USD/CHF aumenta con aumento della disparità delle politiche monetarie USA-Svizzera

Prima dei dati sul lavoro degli Stati Uniti di venerdì scorso, il cross valutario USD / CHF è stato tra le coppie di dollari più forte. Ciò è dovuto principalmente a un calo dei CHF piuttosto che a un rialzo dell’USD.

Infatti, EUR / CHF e GBP / CHF sono entrambi aumentati, mentre CHF / JPY si è abbassato di recente. Il franco svizzero rimane fondamentalmente debole a causa di una banca centrale accomodante. La Banca nazionale addebita agli interessi bancari sui depositi mantenendo il tasso di interesse di riferimento sotto lo zero, pari a -0,75%, per dissuadere gli investimenti in CHF. Nel frattempo la Fed ha iniziato a ridurre il suo enorme bilancio e dovrebbe aumentare i tassi di interesse almeno altre due volte nel corso del 2018.

Il peso della disparità delle politiche monetarie sul cambio USD / CHF

La disparità tra le politiche monetarie svizzere e statunitensi continua quindi a crescere. In teoria, la coppia USD / CHF dovrebbe continuare a salire nel tempo, “ceteris paribus”. Ora, da un punto di vista tecnico, la Swissy ha già creato diversi segnali rialzisti. Dopo aver formato una falsa inversione di rotta a 0,9260, la coppia USD / CHF ha successivamente superato il minimo del 2017 di 0,9420 / 5, facendo diversi alti più alti e minimi più alti. Chiaramente questo è un comportamento rialzista del prezzo. Di conseguenza, il percorso di minor resistenza rimane al rialzo.

Se ora riesce a superare in modo pulito la resistenza superiore a 0,9595, potremmo vedere una continuazione verso i prossimi obiettivi rialzisti a 0,9655 (media mobile a 200 giorni), 0,9705 (supporto precedente) e 0,9735 (ultimo supporto pre-guasto).

USD / CHF situazione al 5 aprile 2018

Il rimbalzo della coppia USD / CHF da 0,9186 si estende oggi e raggiunge fino a 0,9629 finora. Ora sta premendo il livello chiave di Fibonacci 0.9626. Per ora, stiamo ancora vedendo il rimbalzo come una mossa correttiva. Quindi, una resistenza forte dovrebbe essere vista a 0,9262 per provocare un’inversione. Al ribasso, la rottura di 0.9521 ridurrà il pregiudizio verso il basso per il supporto a 0.9432. La rottura qui indicherà un’inversione di breve termine e il completamento del rimbalzo da 0,9186.

Tuttavia, una rottura sostenuta di 0,9626 sarà un’altra prova di un’inversione maggiore. In questo caso, un ulteriore aumento si vedrebbe al prossimo livello di Fibonacci a 0.9900. Nel quadro più ampio, il calo da 1.0342 è considerato un trend al ribasso a medio termine. L’obiettivo principale è il ritracciamento del 38,2% di 1,0342 (massimo 2016) a 0,9186 (minimo 2018) a 0,9626.

La pausa sostenuta si aggiungerà al caso dell’inversione di tendenza e del ritracciamento dell’obiettivo del 61,8% a 0,999 e oltre. Tuttavia, il rigetto da 0,9626 manterrà un ribasso a medio termine per un altro minimo al di sotto di 0,9186.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY