Voucher: Portale Inps in tilt, disagio per i committenti

L’abrogazione dei Voucher lavoro disciplinato dal Decreto Legge 25/2017, sta creando non pochi disagi per tutti i committenti che hanno provveduto ad acquistare o che disponevano dei buoni lavoro prima del 17 marzo 2017, ossia la data che segna la fine vendita.

Pare infatti che, stando a quando comunicato dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, il legislatore “ha dimenticato” di disciplinare il regime transitorio, inoltre a causa di una guasto nel portale dell’Inps i committenti non riescono al momento ad attivare i vecchi Voucher.

Portale Inps fuori servizio

Sono migliaia le segnalazioni pervenute tramite centralino all’Istituto di previdenza che reclamano il disservizio legato all’attivazione dei ticket. L’Inps ha però provveduto a rincuorare i committenti allarmati, si tratterebbe infatti di un aggiornamento necessario per scindere la procedura di attivazione dalla vendita dei Voucher.

Voucher vuoto normativo

Anche al Governo spetta il compito di rimettere mano al Decreto per riempire un grosso vuoto normativo: quali sono le regole sulle procedure di comunicazione preventiva? E quali saranno le sanzioni? In altre parole non è prevista nessuna regole per i Voucher ancora utilizzati e soprattutto senza rischiare di incorrere in sanzioni. Fino all’intervento correttivo, gli operatori e i servizi di vigilanza dovranno applicare le regole seguendo il buon senso.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY