Unicredit ancora principale creditore di AS Roma

AS_Roma_logo_(1997).svg

Nonostante l’uscita dal capitale della della squadra capitolina dello scorso anno, la banca Unicredit resta ancora il maggiore creditore del AS Roma, con 65,1 milioni di euroquanto si puo leggere sul bilancio approvato alla fine di giugno dal Consiglio di Amministrazione facente capo a James Pallotta e ai suoi finanziatori americani.

Il finanziamento Questo risultato è figlio del rifinanziamento del debito concesso da Unicredit e Goldman sachs il 12 febbraio di quest’anno per un valore di 175 milioni di euro. Il prestito a 5 anni prevede un tasso variabile con il minimo fissato a 0,75% e uno spread del 6,25%, che porta l’interesse al 7% l’anno.

A fronte del prestito la AS Roma ha concesso garanzie sul suo comparto più redditizio, rappresentato da Asr Media e di Soccer Sas, che sfruttano i ricavi televisivi e di marketing. I numeri del bilancio In questo bilancio la Roma registra aumenti di ricavi del 40,6%, per 180,6 milioni grazie alla qualificazione in Champions League che ha portato nelle casse della societa 52 milioni e alle plusvalenze nella cessione delle prestazioni sportive. I costi sono aumentati in tutte le voci, da quelli del personale portati da 107,6 a 136 milioni, agli ammortamenti, con un balzo da 28,9 a 374 milioni, agli oneri finanziari, da 6,3 a 10,5 milioni.

Aumentate anche le perdite, a 41,17 milioni, e i debiti finanziari a 130 milioni. Nonostante questi aumenti nelle passività la società dichiara un patrimonio netto positivo di 16,5 milioni che eviterebbe la ricapitalizzazione. La Roma comunque deve agire sul fronte perdite, che superano un terzo del capitale, come dettato dall’articolo 2446 del codice civile e se non ci sarà ricapitalizzazione allora si dovranno cedere alcuni calciatori per ripianare il bilancio. Qui si attendono decisioni dagli americani che controlla la società per il 79% attraverso la Neep Roma Holding SpA di Roma a sua volta posseduta da AS Roma Spy LLC per il 91% con sede nel paradiso fiscale del Delaware e dalla società di James Pallota Raptor Holdco LLC.