Western Union sta testando Ripple per i pagamenti: quali vantaggi

Western Union utilizzerà Ripple? Quando si parla di criptovalute, viene subito in mente il Bitcoin. La prima criptovaluta lanciata in assoluto nel 2009 dal misterioso Satoshi Nakamoto, che ha lanciato per la prima volta il rivoluzionario sistema Blockchain. Largamente considerato la vera rivoluzione delle criptovalute. Da allora, sono sorte una marea di altre criptovalute, tanto che ad oggi se ne contano circa 1500. Tante probabilmente vedranno la luce per poco tempo, altre sono molto interessanti ed avveniristiche. Si pensi a Neo o Nem (che però di recente ha subito una batosta dopo l’ingente furto subito dall’Exchange Coincheck). O alle più rinomate Ethereum e Ripple.

Queste ultime sono già una realtà consolidata. Ethereum, oltre ad essere una criptovaluta utilizzata anche per lanciare nuove ICO, è una Blockchain che consente di produrre smart contracts. Contratti digitali che possono essere adottati in vari settori commerciali e hanno il vantaggio di scavalcare le figure tradizionali previste nella stipula dei contratti tradizionali. In quanto sono controllate dal sistema stesso e immodificabili da una delle due parti. Ripple, invece, consente il trasferimento di denaro tra valute diverse senza dover passare per il Dollaro. Il che porta importanti vantaggi dato che così non bisogna sottostare alle oscillazioni del Dollaro. Inoltre, le commissioni sono vantaggiose rispetto al tradizionale sistema bancario.

Non a caso, Ripple è già adottato da alcune Banche, circa una ventina, tra cui Banco Santander e UBS. Inoltre, si stanno interessando ad essa anche la popolare società per il trasferimento di denaro Western Union. Prima di essa, lo hanno già fatto MoneyGram e UAE Exchange. E per queste ragioni che Ripple viene considerata una criptovaluta anomala. Proprio perché adoperata dalle Banche, che si vedono aggirate proprio dalle monete digitali. Inoltre, la moneta non prevede il mining previsto solitamente dalle criptovalute, ma viene prodotta nella sede di San Francisco. Quindi di fatto, fa venire a mancare anche il secondo presupposto di una moneta digitale: la decentralizzazione.

Ricordiamo poi come Ripple non ha avuto il migliore inizio del 2018. La sua criptovaluta, XRP, è scivolata verso il basso dalla prima settimana di gennaio e ha perso quasi il 70% del suo valore. Mentre nella seconda metà di dicembre 2017, quando le altre iniziavano la discesa, era stata l’unica a far registrare un segno “+”. facendo credere che potesse essere la nuova Regina delle criptovalute. Ma l’effetto è durato poco.

Conosciamo dunque meglio Ripple e in cosa consiste l’interessamento di Western Union.

Western Union potrebbe adottare Ripple

Western Union (WU) adotterà Ripple? Pare proprio di sì. Questa società vanta circa 270mila sedi sparse in 200 paesi diversi, facendo registrare un fatturato di circa 3 miliardi di dollari. Western Union sta già testando Ripple, come ha ammesso il capo della società finanziaria Raj Agrawal in una intervista a Bloomberg. Al quale ha fatto eco l‘amministratore delegato di Western Union, Hikmet Ersek.

A conferma del tutto ci pensa il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, il quale ha dichiarato sempre a Bloomberg che WU ha deciso di esaminare la loro piattaforma per facilitare i trasferimenti di denaro, soprattutto quelli da parte dei transfrontalieri. Perché WU sceglie Ripple? A spiegarlo è sempre Garlinghouse, il quale ammette con fierezza che la criptovaluta che rappresenta permette transazioni “mille volte più veloci e mille volte più economiche rispetto al Bitcoin”.

In realtà, già nel 2015 si è verificato un esperimento tra le due aziende nel 2015, che però è risultato quasi fallimentare, dato che non ha prodotto alcun cambiamento significativo nelle operazioni di Western Union.

Ad oggi non ci sono ulteriori dettagli sulla vicenda, ma pare proprio che Western Union si colleghi a RippleNet, la blockchain aziendale della startup accessibile attraverso il prodotto xCurrent dell’azienda. Ripple ha due prodotti principali: xCurrent, che attualmente utilizza oltre 100 istituti finanziari e xRapid , che è basato su XRP. Quest’ultimo è proprio quello che Western Union sta ora testando.

Un portavoce di Ripple dice a Yahoo Finance :

Stiamo testando diversi prodotti con Western Union per un po ‘. Siamo entusiasti del nostro lavoro verso un’implementazione pilota di xRapid, che utilizza XRP nei flussi di pagamento”.

Il CTO di Western Union, Sheri Rhodes, ha invece dichiarato ai media:

Continuiamo a esplorare possibili applicazioni blockchain per il nostro business e stiamo conducendo alcuni test di risoluzione con Ripple per alcuni corridoi. Per quanto riguarda la blockchain in generale, stiamo esaminando aree come l’elaborazione e il regolamento delle transazioni, l’ottimizzazione del capitale circolante, la tecnologia normativa e l’identità digitale”.

Western Union cos’è e come funziona

Western Union chi è

La Western Union Company è una società di servizi finanziari e di comunicazione americana . La sua sede è a Meridian, in Colorado , anche se la designazione postale della vicina Englewood è utilizzata nel suo indirizzo postale. Fino a quando non ha interrotto il servizio nel 2006, Western Union era la compagnia americana più conosciuta nel settore dello scambio di telegrammi.

Western Union ha diverse divisioni, con prodotti come il trasferimento di denaro da persona a persona, ordini di denaro , pagamenti aziendali e servizi commerciali. Hanno offerto “Cablegram” standard, oltre a prodotti più allegri come Candygrams, Dollygrams e Melodygrams.

La Western Union, in quanto monopolio industrializzato, dominò l’industria del telegrafo alla fine del XIX secolo. Fu il primo impero delle comunicazioni e stabilì un modello per le aziende di comunicazione di stile americano così come sono conosciute oggi.

Western Union storia

Nel 1851, la New York e la Mississippi Valley Printing Telegraph Company furono organizzate a Rochester, New York da Samuel L. Selden, Hiram Sibley e altre, con l’obiettivo di creare un grande sistema telegrafico con operazioni unificate ed efficienti. Nel frattempo, Ezra Cornell aveva riacquistato una delle sue società in bancarotta e le aveva ribattezzato New York e Western Union Telegraph Company. Inizialmente feroci concorrenti, nel 1856 entrambi i gruppi erano finalmente convinti che il consolidamento fosse la loro unica alternativa al progresso. La società risultante dalla fusione è stata nominata Western Union Telegraph Company su insistenza di Cornell, e Western Union è nata.

Western Union acquistò rapidamente società più piccole e nel 1860 le sue linee arrivarono dalla costa orientale al fiume Mississippi e dai Grandi Laghi al fiume Ohio . Nel 1861 aprì il primo telegrafo transcontinentale . Nel 1865 formò il Telegraph russo-americano nel tentativo di collegare l’America all’Europa, attraverso l’Alaska , in Siberia , a Mosca (questo progetto fu abbandonato nel 1867). La compagnia ha goduto di una crescita fenomenale nei prossimi anni. Sotto la guida dei presidenti Jeptha Wade e William Orton, la sua capitalizzazione passò da $ 385.700 nel 1858 a $ 41 milioni nel 1876. Tuttavia era molto pesante con problemi azionari, e affrontò la crescente concorrenza di molte aziende, in particolare l’ Atlantic and Pacific Telegraph Company rilevata dal finanziere Jay Gould nel 1875. Nel 1881 Gould prese il controllo della Western Union.

Introdusse il primo ticker azionario nel 1866 e un servizio orario standardizzato nel 1870. L’anno successivo, nel 1871, l’azienda introdusse il suo servizio di trasferimento di denaro , basato sulla sua vasta rete telegrafica. Nel 1879, Western Union lasciò il business del telefono , stabilendo una causa per brevetti con Bell Telephone Company. Mentre il telefono sostituiva il telegrafo, il trasferimento di denaro sarebbe diventato il suo business principale.

Quando nel 1884 fu creato l’indice del mercato azionario Dow Jones Transportation Average per la New York Stock Exchange (NYSE), Western Union fu una delle undici aziende originali americane monitorate. Nel 1900 Western Union gestiva un milione di miglia di linee telegrafiche e due cavi sottomarini internazionali.

La società ha continuato a crescere, acquisendo oltre 500 concorrenti minori. Il suo potere monopolistico fu quasi completo nel 1943, quando acquistò Postal Telegraph, Inc. , il suo principale rivale.

Nel 1914, Western Union offrì la prima carta di credito per i consumatori; nel 1923 introdusse telescriventi per unirsi alle sue filiali. I telegrammi cantanti seguirono nel 1933, il fax interurbano nel 1935 e le comunicazioni commerciali intercity a microonde nel 1943. Nel 1958, iniziò ad offrire il servizio Telex ai clienti di New York City. [13] In onore del San Valentino del 1959, Western Union ha introdotto Candygram, una scatola di cioccolatini che accompagnava un telegramma in una pubblicità con il rotondato Don Wilson . Nella versione degli anni ’70 di Let’s Make a Deal, ospitata da Monty Hall, Western Union Candygrams (con un messaggio in contanti all’interno) è stata offerta ai concorrenti come premio durante un accordo. Nel 1964, Western Union ha avviato un sistema a microonde transcontinentale per sostituire le linee di terra.

Durante la seconda guerra mondiale, le famiglie con figli in servizio militare temevano che il “ragazzo in bicicletta” dell’Unione occidentale arrivasse a casa con un telegramma del Dipartimento della Guerra o del Dipartimento della Marina . Il messaggio è iniziato: il Segretario alla Guerra (per soldati e aviatori) o il Segretario della Marina (per marinai e marines), si rammarica di informarvi che [nome, grado e numero di serie di un uomo nel servizio militare] è stato ucciso in azione ( o mancante in azione).

La Western Union è diventata la prima società americana di telecomunicazioni a mantenere la propria flotta di satelliti per comunicazioni geostazionarie , a partire dal 1974. La flotta di satelliti, denominata Westar , trasportava comunicazioni all’interno della società Western Union per telegrammi e messaggi di posta elettronica agli uffici della Western Union a livello nazionale. Ha inoltre gestito il traffico per i suoi servizi Telex e TWX ( Telex II ). I transponder dei satelliti di Westar sono stati anche affittati da altre società per il trasferimento di trasmissioni video , voce , dati e fax (fax).

Nel 1963 Western Union organizzò le sue proprietà internazionali per i sistemi via cavo e il suo diritto di collegamento per collegare le linee telegrafiche internazionali in una società separata chiamata Western Union International (WUI) che cedette quell’anno a American Securities. Nel 1983, American Securities vendette la WUI a MCI Communications che la ribattezzò in MCI International e trasferì la sua sede da New York a Rye Brook, New York .

Negli anni ’70, WUI ha installato e affittato al Dipartimento della Difesa americano (DOD) impianti di telecomunicazioni ad alta velocità da 50 Kbps tra gli Stati Uniti continentali e Hawaii, Germania e Regno Unito per fornire un banco di prova per l’ Agenzia di progetti di ricerca avanzata del DOD ( ARPA). Questo banco di prova ha fornito all’ARPA una dimostrazione del concetto della tecnologia di commutazione dei pacchetti che in seguito divenne Internet.

Nel 1981, Western Union acquistò un interesse del 50% in Airfone. Ha venduto Airfone a GTE nel 1986 per 39 milioni di dollari in contanti. A causa del calo dei profitti e dei crescenti debiti, Western Union iniziò lentamente a disinvestire dalle attività basate sulle telecomunicazioni a partire dai primi anni ’80. A causa della deregulation in quel momento, Western Union ha iniziato a inviare denaro al di fuori del paese, reinventandosi come “il modo più veloce per inviare denaro in tutto il mondo” e espandendo le sue sedi di agenti a livello internazionale.

Nel 1987, l’investitore Bennett S. LeBow acquisì il controllo di Western Union attraverso un processo esterno al capitolo 11 che era una ricapitalizzazione a leva complessa. La transazione è stata sostenuta da un totale di $ 900 milioni in obbligazioni ad alto rendimento e azioni privilegiate sottoscritte dal gruppo di Michael Milken a Drexel Burnham Lambert come parte di un’offerta di scambio. LeBow ha installato Robert J. Amman come Presidente e CEO che ha guidato una completa ristrutturazione strategica, operativa e di bilancio della società nei successivi 6 anni.

Amman ha messo a punto una strategia di reindirizzamento di Western Union dall’essere un fornitore di servizi di comunicazione basato su asset, con un’attività di trasferimento di denaro come una parte importante ma meno importante dell’attività, in quanto fornitore di servizi finanziari di trasferimento di denaro basati sul consumatore. In tal modo, Amman gestiva la società come due società separate. Un’attività consisteva nel business del trasferimento di denaro, che è stato finanziato e gestito per trarre vantaggio dalle significative opportunità di crescita. La seconda unità comprendeva tutte le risorse di comunicazione non strategiche come la rete vocale analogica a lunga distanza , il business satellitare e il cavo sottomarino. Nel periodo di 3 anni fino al 1990, Amman è stato sostenuto da Robert A. Schriesheim , anch’esso installato da LeBow, come consulente speciale che ha supervisionato la cessione delle quattro attività di telecomunicazioni non strategiche per circa $ 280 milioni.

Il nome ufficiale della società è stato cambiato in New Valley Corporation nel 1991, giusto in tempo per quell’entità per cercare protezione contro la bancarotta come parte della strategia di Amman per eliminare il bilancio overleveraged continuando a far crescere il business del trasferimento di denaro. La modifica del nome è stata presa per proteggere il nome Western Union dall’essere trascinato attraverso il procedimento (e il cattivo PR che avrebbe causato). Sotto la guida quotidiana di Robert J. Amman e il sostegno di LeBow , il valore della compagnia è aumentato drasticamente durante i suoi anni di attività nel capitolo 11.

Dopo varie ristrutturazioni che includevano trattative con Carl Icahn che divenne un grosso detentore di obbligazioni, Amman progettò la vendita di New Valley in un’asta fallimentare alla First Financial Management Corporation nel 1994 per $ 1,2 miliardi dove divenne vice presidente, e un anno dopo si fuse con First Data Corporation in una transazione da $ 6 miliardi. Il 26 gennaio 2006, la First Data Corporation ha annunciato piani per la Western Union come società indipendente quotata in borsa. L’attenzione di Western Union rimarrà il trasferimento di denaro. Il giorno successivo, Western Union annunciò che avrebbe smesso di offrire la trasmissione e la consegna del telegramma, il prodotto più associato alla società nel corso della sua storia. Questo, tuttavia, non era il servizio di telegramma originale di Western Union, ma un nuovo servizio di First Data sotto la bandiera dell’Unione occidentale; il servizio di telegramma originale è stato venduto dopo la bancarotta della New Valley Corporation e ora opera come iTelegram .

Lo spin off è stato completato il 29 settembre 2006 e Western Union è diventata di nuovo un’azienda indipendente quotata in borsa. Nel maggio 2015 sono emerse voci su una proposta di fusione tra Western Union e il suo concorrente più vicino, MoneyGram, in un momento in cui le entrate di entrambe le società erano in calo. Tuttavia, Western Union ha negato che fosse così. Nel gennaio 2017, MoneyGram è stata invece acquisita da Ant Financial, la società di tecnologia finanziaria di Alibaba per $ 880 milioni.

Non solo Western Union, Ripple già adottato da MoneyGram e UAE Exchange

La notizia relativa a Western Union, non è per Ripple una novità. Infatti, la criptovaluta ha già fatto registrare un sodalizio con MoneyGram e UAE Exchange. Partiamo col primo.

MoneyGram utilizza Ripple

MoneyGram è il secondo più importante fornitore di trasferimenti di denaro a livello mondiale. E’ quotato a Wall Street e fattura quasi 1 miliardo e mezzo di dollari, opera in oltre 200 paesi con una rete internazionale di oltre 300mila agenzie. MoneyGram consente di trasferire denaro (o “money transfer”) tra Stati. E’ quindi molto utilizzato da chi lavora all’estero e vuole trasferire denaro alla propria famiglia che si trova ancora nel paese di origine. Il trasferimento avviene dunque tra valute diverse, quindi anche se percepiscono Euro possono trasferire poi alla loro famiglia denaro in valuta locale.

Ecco quindi che Ripple diventa praticamente perfetta. Perchè è più veloce e più economica dell’alternativa (vale a dire Swift). Ricordiamo che Ripple è la Blockchain, mentre la vera e propria moneta digitale (detta anche token in gergo) è XRP. Ad inizio febbraio, del resto, Ripple tramite il proprio profilo Twitter aveva annunciato che 3 dei principali 5 fornitori di trasferimenti di denaro stavano programmando di usare il suo token XRP per i flussi di pagamento durante quest’anno. Ed in effetti i conti tornano: oltre a MoneyGram e Western Union, come vedremo il terzo colosso dei trasferimenti internazionale UAE Exchange. Utilizzato come vedremo in Medioriente.

D’altronde, il money transfer dovrebbe proprio essere il primo ambito nel quale le criptovalute dovrebbero avere il maggiore successo. Ed invece, in questi anni, si stanno più consolidando come asset su cui speculare tramite CFD. In effetti, sono Ripple sta seguendo la strada naturale, e non a caso anche American Express la utilizza per i propri flussi di denaro.

MoneyGram chi è

Tornando a MoneyGram International Inc., si tratta di una società di trasferimento di denaro con sede negli Stati Uniti, a Dallas, in Texas. Ha un centro operativo a St. Louis Park, Minnesota ed uffici regionali e locali in tutto il mondo. Le attività di MoneyGram sono suddivise in due categorie: Trasferimenti di fondi globali e Prodotti di carta finanziaria. La compagnia fornisce il proprio servizio a privati ed aziende tramite una rete di agenti e istituzioni finanziarie .

MoneyGram è il secondo maggior fornitore di trasferimenti di denaro nel mondo. La società opera in oltre 200 paesi con una rete globale di circa 347.000 agenzie. MoneyGram International si è formata in seguito alla fusione di due società, Travellers Express basata a Minneapolis e Integrated Payment Systems Inc., con sede a Denver . MoneyGram è stata fondata come controllata di Integrated Payment Systems e successivamente è diventata società indipendente prima di essere acquistata da Travelers nel 1998. Nel 2004, Travelers Express è diventato quello che oggi è conosciuto come MoneyGram International.

La Travellers Express Co. Inc., con sede a Minneapolis, fu fondata nel 1940. Come sussidiaria di Viad Corporation, divenne il maggior fornitore di vaglia postali prima di avviare un piano di riorganizzazione aziendale nel 1993. Verso la fine degli anni ’90 , MoneyGram Payment Systems aveva servito clienti in oltre 22.000 sedi in 100 paesi. MoneyGram è stata costituita nel 1988 come filiale di Integrated Payment Systems Inc.

Integrated Payment Systems era una sussidiaria di First Data Corporation , che era a sua volta una sussidiaria di American Express . Nel 1992, First Data fu scorporata da American Express e quotata alla Borsa di New York. First Data Corporation si è successivamente fusa con First Financial, i proprietari della rivale Western Union . Per approvare la fusione, la Federal Trade Commission costrinse First Data a vendere sistemi di pagamento integrati.

Nel 1996, Integrated Payment Systems, la seconda società di trasferimento di denaro al consumo non bancario della nazione, divenne la sua società quotata in borsa e fu rinominata MoneyGram Payment Systems Inc. Nel 1997, James F. Calvano, ex presidente di Western Union, è diventato CEO di MoneyGram Payment Systems. MoneyGram International Ltd. è stata fondata nel 1997 da MoneyGram Payment Systems Inc. un anno dopo che la società era diventata pubblica. Nel momento in cui MoneyGram International è stata fondata, MoneyGram Payment Systems possedeva il 51% della società, mentre l’altro 49% era di proprietà del Thomas Cook Group.

Nell’aprile 1998, Viad ha acquisito MoneyGram Payment Systems Inc. per $ 287 milioni. MoneyGram è stato poi piegato in Viad’s Travellers Express a Minneapolis. Nel 2003, Travelers Express ha acquisito la piena proprietà della rete MoneyGram, tra cui MoneyGram International. Più tardi in quell’anno, Viad fece staccare Travelers Express come compagnia indipendente. Nel gennaio 2004 e Travelers Express è stato rinominato in MoneyGram International Inc. Nel giugno 2004, Viad ha venduto MoneyGram ed è diventata un’entità individuale quotata in borsa.

Entro il 2006, MoneyGram International si è espanso a livello internazionale per includere oltre 96.000 agenti in regioni come Asia-Pacifico, Europa orientale e America centrale. La società aveva anche introdotto servizi aggiuntivi come il pagamento delle fatture e i trasferimenti di denaro online.

Durante la crisi finanziaria , le azioni di MoneyGram sono diminuite del 96% dal 2007 al 2009. Ha perso oltre 1,6 miliardi di dollari dagli investimenti in titoli garantiti da ipoteche rischiose nel 2008, e le perdite hanno portato la società a vendere una quota di maggioranza a Thomas H. Lee Partners e Goldman Sachs in cambio di un’infusione di denaro contante. Durante la caduta, US Bancorp spostò i suoi servizi di trasferimento di denaro in Western Union. La società ha iniziato a vedere nuovamente la redditività nel 2009.

Nel mezzo della svolta di MoneyGram, Pamela Patsley è diventata presidente esecutivo della società nel gennaio 2009 e in seguito è stata nominata CEO nel settembre dello stesso anno. Nel novembre 2010, MoneyGram ha trasferito ufficialmente il suo quartier generale a Dallas, in Texas. La società continua a mantenere le operazioni globali e i centri di tecnologia dell’informazione a Minneapolis, Minnesota.

Nel 2013 Moneygram ha iniziato a prendere in considerazione una vendita. Nel 2014, Moneygram ha perso una relazione con Wal-Mart Stores Inc. e successivamente ha avviato una ristrutturazione per tagliare i costi. Dal loro picco nel 2013 fino alla fine del 2015, le azioni sono diminuite del 70% circa. Moneygram ha chiuso un centro di assistenza clienti globale a Lakewood, CO, con oltre 500 licenziamenti. Inoltre, MoneyGram ha chiuso l’operazione di Brooklyn Center da 376 persone nel 2015. Moneygram ha delegato numerose posizioni a Varsavia, in Polonia, dalle sue sedi in Colorado e nel Minnesota per ulteriori tagli dei costi. Nel 2015, la rete di agenti della compagnia in Africa ha raggiunto 25.000 località, incluso un accordo con l’ufficio postale di Mauritius.

Tra fine ottobre 2016 e gennaio 2017, le azioni di Moneygram sono raddoppiate in termini di valore. Il 26 gennaio 2017 Ant Financial Services Group ha annunciato un accordo per l’acquisizione di MoneyGram International per $ 880 milioni; l’accordo è successivamente crollato dopo essere stato respinto dalla commissione per gli investimenti esteri negli Stati Uniti.

MoneyGram servizi

Questi sono i servizi offerti da MoneyGram:

  • MoneyGram Money Transfer: per il trasferimento di denaro tra Paesi diversi e valute diverse
  • MoneyGram Bill Payments Services: consente ai consumatori di effettuare pagamenti urgenti o di pagare bollette di routine a determinati creditori.
  • Vaglia : MoneyGram è il secondo maggior fornitore di vaglia.
  • Assegni ufficiali: MoneyGram offre servizi di outsourcing di assegni ufficiali disponibili per le istituzioni finanziarie negli Stati Uniti. I controlli ufficiali sono utilizzati dai consumatori quando un beneficiario richiede un assegno bancario e gli istituti finanziari pagano i propri obblighi.

MoneyGram controversie legali

Nel novembre 2012, MoneyGram International ha ammesso le violazioni anti-riciclaggio di denaro e le frodi. I servizi di MoneyGram sono stati utilizzati da soggetti non collegati coinvolti nelle truffe di marketing di massa e di phishing dei consumatori che hanno truffato migliaia di vittime negli Stati Uniti. Come parte dell’accordo, MoneyGram ha creato un fondo di compensazione delle vittime di $ 100 milioni. MoneyGram ha inoltre mantenuto un controllo aziendale che riferirà regolarmente al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per un periodo di prova di cinque anni. Se MoneyGram adempie ai propri obblighi ai sensi dell’accordo, i pubblici ministeri cercheranno il licenziamento delle accuse di favoreggiamento e favoreggiamento di frode telematica. MoneyGram ha anche rescisso qualsiasi agente complici delle truffe del 2009 e ha investito oltre 84 milioni di dollari in miglioramenti ai sistemi antifrode dei consumatori e all’educazione alla consapevolezza dei consumatori. Nel febbraio 2015, MoneyGram ha aiutato un reporter di Houston a chiudere una truffa dopo aver scoperto uno schema che utilizzava un account con la società.

Nel febbraio 2016, MoneyGram ha concordato che avrebbe pagato $ 13 milioni per porre fine a una ricerca derivante da lamentele da parte dei clienti che gli artisti della truffa li hanno ingannati con fondi di cablaggio tramite il servizio di trasferimento di denaro. L’accordo, con avvocati generali in 49 stati e Washington, DC, include $ 9 milioni per un fondo nazionale che faciliterà il ritorno di denaro ad alcuni clienti MoneyGram e $ 4 milioni per coprire i costi e le tasse degli stati, secondo numerosi annunci di avvocati statali generale.

MoneyGram e la filantropia

MoneyGram ha lanciato la Fondazione MoneyGram nel 2013, che si concentra sulla distribuzione di sussidi a livello internazionale per sostenere l’istruzione. La MoneyGram Foundation ha distribuito sovvenzioni in 19 paesi nel suo primo anno di attività. La Fondazione riceve la maggior parte del suo finanziamento da MoneyGram International e si basa sul precedente Global Giving Program di MoneyGram.

Attraverso MoneyGram, Global Giving ha fatto una donazione di $ 100.000 a World Vision International per l’istruzione e materiale scolastico, e un’altra donazione di $ 30.000 per il programma di esplorazione delle ragazze di matematica e scienze a Dallas.

MoneyGram ha partecipato agli aiuti umanitari in seguito al terremoto di Haiti del 2010, riducendo le loro tasse a soli $ 1 per qualsiasi transazione ad Haiti e una sovvenzione di $ 10.000 a Pan American Development Foundation e American Red Cross. Nel 2012, MoneyGram ha contribuito agli sforzi di soccorso di Hurricane Sandy impegnandosi a donare $ 1 per transazione fino a $ 200.000 alla Croce Rossa americana.

La fondazione ha anche contribuito ad altre iniziative di soccorso a seguito di eventi come il tifone Haiyan nelle Filippine. La società ha anche partecipato all’iniziativa One Laptop per bambino e Habitat for Humanity attraverso la Fondazione MoneyGram.

Anche UAE Exchange utilizza Ripple

UAE Exchange è invece una società degli Emirati Arabi (con base ad Abu Dhabi) che si occupa di pagamenti, trasferimenti internazionali di denaro, ed altri servizi finanziari. Qualche giorno fa, dopo MoneyGram, UAE Exchange ha firmato un accordo Ripple per estire gli scambi transfrontalieri.

Il CEO di UAE Exchange, Promoth Manghat, elogiando la tecnologia di Ripple come “game-changer” ha detto:

L’integrazione della tecnologia blockchain di Ripple nei nostri sistemi di pagamento porterà ai clienti un’esperienza di pagamento nuova e migliorata. L’adozione anticipata di questa tecnologia rivoluzionaria ci consente di offrire un servizio competitivo, poiché avrà un impatto sulla velocità e sul costo delle transazioni transfrontaliere”.

Ad oggi, UAE Exchange controlla il 6,75% del settore delle rimesse (che ammontano a 575 miliardi di dollari a livello globale), confidando di raggiungere il 10% entro il 2020. Attualmente conta ben 800 filiali in 30 paesi.

Tuttavia, non è ancora stato chiarito da entrambe le parti se l’accordo prevede l’utilizzo della criptovaluta XRP, o semplicemente se verrà utilizzata solo la blockchain sottostante per il trasferimento di denaro.

Dilip Rao di Ripple ha dichiarato fieramente:

L’aggiunta di un leader di mercato come UAE Exchange a RippleNet porterà pagamenti immediati, certi e a basso costo ai milioni di clienti al dettaglio negli Emirati Arabi Uniti che inviano denaro all’estero”.

UAE Exchange chi è

UAE Exchange è una società che ha sede negli Emirati Arabi Uniti che si occupa principalmente di rimesse , valuta estera e soluzioni di pagamento di fatture. La società ha sede ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, e opera attraverso 800 uffici in 31 paesi.

UAE Exchange vanta oltre 9mila impiegati in oltre 40 paesi. Si tratta di una delle più grandi società di rimesse e ha una vasta rete nel Medio Oriente e in Asia, con particolare attenzione all’India dove risiede oltre il 40% dei suoi uffici e personale. UAE Exchange è stata fondata nel 1980 ad Abu Dhabi dall’uomo d’affari BR Shetty e dall’ex ministro della Giustizia degli Emirati Arabi Uniti SE Abdulla Humaid Ali Al-Mazroei. Si è espanso in oltre 800 uffici in tutto il mondo entro il 2014.

Nel 1993 gli Emirati Arabi Uniti sono diventati membri SWIFT e nei due anni successivi hanno aperto operazioni in Oman e in Kuwait, oltre a lanciare un servizio di trasferimento espresso, carta oro e banconote. Nel 1999 ha avviato le operazioni di vendita al dettaglio in India, che sarebbe diventata la più grande operazione al di fuori della sua base, con 330 filiali entro il 2015. Ha aperto uffici in Bangladesh, Regno Unito e Sri Lanka nei tre anni successivi. Nel 2001 ha lanciato Xpress Money, un servizio di trasferimento di denaro istantaneo nel Regno Unito. Entro il 2003, ha aggiunto l’Australia alla sua rete.

Nel 2003 ha lanciato servizi per il settore aziendale; nel 2004 ha introdotto un processo di trasferimento di denaro basato sul web. Tra il 2005 e il 2009 ha aperto uffici a Hong Kong, Uganda, Giordania, Canada, Nuova Zelanda e Cina, oltre ad aver acquistato Moneydart Global Services negli Stati Uniti. Ha anche lanciato un portale per il trasferimento di denaro online, Money2anywhere.com. XPay, la soluzione di pagamento delle fatture con il cellulare è stata messa in evidenza anche in India.

Nel 2009 è diventato un Authorized Payment Institution (API) con l’autorità di regolamentazione dei servizi finanziari del Regno Unito, che è diventata l’ Autorità di condotta finanziaria nel 2013.

Queste le partnership che vanta:

  • New Medical Center (NMC)
  • Exchange and Financial service degli Emirati Arabi Uniti, in India con oltre 330 uffici
  • UAE Exchange Australia Pty Ltd
  • Exchange UAE Bahrain Co WLL
  • UAE Exchange Center LLC, ufficio di collegamento
  • UAE Exchange Canada Pty Ltd
  • Emirati Arabi Uniti Ufficio di collegamento in Cina
  • UAE Exchange Fiji Pty Ltd
  • UAE Exchange Hong Kong Limited
  • UAE Exchange Center LLC, ufficio di collegamento, India
  • UAE Exchange Center LLC, ufficio di collegamento, Indonesia
  • Jordan UAE Exchange LLC Co
  • Centro di scambio UAE WLL, Kuwait
  • Kuwait National Exchange Co
  • Emirati Arabi Uniti Exchange New Zealand Pty Ltd
  • Oman & UAE Exchange Center Co LLC
  • UAE Exchange Center LLC, ufficio di collegamento, Pakistan
  • UAE Exchange Center LLC, ufficio di collegamento, Filippine
  • Stabilimento di scambio Qatar-UAE
  • UAE Exchange Center LLC, ufficio di collegamento, Sri Lanka
  • UAE Exchange Center LLC, Sudan
  • Scambio UAE Uganda Limited
  • UAE Exchange Center LLC, UAE
  • UAE Exchange Center LLC, Regno Unito
  • MoneyDart Global Services, Inc, USA
  • Nyuvo, India
  • UAE Exchange & Finance Ltd, India
  • XM Software Solutions privato Ltd
  • XM Services Ltd

Perchè le società di trasferimento denaro preferiscono Ripple

Come gli uomini preferiscono le bionde (ma poi sposano le brune), le società per le transazioni di denaro preferiscono Ripple. Motivo? Esso offre la possibilità di velocizzare le transazioni internazionali riducendo i costi. Ripple sta puntando al networking e per farlo deve allargare il business: per un sistema che promette di velocizzare e migliorare il dialogo, senza “partecipanti” al dialogo non vi sarebbero i presupposti per esistere. Queste società, comportandosi da grandi aziende quali in effetti sono, attivano quindi dei test per verificare nel medio periodo come vanno. Senza però sbilanciarsi in fase di test. Non a caso, Western Union non si è sbilanciata troppo sull’adozione di Ripple.

Certo, viene da chiedersi perché Ripple non faccia registrare più scossoni significativi quando quando attiva nuove partnership. Probabilmente, perché le fasi di test non vogliono dire adottare poi concretamente la tecnologia. E non sempre i mercati reagiscono con consistenti rialzi ad ogni mirabolanti annuncio di nuove partnership. Tuttavia, il successo della fase di test è molto probabile, dato che anche MoneyGram (molto simile come sistema a Western Union) ha già fatto sapere che utilizzerà XRP per i trasferimenti di denaro transfrontalieri. Quindi, data la similitudine tra le due piattaforme, è decisamente probabile che l’esito del test dia esito positivo pure per Western Union.

Bitcoin invece…

Tornando al vecchio detto “Gli uomini preferiscono le bionde, ma poi sposano le brune”, si potrebbe parafrasare in questo modo: “Le società finanziarie preferiscono Bitcoin, ma poi adottano Ripple”. Già, perché mentre Ripple consegue partnership su partnership, Bitcoin comincia ad essere dismessa per la sua lentezza e per i suoi costi eccessivi.

A fine gennaio, infatti, Stripe – società di trasferimento di denaro che vanta tra i suoi clienti catene di negozi come Target, servizi privati di trasporto come Lyft, aziende di consegna prodotti a domicilio quali Deliveroo, e ha stretto accordi con Twitter e Facebook – ha dichiarato di dismettere l’utilizzo del Bitcoin a partire dal prossimo 23 aprile 2018. Stripe, fondata nel 2010, ha adottato Bitcoin a partire dal 2014, ma ha deciso di farne a meno in quanto la criptovaluta ormai ha preso i connotati di un asset più che di una moneta digitale. E così è diventata troppo lenta e costosa in termini di commissioni (arrivate ormai a decine di dollari).

La società comunque non esclude di poterla adottare nuovamente in futuro. Ma per ora gli preferisce altre criptovalute come Ethereum, Bitcoin Cash, Litecoin. Ma non solo Stripe ha deciso di dismettere il Bitcoin. Lo scorso dicembre Steam, popolare piattaforma di videogame online, ha rinunciato a bitcoin come mezzo di pagamento a causa della sua volatilità e delle commissioni alte. Le quali sono incrementate di 10 volte, passando da 0,20 a 20 dollari rispetto agli inizi.

Ad inizio gennaio anche Microsoft aveva sospeso i pagamenti in bitcoin per l’acquisto di giochi e app online sempre in ragione della volatilità della moneta. Tuttavia, dopo qualche giorno, ha comunicato di accettare di nuovo la valuta digitale, che aveva adottato come Stripe nel 2014. Così come la North American Bitcoin Conference di Miami, che ad inizio 2018 ha comunicato, negli ultimi giorni di vendita dei biglietti, di non accettare più le transazioni in bitcoin complici le difficoltà burocratiche che si affrontano nel gestire i pagamenti.

Ripple cos’è e come funziona

Tornando a Ripple, l’annuncio di una partnership tra Ripple e Western Union è arrivata dopo il resoconto da parte della compagnia riguardo i risultati conseguiti nel 2017, quando ha dichiarato introiti per 1,4 miliardi di dollari. Con un incremento del 5% rispetto al 2016. Ripple (XRP), come già accennato, è sia una criptovaluta che un settlement protocol basati su Blockchain. Questa criptomoneta ha raggiunto quasi metà della capitalizzazione di mercato del Bitcoin nei primi giorni di gennaio 2018, quando il suo prezzo ha superato i 3,00$ per unità. Ma la corsa è durata poco: a metà del mese il prezzo di XRP è di fatti sceso poco sopra 1,00$.

Nel momento in cui scriviamo, il prezzo di XRP è di 1.07 dollari, con una capitalizzazione di mercato pari a 41,930,800,570.31 dollari. Attestandosi al terzo posto nella Top 10 delle criptovalute.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY