WhatsApp: un miliardo di utenti attivi ogni mese

WhatsApp, il servizio di messaggistica istantanea, da oggi può vantare un miliardo di utenti attivi al mese. Ogni giorno sulla chat acquistata nel 2014 da Facebook si inviano 42 miliardi di messaggi e si condividono 250 milioni di video ed oltre un miliardo e mezzo di foto. I gruppi di conversazione sono un miliardo e la piattaforma, che sta assumendo 57 ingegneri, supporta ben 53 lingue. Questi i numeri dell’applicazione diventata irrinunciabile in ogni parte del mondo.

Una crescita inarrestabile

Da quando è passata nelle mani di Facebook per 19 miliardi di dollari, una delle acquisizioni più dispendiose nella storia della Silicon Valley, gli utenti sono più che raddoppiati (erano 450 milioni di utenti). Lo rimarca Mark Zuckerberg in persona con un post nel quale si congratula con i creatori della chat, Jan Koum e Brian Acton, e ricorda che da pochi giorni WhatsApp è tornata gratis per tutti. Zuckerberg sottolinea inoltre che presto arriveranno nuovi servizi per far comunicare tra loro persone e imprese: in altre parole niente pubblicità ma comunque un modo per trasformare in profitti il miliardo di utenti. E chiude con orgoglio: «Ci sono solo pochi servizi che connettono più di un miliardo di persone. Questo obiettivo è un importante passo avanti verso l’obiettivo di connettere tutto il mondo».
Sul blog aziendale compaiono ovviamente commenti entusiasti: «Vuol dire che quasi una persona su sette sulla Terra usa WhatsApp ogni mese per restare in contatto con i propri cari, amici e familiari. Che si tratti di condividere informazioni vitali durante un disastro naturale o una emergenza sanitaria, di darsi appuntamento, di far crescere una piccola azienda siamo onorati di far parte di ciò che le persone stanno facendo per rendere la loro vita e la vita di coloro che le circonda migliore». E in merito al futuro e alle ventilate ipotesi dell’inserimento della pubblicità nella schermata dell’applicazione si legge «Il nostro obiettivo non è mai cambiato: far sì che chiunque possa rimanere in contatto con i propri familiari e amici in qualsiasi parte del pianeta, senza costi e senza inganni».

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY