Trading sullo zucchero: tutto su come investire

Come fare trading sullo zucchero? Come fare trading sullo zucchero? Come investire nello zucchero? Già, perché lo zucchero non è solo quella candida polvere bianca che mettiamo nelle bevande per dolcificarle o nei dolci. Bensì, è anche un modo per fare ottimi investimenti.

Infatti, lo zucchero rientra nel novero delle materie prime (in gergo dei mercati finanziari dette commodities) sulle quali è possibile investire attraverso titoli finanziari o mediante il tradizionale possesso materiale. Sebbene i primi siano preferibili per comodità di gestione.

Altre commodities interessanti oltre lo zucchero sono il caffè, il cacao, il thè, e così via. Qui ci occupiamo più approfonditamente dello zucchero. Dalle sue origini, ai tipi di zucchero in circolazione, ai suoi usi, fino ai modi con cui è possibile investire. Infatti, prima di investire nello zucchero, bisogna anche conoscere la natura, la diffusione e gli utilizzi. In quanto, quanto più sono alti questi ultimi, più si ha la possibilità di fare un buon affare.

Sommario

Trading sullo zucchero, cos’è lo zucchero

Cos’è lo zucchero? Lo zucchero è il nome generico dato a carboidrati solubili e dal gusto dolce, molti dei quali sono utilizzati nel cibo. Esistono vari tipi di zucchero derivati da diverse fonti. Gli zuccheri semplici sono chiamati monosaccaridi e comprendono glucosio (noto anche come destrosio), fruttosio e galattosio. Lo “zucchero da tavola” o “zucchero semolato” più comunemente usato come cibo è il saccarosio, un disaccaride di glucosio e fruttosio.

Lo zucchero è usato in cibi preparati (ad esempio biscotti e torte) e viene aggiunto ad alcuni cibi e bevande (ad esempio caffè e tè). Nel corpo, il saccarosio viene idrolizzato negli zuccheri semplici fruttosio e glucosio. Altri disaccaridi includono il maltosio dal grano maltato e il lattosio dal latte. Catene più lunghe di zuccheri sono chiamate oligosaccaridi o polisaccaridi. Alcune altre sostanze chimiche, come glicerolo e zucchero, possono anche avere un sapore dolce, ma non sono classificate come zuccheri.

I sostituti alimentari dietetici per lo zucchero includono l’aspartame e il sucralosio, un derivato clorurato del saccarosio. Gli zuccheri si trovano nei tessuti della maggior parte delle piante e sono presenti nella canna da zucchero e nella barbabietola da zucchero in concentrazioni sufficienti per un’efficace estrazione commerciale. Nel 2017-18, la produzione mondiale di zucchero è stata di 185 milioni di tonnellate. La persona media consuma circa 24 chilogrammi (53 libbre) di zucchero ogni anno (33,1 kg nei paesi sviluppati), equivalenti a oltre 260 calorie alimentari per persona al giorno.

Dall’ultima parte del ventesimo secolo in poi, è stato messo in dubbio che una dieta ricca di zuccheri, soprattutto zuccheri raffinati, sia un bene per la salute umana. Infatti, il consumo eccessivo di zucchero è stato implicato nella comparsa di obesità, diabete, malattie cardiovascolari, demenza e carie. Sono stati intrapresi numerosi studi per cercare di chiarire la posizione, ma con risultati variabili, principalmente a causa della difficoltà di trovare popolazioni da usare come controlli che non consumano o sono largamente prive di consumo di zucchero.

L’etimologia dello zucchero riflette la diffusione della merce. Dal sanscrito शर्करा (śarkarā), che significa “zucchero macinato o candito”, originariamente “grinta, ghiaia”, arrivò lo shakar persiano, da cui l’arabo سكر (sukkar), da cui il latino succarum medievale, da cui il sucre francese del XII secolo, da cui la parola inglese zucchero.

Zucchero italiano, spagnolo azúcar e portoghese açúcar provenivano direttamente dall’arabo, le parole spagnole e portoghesi conservavano l’articolo definito arabo. La prima parola greca attestata è σάκχαρις (sákkʰaris). La parola inglese jaggery, uno zucchero grezzo grossolanamente fatto di linfa di palma da dattero o succo di canna da zucchero, ha un’origine etimologica simile: il jágara portoghese dal malayalam ചക്കരാ (cakkarā), che è esso stesso dal Sanscrito शर्करा (śarkarā).

Investire nello zucchero, storia dello zucchero

Lo zucchero è stato prodotto nel subcontinente indiano sin dai tempi antichi e si è diffuso da lì nell’attuale Afghanistan attraverso il Khyber Pass. Non era abbondante o economico nei primi tempi e il miele veniva usato più spesso per addolcire in molte parti del mondo. In origine, la gente masticava la canna da zucchero grezza per estrarne la dolcezza. La canna da zucchero era originaria dell’Asia meridionale tropicale e del Sud-Est asiatico. Diverse specie sembrano aver avuto origine da luoghi diversi con Saccarum barberi originario dell’India e S. edule e S. officinarum provenienti dalla Nuova Guinea.

Uno dei primi riferimenti storici alla canna da zucchero è nei manoscritti cinesi risalenti all’VIII secolo aC che affermano che l’uso della canna da zucchero è nato in India. Nella tradizione della medicina indiana (āyurveda), la canna da zucchero è conosciuta con il nome di Ikṣu e il succo di canna da zucchero è noto come Phāṇita. Le sue varietà, sinonimi e caratteri sono definiti in nighaṇṭus come il Bhāvaprakāśa (1.6.23, gruppo di sugarcanes).

Il medico greco Pedanius Dioscorides nel I secolo dC descriveva lo zucchero nel suo trattato medico De Materia Medica e Plinio il Vecchio, un romano del 1 ° secolo, ha descritto lo zucchero nella sua storia naturale: “Anche lo zucchero è fatto in Arabia, ma lo zucchero indiano è migliore, è una specie di miele trovato nella canna, bianco come la gomma, e scricchiola tra i denti, si presenta in grumi grandi come una nocciola, lo zucchero è usato solo per scopi medici.

Lo zucchero fu trovato in Europa nel I secolo EV. Lo zucchero rimase relativamente insignificante fino a quando gli indiani scoprirono metodi per trasformare il succo di canna da zucchero in cristalli granulati che erano più facili da immagazzinare e da trasportare. Lo zucchero cristallizzato fu scoperto al tempo dei Guptas imperiali, attorno al 5 ° secolo DC.

Nella lingua indiana locale, questi cristalli erano chiamati khanda (Devanagari: खण्ड, Khaṇḍa), che è la fonte della parola caramella. I marinai indiani, che trasportavano burro e zucchero chiarificati come rifornimenti, introdussero la conoscenza dello zucchero sulle varie rotte commerciali che percorrevano.

I monaci buddisti, mentre viaggiavano, portarono i metodi di cristallizzazione dello zucchero in Cina. Durante il regno di Harsha (r 606-647) nel nord dell’India, gli inviati indiani della Cina Tang insegnarono i metodi di coltivazione della canna da zucchero dopo che l’imperatore Taizong di Tang (626-649) rese noto il suo interesse per lo zucchero.

La Cina ha quindi stabilito le sue prime piantagioni di canna da zucchero nel settimo secolo. Documenti cinesi confermano almeno due missioni in India, avviate nell’ 647 CE, per ottenere tecnologia per la raffinazione dello zucchero. Nell’Asia meridionale, nel Medio Oriente e in Cina, lo zucchero divenne un alimento base per la cucina e i dessert. I crociati portarono con sé lo zucchero in Europa dopo le loro campagne in Terra Santa, dove incontrarono carovane con “sale dolce”.

All’inizio del XII secolo, Venezia acquisì alcuni villaggi vicino a Tiro e stabilì proprietà per produrre zucchero da esportare in Europa, dove integrò il miele, che in precedenza era stato l’unico dolcificante disponibile. Il cronista crociata Guglielmo di Tiro, scrivendo alla fine del XII secolo, descrisse lo zucchero come “molto necessario per l’uso e la salute dell’umanità”. Nel XV secolo, Venezia era il principale centro di raffinazione e distribuzione dello zucchero in Europa.

Nell’agosto del 1492, Cristoforo Colombo si fermò a La Gomera, nelle Isole Canarie, per vino e acqua, con l’intenzione di rimanere solo quattro giorni. Divenne romanticamente coinvolto con il governatore dell’isola, Beatriz de Bobadilla y Ossorio, e rimase un mese. Quando finalmente salpò, lei gli diede dei tagli di canna da zucchero, che furono i primi a raggiungere il Nuovo Mondo.

Il primo raccolto di canna da zucchero fu condotto a Hispaniola nel 1501 e molti zuccherifici furono costruiti a Cuba e in Giamaica negli anni Venti del Cinquecento. I portoghesi portarono la canna da zucchero in Brasile. Nel 1540 c’erano 800 zuccherifici di canna nell’isola di Santa Catarina e altri 2.000 sulla costa settentrionale del Brasile, Demarara e Surinam. Hacienda La Fortuna. Un complesso di zuccherifici a Puerto Rico, dipinto da Francisco Oller nel 1885. Il Brooklyn Museum Sugar era un lusso in Europa fino al XVIII secolo, quando divenne più ampiamente disponibile. Divenne poi popolare e dal 19 ° secolo, lo zucchero divenne una necessità. Questa evoluzione del gusto e della domanda di zucchero come ingrediente alimentare essenziale scatenò importanti cambiamenti economici e sociali.

Ha guidato, in parte, la colonizzazione delle isole tropicali e delle nazioni in cui prosperare piantagioni di canna da zucchero ad alta intensità di manodopera e produzione di zucchero. La richiesta di manodopera a basso costo per svolgere il duro lavoro coinvolto nella sua coltivazione e trasformazione ha aumentato la richiesta di commercio di schiavi dall’Africa (in particolare dall’Africa occidentale). Dopo l’abolizione della schiavitù, c’era un’alta richiesta di lavoratori a contratto provenienti dall’Asia meridionale (in particolare l’India).

Milioni di schiavi e operai a contratto furono portati nei Caraibi e nelle Americhe, nelle colonie dell’Oceano Indiano, nel sud-est asiatico, nelle isole del Pacifico, nell’Africa orientale e in Natal. Il moderno mix etnico di molte nazioni che sono state colonizzate negli ultimi due secoli è stato influenzato dalla domanda di zucchero. Questa è un’immagine ravvicinata della canna da zucchero. La canna da zucchero è stata la principale motivazione del sistema coloniale. Laugar ha anche portato all’industrializzazione delle aree in cui è stata coltivata la canna da zucchero.

Ad esempio, il tenente J. Paterson, dello stabilimento del Bengala, persuase il governo britannico che la canna da zucchero poteva essere coltivata nell’India britannica con molti vantaggi e meno spese che nelle Indie Occidentali; di conseguenza, le fabbriche di zucchero sono state fondate in Bihar nell’India orientale.

Durante le guerre napoleoniche, la produzione di barbabietola da zucchero è aumentata nell’Europa continentale a causa della difficoltà di importare zucchero quando la spedizione era soggetta a blocco. Nel 1880, la barbabietola da zucchero era la principale fonte di zucchero in Europa. Fu coltivato nel Lincolnshire e in altre parti dell’Inghilterra, sebbene il Regno Unito continuasse a importare la maggior parte del suo zucchero dalle sue colonie.

Fino alla fine del XIX secolo, lo zucchero veniva acquistato in pani, che dovevano essere tagliati usando gli attrezzi chiamati sorsi di zucchero. Negli anni successivi, lo zucchero semolato veniva solitamente venduto in sacchetti. I cubetti di zucchero furono prodotti nel diciannovesimo secolo. Il primo inventore di un processo per produrre zucchero a cubetti è stato il Moravian Jakub Kryštof Rad, direttore di una compagnia di zucchero a Dačice. Ha iniziato la produzione di cubetti di zucchero dopo aver ottenuto un brevetto quinquennale per il processo il 23 gennaio 1843.

Henry Tate & Lyle è stato un altro produttore iniziale di cubetti di zucchero nelle sue raffinerie a Liverpool e Londra. Tate ha acquistato un brevetto per la fabbricazione di cubetti di zucchero dal tedesco Eugen Langen, che nel 1872 aveva inventato un diverso metodo di lavorazione dei cubetti di zucchero.

Zucchero composizione

Qual è la composizione dello zucchero? Scientificamente, lo zucchero si riferisce genericamente a un numero di carboidrati, come monosaccaridi, disaccaridi o oligosaccaridi. I monosaccaridi sono anche chiamati “zuccheri semplici”, il più importante dei quali è il glucosio. La maggior parte dei monosaccaridi ha una formula conforme a CnH2nOn con n tra 3 e 7 (il deossiribosio è un’eccezione). Il glucosio ha la formula molecolare C6H12O6. I nomi degli zuccheri tipici terminano con -ose, come in “glucosio” e “fruttosio”.

A volte tali parole possono anche riferirsi a qualsiasi tipo di carboidrati solubile in acqua. I mono- e i disaccaridi aciclici contengono gruppi aldeidici o gruppi chetonici. Questi doppi legami carbonio-ossigeno (C = O) sono i centri reattivi. Tutti i saccaridi con più di un anello nella loro struttura derivano da due o più monosaccaridi uniti da legami glicosidici con la risultante perdita di una molecola di acqua (H2O) per legame.

I monosaccaridi in una forma a catena chiusa possono formare legami glicosidici con altri monosaccaridi, creando disaccaridi (come il saccarosio) e polisaccaridi (come l’amido). Gli enzimi devono idrolizzare o altrimenti rompere questi legami glicosidici prima che tali composti vengano metabolizzati. Dopo la digestione e l’assorbimento i principali monosaccaridi presenti nel sangue e nei tessuti interni includono glucosio, fruttosio e galattosio.

Molti pentosi ed esosi possono formare strutture ad anello. In queste forme a catena chiusa, il gruppo aldeidico o chetonico rimane non libero, quindi molte delle reazioni tipiche di questi gruppi non possono verificarsi. Il glucosio in soluzione esiste per lo più in forma di anello all’equilibrio, con meno dello 0,1% delle molecole nella forma a catena aperta.

I biopolimeri degli zuccheri sono comuni in natura. Attraverso la fotosintesi, le piante producono gliceraldeide-3-fosfato (G3P), uno zucchero fosfatato a 3-carbonio che viene utilizzato dalla cellula per produrre monosaccaridi come il glucosio (C6H12O6) o (come nel canna e barbabietola) saccarosio (C12H22O11). I monosaccaridi possono essere ulteriormente convertiti in polisaccaridi strutturali quali cellulosa e pectina per la costruzione di pareti cellulari o in riserve energetiche sotto forma di polisaccaridi di stoccaggio come l’amido o l’inulina.

L’amido, costituito da due diversi polimeri di glucosio, è una forma facilmente degradabile di energia chimica immagazzinata dalle cellule e può essere convertita in altri tipi di energia. Un altro polimero di glucosio è la cellulosa, che è una catena lineare composta da diverse centinaia di migliaia di unità di glucosio. È usato dalle piante come componente strutturale nelle loro pareti cellulari. Gli esseri umani possono digerire la cellulosa solo in misura molto limitata, sebbene i ruminanti possano farlo con l’aiuto di batteri simbionti nel loro intestino.

Il DNA e l’RNA sono costituiti rispettivamente dai monosaccaridi desossiribosio e ribosio. Il desossiribosio ha la formula C5H10O4 e ribosio la formula C5H10O5.

Produzione zucchero rischi

Quali sono i rischi della produzione dello zucchero? Poiché gli zuccheri bruciano facilmente quando esposti alla fiamma, la manipolazione degli zuccheri rischia l’esplosione della polvere. Il rischio di esplosione è più alto quando lo zucchero è stato macinato a una consistenza superfine, come per l’uso nella gomma da masticare.

L’esplosione della raffineria di zucchero della Georgia nel 2008, che ha ucciso 14 persone e ne ha ferito 40, e distrutto la maggior parte della raffineria, è stata causata dall’accensione della polvere di zucchero. Nel suo uso culinario, l’esposizione allo zucchero provoca il caramellismo. Mentre il processo si verifica, sostanze chimiche volatili come il diacetile vengono rilasciate, producendo il caratteristico sapore di caramello.

Trading zucchero, tipi di zucchero

Quali sono i tipi di zucchero? Possiamo suddividerli in 2 grandi famiglie:

a) Monosaccaridi

Fruttosio, galattosio e glucosio sono tutti zuccheri semplici, monosaccaridi, con la formula generale C6H12O6. Hanno cinque gruppi idrossilici (-OH) e un gruppo carbonile (C = O) e sono ciclici quando dissolti in acqua. Esse presentano ciascuno un numero di isomeri con forme destrorso e laevo-rotatorio che fanno sì che la luce polarizzata diventi a destra o a sinistra. Il fruttosio, o zucchero di frutta, si trova naturalmente nei frutti, alcune verdure di radice, zucchero di canna e miele e è il più dolce degli zuccheri. È uno dei componenti del saccarosio o dello zucchero da tavola.

È usato come sciroppo ad alto contenuto di fruttosio, che è prodotto da amido di mais idrolizzato che è stato lavorato per produrre sciroppo di mais, con enzimi aggiunti per convertire parte del glucosio in fruttosio.

In generale, il galattosio non si verifica in lo stato libero ma è un costituente con glucosio del disaccaride lattosio o zucchero del latte. È meno dolce del glucosio. È un componente degli antigeni trovati sulla superficie dei globuli rossi che determinano i gruppi sanguigni. Glucosio, destrosio o zucchero d’uva, si trova naturalmente nei succhi di frutta e vegetali ed è il prodotto principale della fotosintesi. La maggior parte dei carboidrati ingeriti viene convertita in glucosio durante la digestione ed è la forma di zucchero che viene trasportata intorno ai corpi degli animali nel sangue.

Può essere prodotto dall’amido con l’aggiunta di enzimi o in presenza di acidi. Lo sciroppo di glucosio è una forma liquida di glucosio ampiamente utilizzata nella produzione di alimenti. Può essere prodotto dall’amido mediante idrolisi enzimatica.

b) Disaccaridi

Lattosio, maltosio e saccarosio sono tutti zuccheri composti, disaccaridi, con la formula generale C12H22O11. Sono formati dalla combinazione di due molecole di monosaccaridi con l’esclusione di una molecola di acqua. Il lattosio è lo zucchero presente in natura nel latte. Una molecola di lattosio è formata dalla combinazione di una molecola di galattosio con una molecola di glucosio. Viene decomposto quando viene consumato nelle sue parti costituenti dall’enzima lattasi durante la digestione. I bambini hanno questo enzima ma alcuni adulti non lo formano più e non sono in grado di digerire il lattosio.

Il maltosio si forma durante la germinazione di alcuni cereali, il più importante è l’orzo, che viene convertito in malto, la fonte del nome dello zucchero . Una molecola di maltosio è formata dalla combinazione di due molecole di glucosio. È meno dolce del glucosio, del fruttosio o del saccarosio. Si forma nel corpo durante la digestione dell’amido dall’enzima amilasi ed è esso stesso ripartito durante la digestione dall’enzima maltasi.

Il saccarosio si trova nei gambi della canna da zucchero e delle radici della barbabietola da zucchero. Si presenta naturalmente anche a fianco del fruttosio e del glucosio in altre piante, in particolare i frutti e alcune radici come le carote. Le diverse proporzioni di zuccheri presenti in questi alimenti determinano la gamma di dolcezza sperimentata quando le mangiano.

Una molecola di saccarosio è formata dalla combinazione di una molecola di glucosio con una molecola di fruttosio. Dopo essere stato mangiato, il saccarosio viene diviso nelle sue parti costituenti durante la digestione da un certo numero di enzimi noti come sucrases.

Zucchero forme ed usi

Quali sono le forme e gli usi dello zucchero? I seguenti:

Gli zuccheri marroni sono zuccheri granulati, contenenti melassa residua o con i grani deliberatamente ricoperti di melassa per produrre uno zucchero chiaro o scuro. Sono utilizzati in prodotti da forno, dolciumi e caramelle.

Gli zuccheri granulati vengono usati al tavolo, per cospargere di cibi e per addolcire bevande calde (caffè e tè) e nella cottura domestica per aggiungere dolcezza e consistenza ai prodotti da forno (biscotti e torte) e dessert (budino e gelato). Sono anche usati come conservanti per prevenire la decomposizione di microrganismi da alimenti in crescita e deperibili, come nei frutti canditi, nelle marmellate e nelle marmellate.

Gli zuccheri invertiti e gli sciroppi sono miscelati alle specifiche del produttore e sono usati in pane, torte, e bevande per regolare la dolcezza, favorendo la ritenzione di umidità ed evitando la cristallizzazione degli zuccheri.

Gli zuccheri liquidi sono sciroppi forti costituiti dal 67% di zucchero semolato sciolto in acqua. Sono utilizzati nella lavorazione degli alimenti di una vasta gamma di prodotti, tra cui bevande, caramelle, gelati e marmellate.

Gli zuccheri a basso contenuto calorico e gli edulcoranti artificiali sono spesso costituiti da maltodestrina con aggiunta di dolcificanti. La maltodestrina è un polisaccaride sintetico facilmente digeribile costituito da brevi catene di molecole di glucosio ed è costituito dalla parziale idrolisi dell’amido. Gli edulcoranti aggiunti sono spesso aspartame, saccarina, stevia o sucralosio.

Gli zuccheri macinati (conosciuti come zucchero per dolci e zucchero a velo) vengono macinati in polvere fine. Sono usati come zucchero in polvere (noto anche come zucchero a velo o zucchero per dolci), per spolverare cibi e in pasticceria e pasticceria.

La melassa è comunemente usato per fare il rum, e i sottoprodotti dello zucchero sono usati per produrre etanolo per il carburante.

Gli alcoli di zucchero e sono usati nelle gomme da masticare dove è richiesto un sapore dolce che dura per un tempo prolungato nella bocca.

Gli zuccheri selezionati sono prodotti cristallini separati in base alla dimensione dei grani. Sono usati per gli zuccheri da tavola decorativi, per la miscelazione in miscele secche e in pasticceria e pasticceria.

I cubetti di zucchero (a volte chiamati zollette di zucchero) sono zuccheri granulati bianchi o marroni leggermente cotti a vapore e pressati insieme a forma di blocco. Sono usati per addolcire le bevande.

Il Pan di Zucchero era la solita forma a cono in cui lo zucchero raffinato veniva prodotto e venduto fino alla fine del XIX secolo. Questa forma è ancora in uso in Germania (per la preparazione del Feuerzangenbowle), in Iran e in Marocco.

Le sirupole e i triacoli vengono sciolti e invertiti per sviluppare gli zuccheri caratteristici. (I trattati hanno aggiunto melassa). Sono usati in una vasta gamma di prodotti da forno e dolciumi, tra cui caramelle e liquirizia.

Nella vinificazione, gli zuccheri della frutta vengono convertiti in alcol mediante un processo di fermentazione. Se il mosto formato dalla pressione del frutto ha un basso contenuto di zuccheri, può essere aggiunto dello zucchero addizionale per aumentare il contenuto alcolico del vino in un processo chiamato chaptalization.

Nella produzione di vini dolci, la fermentazione può essere fermata prima che abbia corso per intero, lasciandosi dietro qualche residuo zuccherino che conferisce al vino il suo sapore dolce.

Come investire nello zucchero

Come investire nello zucchero? Coloro che sono interessati al trading sullo zucchero hanno alcune strade tra cui scegliere. La prima scelta è attraverso l’acquisto o la vendita di un contratto future su zucchero. Tutti i contratti futures sono standardizzati, il che consente sia agli hedger che ai commercianti di alleviare le loro opinioni sulla qualità e sulla quantità della merce sottostante. La necessità di questo tipo di contratto standardizzato diventa evidente quando si considera che quasi ogni paese coltiva il proprio zucchero.

Il contratto di zucchero più comune è lo zucchero n. 11. I mesi del contratto per Sugar # 11 sono marzo, maggio, luglio e ottobre. La dimensione del contratto per lo zucchero greggio è di 112.000 sterline. La mossa del prezzo minimo è di un centesimo di un centesimo per libbra, o circa $ 11,20 per contratto. I contratti futures sullo zucchero possono essere acquistati aprendo un conto di intermediazione con un broker che si occupa di futures.

Puoi anche scegliere di acquistare un’opzione sui futures sullo zucchero. Come le opzioni azionarie standard, ci sono due vantaggi nell’acquisto di questi investimenti. Il primo è che stai limitando la tua perdita, perché non puoi perdere più di quello che hai pagato per l’opzione, esclusi i costi di intermediazione. Quindi, se non hai azzeccato la previsione, la tua perdita è solo ciò che hai pagato per l’opzione. Il secondo è che le opzioni sono di solito molto meno costose rispetto all’acquisto del contratto future a titolo definitivo. I futures possono essere una proposta molto rischiosa per i trader principianti o inesperti, e le opzioni consentono un certo livello di protezione.

Il mercato dei future non è l’unico modo per un trader di trarre profitto da una mossa di zucchero. È inoltre possibile acquistare scorte. Quando si tratta di zucchero, ci sono due nomi da tenere a mente: Imperial Sugar Company e Alexander & Baldwin (NYSE: ALEX). Oltre ai singoli titoli e materie prime, ci sono anche ETF (Exchange Traded Fund) e ETN (Exchange Traded Notes) che ti permetteranno di aggiungere zucchero al tuo portafoglio.

Il primo ETF che segue lo zucchero è ETFS Sugar ETF (SUGA), che è quotato alla Borsa di Londra ed è progettato per monitorare il sotto-indice DJ-AIG Sugar. Per quanto riguarda gli ETN, il sotto-indice Dow Jones AIG Sugar Total Return replica la performance del contratto future su zucchero detenuto nel Dow Jones AIG Commodity Index Total Return. Questo ETN ti consente di aggiungere esposizione allo zucchero nel tuo portafoglio senza dover acquistare tu stesso contratti future.

Trading zucchero CFD come funziona

Altro modo per investire nello zucchero è fare trading tramite CFD. Acronimo di contratti per differenza (CFD). I CFD consentono ai trader di speculare sul prezzo dello zucchero. Il valore di un CFD è la differenza tra il prezzo delle azioni al momento dell’acquisto e il prezzo corrente.

Molti broker regolamentati in tutto il mondo offrono CFD sullo zucchero. I clienti depositano fondi con il broker, che fungono da margine. Il vantaggio dei CFD è che il trader può avere un’esposizione ai prezzi dello zucchero senza dover acquistare azioni, ETF, future o opzioni.

Trading zucchero CFD migliori Broker

Quali sono i migliori Broker per il trading CFD sullo zucchero? I Broker che a nostro avviso sono consigliabili per il trading sullo zucchero sono i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Trading zucchero rischi

Quali sono i rischi del trading sullo zucchero? Oltre al fatto di essere un investimento e dunque in quanto tale implica dei rischi in sé, il trading sullo zucchero può essere rischioso se ci affidiamo a Broker non regolamentati. Mentre quelli elencati sopra lo sono tutti. Non affidarci a Broker regolamentati significa mettere in pericolo i soldi sul nostro conto e i nostri dati sensibili (mail, numero di carta, Iban, numero di telefono, indirizzo domicilio). Inoltre, un Broker che si rispetti offre tutta una serie di servizi utili:

  • Conto demo, per fare pratica senza mettere a rischio i nostri soldi
  • Materiale per la formazione teorica
  • Segnali di trading
  • Assistenza clienti
  • Spread e commissioni vantaggiose
  • Grafici

Occorre poi conoscere quali siano i maggiori produttori di zucchero, per comprenderne le dinamiche politiche, le situazioni metereologiche, il contesto economico. Infatti, un Paese sovente esposto a eventi climatici nefasti, o a instabilità politica o a scioperi degli addetti ai lavori, è un Paese rischioso. Che mette a rischio i nostri investimenti.

Ecco i Paesi maggiori produttori di zucchero (le cifre stimano le tonnellate di zucchero prodotto ogni anno):

  • Brasile 672.157.000
  • India 285.029.000
  • Cina 116.221.272
  • Thailandia 66.816.400
  • Pakistan 50.045.400
  • Messico 49.492.700
  • Colombia 38.500.000
  • Filippine 32.500.000
  • Australia 30.284.000
  • Argentina 29.000.000

Dalla classifica stilata mediante i dati forniti dai rispettivi governi o dalle stime della FAO, i maggiori produttori di canna da zucchero sono ubicati in America Centrale e in America meridionale, oltre che Asia. Ciò in quanto il clima preferito dalla canna da zucchero è quello caldo-umido e perciò viene coltivata soprattutto nei caldi paesi tropicali, dove vi è anche una notevole abbondanza di piogge e una temperatura non inferiore ai 20°. Quanto al terreno, deve essere di natura argilloso-silicea.

In Italia, l’unica regione che si presta minimamente alla produzione di canna da zucchero è la Sicilia. Ma si tratta di una modesta coltivazione. E’ consigliabile dunque essere aggiornati su questi paesi per fare trading sullo zucchero limitando i rischi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY