The Economist rivela: la vera crisi dell’Europa non è quella del Debito Pubblico

debito-privato

L’Economist si cimenta spesso in analisi singolari, che spiazzano e che poco si allineano al mainstream del giornalismo economico. La sua ultima inchiesta non è da meno. Secondo i giornalisti della famosa testata americana, infatti, la crisi del debito pubblico che attanaglia molti paesi dell’Eurozona è solo lo specchietto delle allodole di un’altra crisi, ben più grave ma fino a questo punto abbastanza ignorata dai più. Una crisi che sottintende quella dei debiti sovrani e che, in un certo senso, ne è la causa. E’ la crisi del debito privato.

L’articolo rivelatore ha come titolo “Europe’s other debt crisis” ed è stato pubblicato anche nella versione online del giornale. Il passaggio che sintetizza il vero problema del Vecchio Continente è il seguente: “Da sempre si dice che l’Europa stia vivendo una crisi del debito, infatti la crisi c’è stata. Ma le origini del disastro dell’Euro non stanno tanto nello spreco dei governi quanto nell’eccesso di prestito ai privati”.

Quello che coinvolge l’Europa è un effetto domino. In passato le banche europee hanno concesso prestiti ai privati in modo troppo generoso, le aziende si sono indebitate più delle loro reali possibilità, spendono tutto quello che guadagnano nel pagamento degli interessi, non riescono a investire e a far muovere l’economia; questa peggiore, e essenzialmente un decremento del reddito imponibile, le entrate diminuiscono, aumenta il deficit e, di conseguenza, anche il debito pubblico. Insomma, tutto parte dal debito dei privati. La questione, generalmente, coinvolge anche le famiglie che a causa del carico debitorio e dell’aumento della pressione fiscale (voluto dai fautori dell’austerity) consumano sempre meno.

Ovviamente, la situazione del debito privato affligge in modo diverso i vari paesi dell’Europa. L’Italia, miracolosamente, non fa poi una cattivissima figura. E’ la più virtuosa tra le meno virtuose. Il dato si riferisce al debito detenuto dalle imprese private rispetto al debito privato totale: in Spagna esso incide per il 50%, in Portogallo per il 40% e in Italia per il 30%.

Il quadro, rileva l’Economist, è in peggioramento. La causa è di alcune scelte politiche che, a quanto pare, troveranno seguito anche per i prossimo anni ma, soprattutto, di alcune caratteristiche strutturali. Il fattore negativo, anche in questo caso, è l’austerity: come accennato sopra, se le famiglie sono vessate dalle tasse non possono rimettere i propri debiti. Un altro fattore pericoloso riguarda il sistema burocratico e normativo: l’Europa è meno funzionale alla ristrutturazione (una delle tante exit strategy in caso di debito insolvibile) rispetto al sistema americano. Infine, desta preoccupazione lo stato delle banche: quelle poco solide, che sono molte, hanno in pancia molti titoli di aziende che non possono più pagare nemmeno gli interessi; allo stesso tempo, però, non posso permettersi di “mollare la presa” perché il rischio crollo non è mai troppo lontano.

Su quest’ultimo punto, all’Euro Tower qualcosa sembra si stia muovendo. Dal 2014 partirà il monitoraggio di una grande parte degli istituti europei ad opera della Bce. Lo scopo è individuare “i cattivi”, separare i “cattivi senza speranza” (quindi da eliminare) dai “cattivi con qualche speranza”, che necessitano semplicemente di una ricapitalizzazione. Il tutto, ovviamente, si basa sulla redazione di un modello comportamentale che tutti gli istituti, dal prossimo anno in poi, saranno tenuti a seguire.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here