Tsipras rimpasto di governo per incentivare le privatizzazioni

Il premier ellenico Alexis Tsipras, visti i cali in questi ultimi giorni nei sondaggi nei suoi confronti, ha deciso di dar via al rimpasto di governo per avviare alcune procedure atte a rafforzare l’esecutivo.

Tsipras e il rimpasto di governo

Il rimpasto di governo è un cambiamento dei vari personaggi che presiedono ruoli politici dominanti. La parola rimpasto è di origine gergale, ma ormai viene utilizzata ufficialmente anche dai manuali di diritto costituzionale.tsipras Il rimpasto voluto da Tsipras ha lo scopo di voler privatizzare di più alcuni settori specifici, per ridare uno slancio all’economia greca. In tutto ciò però il premier greco ha fatto una mossa perfetta, non sbagliando a non rimuovere dalla sua posizione il ministro delle finanze, Euclide Tsakalotos, mantenendo così i patti con l’Ue e con i suoi creditori, senza scatenare timori di alcun tipo.

Tsipras e le privatizzazioni

Per contrastare quanto hanno accusato Tsipras di non volere in alcun modo privatizzare la sua cara Grecia, il premier ellenico ha deciso di andare a mettere come ministro dell’interno George Stathakis, che ha partecipato anche all’ultimo forum Ambrosetti sul lago di Como, incontro internazionale di discussione su temi principalmente economici che si tiene ogni anno dal 1975.

Queste mosse sono state volute da Tsipras per portare a termine il suo programma e cercare di riportare anche i titoli ellenici nel quantitative easing della Bce.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY