Voucher: Boeri, è necessario fermare il lavoro nero

Il Presidente dell’Insps, Tito Boeri, nell’audizione di ieri in Commissione Lavoro alla Camera, ha analizzato le problematiche legate all’uso ed abuso dei voucher, che purtroppo continuano ad alimentare il mercato nero.

I dati sull’occupazione sommersa e quelli sui voucher confermano le parole di Boeri, infatti, l’Istat ha rilevato che la percentuale relativa al lavoro nero si aggira al 16% mentre le ore dei lavoratori a voucher arrivano solo allo 0,3%. Nella regione Lazio, prosegue Boeri, i voucher venduti sono il 4% ma il lavoro nero è al 12%.

Nel settore agricolo nel quale i buoni lavoro sono maggiormente impiegati sono il 2% rispetto al 10% del lavoro nero stimato.

Fermare il lavoro nero

I dati della contribuzione non fanno altro che confermare le parole di Tito Boeri, nel 2016 i contributi versati ammontavano a 174 milioni di euro rispetto ai 185 miliardi totali.

Secondo il Presidente dell’Inps per scoraggiare l’utilizzo dei voucher, abbassare il tetto di utilizzo per imprese o lavoratori non sarebbe la soluzione adatta per fermare il lavoro nero, piuttosto è necessario stabilire una nuova politica di controlli e limitare le giornate di lavoro.

I dati aggiornati a gennaio 2017 riportano una diminuzione di buoni lavoro, meno di 9 milioni il livello più basso dal gennaio 2016, grazie all’introduzione della tracciabilità.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY