Versace, altro made in Italy che se ne va: venduto a Michael Kors

Un altro pezzo del nostro Made in Italy che se ne va. Un pezzo pure grosso, conosciuto e stimato in tutto il mondo. Il marchio della moda Gianni Versace passa in mani straniere. Nella fattispecie, in mani americane. Infatti, il noto marchio statunitense Michael Kors, dopo un susseguirsi di indiscrezioni, ha acquistato il 100% di Gianni Versace per un 1,83 miliardi di euro, circa 2,12 miliardi di dollari. Le due società hanno siglato il 25 settembre scorso l’accordo definitivo.

Michael Kors rileva la totalità delle azioni, che era in possesso per l’80% della famiglia Versace e per il 20% del fondo Blackstone. La famiglia Versace riceverà 150 milioni di euro del prezzo di acquisto in azioni di Capri Holdings Limited. Quest’ultimo sarà il nuovo nome che verrà adottato da Michael Kors Holdings Limited alla chiusura dell’acquisizione. Ispirato, per stessa ammissione della società americana, proprio alla splendida isola napoletana in quanto “è stata a lungo riconosciuta come destinazione iconica, glamour e di lusso”.

Donatella Versace, sorella del compianto Gianni di cui il nome porta il marchio, resterà direttore creativo del gruppo. Come ha spiegato John D. Idol, Chairman and Chief Executive Officer di Michael Kors Holdings: “Lo stile iconico di Donatella è al centro dell’estetica del design di Versace. Lei continuerà a guidare la visione creativa dell’azienda. Sono entusiasta di avere l’opportunità di lavorare con Donatella sul prossimo capitolo di crescita di Versace”.

Da parte sua, Donatella Versace ha così commentato il passaggio: “Santo, Allegra e io siamo consapevoli che questo prossimo passo consentirà a Versace di raggiungere il suo pieno potenziale (…) Siamo tutti molto eccitati di unirci al gruppo guidato da John Idol, che ho sempre ammirato come un leader visionario ma anche forte e appassionato. Riteniamo che essere parte di questo gruppo sia essenziale per il successo nel lungo termine di Versace”.

La Michael Kors Limited capitalizza sul mercato 9,9 miliardi di dollari. I suoi principali azionisti sono Vanguard Group, con il 10,3% delle azioni, seguito da Blackrock (7,45%) e State Street (4,77%).

Kors-Capri vuole far crescere fino a 2 miliardi di dollari i ricavi annuali nel lungo periodo (1,2 miliardi al 2022), aumentare i negozi fino a 300 (250 al 2022), spingere la crescita dell’e-commerce e del canale omni-channel, portare gli accessori e le calzature maschili e femminili dal 35% al 60% dei ricavi.

Il Gruppo americano ha come prospettiva la crescita delle vendite fino a 8 miliardi di dollari nel lungo termine, l’espansione del polo del lusso oltre ad una diversificazione del portafoglio geografico, portando le Americhe dal 66% al 57% dei ricavi, l’Europa dal 23% al 24% e l’Asia dall’11% al 19%.

Obiettivi importanti, certo, ma resta l’amarezza per un altro marchio non più a guida italiana. Arabi, cinesi, russi, francesi, tedeschi e americani stanno cannibalizzando il nostro Made in Italy.

Versace SPA cos’è

Gianni Versace SpA, di solito indicato semplicemente come Versace, è una società italiana di moda di lusso e nome commerciale fondata da Gianni Versace nel 1978. La collezione principale del marchio è Versace, che produce esclusivi Prêt-à-porter e accessori in pelle di produzione italiana, mentre altre linee di diffusione sono la collezione Versace (principalmente negli Stati Uniti), Versus Versace e Versace Jeans. Il logo Versace è la testa di Medusa, una figura mitologica greca. Il logo proveniva dal pavimento delle rovine di Roma che i fratelli Versace giocavano da bambini.

Gianni Versace ha scelto Medusa come logo perché ha fatto innamorare di lei le persone e non hanno avuto modo di tornare indietro. Sperava che la sua compagnia avrebbe avuto lo stesso effetto sulle persone. Il marchio Versace è noto per i suoi design innovativi con stampe simboliche appariscenti e colori vivaci. La società ha annunciato nel 2018 che avrebbe smesso di usare la pelliccia nelle sue collezioni. Il 25 settembre 2018, Michael Kors ha annunciato l’intenzione di acquisire tutte le azioni in circolazione in Gianni Versace S.p.A per $ 2,12 miliardi (USD).

Versace SPA storia

Nel 1972, Gianni Versace disegnò le sue prime collezioni per Callaghan, Genny e Complice. Nel 1978, l’azienda lanciò sotto il nome di “Gianni Versace Donna”. La prima boutique Versace fu aperta a Milano in Via della Spiga nel 1978. Versace è stato uno dei pochi designer indipendenti a controllare tutto sul marchio, dalla progettazione alla vendita al dettaglio. Nel 1982, l’azienda si espanse nell’industria degli accessori, dei gioielli, dell’arredamento per la casa e della porcellana.

Nel 1993, Donatella Versace ha creato la linea “Young Versace” e “Versus”. Nel 1994, il marchio ha ottenuto un’ampia copertura internazionale grazie all’abito nero di Versace di Elizabeth Hurley, definito all’epoca “quel vestito “. Versace è stato spesso definito il” progettista del Rock n ‘Roll “perché progettato per molti clienti famosi, tra cui Elton John e Michael Jackson. Versace ha progettato i costumi di scena e i costumi di copertina dell’album per Elton John nel 1992. Versace ha anche disegnato abiti per la principessa del Galles e la principessa Carolina di Monaco. La società Versace è nota per aver usato gli stessi modelli nelle proprie pubblicità come fanno sulla passerella.

Dopo l’omicidio di Gianni Versace nel 1997, sua sorella Donatella Versace, ex vicepresidente, prese il posto di direttore creativo e il suo vecchio il fratello Santo Versace divenne amministratore delegato. La figlia di Donatella, Allegra Versace, è stata lasciata al 50 per cento nella società, che ha assunto il controllo del suo diciottesimo compleanno.

Nel 2000, il “vestito verde di Versace” indossato da Jennifer Lopez alla 42a edizione I Grammy Awards hanno ricevuto molta attenzione da parte dei media, essendo stati votati come “il quinto vestito più iconico di tutti i tempi” nel 2008, con l’abito di Hurley del 1994 votato per primo in un sondaggio del Daily Telegraph.

I profitti dell’azienda erano in declino all’inizio 2000 e Fabio Massimo Cacciatori è stato assunto come CEO ad interim per riorganizzare e ristrutturare il Gruppo Versace nel 2003. Cacciatori si è dimesso nel dicembre 2003 a causa di “controversie con la famiglia Versace”. Dal 2004 Giancarlo di Risio, di IT Holding, è stato amministratore delegato del gruppo fino alle sue dimissioni nel 2009 a causa di disaccordi con Donatella.

Dal luglio 2009, Gian Giacomo Ferraris, in precedenza di Jil Sander, ha operato come amministratore delegato del gruppo. Nel febbraio 2014 il gruppo Blackstone ha acquistato una quota del 20 percento in Versace per € 210 milioni.

A partire dal 2016, più di 1500 boutique operano in tutto il mondo; la prima boutique al di fuori dell’Italia fu aperta a Glasgow, in Scozia nel 1991. Il 24 settembre 2018 arriva l’acquisizione di Michael Kors per circa 2 miliardi di euro.

Versace collaboratori

Nel 2006, Gianni Versace S.p.A. ha avviato una partnership con Automobile Lamborghini S.p.A. per produrre la Lamborghini Murciélago LP640 VERSACE. L’auto aveva un interno bianco satinato Versace con il logo Versace ricamato nei sedili. L’auto era disponibile in bianco e nero. C’erano solo dieci unità prodotte. La vettura è stata venduta con un set di valigie complementari, scarpe da guida di lusso e guanti da guida.

La boutique Versace a Milano, ItaliaLa compagnia Versace ha collaborato con AgustaWestland nel 2008 per creare l’elicottero di lusso AgustaWestland AW109 Grand Versace VIP. L’elicottero include interni in pelle Versace e un design all’esterno. Nel 2011, Versace e H&M ha rilasciato una nuova linea di abbigliamento che sarebbe stata venduta a H&M. Il negozio vendeva sia abiti da uomo che da donna e oggetti per la casa come cuscini e coperte. Nel 2015, Versace ha collaborato con il ballerino Lil Buck per pubblicare una linea di scarpe da ginnastica.

Versace ha collaborato con lo studio Mind Group in Cina nel 2015. Le due società hanno progettato torri residenziali di lusso denominate “Versace Residencies”. L’obiettivo dei creatori era di combinare gli elementi di lusso di casa di Versace con elementi della cultura tradizionale cinese. Lo stesso anno, Versace ha collaborato con il gruppo ABIL in India per sviluppare un altro progetto residenziale. Queste case di lusso si trovano a South Mumbai. Nel 2015, Donatella Versace è stata protagonista della campagna Givenchy di Riccardo Tisci.

Gianni Versace chi era

Giovanni Maria “Gianni” Versace è stato uno stilista italiano e fondatore di Versace, una casa di moda internazionale che produce accessori, profumi, make-up, casa arredi e vestiti. Ha anche disegnato costumi per teatro e film. Come amico di Eric Clapton, Diana, principessa del Galles, Naomi Campbell, Duran Duran, Madonna, Elton John, Cher, Sting e molte altre celebrità, è stato uno dei primi designer a collegare la moda al mondo della musica. Lui e il suo socio Antonio D’Amico erano clienti abituali sulla scena del partito internazionale.

Il 15 luglio 1997, Versace fu assassinato da un’arma da fuoco fuori dalla sua casa di Miami Beach, Casa Casuarina, all’età di 50 anni, per mano del killer Andrew Cunanan. Quest’ultimo uccise altre 4 persone oltre Versace. La serie di omicidi di Cunanan si concluse il 23 luglio con il suo suicidio per arma da fuoco. Aveva 27 anni.

Nei suoi ultimi anni, Cunanan aveva vissuto senza un lavoro specifico, facendo amicizia con gli anziani più ricchi e spendendo i loro soldi per impressionare i conoscenti nella comunità gay locale, vantandosi di eventi sociali nei club e spesso pagando il conto nei ristoranti. Era un arrivista e mentitore seriale, che aveva come unico scopo di vita la scalata sociale. Un amico milionario aveva rotto con Cunanan nel 1996, l’anno precedente.

Michael Kors cos’è

Michael Kors Holdings Limited è una multinazionale della moda, costituita nelle Isole Vergini britanniche, con i principali uffici esecutivi a Londra e la sede operativa a New York. È stato avviato nel 1981 dal designer americano Michael Kors. L’azienda vende vestiti, scarpe, orologi, borse e altri accessori. Le borse di Michael Kors sono state una moda popolare tra le ragazze adolescenti, secondo un sondaggio del 2015. Nel 2015, Michael Kors ha avuto più di 550 negozi e oltre 1500 boutique in-store in vari paesi.

Il fondatore Michael Kors si iscrisse al Fashion Institute of Technology di New York City nel 1977, ma si ritirò dopo nove mesi. Assumendo un lavoro come addetto alle vendite in una boutique chiamata Lothar’s di fronte a Bergdorf Goodman sulla 57th Street a Midtown Manhattan, in seguito diventa sia il designer che il visual display del negozio.

Michael Kors storia

Notando i display e gli indumenti, il direttore della moda di Dawn Mello di Bergdorf ha chiesto se avrebbe mostrato la sua collezione ai compratori di Bergdorf Goodman. Nel 1981, Kors ha lanciato la sua etichetta femminile Michael Kors a Bergdorf Goodman. Nel 1990, la società ha lanciato KORS Michael Kors come licenziatario. Nel 1993 la società è stata costretta a un deposito nel Capitolo 11, causato dalla chiusura del partner di licenza per KORS Michael Kors. Mettendo in attesa la linea KORS, ha progettato per altre etichette prima di rilanciare nel 1997 con una linea a basso prezzo, e nello stesso anno è stato nominato il primo designer di prêt-à-porter femminile per la casa francese Celine.

Nel 2002, Kors ha lanciato la sua linea uomo. Kors ha lasciato Celine nell’ottobre 2003 per concentrarsi sul proprio marchio tramite la holding Michael Kors Holdings Ltd (MKH Ltd), rilanciata con un investimento da $ 100 milioni di maggioranza nella Lawrence Stroll investitore di moda canadese e il suo partner con sede a Hong Kong Silas Chou, che aveva precedentemente acquisito Tommy Hilfiger nel 1989.

John D. Idol è stato successivamente nominato amministratore delegato della società, con una partecipazione azionaria. La linea Michael Kors è stata lanciata nel 2004, che comprendeva borse e scarpe da donna e abbigliamento prêt-à-porter femminile. Nel 2011, Stroll e Chou hanno condotto un’offerta pubblica iniziale in MKH Ltd alla Borsa di New York, rendendo loro e Michael Kors miliardari. Nel giugno 2018, Chou vendette l’ultimo dei suoi investimenti in Kors.

Michael Kors numeri

Entro il 2014, il fatturato annuale dell’azienda era di $ 3,2 miliardi, con un reddito netto di $ 670 milioni. Entro aprile 2017, la società aveva 827 negozi a prezzo pieno o outlet e 133 negozi con licenza. Dal 2017, la società ha dichiarato che non userebbe più la pelliccia animale in nessuno dei suoi prodotti. Nel 2018, Michael Kors ha annunciato due nuovi negozi, uno a Waterloo, New York, e il Fairview Park Mall a Kitchener, in Ontario. Oltre alla succitata rilevazione di Versace. Come altrettanto detto, alla chiusura della transazione, la società sarà rinominata in Capri Holdings.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY