Volkswagen: confermato il patteggiamento di 14,7 miliardi di dollari

Confermato il patteggiamento di 14,7 miliardi di dollari per Volkswagen dopo il “Dieselgate”, dopo lo scandalo sui parametri non corretti sulle emissioni di diesel da parte dei veicoli tedeschi. Patteggiamento confermato dal dipartimento di giustizia statunitense.

Volkswagen non ha avuto alcun problema ad ammettere l’errore commesso a rispettare la pena stabilita: riacquistare 475 mila auto già a partire dal mese di novembre. Secondo i patti, dovrà ripagare 10,03 miliardi di dollari per ricomprare tutte le automobili e per saldare i debiti con i suoi clienti. volkswagen

Il riacquisto in questione però deve essere effettuato anche in Europa. Questo il motivo principale del richiamo fatto dall’Ue verso la casa automobilistica tedesca, accusata di essersi concentrata troppo sul mercato americano e veramente poco su quello europeo. Il sollecito è stato effettuato anche dal Financial Times che ha parlato di clienti che vogliono vendere le proprie auto Volkswagen senza riuscirci e in quel caso, la stessa casa automobilistica tedesca dovrebbe procedere al riacquisto.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY