Twitter, un’arma a doppio taglio per la comunicazione

I lavoratori di tutto il settore tecnologico stanno costringendo i loro datori di lavoro a riconsiderare il modo in cui i loro prodotti vengono utilizzati dal governo degli Stati Uniti. A dirlo è il New York Times.

In Microsoft, i dipendenti hanno protestato contro il contratto della società con l’agenzia per l’immigrazione e le dogane. I lavoratori di Amazon hanno spinto l’azienda a smettere di vendere servizi di riconoscimento facciale alle forze dell’ordine. E dopo che migliaia di dipendenti hanno firmato una petizione contro la costruzione di “tecnologia bellica”, Google ha deciso il mese scorso di non rinnovare un contratto per fornire sistemi di intelligenza artificiale per il Pentagono.

Ma è prematuro dichiarare improvvisamente quelle gigantesche compagnie tecnologiche. I contratti governativi in questione sono irrilevanti per le loro fortune.

Un test migliore dell’attivismo tecnologico coinvolgerebbe un’azienda con un prodotto primario che viene usato per iniettare disinformazione e discorso autoritario nella conversazione principale – e, più precisamente, una società che sembra aver beneficiato direttamente del flusso tossico di vetriolo politico in cui tutti noi stiamo annegando.

Gli effetti controversi di Twitter

Il social network preferito dal presidente Trump ha un ethos politico complicato. Jack Dorsey, co-fondatore e amministratore delegato di Twitter, è un chiaro sostenitore delle cause liberali e la società ha goduto della sua centralità nei confronti dei movimenti progressisti virali: la Primavera araba, #BlackLivesMatter, #metoo e #MarchForOurLives sono state tutte animate da forze Twitter.

Ma l’effetto sul mondo reale di Twitter non è stato certo una panacea liberale. In tutto il mondo e in particolare negli Stati Uniti, Twitter viene utilizzato ogni giorno per infondere misoginia, razzismo ed etnia animosa e pensiero cospirativo nella copertura di notizie mainstream.

E Twitter è ovviamente lo strumento privilegiato del presidente Trump, che ha recentemente ripreso il ritmo del suo tweeting. Il presidente usa spesso il servizio per seminare minacce e falsità nel mondo: falsità che vengono poi rilevate e amplificate da sostenitori e critici, che rimbalzano su un effetto assordante attraverso le notizie.

La tensione tra la base di dipendenti liberali di Twitter e il ruolo del servizio nelle notizie e nella politica è aumentata solo di recente. Per anni, gli affari di Twitter sono sembrati cupi; con circa 300 milioni di utenti, ha avuto una frazione dei miliardi di membri di Facebook, e ha faticato a convincere gli inserzionisti e il pubblico mainstream della sua rilevanza. Ma negli ultimi 18 mesi, Twitter ha trovato un nuovo focus nelle notizie. La società si è liberata delle attività ausiliarie e ha ottimizzato il feed centrale per mettere in risalto la viralità, trasformando Twitter in una lagnosa rissa da bar con le lotte politiche e culturali più controverse del giorno.

La strategia sta funzionando. Gli utenti e gli inserzionisti stanno tornando, il titolo ha guadagnato costantemente, e grazie a Mr. Trump, nessuno mette più in dubbio la rilevanza di Twitter. Come BuzzFeed News ha dichiarato il mese scorso, “Twitter sta facendo un ritorno inaspettato, in qualche modo miracoloso”.

“Hai una piattaforma che danneggia regolarmente le persone, e viene utilizzata per colpire gruppi di persone su base regolare”, ha detto Leslie Miley, un ingegnere che ha lasciato Twitter nel 2015 dopo aver dichiarato di essere deluso da ciò che ha visto come i deboli sforzi della compagnia per assumere una forza lavoro più diversificata. “Ad un certo punto devi chiederti se stai facendo più male che bene.”

La settimana scorsa, ho contattato gli impiegati di Twitter per chiederglielo. Gli addetti ai lavori erano riluttanti a parlare sul disco, ma alcuni hanno affermato che anche se ci sono poche prove pubbliche di resistenza organizzata, alcuni dipendenti stanno costantemente discutendo sul ruolo che il servizio svolge nel discorso pubblico. I tweet di Mr. Trump, in particolare, suscitano un conflitto interno, hanno detto. E la decisione del signor Dorsey – precedentemente riportata dal Washington Post – di incontrare esperti conservatori che hanno accusato la piattaforma di pregiudizi liberali non si è trovata bene con molti lavoratori.

Twitter ha rifiutato di rendere disponibile Mr. Dorsey per un’intervista. La compagnia mi ha messo al telefono con Vijaya Gadde, a capo del settore legale, della politica, della fiducia e della sicurezza, che ha fatto eco all’idea che all’interno di Twitter vi sia un acceso dibattito sul suo impatto sul mondo.

“Molti dei nostri dipendenti sono qui perché sono legati alla missione che stiamo servendo e al nostro scopo nel mondo”, ha detto la signora Gadde. Ha definito tale missione come “una sana conversazione pubblica”, ma ha riconosciuto che l’azienda ha avuto problemi a definire esattamente come potrebbe essere una conversazione così sana.

“Abbiamo le nostre metriche interne, ma alcune possono essere davvero rumorose”, ha affermato. Ad esempio, l’azienda esamina i report degli utenti che segnalano l’abuso o le percentuali a cui le persone bloccano, disattivano o seguono gli altri. “Ma non sappiamo se sono tutti corretti”, ha detto, ed è per questo che la società ha recentemente lanciato un appello ad accademici e altri esperti per suggerire nuove metriche per misurare la “salute” del discorso su Twitter. Quel lavoro, ha detto la signora Gadde, potrebbe presto portare a un risultato migliore.

Per i critici, la richiesta di aiuto esterno da parte di Twitter nel decidere l’elemento più diretto della sua piattaforma si sente come parte di un modello familiare all’interno dell’azienda – rallentare una risposta a problemi che sono stati a lungo evidenti per gli utenti e che diventano più evidenti dal giorno.

Dopotutto, non ci sono già prove sufficienti che le conversazioni su Twitter non siano molto salutari?

A marzo, i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology hanno pubblicato uno studio che dimostra che la disinformazione è endemica su Twitter. I falsi sul servizio “si diffondevano significativamente più in là, più velocemente, più in profondità e più in generale della verità in tutte le categorie di informazioni”, hanno scritto.

Un altro studio recente ha rilevato che, contrariamente all’idea che Twitter sta espandendo la diversità di voci a cui è esposto il pubblico, il servizio ha effettivamente trasformato i mezzi di informazione politici in una camera di risonanza ancora più dominata dagli uomini. I giornalisti di sesso maschile su Twitter interagiscono quasi esclusivamente con altri uomini – quasi il 92% delle loro risposte sono rivolte ad altri uomini, e retweet gli uomini tre volte più spesso mentre retweetano le donne.

Nikki Usher, un professore di giornalismo all’Università dell’Illinois di Urbana-Champaign, autore principale dello studio, ha suggerito che ci sono diversi modi in cui Twitter potrebbe affrontare questa disparità, anche fornendo agli utenti statistiche sul loro comportamento. Ha anche detto che ciò che è successo su Twitter ha avuto conseguenze nel mondo reale.

“Perché è questa comunità insulare di giornalisti che segue altri giornalisti, quando le persone pensano a qualcuno che potrebbero voler assumere, le persone i cui nomi continuano a comparire nei loro feed Twitter sono i primi di mente”, ha detto il dott. Usher.

Twitter e i discussi tweet di Trump

Si potrebbe obiettare che è troppo chiedere a Twitter di considerare il suo effetto su problemi sociali a lungo bollenti come la disuguaglianza di genere. Quindi diamo un’occhiata a un modo più diretto in cui Twitter influisce sul discorso: i tweet di Trump, che molto probabilmente diventeranno ancora più importanti man mano che la stagione politica si scalda prima dei midterms.

Nelle ultime settimane, il presidente ha twittato una minacciosa minaccia contro Maxine Waters, la deputata democratica della California che ha invitato i liberali a confrontarsi con gli aiutanti del signor Trump in luoghi pubblici, esortandoli a “respingere” i membri del suo gabinetto.

Ha anche diretto i suoi sostenitori contro la Red Hen, un ristorante della Virginia che ha negato il servizio alla segretaria della stampa della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, con conseguente proteste e minacce contro quel ristorante e ad altri che capita di condividere il suo nome.

E il signor Trump ha continuato a twittare un flusso ininterrotto di dichiarazioni sfacciatamente false. Tra le altre cose, ha affermato che, grazie alla migrazione, “il crimine in Germania è in salita” (in realtà, è molto basso). Il mese scorso ha twittato la falsa affermazione secondo cui i democratici erano responsabili della politica della sua amministrazione di separare le famiglie di migranti alla frontiera. Ha anche detto che non ha mai spinto i repubblicani a votare per la recente legislazione sull’immigrazione alla Camera dei Rappresentanti – anche se ha sostenuto esattamente questo in un tweet tutto maiuscolo pochi giorni prima.

Ho chiesto alla signora Gadde in diversi modi se c’era qualcosa che il signor Trump poteva twittare e che poteva comportare una censura da parte della compagnia. Ha rifiutato di rispondere direttamente, indicandomi invece una dichiarazione di gennaio in cui la società ha affermato che bloccare i tweet di un leader mondiale “nasconderebbe informazioni importanti che la gente dovrebbe essere in grado di vedere e dibattere”.

Ma cosa succede se quella “informazione importante” è in conflitto con la missione di Twitter per promuovere una sana conversazione pubblica?

Prima o poi, i dirigenti e i dipendenti di Twitter dovranno prendere una decisione su cosa sia più importante: i tweet di Mr. Trump o il desiderio dell’azienda di promuovere una sana conversazione pubblica. È difficile vedere come entrambi siano sostenibili.

Twitter genera divisioni? Il caso dell’Università di Reading

The Guardian invece pone l’accento sulle divisioni e le spaccature sociali che Twitter, e i Social in generale, possono generare. “Tu hai vinto su internet”, un utente di Twitter si è congratulato con l’Università di Reading dopo aver riempito una buona dose di social media. Il tweet “vincente” è stato un forte rifiuto dei critici del programma di borse di studio per rifugiati dell’università. “Abbiamo avuto riscontri durante la scorsa settimana che alcune persone non sono soddisfatte del nostro piano di offrire fino a 14 borse di studio ai rifugiati che vivono nell’area locale. A queste persone, vorremmo dire: tenete duro.” Un messaggio simile è stato pubblicato sulla pagina Facebook dell’università.

Da un lato, è bello vedere un’istituzione accademica che è orgogliosa di sostenere i rifugiati, di agire sui suoi valori e di esprimere tutto questo con un po ‘di personalità. I 68.000 “Mi piace”, insieme alle soddisfazioni dei social media, dimostrano quanto possa essere soddisfacente una risatina snervante se viene emessa da un membro della tua tribù.

Una giuria di “guerrieri” autoproclamati non ha potuto spiegare perché dobbiamo vincere TwitterJeff Sparrow. Questi tipi di snob onesti sono diffusi sui social media. Ma mentre possono essere soddisfacenti se siamo d’accordo con il sentimento, in realtà non muovono nulla in avanti.

Affermare che hai ragione e che le altre persone hanno torto non è una strategia per il cambiamento. In effetti, esistono solide prove che suggeriscono che parlare in questo modo può causare danni: divisioni radicali, aggravamento dell’ostilità e allontanamento delle persone dalla causa e dalla posizione. I fenomeni mediali dei social media proprio come questo, non si limitano a rimanere nei social media. Si riversano nelle notizie e nel discorso pubblico più ampio, dove si modellano atteggiamenti e convinzioni nel tempo. Mentre Twitter potrebbe sembrare un campo da gioco per i tweet intenzionali, deliberatamente provocanti come questo può avere effetti di vasta portata.

In primo luogo, nel chiamare le opinioni e le credenze che trova problematiche, l’Università di Reading potrebbe benissimo essere ulteriormente trincerante su quanto sta cercando di respingere. Credenze e idee sono come i muscoli: quando viene invocata un’idea, viene flessa e rafforzata, indipendentemente dall’intenzione o meno. Secondo, dicendo alle persone che hanno torto, l’università sta spingendo le persone nelle loro tribù, alimentando le divisioni culturali e alienando chiunque non sostenga fortemente la sua posizione. La maggior parte delle persone non sono fermamente fissate nei loro atteggiamenti nei confronti dei rifugiati.

In effetti, molte persone hanno sentimenti contrastanti sulla maggior parte delle questioni. Stride proiezioni di superiorità morale illuminano una luce sgradita e scomoda su questa indecisione ideologica. Spingono chiunque sia indeciso a tornare indietro per evitare di sentirsi a disagio ed esposto. Il nostro cervello lavora duramente per proteggerci da pensieri e sentimenti scomodi. E questo sistema immunitario cognitivo interviene quando ci sentiamo giudicati o insicuri dei nostri punti di vista.

Possono coltivare un terreno fertile per un comportamento politico compassionevole e un comportamento inclusivo, oppure possono legittimare ambienti ostili. Anche le attitudini pubbliche in questo spazio sono complicate. È difficile influenzare il pensiero pubblico in modo significativo. Anche l’autentica protesta pubblica sul trattamento da parte del governo dei migranti Windrush è improbabile che abbia spostato il pensiero pubblico sull’immigrazione in senso più ampio. In generale, cambiare il modo di pensare pubblico ci richiede di celebrare tutto ciò che condividiamo, non attirare l’attenzione sulle linee di divisione. Possiamo imparare molto dalla gestione dei recenti dibattiti polarizzati sull’uguaglianza matrimoniale e l’aborto nella Repubblica d’Irlanda.

Gli attivisti hanno costruito e continuano a costruire valori e ideali condivisi. Parlano al terreno condiviso morale invece di lanciare aspersioni dal terreno morale. Non si tratta di eliminare la convinzione o la sostanza, o di comporre la passione. Si tratta di comunicare in modo compassionevole, inclusivo ed efficace. Non vinceremo internet o altro, agitando le divisioni e dicendo alle persone che si sbagliano. Non vinciamo con insignificanti critiche dal punto di vista morale.

Se sminuire i tweet fosse la risposta ai nostri problemi, il mondo potrebbe essere in una forma diversa. Mentre l’Università di Reading potrebbe essersi guadagnata un posto nella folla di Twitter di questa settimana, è probabile che stia facendo del male alla causa che mira a difendere.

Twitter, negli Usa nuovo diario degli adolescenti

Una decina di anni fa, se eri un adolescente annoiato alla ricerca di post sulla vita suburbana, problemi di relazione, Starbucks, o pensieri fugaci come: “Le vacanze si avvicinano e sono single sucksssss lol”, probabilmente ti rivolgevi a Facebook. I ragazzi di oggi non usano Facebook. Al contrario, portano su Twitter i loro pensieri più onesti, spesso accumulando centinaia di migliaia di retweet e faves. Almeno è quanto sta accadendo negli Stati Uniti, più che da noi in Italia.

Sono le persone ben intenzionate che scoprono un meme mesi dopo che ha raggiunto il picco, o il ragazzo normale che conosci che condivide notizie incoraggianti senza verificarle, controllandole prima. Essi imitano inconsapevolmente i comportamenti fuori-touch che i giovani amano deridere per le persone anziane. “Una mamma di 55 anni non sarebbe necessariamente etichettata come una utente Twitter, ma sarebbe un adolescente se condividesse cose simili a quelle che una mamma di 55 anni avrebbe condiviso”, dice May Hickman, 22 anni, studentessa universitaria nell’Indiana.

Gli adolescenti su Twitter sono come i cittadini, nel senso che il loro mondo ruota principalmente intorno alla vita nella loro città natale, anche se la maggior parte probabilmente crescerà e alla fine partirà per il college. Alcuni utenti più anziani di Twitter potrebbero effettivamente essere dei fan, ma la maggior parte degli utenti Twitter, in particolare la parte che ha il potere di rendere virali i tweet, è composta da adolescenti.

Secondo teens, alcuni twitter includono tweeting di testi generici di Drake, post su obiettivi di vita suburbana, seguendo solo le persone che conosci nella vita reale e condividendo aggiornamenti su eventi scolastici come prom o homecoming. Il gusto dei tweeter locali è basilare: alcune persone usano il termine “minimo indispensabile su Twitter” per descrivere il genere e i loro tweet vengono spesso rubati o rigurgitati da grandi account di meme come (l’ormai defunto) @Dory o @CommonWhiteGirl: Esmeralda, un sedicenne in California, dice che i tweeter locali non hanno un buon senso dell’etichetta di internet, quando pensano che qualcosa sia divertente, li copieranno e incolleranno come propri.

Gli utenti locali di Twitter in genere hanno avatar per selfie dall’aspetto onesto e foto di copertina per foto di gruppo. Spesso hanno alcune centinaia di seguaci, quasi tutti quelli che seguono, e amano mettere la loro scuola o anno scolastico nella loro biografia. “Twitter è sicuramente utilizzato per di più dagli studenti delle scuole superiori, perché stanno twittando cose a cui gli studenti delle scuole superiori si riferiscono e si connettono”, dice Shandra, una ragazza di 16 anni del Texas.

Le chugs locali di Twitter sono il punto debole della piattaforma, ma possono esercitare collettivamente un immenso potere. I tweet che non sembrano affatto notevoli possono diffondersi a macchia d’olio attraverso il Twitter locale, accumulando regolarmente centinaia di migliaia di favi e sconcertando quelli fuori dalla comunità. Nella recente inchiesta del reporter di Huffington Post, Ashley Feinberg, su un tweet di un adolescente particolarmente virale, diversi adolescenti hanno accreditato Twitter locale con la sua diffusione.

“Dato che ci sono così tanti qui che godono delle stesse cose popolari specifiche, socialmente accettabili, i tweet su Target e Post Malone fanno numeri folle”, dice Raeequaza. “La gente del posto Rende famosi”, Nick Miranda, un 21enne a Los Angeles, ha detto per messaggio diretto. “Ti ricordi Alex From Target? O anche il ragazzo jodel di Walmart. La maggior parte dei Twitter è Twitter locale, quindi sono potenti quando si tratta di far saltare in aria qualcosa.”

La maggior parte dei locali non sa o non si cura di come sono classificati. Molti adolescenti affermano di avere molti amici di scuola che fanno parte del Twitter locale, ma, a dir poco, nessuno pensa a se stesso come alla gente del posto. Samara, una ragazza di 16 anni in Texas, dice che ha detto a molti dei suoi amici di IRL che sono locali di Twitter e non c’è rancore.

Isabel, una quattordicenne dell’Arkansas, dice che i locali nella sua vita trovano Twitter come uno sbocco migliore per i pensieri casuali di Facebook. “Penso che la maggior parte dei ragazzi, incluso me stesso, non usino Facebook in generale”, ha detto. “Principalmente perché è una piattaforma obsoleta.” Cotey, una diciannovenne di Pittsburgh, afferma di non pubblicare mai il tipo di pensieri personali che condivide su Twitter su Facebook, soprattutto perché non vuole avere a che fare con i vecchi. “Quando si pubblica su Facebook, la maggior parte delle persone che lo vedranno sono parenti, colleghi e ex insegnanti”, ha detto. “Se tendi a non goderti l’area in cui vivi e pubblichi. Se pubblichi uno stato tipo “Uomo, non vedo l’ora di lasciare questa piccola città!” su Facebook, riceverai commenti su quello stato da persone anziane che dicono: “Ma loro tornano sempre! ‘oppure’ Non sai quanto sei bravo qui!”.

È anche molto più facile viralizzarsi su Twitter che su Facebook. Sebbene molti abitanti del posto abbiano circoli sociali determinati dalla geografia, la maggior parte delle persone ha almeno una manciata di amici fuori dalla loro area, ed è per questo che Ethan Pfeifer, un diciottenne del Kansas, pensa che sia così facile diffondere il contenuto locale di Twitter.

Quando un suo amico locale “invia tweet a un banger locale, tutti i locali di Wichita lo ritwittano. Bastano poche persone per vederlo da Kansas City, retwittarlo, quindi Lawrence lo sta retweet, e così via. Direi che un tweet richiede solo un paio di centinaia di retweet per arrivare là fuori “, ha detto. Avere un tweet è considerato un distintivo d’onore e quasi ogni tweet locale virale include le risposte dei compagni di classe che implorano il loro amico di non dimenticare li “quando [sono] famosi”. La maggior parte dei tweet virali non determina alcun tipo di crescita significativa del pubblico. Karter Machen, il cui tweet Gatsby estremamente locale ha ricevuto più di 300.000 “Mi piace”, ha poco più di 1.000 followers.

Naturalmente, mentre i meme e i tweet si diffondono e inevitabilmente si fanno strada attraverso tutti gli angoli di Internet, la sottigliezza dell’umorismo è persa, e Twitter locale è stato accusato di aver ucciso barzellette e di aver distrutto meme popolari. Per fare in modo che una piattaforma social scala, tuttavia, deve alla fine giudicare le norme. Per anni, Twitter ha respinto le critiche sul fatto che fosse troppo complicato da usare per “persone normali”. E mentre YouTube e Instagram sono ancora le piattaforme preferite dagli adolescenti, gli adolescenti hanno detto che non vedono il locale Twitter morire presto.

“È solo un bel posto lontano dal mondo reale dove puoi ancora” parlare “con le persone che vedi nel mondo reale “, dice Alex, un quindicenne in California. “Il Twitter locale non andrà mai via”, aggiunge Lexie Chadwick, 19 anni, in Florida. “Quindi, finché stanno inquinando la nostra Twittersphere, saremo qui a ridere e non giudicare così silenziosamente.”

E dato che nel nostro Paese, le mode americane arrivano sempre con un po’ di ritardo, chissà che anche gli adolescenti italiani non inizino ad usare Twitter per pubblicare i loro pensieri più intimi.

Twitter UK lancia The Golden Tweet award, #WorldCup edition

I Mondiali di calcio Russia 2018 sono ormai entrati nel vivo, arrivati ai quarti di finale. La squadra che sta convincendo di più è l’Uruguay, che ha mostrato solidità tattica ma anche grande estro offensivo. Guidata sapientemente com’è dal maestro Oscar Washington Tabarez. Il quale non si sta facendo neanche fermare da un morbo che ne riduce gradualmente le capacità motorie. L’Uruguay però dovrà vedersela con la Francia, squadra che non brilla per il gioco ma è molto cinica.

Molto interessante poi l’incontro Belgio-Brasile. Mentre i padroni di casa della Russia dovranno vedersela con la Croazia. A chiudere i quarti sarà Inghilterra-Svezia.

Twitter ha pensato di lanciare The Golden Tweet award, #WorldCup edition, che premierà il primo Tweeter of the World Cup del Regno Unito. Il gioco è già attivo. Twitter UK analizzerà i dati per identificare i maggiori tweet in base al numero di Retweet che ottengono dal Regno Unito. Mentre la gara è iniziata ufficialmente il 1 ° luglio, tutti i tweet relativi alla Coppa del Mondo dall’inizio del 14 giugno saranno presi in considerazione. Dopo la finale della Coppa del Mondo del 15 luglio, i tweet più popolari del torneo in cinque categorie saranno incoronati vincitori del Golden Tweet.

Le 5 categorie sono:

  • The biggest fan
  • The biggest player
  • The biggest team
  • The biggest brand
  • The biggest pundit

Ogni vincitore sarà presentato con uno splendido trofeo con un iconico uccello Twitter dorato. Che somiglia un po’, a dire la verità, al mitico Tapiro d’oro consegnato da Stefano Staffelli inviato di Striscia la notizia.

Twitter cos’è

Twitter è un servizio di news e social network online su cui gli utenti postano e interagiscono con messaggi noti come “tweets”. I tweet erano inizialmente limitati a 140 caratteri, ma il 7 novembre 2017 questo limite è stato raddoppiato per tutte le lingue tranne giapponese, coreano e cinese. Gli utenti registrati possono pubblicare tweet, ma quelli che non sono registrati possono solo leggerli. Gli utenti accedono a Twitter attraverso l’interfaccia del suo sito Web, tramite Short Message Service (SMS) o software applicativo per dispositivi mobili (“app”).

Twitter, Inc. ha sede a San Francisco, in California, e ha più di 25 uffici in tutto il mondo. Twitter è stato creato nel marzo 2006 da Jack Dorsey, Noah Glass, Biz Stone ed Evan Williams e lanciato nel mese di luglio anno. Il servizio ha rapidamente guadagnato popolarità in tutto il mondo. Nel 2012, oltre 100 milioni di utenti hanno inviato 340 milioni di tweet al giorno e il servizio gestiva in media 1,6 miliardi di query di ricerca al giorno.

Nel 2013, era uno dei dieci siti più visitati ed è stato descritto come “l’SMS di Internet”. A partire dal 2016, Twitter contava oltre 319 milioni di utenti attivi mensilmente. Il giorno delle elezioni presidenziali americane del 2016, Twitter si è rivelato la più grande fonte di notizie interessanti, con 40 milioni di tweet relativi alle elezioni inviati entro le 22:00 di quel giorno.

Twitter origini

Le origini di Twitter si trovano in una “sessione di brainstorming di un giorno” tenuta dai membri del consiglio di amministrazione della società di podcast Odeo. Jack Dorsey, allora studente universitario alla New York University, ha introdotto l’idea di un individuo che utilizza un servizio SMS per comunicare con un piccolo gruppo.

Il nome in codice del progetto originale per il servizio era twttr, un’idea che Williams in seguito avrebbe attribuito a Noah Glass, ispirato a Flickr e alla lunghezza di cinque caratteri dei codici brevi americani SMS. La decisione è stata in parte dovuta al fatto che il dominio twitter.com era già in uso, e sei mesi dopo il lancio di twttr l’equipaggio ha acquistato il dominio e ha cambiato il nome del servizio su Twitter. Inizialmente, gli sviluppatori consideravano “10958” come un codice breve, ma in seguito lo cambiarono in “40404” per “facilità d’uso e memorabilità”.

I lavori per il progetto sono iniziati il 21 marzo 2006, quando Dorsey ha pubblicato il primo messaggio Twitter alle 21:50: “installa il mio twttr”. Dorsey ha spiegato l’origine del titolo “Twitter”. Ci siamo imbattuti nella parola “twitter”, ed è stato semplicemente perfetto. La definizione era “una breve scarica di informazioni irrilevanti” e “un cinguettio di uccelli”. E questo è esattamente ciò che era il prodotto. Il primo prototipo di Twitter, sviluppato da Dorsey e dall’imprenditore Florian Weber, è stato utilizzato come servizio interno per i dipendenti Odeo e la versione completa è stata introdotta pubblicamente il 15 luglio 2006.

Nell’ottobre del 2006, Biz Stone, Evan Williams, Dorsey e altri membri di Odeo hanno costituito la “Obvious Corporation” e hanno acquisito Odeo, insieme ai suoi asset – tra cui Odeo.com e Twitter.com – dagli investitori e dagli azionisti. Williams ha licenziato Glass, che ha taciuto la sua parte nella startup di Twitter fino al 2011. Twitter è entrato nella sua società nell’aprile 2007.

Williams ha fornito una panoramica dell’ambiguità che ha definito questo periodo iniziale in un’intervista del 2013: con Twitter non era chiaro cosa fosse. Lo chiamavano un social network, lo chiamavano microblogging, ma era difficile da definire, perché non sostituiva nulla. C’era questo percorso di scoperta con qualcosa del genere, dove col passare del tempo capisci di cosa si tratta. Twitter in realtà è cambiato da ciò che pensavamo fosse all’inizio, che abbiamo descritto come aggiornamenti di stato e utilità sociale. È questo, in parte, ma l’intuizione alla fine è stata che Twitter era in realtà più una rete di informazioni che un social network.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY