Trump: finiscono nel mirino Bmw e Mercedes

Se da un lato la Germania è alle prese con il caso Fca, per il quale ha richiesto l’intervento della Ue, dall’altro si vede costretta a fare i conti con la politica protezionistica di Trump che ha ora puntato il dito contro Bmw e Mercedes.

Donald Trump sembra proprio intenzionato a portare avanti la battaglia promessa per la produzione dei modelli auto negli Usa, senza risparmiare colpi. In un intervista rilasciata al giornale tedesco, Bild, sono finite sotto le sue ire le due forti case automobilistiche, ha dichiarato inoltre che i rapporti commerciali siano a senso unico a favore della Germania, ovvero negli Usa la presenza di modelli Mercedes e Bmw è più alta rispetto alle Chevrolet importate sul suolo tedesco. Trump ha poi proseguito l’intervista ribadendo l’intenzione di imporre il maxi-dazio del 35% sui veicoli prodotti in Messico per il mercato USA.

La Germania risponde a Trump

Alle accuse di Trump la risposta della Germania non si è fatta attendere ed è arrivata dal Vice Cancelliere e Ministro dell’Economia, Sigmar Gabriel, il quale ha ricordato che l’impianto più grande della Bmw si trova a Spartanburg, cittadina del South Carolina. Gabriel ha poi voluto aggiungere un consiglio al neo-presidente: “per vendere più auto all’estero, bisogna costruirne di migliori”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY