Wall Street, per la prima volta una donna al comando

In un’America travolta dagli scandali sessuali, Wall Street attua la sua svolta “rosa”. Per la prima volta, dopo 226 anni di storia, sarà guidata da una donna: Stacey Cunningham. Quest’ultima è entrata in Wall Street nel 1994, quando il bagno delle donne era relegato dentro un’ex cabina telefonica, mentre i colleghi uomini avevano servizi di lusso con tanto di attendente.

La notizia fa il paio con quella relativa al Nasdaq che sarà guidato da una donna, Adena Friedman.

Stacey Cunningham ha 43 anni ed è arrivata a Wall Street come «intern» nel 1994, mentre studiava ancora alla Lehigh University. Due anni dopo l’esordio come intern, Stacey era diventata un «trading floor clerk», vale a dire uno degli impiegati che correvano e urlavano come forsennati per concludere gli affari.

Stacey è ovviamente entusiasta: «Non avevo mai avuto il minimo dubbio che ce l’avrei fatta. La mia fonte di ispirazione era Muriel Siebert». La Siebert è stata la prima donna che nel 1967 era riuscita a conquistare un «seat» a Wall Street. Poco dopo, infatti, la Cunningham era stata promossa «market maker», ossia uno degli «specialist» che determinano i prezzi di acquisto e vendita delle azioni. Nel suo caso, colossi come Hershey Foods e Ethan Allen Interiors.

Nel 2005 però, Stacey Cuningham si era presa una pausa per diventare cuoca. Aveva studiato all’Institute of Culinary Education, lavorando poi per il ristorante Ouest. Nel 2007, però, la passione per i mercati l’aveva riportata al Nasdaq, e nel 2012 era tornata al Nyse. Ora il ruolo di Presidentessa di Wall Street, prendendo il posto di Thomas Farley.

Quest’ultimo è a capo di una nuova società di acquisizione di scopo speciale denominata Far Point, sostenuta dall’hedge fund Third Point LLC, con l’obiettivo di investire in società di tecnologia finanziaria.

Precedentemente, è stato presidente del NYSE Group, che comprende la Borsa di New York e una serie di borse di investimento azionarie, tutte le filiali di Intercontinental Exchange. Farley è entrato a far parte del NYSE nel novembre del 2013 quando ICE ha acquisito il NYSE Euronext e ha assunto il ruolo di presidente quando Duncan Niederauer si è dimesso dalla carica il 22 maggio 2014.

Farley era in precedenza Chief Operating Officer del NYSE. In precedenza è stato vicepresidente senior dei mercati finanziari all’ICE.

Come è cambiata Wall Street

Cunningham si è laureata alla Lehigh University con una laurea in ingegneria industriale. Dal 1994, quando la Cunningham ha iniziato il suo percorso nella più importante Borsa del Mondo, di cose ne sono cambiate. E non solo dal punto di vista sessista e tecnologico. Nel 2013, ad esempio, la proprietà è passata alla compagnia di Atlanta Ice, che ha puntato sulla riduzione del personale e dei costi per migliorare i profitti.

Poi l’arrivo del Nasdaq e la digitalizzazione delle operazioni, che ha cambiato sia le abitudini di Wall Street che il suo peso. Fino ad un decennio fa il volume degli scambi nel Nyse era pari al 40% del totale americano, ora è del 22%. Praticamente dimezzato.

Pertanto, una delle prime sfide di Stacey Cunningham, sarà completare la trasformazione tecnologica della piattaforma. Già in ritardo di 3 anni. Anzi, si pensa che in futuro il mitico edificio neoclassico di Wall Street sarà trasformato in un cimelio del passato. Una sorta di museo dove rieccheggiano i fantasmi di una America che non c’è più.

E non è un caso se la statua della «Fearless Girl», la bambina impavida che aveva fatto scalpore quando era stata piazzata davanti al toro di Wall Street, sarà trasferita a breve davanti alla Borsa guida per la prima volta da una donna.

