Western Digital compra SanDisk per 19 miliardi

western-digital

La notizia nell’aria da giorni è arrivata per attivare il comparto tecnologico degli Stati Uniti: il produttore di dischi rigidi Western Digital ha acquisito la SanDisk, produttrice di memorie, per 19 miliardi di dollari e prende il dominio nel mercato delle memorie.

L’azione singola dell’azienda californiana verrà pagata 86,50 dollari, di cui 0,0176 in nuove azioni del gruppo acquisitore, aumentando così del 15% il valore di chiusura del titolo nell’ultima seduta.

Saranno 500 milioni di dollari entro 18 mesi le sinergie stimate da questa acquisizione.

Il futuro

Nel consiglio di amministrazione della società di Steve Milligan siederà anche l’attuale CEO di SanDisk, Sanjay Mehrotra, per raggiungere l’obbiettivo di portare la Western Digital alla leadership del comparto di archiviazione dati con prodotti fortemente tecnologici. Un comparto che sta assumendo sempre più importanza nella trasformazione dell’era digitale in cui sia i privati che l’Amministrazione Pubblica di tutti i paesi passeranno dalla carta al computer per qualsiasi informazione.

La Borsa Affari di New York ha premiato l’acquisizione con il rialzo dei titoli della Western del 4,04%, portandoli a 77,89 dollari per azione. Guadagno anche per i titoli Sandisk, un +3,01% che porta l’azione a 77,45 dollari, sotto gli 86,50 dollari che Western Digital pagherà agli azionisti.

Si tratta di una mega-fusione che rivoluzionerà il settore delle memorie di massa. SanDisk nasce nel 1988 con l’esperto di memorie Eli Harari e ben presto si posizione come leader nella produzione di memorie flah e USB, oltre a dischi di memoria rigidi. I vantaggi della sua collaborazione con Toshiba portano alla produzione di memorie sempre più economiche e oggi le famose memorie stick stanno sostituendo gradualmente i classici CD-Rom.

Western Digital invece nasce nel 1970 come produttore di circuiti integrati e dischi rigidi ed è cresciuta negli anni fino ad acquisire da Hitachi il comparto degli hard disc.

L’anno successivo ha debuttato anche nella produzione di router per internet.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY