Ue lancia un ultimatum all’Italia: manovra correttiva o niente flessibilità

I Tecnici dell’Unione Europea hanno lanciato un vero e proprio ultimatum all’Italia, se entro aprile non verrà applicata la manovra correttiva da 3,4 miliardi di euro, la flessibilità relativa ai conti del 2016 e vincolata ad una serie di investimenti pubblici finora non applicati, verrà annullata.

Il prossimo 20 marzo l’Eurogruppo valuterà i conti italiani e la direzione sembra puntare verso il commissariamento della politica economica e ad una procedura di infrazione, se il Governo nazionale non applicherà un intervento credibile.

I rischi

Stando a quanto valutato dal Comitato Economico Finanziario, se salta la flessibilità ottenuta, l’Italia dovrebbe rivedere totalmente “l’intera costruzione dei conti degli ultimi due anni” e nel peggiore dei casi, potrebbe essere avanzata da Bruxelles la restituzione dei soldi.

La Commissione Europea il 22 febbraio aveva pubblicato sul suo rapporto, la bocciatura della Legge di Stabilità del 2017, dando al Governo Italiano due mesi di tempo per correggerla e ristrutturarla allo 0,2% del Pil, che al momento è ancora in gestazione.

L’Italia sembra dunque essere ad un passo dall’infrazione.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY