La truffa dell’IMU: non è così che si risolvono i problemi

imu-casa

Un Berlusconi sorridente e trionfante ha annunciato qualche giorno fa la sua vittoria sul fronte dell’IMU: la celeberrima tassa sugli immobili non si pagherà, almeno per ora e almeno per la prima casa. Si tratta veramente di una vittoria? Il calcolo elettorale e la necessità di fare campagna anche in presenza di una certa stabilità di governo dicono di sì. Il buon senso, di contro, dice di no. Le ragioni sono semplici e sono due.

Primo, il Consiglio dei Ministri ha decretato semplicemente uno slittamento di tre mesi della tassa, tempo entro il quale si dovrà giungere a una riforma della tassazione degli immobili. Questo non vuol dire che alla fine, dopo l’eventuale (imponente) ristrutturazione gli italiani, si troveranno a pagare di meno per gli immobili di cui sono proprietari.

Secondo, i problemi prioritari sono altri, l’IMU è solo la miserabile punta dell’iceberg. Certo, quel centinaio di euro risparmiato (sempre se alla fine si giungerà a un risparmio concreto, vedi punto uno) andrà nelle tasche delle famiglie, ma lì si fermerà. La tassazione sulla prima casa affligge soprattutto chi ha un basso reddito, gente che – giustamente – se si vede nel portafoglio qualche euro in più non va a scialacquarlo.

Dunque, l’impatto esercitato sui consumi sarà limitato. Il problema acquista la sua giusta dimensione se si pensa che il crollo dei consumi ha raggiunto livelli spaventosi, sostenuto dalla disoccupazione in aumento e per nulla arginato dal basso livello di inflazione. Possiamo immaginare uno scenario alternativo, destinato, purtroppo, a rimanere tale. Se i 4 miliardi utilizzati per lo slittamento dell’IMU, che comunque sono tanti soldi, fossero stati indirizzati per alleggerire la pressione fiscale sulle imprese, magari agevolandone nell’atto di assumere nuovi lavoratori, cosa sarebbe successo? Sarebbero state incentivate ad assumere, avrebbero creato occupazione, dunque reddito per i giovani e quindi si sarebbe concretizzato un aumento dei consumi.

Purtroppo il Governo ha deciso di mettersi prono di fronte alle richieste di Berlusconi e spendere una montagna di denaro in una iniziativa poco produttiva. Senza contare che lo slittamento/cancellazione dell’IMU sulla prima casa comporta alcuni gravi effetti collaterali. Uno su tutti, la privazione di risorse agli enti locali. Da quest’anno, infatti, il gettito dell’IMU sulla prima casa va ai Comuni che dunque possono migliorare i servizi e possono risanare le loro casse, per la maggior parte in evidente difficoltà a causa dei tagli dei governi Berlusconi IV e Monti.

Insomma, il Governo Letta è partito col piede sbagliato, anche se i media lo hanno incensato per la mossa sull’IMU, fermandosi all’apparenza e non considerando le alternative. D’altronde la compagine di Letta jr sembra sempre più in balia del Pdl, soggetto che meno di altri teme le urne e dunque non ha paura – ancora in maniera implicita – ad agitarle nel tentativo, quasi sempre andato a buon fine, di strappare concessioni sul programma Pd ormai in dissesto politico.

Foto originale by dalbera

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

1 commento

LEAVE A REPLY