Stacey Cunningham e l’operato al NYSE

A partire da giugno 2015 ha ricoperto il ruolo di Chief Operating Officer del Gruppo NYSE. In tale ruolo, ha gestito i mercati azionari di moneta, gestione delle relazioni, gestione dei prodotti e NYSE Governance Services di NYSE. Ha gestito diverse iniziative del Gruppo NYSE, tra cui l’introduzione di una piattaforma di trading integrata progettata per rendere più facile per i clienti NYSE connettersi a tutti i mercati azionari e delle opzioni del NYSE.

Cunningham era precedentemente presidente del NYSE Governance Services, una divisione di NYSE. È stata nominata a quella carica nell’ottobre 2014. In tale ruolo ha supervisionato la missione dei Servizi di NYSE Governance di fornire istruzione, strumenti e servizi di conformità, come codici di condotta e formazione etica, nonché promuovere la collaborazione e la condivisione delle migliori pratiche in linea con i requisiti di governance, rischio e conformità dei clienti.

Wall Street storia

La prima organizzazione di negoziazione di titoli registrata a New York tra intermediari che si occupano direttamente l’una con l’altra può essere ricondotta all’accordo di Buttonwood. In precedenza, gli scambi di titoli erano stati intermediati dai venditori all’asta che hanno anche condotto aste più mondane di merci come grano e tabacco.

Il 17 maggio 1792 ventiquattro intermediari sottoscrissero l’accordo di Buttonwood che stabiliva una tariffa di commissione a carico dei clienti e vincolava i firmatari a dare la preferenza agli altri firmatari delle vendite di titoli. I primi titoli scambiati erano per lo più titoli governativi come le obbligazioni di guerra dalla Guerra Rivoluzionaria e la Prima Banca degli Stati Uniti, sebbene la borsa della Bank of New York fosse una sicurezza non governativa negoziata nei primi giorn.

La Bank of North America insieme alla First Bank degli Stati Uniti e alla Bank of New York furono le prime azioni quotate alla Borsa di New York. Nel 1817 gli agenti di borsa di New York che operavano sotto l’accordo Buttonwood istituirono nuove riforme riorganizzative. Dopo aver inviato una delegazione a Filadelfia per osservare l’organizzazione del loro consiglio di amministrazione, sono state adottate restrizioni sul commercio manipolativo nonché organi formali di governo.

Dopo essersi riformato come il New York Stock and Exchange Board, l’organizzazione dei broker iniziò ad affittare spazi esclusivamente per il commercio di titoli, che in precedenza si era svolto presso la Tontine Coffee House. Diverse sedi furono utilizzate tra il 1817 e il 1865, quando fu adottata la posizione attuale. L’invenzione dei mercati consolidati del telegrafo elettrico e il mercato di New York assunsero il dominio su Filadelfia dopo aver superato alcuni momenti critici del mercato meglio di altre alternative.

L’Open Board of Stock Brokers è stato fondato nel 1864 come concorrente del NYSE. Con 354 membri, l’Open Board of Stock Broker rivaleggiava con il NYSE in qualità di membro (che aveva 533) “perché utilizzava un sistema di trading più moderno e continuo superiore alle sessioni di chiamata due volte al giorno del NYSE”. L’Open Board of Stock Brokers si è fusa con il NYSE nel 1869. Robert Wright di Bloomberg scrive che la fusione ha aumentato i membri del NYSE e il volume degli scambi, dal momento che diverse dozzine di borse regionali erano in competizione con il NYSE per i clienti.

Tutti i concessionari volevano completare le transazioni in modo rapido ed economico quanto tecnologicamente possibile e ciò significava trovare i mercati più commerciali o la più grande liquidità nel linguaggio di oggi. Ridurre al minimo la concorrenza era essenziale per mantenere un numero elevato di ordini e la fusione ha aiutato il NYSE a mantenere la sua reputazione per fornire liquidità superiore.

La guerra civile stimolò molto la negoziazione speculativa di titoli a New York. Entro il 1869 l’adesione doveva essere limitata, e da allora è stata sporadicamente aumentata. La seconda metà del diciannovesimo secolo vide una rapida crescita nel commercio di titoli. Il commercio di titoli nel secondo diciannovesimo secolo e all’inizio del ventesimo era incline al panico e agli incidenti. La regolamentazione governativa del commercio di titoli è stata alla fine ritenuta necessaria, con probabilmente i cambiamenti più drammatici che si sono verificati negli anni ’30 dopo che un grave crollo del mercato azionario ha fatto precipitare una depressione economica.

Lo Stock Exchange Club è stato al settimo piano dal 1898 fino alla sua chiusura nel 2006. L’edificio principale, situato a 18 Broad Street, tra gli angoli di Wall Street e di Exchange Place, è stato designato National Historic Landmark nel 1978, così come lo era l’11 edificio di Wall Street. Il piano della Borsa di New York nel 1908 Il NYSE annunciò i suoi piani per fondersi con Archipelago il 21 aprile 2005, in un accordo destinato a riorganizzare il NYSE come una società quotata in borsa.

Il consiglio di amministrazione del NYSE ha votato per fondersi con l’Arcipelago rivale il 6 dicembre 2005, diventando una società pubblica a scopo di lucro. L’8 marzo 2006 ha iniziato a operare sotto il nome di NYSE Group. Poco più di un anno dopo, il 4 aprile 2007, il Gruppo NYSE ha completato la fusione con Euronext, la borsa europea combinata, formando così NYSE Euronext, il primo transatlantico borsa.

Wall Street è il principale centro monetario statunitense per le attività finanziarie internazionali e il primo posto negli Stati Uniti per la gestione di servizi finanziari all’ingrosso. “Comprende una matrice di settori finanziari all’ingrosso, mercati finanziari, istituzioni finanziarie e imprese del settore finanziario”. I settori principali sono l’industria dei titoli, l’attività bancaria commerciale, la gestione patrimoniale e l’assicurazione. Prima dell’acquisizione di NYSE Euronext da parte dell’ICE nel 2013, Marsh Carter era il presidente del NYSE e l’amministratore delegato era Duncan Niederauer.

Nel 2016, il proprietario del NYSE Intercontinental Exchange Inc. ha incassato 419 milioni di dollari in ricavi relativi alle inserzioni.

Wall Street eventi particolari

La Borsa fu chiusa poco dopo l’inizio della prima guerra mondiale (31 luglio 1914), ma in parte riaperta il 28 novembre dello stesso anno per aiutare lo sforzo bellico attraverso lo scambio di obbligazioni e completamente riaperta a metà dicembre. Il 16 settembre 1920, una bomba esplose a Wall Street davanti all’edificio del NYSE, uccidendo 33 persone e ferendone oltre 400.

Gli esecutori non furono mai trovati. L’edificio del NYSE e alcuni edifici nelle vicinanze, come l’edificio JP Morgan, hanno ancora segni sulle loro facciate causati dai bombardamenti. Il crollo della Borsa del giovedì nero il 24 ottobre 1929 e il panico del sell-off iniziato il martedì nero, 29 ottobre, sono spesso accusati di aver comportato la Grande Depressione.

Nel tentativo di ripristinare la fiducia degli investitori, la Borsa ha presentato un programma di quindici punti volto a migliorare la protezione per il pubblico degli investitori il 31 ottobre 1938. Il 1 ° ottobre 1934, lla Borsa è stata registrata come borsa valori nazionale con gli Stati Uniti.

Il 18 febbraio 1971, la società senza scopo di lucro fu formata, e il numero di membri del consiglio fu ridotto a venticinque anni. I provocatori lanciarono manciate di dollari verso il piano commerciale sottostante. Alcuni trader hanno fischiato e alcuni hanno riso e salutato. Tre mesi più tardi, la borsa ha chiuso la galleria con un vetro antiproiettile. Hoffman scrisse un decennio più tardi: “Non chiamavamo la stampa, in quel momento non avevamo idea di qualcosa che si chiamasse evento mediatico”.

Il 19 ottobre 1987, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) ha perso 508 punti, con una perdita del 22,6% in un solo giorno, il secondo più grande calo di un giorno che la Borsa aveva avuto. Il Black Monday è stato seguito da un Terribile Martedì, un giorno in cui i sistemi della Borsa non hanno funzionato bene e alcune persone hanno avuto difficoltà a completare le loro operazioni.

In seguito, c’è stato un altro calo importante per il Dow il 13 ottobre 1989: il Mini-Crash del 1989. L’incidente è stato apparentemente causato da una reazione a un articolo di un debito da $ 6,75 miliardi di leveraged buyout per UAL Corporation, la società madre di United Airlines, che ha rotto.

Quando l’accordo UAL è fallito, ha contribuito a innescare il crollo del mercato delle obbligazioni spazzatura causando la caduta del Dow di 190,58 punti, ovvero il 6,91 per cento. Allo stesso modo, nel 1997 ci fu un panico nel mondo finanziario comportato dalla crisi finanziaria asiatica. Come il crollo di molti mercati esteri, il 27 ottobre 1997 il Dow ha subito una perdita di valore del 7,18% (554,26 punti), in quello che in seguito è diventato noto come Mini-Crash del 1997, ma dal quale il DJIA ha recuperato rapidamente.

Questa era la prima volta che l’ “interruttore” aveva funzionato. Il 26 gennaio 2000, un alterco durante le riprese del video musicale di “Sleep Now in the Fire”, diretto da Michael Moore, ha causato la chiusura delle porte e la band Rage Against the Machine è stata scortata da parte della sicurezza dopo che i membri della band hanno tentato di entrare a Wall Street.

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, il NYSE è stato chiuso per 4 sessioni di trading , riprendendo lunedì 17 settembre, una delle rare volte in cui il NYSE è stato chiuso per più di una sessione e solo la terza volta dal marzo 1933.

Il primo giorno, il NYSE ha subito una riduzione del valore del 7,1% (684 punti), dopo una settimana, è diminuito del 14% (1370 punti). Una stima di $ 1,4 miliardi è stata persa entro cinque giorni dal trade. Il 6 maggio 2010, il Dow Jones Industrial Average ha registrato il maggior calo percentuale intraday dal crash del 19 ottobre 1987, con una perdita di 998 punti successivamente denominata Flash 2010 Crash (dato che il drop si è verificato in pochi minuti prima del rimbalzo).

La SEC e la CFTC hanno pubblicato un rapporto sull’evento, sebbene non giungesse a una conclusione sulla causa. I regolatori non hanno trovato prove che la caduta sia stata causata da ordini errati (“fat finger”).

Il 29 ottobre 2012, la borsa è stata chiusa per 2 giorni a causa dell’uragano Sandy. L’ultima volta che la borsa è stata chiusa a causa del maltempo per due giorni interi è stata il 12 e 13 marzo 1888.

Il 1° maggio 2014, la borsa è stata multata $ 4,5 milioni dalla Securities and Exchange Commission per liquidare le accuse. Il 14 agosto 2014, le azioni della Classe A di Berkshire Hathaway, le azioni con il prezzo più elevato del NYSE, hanno raggiunto per la prima volta $ 200.000. L’8 luglio 2015, le questioni tecniche hanno interessato la borsa, fermando il trading alle 11:32 ET.

Il NYSE ha rassicurato i trader di azioni che l’interruzione “non è il risultato di una violazione informatica” e il Dipartimento per la sicurezza interna ha confermato che non vi era “alcun segno di attività dannosa”. Alla fine la negoziazione ha ripreso alle 15.10 ET lo stesso giorno.

Wall Street apertura e chiusura

Le campane di apertura e chiusura del NYSE segnano l’inizio e la fine di ogni giorno di negoziazione. La “campana di apertura” viene suonata alle 9:30 ET per segnare l’inizio della sessione di negoziazione del giorno. Alle 16:00 ET viene suonata la “campana di chiusura” e il commercio per le soste del giorno.

Ci sono campane situate in ciascuna delle quattro sezioni principali del NYSE che suonano tutte contemporaneamente quando viene premuto un pulsante. Ci sono tre pulsanti che controllano le campane, situati sul pannello di controllo dietro il podio che si affaccia sul piano commerciale. La campana principale, che viene suonata all’inizio e alla fine del giorno di negoziazione, è controllata da un pulsante verde. Il secondo pulsante, di colore arancione, attiva una campana a singolo colpo che viene utilizzata per segnalare un momento di silenzio. Un terzo pulsante rosso controlla un campanello di riserva che viene utilizzato nel caso in cui la campana principale non squilli.

Il segnale per avviare e interrompere il trading non era sempre un campanello. Il segnale originale era un martelletto (che è ancora in uso oggi insieme alla campana), ma durante la fine del 1800, il NYSE decise di cambiare il martelletto per un gong per segnalare l’inizio e la fine del giorno.

Dopo che il NYSE è passato alla posizione attuale al 18 di Broad Street nel 1903, il gong è stato convertito nel formato a campana che è attualmente in uso. Uno spettacolo comune oggi sono gli eventi altamente pubblicizzati in cui una celebrità o dirigente di una società sta dietro il Il podio NYSE e spinge il pulsante che segnala la suoneria delle campane. Molti considerano l’atto di suonare le campane come un vero onore e un simbolo di una vita di successo. Inoltre, a causa della quantità di copertura ricevuta dalle campane di apertura / chiusura, molte aziende coordinano i lanci di nuovi prodotti e altri eventi legati al marketing per iniziare nello stesso giorno in cui i rappresentanti della società suonano il campanello.

Anche questa tradizione quotidiana non è stata sempre così pubblicizzata. In effetti, fu solo nel 1995 che il NYSE iniziò a far suonare regolarmente le campane ad ospiti speciali. Prima di ciò, suonare le campane era di solito sotto la responsabilità dei gestori di sala dell’Exchange.

Wall Street, l’importanza del NYSE Composite Index

A metà degli anni ’60 fu creato il NYSE Composite Index (NYSE: NYA), con un valore base di 50 punti pari alla chiusura annuale del 1965. Ciò è stato fatto per riflettere il valore di tutte le azioni negoziate in borsa invece dei soli 30 titoli inclusi nel Dow Jones Industrial Average. Per aumentare il profilo dell’indice composito, nel 2003 il NYSE ha fissato il suo nuovo valore base di 5.000 punti pari alla chiusura annuale del 2002. La sua chiusura alla fine del 2013 è stata di 10.400,32.

NYSE perché viene chiamato Wall Street

Perchè il New York Stock Exchange viene chiamato Wall Street? In quanto si trova al civico 11 di Wall Street, nel quartiere Lower Manhattan di New York City. Wall Street è una strada lunga otto isolati che corre approssimativamente da nord-ovest a sud-est da Broadway a South Street, all’East River, nel quartiere finanziario di Lower Manhattan a New York City.

Nel corso del tempo, il termine è diventato un metonimio per i mercati finanziari degli Stati Uniti nel loro insieme, l’industria dei servizi finanziari americana (anche se le società finanziarie non sono fisicamente situate lì) o gli interessi finanziari con base a New York.

New York City viene descritta sia come la città economicamente più potente sia il principale centro finanziario del mondo, e la città è sede dei due più grandi Exchange del mondo per capitalizzazione totale di mercato, Borsa di New York e NASDAQ. Diversi altri importanti Exchange hanno il proprio quartier generale nell’area di Wall Street, tra cui il New York Mercantile Exchange, il New York Board of Trade e l’American Stock Exchange.

LEAVE A REPLY