Ha maniglie in alto e ritagli lungo tutto il lato per il massimo flusso d’aria. All’interno, Mac Pro supporta il processore Intel Xeon con fino a 28 core e fino a 1,5 TB di memoria. Ci sono sei slot per l’espansione della memoria e otto slot PCI, tre porte Thunderbolt, due porte USB-C e due USB-A. Anche nel reparto grafico c’è molto da fare: il modulo incluso supporta AMD Radeon Pro 580X o Radeon Pro Vega II e può essere configurato per aggiungere fino a due Vega IIs. Una nuova scheda di elaborazione supporta fino a tre flussi di 8 o 12 flussi di 4K. Per completare la personalizzazione, puoi persino aggiungere ruote alla shell di Mac Pro per una maggiore portabilità.

Il monitor è uno schermo LCD da 32 pollici con display Retina 6K e un rapporto di contrasto di 1.000.000: 1. Apple chiama il suo display “Extreme Dynamic Range,” o XDR, e può collegare sei display per un massimo di 120 milioni di pixel di display.

Come potete immaginare, tutta questa potenza non sarà economica. Il Mac Pro parte con un Intel Xeon a 8 core, 32 GB di memoria e un SSD da 512 GB per $ 5,999, mentre il Pro Display XDR è di $ 4,999. Il supporto è venduto separatamente per altri $ 999. Tutto sarà disponibile dopo questo autunno.

LEAVE A REPLY