Trump impone nuovi dazi alla Cina: perchè questa volta rischia di più

Tra Donald Trump e la Cina sembrava finalmente essersi avviata una distensione. Dopo la crisi diplomatica a colpi di tweet prima e dazi poi voluti dal Tycoon residente alla Casa bianca da ormai oltre due anni.

Tuttavia, la tregua è durata poco. Il Presidente americano ha deciso di imporre nuovi dazi contro il paese asiatico. Ma questa volta, a rischiare sono gli Usa stessi.

Trump, in arrivo nuovi dazi contro Cina

Il presidente Donald Trump ha dichiarato domenica 5 maggio che le tariffe per $ 200 miliardi di merci cinesi aumenteranno fino al 25% entro il venerdì successivo. Nonostante le ripetute richieste da parte dell’amministrazione nelle ultime settimane di portare avanti un buon negoziato commerciale con Pechino.

L’aliquota tariffaria su tali merci era originariamente fissata al 10%. Inizialmente Trump aveva minacciato di aumentare le tariffe all’inizio dell’anno, ma ha posticipato quella decisione dopo che la Cina e gli Stati Uniti hanno accettato di sedersi per portare avanti positive negoziazioni commerciali.

Inoltre, Trump ha minacciato di imporre il 25% di dazi su ulteriori $ 325 miliardi di merci cinesi “a breve”. Il presidente ha detto che i colloqui commerciali con la Cina stanno continuando, ma si stanno muovendo troppo lentamente. Pechino, da parte sua, cerca invece di rinegoziare.

Gli Stati Uniti importano merci dalla Cina per un totale di $ 539,5 miliardi e il deficit commerciale si è attestato a $ 419,2 miliardi nel 2018, secondo l’Office of the U.S. Trade Representative. Se Trump seguirà le sue minacce, praticamente tutte le merci importate dalla Cina verso gli Stati Uniti dovrebbero affrontare una sorta di tariffa.

Venerdì scorso, il vicepresidente Mike Pence ha detto alla CNBC che Trump è rimasto fiducioso di poter concludere un accordo con la Cina. La Casa Bianca ha detto che mercoledì l’ultimo round di colloqui ha avvicinato Pechino e Washington verso un accordo.

La segretaria della stampa Sarah Sanders ha dichiarato: “Le discussioni rimangono incentrate su progressi sostanziali su importanti questioni strutturali e sul riequilibrio delle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.”

Vi erano stati diversi rapporti secondo cui Cina e Stati Uniti erano vicini a un accordo commerciale e un accordo potrebbe arrivare in questi giorni. Tra gli Stati Uniti e la Cina i principali punti di contatto sono stati il furto di proprietà intellettuale e il trasferimento forzato di tecnologia. C’è stato anche disaccordo sul fatto che le tariffe debbano essere rimosse o rimanere in vigore come meccanismo di applicazione.

Dazi contro Cina, a rischiare sono gli stessi Usa

L‘S & P 500 è aumentato di oltre il 17% quest’anno, in parte per l’ottimismo che un accordo commerciale con la Cina sarebbe arrivato presto. L’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ad esempio, ha dichiarato in merito alla retribuzione della società la settimana scorsa che il miglioramento del dialogo sul commercio e lo stimolo economico di Pechino, hanno migliorato la fiducia dei consumatori nel paese.

A gennaio, Apple ha ridotto le sue indicazioni sugli utili, grazie in gran parte all’attenuazione della domanda di iPhone in Cina.

“Se guardi ai nostri risultati, il nostro deficit è superiore al 100 per cento da iPhone ed è soprattutto nella grande Cina”, ha detto Cook a CNBC all’epoca.

“È chiaro che l’economia ha cominciato a rallentare per le tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina che esercitano ulteriori pressioni sulle loro rispettive economia”.

E non è un caso che le azioni di Apple sono rimbalzate con l’ottimismo della Casa Bianca su un accordo commerciale in Cina. Le azioni della società sono aumentate del 34% da inizio anno. Ma ora rischiano nuovo crollo.

Ma a perderci non saranno solo le aziende americane come successo coi primi dazi. Bensì, anche i consumatori americani. In quanto, come spiega Josh Zumbrun sul Wall Street Journal, quelli applicati finora colpivano merci comprate dalle aziende americane (ad esempio l’acciaio), mentre i nuovi riguardano oggetti comprati direttamente dai consumatori. Quindi parliamo di borse, vestiti, decorazioni natalizie, sistemi di allarme antincendio.

I dazi americani contro la Cina possono anche portare ad un fallimento delle trattative tra Usa e Corea del Nord.

Il rischio è dovuto al fatto che il 90% delle esportazioni della Corea del Nord vanno in Cina. Tutto ciò significa che la Cina può usare i suoi legami nordcoreani come una forma di leva su Washington. Se l’accordo commerciale USA-Cina va a pezzi, Pechino può usare la Corea del Nord come arma contro gli Stati Uniti. La Cina potrebbe finire la massima pressione in pochi giorni semplicemente aprendo il confine.

A riprova di ciò il fatto che Pyongyang continui a costruire missili balistici ed è intenzionata a riprendere i propri test dopo un periodo di quiete lungo un anno. Insomma, ciò che Kim sembra voglia dire a Trump è che gli convenga fare un accordo con la Cina.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY