Le 10 novità tecnologiche che caratterizzeranno il 2019

Il 2019 è ormai alle porte e già da qualche giorno sono partite le varie previsioni per il nuovo anno. Come da tradizione, ci sono gli astrologi che ci dicono come sarà il nuovo anno per i vari segni. Ma ormai è diventata tradizione anche quella di dire quali saranno i trend tecnologici per il prossimo anno.

Del resto, il mercato tecnologico sembra non risentire mai della crisi. Con gli smartphone che fanno sempre da testa di ariete del comparto a cui si aggiungono nuove diavolerie tecnologiche.

Di seguito vediamo dunque le 10 novità tecnologiche che caratterizzeranno il 2019.

Sommario

Novità tecnologiche 2019, smartphone con 5G

La connessione 5G è la prossima frontiera dell’internet. E l’adeguamento del nostro Paese sarà completato entro il 2022. Sebbene non manchino serie preoccupazioni su quali saranno le ripercussioni per la nostra salute.

Gli smartphone devono ovviamente adeguarsi al 5G. E il 2019 si caratterizzerà anche per questo. Debutteranno così sul mercato i primi modelli di smartphone adeguati al 5G di Huawei, Motorola, Oppo, OnePlus e Samsung. Mentre gli iPhone di Apple lo faranno solo a partire dal 2020.

Tali dispositivi potranno raggiungere velocità in download nell’ordine dei 10-50 gigabit e supportare app per gaming, casa intelligente, veicoli a guida autonoma, smart city, video entertainment alla sanità.

Novità tecnologiche 2019, digital twins

Entro il 2021, la metà delle grandi aziende su scala globale utilizzerà queste soluzioni per ottenere un miglioramento di efficienza nell’ordine del 10%. L’obiettivo è la realizzazione del cosiddetto Internet delle cose, che non riguarda solo l’ambiente domestico, ma anche le aziende e i loro processi produttivi.

Novità tecnologiche 2019, proseguirà sviluppo Big Data

La grande mole di dati sul web rende necessario lo sviluppo del cosiddetto Big Data. Ancor di più considerando che entro il 2020, oltre il 40% delle attività di data science sarà automatizzato e via via l’automazione sarà parte integrante delle applicazioni aziendali.

Novità tecnologiche 2019, Chatbot diventa realtà

Entro la fine del 2019, si concretizzerà la realizzazione di sistemi avanzati di natural language processing per migliorare la qualità dell’assistenza clienti. E così, gli algoritmi di machine learning svolgeranno sempre di più compiti di riconoscimento di immagini, parole e persone. In maniera sempre più veloce e con maggiore precisione rispetto agli stessi esseri umani.

Novità tecnologiche 2019, Privacy potrebbe diventare un costo

La Privacy diventa sempre più un fattore chiave per le aziende. E chi non la rispetta rischia di pagare caro tutto ciò. A colpi di mancanza di fiducia da parte di clienti già acquisiti o potenziali; multe da parte degli organi competenti; raddoppio dei costi di compliance. Dunque, le aziende saranno chiamate ad attuare buone pratiche.

Novità tecnologiche 2019, Blockchain avanzerà in altri settori

Con il Bitcoin che ha sfiorato quota 20mila dollari nel 2017 – sebbene nel 2018 abbia seguito l’andamento inverso, quasi tornando ai livelli di inizio anno – abbiamo dovuto fare i conti con una nuova realtà finanziaria: le criptovalute. Ma non solo. Anche la tecnologia che sta alle loro spalle: la Blockchain. Il quale, può essere utile per i più svariati settori.

E così, il 2019 vedrà proseguire l’avanzata della Blockchain in altri ambiti: il food, il retail o la sanità. Ciò in quanto consente una gestione dei prodotti molto più semplice ed immediata. Entro il 2030 la blockchain svilupperà un giro d’affari in ambito aziendale di 3,1 trilioni di dollari.

Novità tecnologiche 2019, Realtà aumentata sempre più nelle nostre vite

Il 2019 vedrà proseguire anche un altro fenomeno: l’avanzamento della realtà aumentata. Meglio conosciuta con l’acronimo AR. Si conta infatti che il 70% delle imprese su scala mondiale sperimenterà entro il 2022 tecnologie di realtà aumentata, mista e virtuale per utilizzi in ambito consumer e business ma solo un quarto sul totale dei progetti vedrà concretamente la luce.

La prossima generazione di visori AR e di mixed reality sarà in grado di rilevare le forme e tracciare la posizione di una persona. Ciò migliorerà l’interazione con l’ambiente circostante.

Novità tecnologiche 2019, oggetti auto-pensanti

Tra le novità tecnologiche del 2019, non possiamo non annoverare i Robot agricoli o industriali, droni, elettodomestici e veicoli connessi con l’ambiente fisico e digitale che li circonda. Saranno così in grado di operare con un crescente grado di autonomia, capacità, coordinamento e intelligenza.

Il che per alcuni è qualcosa di inquietante, che rievoca film di Fantascienza come Terminator. Per altri una grande opportunità, che possa “libearare” maggiormente gli uomini da certe incombenze. Per altri ancora, un pericolo per l’uomo concreto che si perdano ulteriori posti di lavoro. Del resto, dalla Prima rivoluzione industriale, è ciò che ha continuato ad accadere.

Novità tecnologiche 2019, informatica quantistica per i servizi

Partiamo con lo spiegare cosa sia l’informatica quantistica. E’ quella che si basa su particelle subatomiche che rappresentano l’informazione in forma di bit quantistici (“qubit”). Molto utile per lavorare in maniera simultanea su milioni di operazioni computazionali.

L’informatica quantistica si metterà a disposizione di vari settori, tra cui la medicina. Il 2019 sarà uno dei passi verso la sua piena attualizzazione. Che entro il 2023 vedrà una organizzazione su cinque a livello internazionale stanziare budget per progetti di quantum computing. Per capire la potenza di questa crescita, basta dire che oggi vede solo l’1% impegnata in tal senso.

Novità tecnologiche 2019, arriva finalmente lo smartphone pieghevole?

Insomma, anche il 2019 sarà ricco di novità tecnologiche. Anche se prevale soprattutto il trend di fenomeni che vedranno la loro piena attuazione solo tra qualche anno. Sul fronte degli smartphone, dovrebbe arrivare il primo dispositivo pieghevole. Del quale si parla già concretamente da oltre un paio di anni. Ma a parte fantomatiche immagini e probabili previsioni su come funzionerà, non abbiamo avuto molte altre notizie.

Pare che il problema principale riguardi i costi e la batteria. In merito ai primi, ad esempio, si prospetta che il primo prototipo Samsung potrebbe addirittura costare sui 2500 euro.

Comunque, i vari colossi del mercato – Apple, Samsung, Huawei e Lg – stanno cercando di battere le altre concorrenti sul tempo. Ma ci vanno con prudenza. Visto che è una tecnologia innovativa ed eventuali problemi potrebbero essere un duro colpo per la nomea del marchio e a livello economico. Samsung già ne sa qualcosa, col fallimento del modello Note 7. Il cui surriscaldamento della batteria ha provocato circa una trentina di casi acclarati di ferimenti e incendi.

A parte ciò, è stata proprio una piccola azienda fondata nel 2012 in California da alcuni ingegneri dell’università di Stanford. Si chiama Royole e ha presentato lo scorso inizio novembre il FlexPai, un dispositivo con schermo flessibile che funge da smartphone e tablet.

Il display, spiega l’azienda, è stato testato per resistere a oltre 200mila cicli di piegamenti.

Lo smartphone è stato presentato a Pechino: ha una doppia fotocamera, con intelligenza artificiale (20 e 16 megapixel), una memoria interna ampia (da 128 o 256 gigabyte, espandibile). E ancora, 6 gigabyte di Ram e un processore Qualcomm di ultima generazione con tecnologia a 7 nanometri (presumibilmente lo Snapdragon 8150).

Il sistema operativo si chiama Water OS ed è basato su Android 9.

Tutto bello, non credete? Sì, tranne il prezzo. Tra i 1.390 e 1.540 euro. Ma vuoi mettere di avere tra i primi uno smartphone pieghevole.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY