Unicredit pensa a Commerzbank se salta accordo con Deutsche Bank

Unicredit starebbe per irrompere nell’affaire Commerzbank qualora dovesse saltare l’accordo tra quest’ultimo gruppo bancario e il colosso anch’esso tedesco Deutsche Bank. A rivelarlo è l’autorevole Financial Times, mentre il gruppo italiano non ha commentato la notizia.

Pare infatti che la banca italiana stia per preparare una offerta molto importante al fine di controllare Commerzbank. Alla luce dei segnali di difficoltà che quest’ultima sta incontrando nel possibile accordo con Deutsche Bank.

Queste le parole dello storico quotidiano finanziario americano: «è improbabile che la banca italiana vada ad intromettersi negli attuali negoziati in corso sulla fusione in corso tra Deutsche e Commerz». Sebbene «la via per noi è aperta», ha spiegato al quotidiano una fonte vicino al dossier.

Malgrado il “no comment” di Unicredit, non mancano dettagli sull’operazione. Il piano di acquisto prevede il rilevamento di una quota consistente di Commerzbank – pari a 9 miliardi di euro – nonché la fusione con la controllata HypoVereinsbank (Hvb). Quest’ultima è stata rilevata da Unicredit durante la guida di Alessandro Profumo e si tratta di un gruppo che ha le proprie attività in Baviera e Baden-Wuerttemberg.

Il nuovo soggetto bancario che nascerebbe da questa operazione, avrebbe base in Germania. Mentre il gruppo italiano manterrebbe sia quartier generale che quotazione a Milano.

All’uscita della notizia, i mercati hanno reagito così: il titolo Unicredit ha fatto registrare un -1,7%. Deutsche Bank perdeva due punti percentuali, mentre Commerzbank stava guadagnando il 2,5%.

In realtà, il New York Times ammette anche che l’interesse da parte di Unicredit per Commerzbank sia di vecchia data. Risalga addirittura al 2017. Tuttavia, l’offerta non maturò per due motivi: l’opposizione politica in Germania sugli accordi bancari transfrontalieri e la ristrutturazione delle sue attività da parte del gruppo bancario.

In effetti, un eventuale accordo tra i due gruppi bancari deve incassare anche il nulla osta del Governo tedesco. Visto che detiene una quota pari al 15%.

Unicredit e Commerzbank, pro e contro accordo

Steve Hussey – Senior Vice President e Head of Financial Institutions Credit Research di AllianceBernstein – ha così commentato il possibile accordo. “Il grande problema che si pone all’unione tra Deutsche Bank e CommerzBank è la loro capacità di imporsi sulle unioni sindacali e ridurre personale e filiali, cosa necessaria dato l’accavallamento delle due banche nel territorio domestico”.

Poi ha proseguito: “La ragione d’essere di un possibile accordo sono proprio queste potenziali sinergie di costo (anche al netto dei costi di ristrutturazione) e non il sogno di creare un “campione nazionale”.

Quindi, conclude: l’accordo tra i 3 gruppi – italiano, tedesco e bavarese – “non verterebbe su un taglio dei costi (alla luce della minore sovrapposizione geografica), ma su un aumento delle dimensioni. Che permetterebbe di spalmare le spese degli investimenti nell’IT”.

Commerzbank chi è

Commerzbank AG è una società tedesca di servizi bancari e finanziari con sede a Francoforte, in Germania. Commerzbank è la seconda banca quotata della Germania. La banca è presente in più di 50 paesi in tutto il mondo e fornisce quasi un terzo della finanza commerciale della Germania.

Commerzbank è stata fondata nel 1870 da banchieri individuali e mercantili ad Amburgo, in Germania. Armatore C. Woermann è stato il primo presidente del consiglio di vigilanza di Commerz- und Disconto-Bank dal 1870.

La banca è cresciuta attraverso una serie di oltre 50 fusioni, acquisizioni e ristrutturazioni nel periodo successivo attraverso l’iperinflazione nella Repubblica di Weimar e le difficoltà accompagnate nell’economia tedesca. Nel 1940 venne ufficialmente adottato il nome Commerzbank Aktiengesellschaft, con cui la banca era generalmente conosciuta.

Commerzbank storia

Con la divisione dell’Europa dopo la seconda guerra mondiale, nel 1958 furono riunite tre banche regionali per formare la Commerzbank AG, che aveva sede a Düsseldorf. Commerzbank intensificò le sue attività di finanziamento economico e iniziò ad espandersi in tutto il mondo. Dal 1970 in poi, le attività amministrative della banca sono state trasferite a Francoforte sul Meno, che è stata la sua sede legale dal 1990.

Commerzbank ha subito inversioni in una disastrosa incursione nel settore dell’investimento bancario nel primo decennio degli anni 2000 e alla fine ha chiuso il suo Commerzbank Securities Investment Banking Unit gestita da Mehmet Dalman e Roman Schmidt dopo che il presidente Klaus-Peter Müller l’ha definito un “problem child” e una recensione della società di consulenza Mercer Oliver Wyman che ha concluso che Commerzbank Securities mancava di un modello imprendibile.

Ciò che era rimasto di Commerzbank Securities è stato trasformato in una divisione della banca commerciale denominata Corporates and Markets. Altre fusioni, acquisizioni e ristrutturazioni hanno visto il gruppo crescere fino a servire oltre 4 milioni di clienti nel 1998, 6 milioni di clienti nel 2001 e 15 milioni post Global Commerzbank è stata colpita duramente dalla crisi finanziaria e ha ricevuto un salvataggio di stato di 18 miliardi di euro ($ 22,3 miliardi).

Nel settembre 2016, Commerzbank ha pianificato di tagliare 9.600 posti di lavoro o circa un quinto della sua forza lavoro in 4 anni. A dicembre 2018, i due maggiori azionisti della banca erano il governo della Germania (15,6%) e Cerberus Capital Management (5,01% ).

Controversie del gruppo Commerzbank

Per più di un decennio, Commerzbank è stato coinvolto nel riciclaggio di centinaia di miliardi di dollari statunitensi dall’Iran, dal Sudan e dal Myanmar, contro le sanzioni statunitensi.

Commerzbank ha accettato di pagare $ 1,5 miliardi di dollari di multe e licenziare diversi dipendenti per il loro ruolo nel riciclaggio di $ 253 miliardi di dollari, e per aiutare la società giapponese Olympus Corporation a orchestrare le frodi contabili.

Nel 2017, i procuratori di Francoforte, insieme a poliziotti federali e funzionari fiscali, condussero le ricerche degli uffici di Commerzbank e degli appartamenti di tre sospetti a Francoforte e nella vicina Hanau.

Il raid della polizia riguarda una “sonda per l’evasione fiscale” in cui diversi dirigenti attuali e precedenti sono sospettati di eludere 40 milioni di euro di tasse attraverso la distribuzione di dividendi, note anche come operazioni “cum-ex”.

L’inchiesta si estende anche alle negoziazioni nel 2008 presso la Dresdner Bank, che è stata rilevata da Commerzbank nel 2009. Commerzbank ha detto che “ha informato proattivamente le autorità con i risultati preliminari di tale indagine e sta cooperando pienamente”

Andamento del titolo Unicredit in Borsa

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY