Ubi Banca, raggiunto l’accordo con i sindacati: 600 uscite e 200 assunzioni

Dopo una trattativa durata 24 ore è stato raggiunto l’accordo tra Ubi Banca e sindacati per il biennio 2017-2018. Nell’intesa è prevista la stabilizzazione di 96 precari e 200 nuove assunzioni mentre 700 uscite dovranno ancora essere oggetto di un ulteriore negoziato. In una nota del Segretario Nazionale Uilca, Fulvio Furlan e della Segretaria Responsabile del Coordinamento Uilca Gruppo, Claudia Dabbene, è stato comunicato che a seguito di una trattativa durata diversi mesi, l’accordo segna un’intesa importante sulle misure di contenimento dei costi e di uscite del personale ed allo stesso tempo tutela i dipendenti, rende stabili le nuove assunzioni ed armonizza i trattamenti sia economici che normativi per il personale.

ubi

Contratto aziendale

Secondo il coordinatore Fabi gruppo Ubi, Paolo Citterio, si tratta di un accordo storico perché oltre a prevedere 600 prepensionamenti volontari da marzo 2017, ci saranno 200 nuove assunzioni consentendo di stabilizzare il rapporto di lavoro dei precari, inoltre vi sarà la possibilità di usufruire volontariamente del Social Day con una retribuzione del 40% per tutto il 2017. I 17 mila dipendenti avranno un unico contratto aziendale dando un elemento di certezza in un settore sempre più in difficoltà.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY