Vanguard: cos’è, vantaggi e alternative

Cos’è Vanguard? Come funziona Vanguard? Quali sono i vantaggi di usare Vanguard?

Se ti stai ponendo queste domande, non è una sorpresa. Stiamo pur sempre parlando di una delle più grandi società d’investimenti al mondo americana. È il più grande fornitore di fondi comuni di investimento e il secondo (dopo iShares di BlackRock) di fondi negoziati in Borsa (ETF),

Vanguard offre a società e privati altresì una pluralità di servizi come l’intermediazione, la contabilità, la pianificazione finanziaria, la gestione di patrimoni e i servizi fiduciari.

Di seguito scopriamone di più su Vanguard e le migliori alternative.

A fine articolo vi parleremo di una valida alternativa: 24Option. Per iniziare a capirci 24option è una piattaforma REGOLAMENTATA con tanti servizi gratuiti, non sorprende che sia tra le più usate fra i trader. Potete visitare il sito ufficiale di 24option cliccando qui.

Vanguard cos’è

Vanguard Group, come detto, ha la propria sede a Malvern, in Pennsylvania, con oltre $ 5,3 trilioni di risorse in gestione. È il più grande fornitore di fondi comuni di investimento e il secondo più grande fornitore di fondi negoziati in borsa (ETF) al mondo dopo iShares di BlackRock.

Al fondatore nonché ex presidente John C. Bogle è attribuita la creazione del primo fondo indicizzato disponibile per i singoli investitori ed è stato un sostenitore e uno dei principali promotori di investimenti a basso costo da parte di privati.

Vanguard come funziona

Vanguard è strutturata come una mutual company. E’ di proprietà di fondi gestiti dalla società ed è quindi di proprietà dei suoi clienti. Vanguard offre due classi della maggior parte dei suoi fondi: investor shares and admiral shares

Le azioni Admiral hanno rapporti di spesa leggermente inferiori ma richiedono un investimento minimo più elevato, spesso compreso tra $ 10.000 e $ 100.000 per fondo. Oltre ai fondi comuni di investimento e agli ETF, Vanguard offre servizi di intermediazione, rendite variabili e fisse, servizi di contabilità educativa, pianificazione finanziaria, gestione patrimoniale e servizi fiduciari.

Diversi fondi comuni di investimento gestiti da Vanguard sono classificati in cima all’elenco dei fondi comuni di investimento statunitensi in base alle attività gestite.

La sede centrale di Vanguard, come detto nell’incipit, si trova a Malvern, in Pennsylvania, un sobborgo di Philadelphia. Ha uffici satellite a Charlotte, nella Carolina del Nord e Scottsdale, in Arizona. La società ha anche uffici in Australia, Asia ed Europa.

Vanguard storia

Nel 1951, per la sua tesi di laurea alla Princeton University, John C. Bogle condusse uno studio in cui scoprì che la maggior parte dei fondi comuni di investimento non guadagnava più denaro che se avessero investito in ampi indici di borsa. Anche se le azioni dei fondi superano l’indice di riferimento, le commissioni di gestione hanno ridotto i rendimenti per gli investitori al di sotto dei rendimenti del benchmark.

Immediatamente dopo essersi laureato alla Princeton University nel 1951, Bogle fu assunto dalla Wellington Management Company. Nel 1966, fondò una fusione con un gruppo di gestione di fondi con sede a Boston. È diventato presidente nel 1967 e CEO nel 1970.

Tuttavia, la fusione terminò male e Bogle fu quindi licenziato nel 1974. Ma Bogle non demorse e fece in modo di avviare una nuova divisione di fondi a Wellington. Lo chiamò Vanguard, dopo il fiore all’occhiello di Horatio Nelson nella Battaglia del Nilo, HMS Vanguard. Bogle ha scelto questo nome dopo che un commerciante di stampe antiche gli ha lasciato un libro sulle conquiste navali della Gran Bretagna che citava HMS Vanguard.

I dirigenti di Wellington inizialmente hanno inizialmente resistito al nome, ma lo hanno approvato in modo restrittivo dopo che Bogle ha menzionato che i fondi Vanguard sarebbero stati elencati alfabeticamente accanto ai fondi Wellingto.

Bogle si ritirò da Vanguard come presidente nel 1999 quando raggiunse l’età pensionabile obbligatoria di 70 anni e gli successe John J. (“Jack”) Brennan. Nel febbraio 2008, F. William McNabb III è diventato presidente e nell’agosto 2008 è diventato CEO.

Entrambi i successori di Bogle hanno ampliato le offerte di Vanguard oltre i fondi comuni indicizzati che Bogle preferiva, in particolare in ETF e fondi gestiti attivamente. Il 16 maggio 2017, è stato riferito che Vanguard aveva lanciato un conto di intermediazione nel Regno Unito .

Vanguard deteneva azioni e obbligazioni per $ 6,2 miliardi in società di carbone a dicembre 2018. Nel luglio 2017, è stato annunciato che McNabb sarebbe stato sostituito come amministratore delegato da Mortimer J. Buckley, dal 1 gennaio 2018 . McNabb rimane in azienda come presidente.

Vanguard vantaggi

Vanguard si è posta come obiettivo quello di fornire ai suoi clienti investimenti a basso costo sulla gestione di fondi comuni ed ETF.. Così da garantire la restituzione su profitti più elevati agli investitori.

Ecco le caratteristiche principali vantaggiose di Vanguard:

  • Buona gestione del rischio
  • Trasparenza dei costi
  • Chiarezza delle comunicazioni

Dunque, Vanguard mette in primo piano il cliente e non il profitto, come ormai fa la buona parte delle società di investimenti. Dunque, si basa ancora su un principio di eticità sempre più raro nel capitalismo odierno.

Vanguard conviene?

Detto sulla sua importanza ed eticità, veniamo ora ai punti dolenti di questo colosso americano.

Alcune di queste criticità sono addirittura insormontabili. Vediamo quali sono:

  • Complessità dell’investimento: per entrare e investire nei fondi di investimento occorre comunque essere preparati e non lasciare i propri soldi in mano ad agenti. Alias perfetti sconosciuti, seppur professionisti.
  • Capitali ingenti: occorrono somme importanti per iniziare e non certo 100 euro come tanti Broker rinomati esigono

Investire con 24option

Una valida alternativa a Vanguard, soprattutto per chi è agli inizi e non dispone di grosse cifre, è sicuramente il Broker 24option.

24option offre tanti servizi appannaggio dei clienti, sebbene siano due quelli che spiccano su tutti: i segnali di trading e gli ebook interattivi.

I primi sono prodotti da una società pluripremiata in materia: Trading Central. La quale vanta 3 sedi a New York, Hong Kong e Parigi. Oltre alla collaborazione di tanti specialisti in materia. I segnali di trading sono suggerimenti che gli esperti inviano ai trader su quando conviene entrare nei mercati. In genere inviati via sms o mail.

Per saperne di più sui segnali visita questa pagina.

Per quanto riguarda l’ebook interattivo, esso si distingue da quelli tradizionali scaricabili, in quanto si possono utilizzare tramite lo stesso sito. Quindi è più accattivante e coinvolgente della semplice lettura. Clicca qui per ricevere in maniera gratuita l’ebook.

Investire con Plus500

Altro Broker che ci sentiamo di suggerirvi come alternativa a Vanguard è Plus500. Sponsor di una squadra di calcio molto nota: l’Atletico Madrid.

Plus500 si distingue soprattutto per come ci tiene alla sicurezza degli investimenti dei suoi clienti. Prevede, ad esempio, il Centro formazione e conoscenza, dove vengono poste agli utenti alcune domande riguardanti la conoscenza sul trading. Ma anche riguardo la negoziazione con i CFD, acronimo di Contract for Difference.

Plus500 mette in guardia gli utenti anche sui rischi relativi al trading tramite CFD con la sezione sulle Avvertenze sui Rischi.

Per aprire un conto demo con Plus500 clicca qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY