Trading sulle notizie: come fare?

Cos’è il trading sulle notizie? Come fare trading sulle notizie? C’è un modo per fare soldi anche se non si ha idea se il mercato è in rialzo o ribasso? Ciò può essere possibile finché ci sarà una volatilità dei prezzi sufficiente. E quando è possibile ottenere questa volatilità? Quando vengono pubblicate notizie come dati economici rilevanti (si pensi all’inflazione, occupazione, disoccupazione, bilanci societari, ecc.) o annunci da parte delle banche centrali molto attesi.

Il trading sulle notizie è una tecnica efficace per fare trading su azioni, valute e altri strumenti finanziari sui mercati finanziari. Il trading sulle notizie può essere uno strumento molto importante per gli investitori finanziari. Le notizie economiche spesso stimolano forti mosse a breve termine nei mercati, che possono creare opportunità di trading per i trader.

Gli annunci sui profitti aziendali, un cambio di gestione, le voci di una fusione, sono eventi che possono far salire o scendere in maniera selvaggia il prezzo delle azioni di un’azienda. I tassi di interesse, i tassi di disoccupazione e di esportazione o i cambiamenti di politica della banca centrale possono causare un profondo cambiamento del tasso di cambio.

Ma vediamo meglio di seguito cos’è il trading sulle azioni, come funziona il trading sulle azioni, se conviene il trading sulle azioni e così via.

Trading sulle azioni cos’è

Cos’è il trading sulle azioni? Gli investitori che negoziano le azioni di una società quotata sanno che ci sono determinati eventi che causano l’aumento o la diminuzione del prezzo delle azioni: si pensi agli improvvisi cambiamenti nei costi energetici, uno sciopero dei dipendenti da parte di un fornitore, un mese scarso in termini di vendite, ecc. Fare trading sulle notizie è la tecnica per realizzare un profitto commerciando strumenti finanziari (azioni, valuta, ecc.) appena in tempo e in accordo con il verificarsi di tali eventi.

Migliori broker per fare trading sulla notizia

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
itraderRegolamentato e autorizzatoGuide per fare tradingPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>

Trading automatico sulle azioni cos’è

Il trading algoritmico basato sugli eventi, noto anche come trading automatico o programmato, non è un fenomeno nuovo. Questa tecnica di trading è cresciuta in popolarità sin dai primi anni 2000. A partire dal 2009, gli studi hanno suggerito che le imprese HFT rappresentavano il 60-73% di tutti i volumi degli scambi azionari statunitensi, con un numero che si riduce a circa il 50% nel 2012.

Il trading algoritmico consente agli investitori di mettere a punto i propri computer per scansionare i feed di notizie in tempo reale e guardare gli articoli che interessano qualsiasi società quotata.

Trading sulle notizie, l’importanza dei Social network

I Social network ora sono potenti quanto i feed di dati proprietari. Oggi i social network sono più di un semplice spazio per comunicare e condividere idee, è diventata la fonte di informazioni che può far crollare i mercati finanziari.

Twitter da solo offre un’enorme opportunità per investitori e trader: dopo che Elon Musk ha twittato su una nuova linea di prodotti le azioni di Tesla sono balzate del 4% ($ 1 miliardo della sua capitalizzazione di mercato). Il 13 agosto 2013, Carl Icahn ha twittato della sua grande partecipazione in Apple Inc. Egli afferma che la società è estremamente sottovalutata e aggiunge che sollecita il CEO Tim Cook a ottenere un maggiore riacquisto di azioni. Di conseguenza, le azioni di Apple sono aumentate del 5% entro la fine della giornata di oggi.

E cosa dire dei mitici tweets del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump? Capace di dichiarare guerra (commerciale, fiscale, armata, politica e così via) a destra e manca prima su Twitter e poi nella realtà. Apple, Amazon, Cina, Corea del Nord, Russia, Iran, Assad, Ue, Onu, collaboratori vari. Chi più ne ha più ne metta. Il Dollaro dipende anche dai tweets di Trump. Ciò è innegabile.

Trading sulle notizie migliori strategie

Quali sono le migliori strategie per fare trading sulle notizie? Vediamole di seguito:

La strategia “Slingshot”

Questa strategia sembra sfruttare il caos che potrebbe verificarsi durante una news particolarmente forte. In questa strategia, il trader vuole cercare di entrare in NFP con le loro posizioni complete, in modo che se la volatilità creata attorno all’annuncio possa essere in grado di spingere il proprio commercio in un territorio proficuo, possono cercare di trarne vantaggio.

La fionda sembra scalare fuori dalle posizioni vincenti mentre il commercio si sposta a favore del trader, e una varietà di voci o strategie di entrata può essere usata per innescare la posizione iniziale. L’identificazione di resistenza e supporto è una necessità prima di aprire qualsiasi posizione.

Gli operatori possono anche fare un ulteriore passo in avanti, guardando ai grafici orari o di quattro ore per determinare eventuali tendenze che possono esistere che portano all’annuncio. In questo modo, se i pregiudizi che entrano in NFP avvengono dopo che i dati sono stati rilasciati, il trader può essere sul lato destro della mossa. Supporti e Resistenze sono così importanti perché costituiscono il “punto di taglio” con il quale il trader può chiudere posizione se i prezzi si sposteranno eccessivamente contro di loro.

Le soste per posizioni lunghe possono andare sotto il supporto e le soste per posizioni corte possono andare al di sopra della resistenza, in modo che se uno di questi livelli è rotto, la perdita può essere ridotta al minimo.

I trader possono persino incorporare un fattore di attivazione tecnica nel trading con un indicatore come il MACD come Trigger di entrata. Gli operatori sono invitati a indagare sulla distanza di stop nelle loro posizioni prima dell’annuncio di dati pesante come NFP. Gli spread possono estendersi molto rapidamente in quanto i market maker non vogliono subire perdite sulla stampa tanto quanto i commercianti al dettaglio.

Quando gli spread si allargano, gli stop loss possono essere attivati prima che i prezzi inizino il trend e questo può essere disastroso per il trader. Immaginate lo scenario in cui siete entrati in NFP con una posizione lunga EURUSD con 20 pip stop. Se gli spread si allargano a 40 pips, quello innescherebbe la tua fermata ed eseguiresti l’ordine di stop ‘nella migliore delle ipotesi’. Ciò potrebbe comportare ulteriori scivolamenti oltre la tua sosta di 20 pip. Ma se i prezzi poi saliranno di 150 pips sull’EUR / USD non rimarrai in nessuna posizione anche se avevi ragione nel lungo termine.

Purtroppo, è impossibile sapere in che misura gli spread potrebbero aumentare durante ogni comunicato stampa, in particolare NFP. I trader in genere vogliono indagare su una distanza minima di stop di 40 pips o più, e anche allora una rapida volatilità può rendere vulnerabile la posizione.

Questo è un altro motivo per cui il trading delle notizie è così pericoloso; ma le potenziali ricompense potrebbero essere enormi se il trader può trovarsi sul lato destro della posizione, ed è proprio ciò che spinge a farlo. Se il trader è in grado di navigare su questo terreno senza ottenere un duro stop, è lì che arriva la spinta in quanto i trader possono scalare posizioni redditizie dato che i prezzi possono aumentare a loro favore.

The News Reversal

Le inversioni di trading sono intrinsecamente pericolose in un ambiente normale; ma quando si aggiunge il rischio aggiuntivo attorno agli annunci di notizie, questo può rendere molto pericoloso questo tipo di strategia. Il denaro e la gestione del rischio sono un requisito per il successo in questi ambienti, perché non si sarà mai sicuri di quali inversioni possano seguire.

Come la strategia Slingshot, i trader vogliono entrare nel rilascio con i livelli di supporto e resistenza identificati. Poi attendono le notizie. Nell’immediato periodo successivo all’annuncio, il trader può vedere i prezzi per vedere se i livelli di supporto o resistenza a più lungo termine entrano in gioco. E se lo fanno, il trader guarda per cercare di farsi un’idea sul fatto che quei livelli siano validi o meno.

L’azione sui prezzi può essere di grande aiuto qui. I trader vogliono vedere il supporto che arriva sul mercato a questi livelli a più lungo termine prima di attivare una posizione lunga con una sosta al di sotto del supporto. La chiave qui si sta inserendo saldamente in modo tale che se l’inversione non si verifica, la posizione viene eliminata rapidamente. Ma se quel livello di supporto è valido, il trader può iniziare a ridimensionarsi quando la posizione inizia a muoversi a suo favore nel tentativo di catturare il massimo possibile.

Strategia a lungo termine

In America, ad esempio, i cosiddetti Non-Farm Payrolls possono essere un punto di svolta. Un big beat o miss può fermare un trend morto nelle sue tracce e creare inversioni massicce. Ma questo non accade ogni mese. In molti casi, intorno all’annuncio viene creata un’enorme volatilità con forse un leggero follow-through in seguito; solo per vedere le tendenze riprendere la loro traiettoria precedente. Questo può potenzialmente essere un’enorme opportunità per i trader a lungo termine di raccogliere o aggiungere posizioni a un prezzo molto più favorevole di quello che altrimenti sarebbero stati in grado di fare.

Vediamo un esempio. Diciamo che Joe è ribassista sull’EURUSD per qualsiasi motivo. Forse è solo un grande toro dell’USD, o forse è uno che non crede nella ripresa europea. Qualunque sia la ragione, Joe sa di voler ottenere un EURUSD breve. Ma dopo aver trascorso un mese confinato in una gamma esigua vicino al supporto a lungo termine, Joe non ha avuto un’opportunità di ingresso convincente nella coppia. Joe può andare in NFP cercando di fare un po ‘di caccia all’affare.

Può guardare il suo grafico a lungo termine per stabilire alcuni livelli di resistenza in cui vorrebbe vendere se i prezzi possono farsi strada in alto. Il prossimo passo nel processo è aspettare che le notizie escano per vedere se i prezzi possono spostarsi in questa zona di resistenza in modo che Joe possa emanare un ordine.

Una volta che il prezzo si sposta in resistenza, Joe può iniziare a cercare di vendere con uno stop loss piazzato sopra la zona di resistenza. I trader possono guardare a un grafico a più breve termine per cercare indicazioni sull’azione dei prezzi di modelli di inversione rialzisti o ribassisti per aumentare la potenziale efficacia della strategia.

Trading sulle notizie: i rischi

Quali sono i rischi di fare trading sulle notizie? Occorre prima sottolineare quali sono i rischi di fare trading sulle notizie. Molti professionisti scelgono di evitare il trading durante gli annunci di notizie ad alto impatto per quanto pericolosi o imprevedibili possano essere. Quindi, sempre meglio fare trading con un Conto demo per testare la nostra tempra e capacità a gestire il trading sulle notizie. Oppure limitarsi ai margini.

Per quanto riguarda il Conto demo, ricordiamo che si tratta di un conto virtuale che ci consente di provare nuove strategie (come appunto può essere il trading sulle notizie) o imparare a fare trading quando si è alle prime armi. Una cosa che preferiamo sempre ricordare è quella che riguarda il fatto che il Conto demo non va preso come un gioco essendo i soldi del conto virtuali. Ma dobbiamo usarlo con tutta la serietà possibile, come si trattasse di soldi veri. Perché altrimenti rischieremmo di incassare perdite pesanti sul conto reale.

Ricordiamo altresì che esistono più tipi di Conto demo, a seconda dei Broker:

  • Con denaro illimitato ma a tempo di utilizzo limitato
  • Con denaro a disposizione limitato ma con un tempo di utilizzo illimitato
  • Con denaro e tempo illimitati
  • Con denaro e tempo limitati

Ancora, i Broker possono offrire il Conto demo solo previo deposito su un Conto reale. Oppure, senza bisogno di depositare denaro reale sul Conto.

Trading sulle notizie: perché sono importanti

Sebbene i mercati azionari possano mostrare una tendenza rialzista sostenuta per lunghi periodi di tempo, sono i fenomeni intermittenti – come i cedimenti del 50% sopportati dalla maggior parte dei principali mercati durante la crisi del credito globale 2008-09 – a mettere alla prova la forza di qualsiasi investitore. Quindi, dovrebbe essere parte integrante della tua strategia di investimento. Mentre i trader giornalieri possono scambiare le notizie più volte in una sessione di negoziazione, gli investitori a lungo termine potrebbero farlo solo occasionalmente.

Indipendentemente dal vostro orizzonte di investimento, imparare a fare trading sulle notizie è una competenza essenziale per una gestione del portafoglio accurata e prestazioni ottimali a lungo termine.

Tipi di notizie

Le notizie possono essere classificate in due categorie:

  • Periodiche o ricorrenti: notizie pubblicate a intervalli regolari. Ad esempio, gli annunci dei tassi di interesse della Federal Reserve e di altre banche centrali, i dati economici e i rapporti trimestrali sugli utili delle società rientrano in questa categoria. Sono notizie che ci si attende in determinate date o periodi.
  • Inaspettate o una tantum: Questa categoria include notizie come attacchi terroristici o improvvise riacutizzazioni di crisi geopolitiche, nonché bruschi sviluppi del mercato sul fronte economico o finanziario come la minaccia di default del debito da parte di una nazione indebitata. È probabile che le notizie inaspettate siano più sfavorevoli che favorevoli. Le notizie possono essere specifiche per un particolare titolo o qualcosa che riguarda il vasto mercato.

Trading sulle notizie esempi

Ecco alcuni esempi di notizie su cui fare trading.

Annuncio dei tassi della Federal Reserve: gli annunci sui tassi di interesse del Federal Open Market Committee (FOMC) sono sempre stati tra i più grandi eventi di mercato a livello internazionale. Ma nel 2013 le mosse della Fed assumevano un’importanza senza pari, poiché gli investitori attendevano con fiato sospeso per vedere se la banca centrale avrebbe continuato a iniettare 85 miliardi di dollari ogni mese nell’economia degli Stati Uniti attraverso acquisti di obbligazioni (il terzo round di quantitative easing o QE3), o se rallenterebbe il ritmo di questi acquisti.

  • Dato che gli indici azionari statunitensi hanno raggiunto livelli record nell’ottobre 2013, un investitore con una posizione lunga sostanziale nei titoli statunitensi che intendeva coprire il potenziale rischio al ribasso avrebbe potuto fare quanto segue dopo l’annuncio della Fed del 30 ottobre: posizioni ridotte in termini di profittabilità posizioni azionarie per prendere un po ‘di denaro fuori dal tavolo
  • Con la volatilità del mercato vicino ai minimi pluriennali in quel momento, l’investitore avrebbe potuto acquistare put su titoli specifici del portafoglio o su un ampio indice di mercato come la S&P o Nasdaq 100. L’acquisto mette a disposizione dell’investitore il diritto di vendere un titolo per un prezzo concordato in un momento successivo. Se il prezzo di mercato del titolo scende al di sotto del prezzo concordato, l’investitore guadagna vendendo al prezzo contrattuale più alto.
  • Comprato una certa quantità di fondi scambiati in inversione di tendenza (ETF), che si muovono nella direzione opposta del mercato generale o di un settore specifico, per proteggere i guadagni del portafoglio.

Come la Fed in America, così sono importanti anche gli annunci della Banca centrale europea. Le banche centrali e i loro annunci hanno particolare importanza nel Forex.

Riassunto della situazione occupazionale: in termini di rilasci di dati economici, pochi sono più importanti quanto il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti. I trader e gli investitori osservano da vicino il livello di occupazione, poiché ha un’influenza notevole sulla fiducia e sulla spesa dei consumatori, che rappresentano il 70% dell’economia degli Stati Uniti.

I numeri di posti di lavoro che mancano alle previsioni degli economisti sono generalmente interpretati come segni di debolezza economica incipiente, mentre i numeri dei salari che superano le previsioni del passato sono visti come forza.

Nell’estate del 2013, gli investitori non sono stati sorpresi dal fatto che i dati sui salari fossero inferiori alle aspettative, nella convinzione che qualsiasi segnale di debolezza economica avrebbe indotto la Fed a mantenere il QE3 in corso. Il libro degli investitori per il trading di dati sull’occupazione nel 2013 potrebbe essere facilmente basato sulla prevedibile reazione del mercato, che è stata la seguente:

  • Numero delle retribuzioni al di sotto delle aspettative: implica che la Fed sarebbe costretta a mantenere bassi i tassi di interesse per un periodo di tempo
  • Il numero delle retribuzioni supera le aspettative: implica che la Fed potrebbe ridurre il ritmo degli acquisti di attività, che potrebbero far aumentare i rendimenti obbligazionari e i tassi di interesse del mercato. prolungato.

In Italia i dati sull’occupazione sono diramati dall’Istat su base mensile, offrendo comparazioni tra un mese e l’altro, a livello trimestrale o a distanza di un anno. Il mercato occupazionale italiano è comunque poco mobile e si muove sugli “zero virgola”.

Rapporti sugli utili: è generalmente consigliabile avere una strategia di trading in anticipo rispetto a un rapporto sui guadagni, in quanto uno stock può rimbalzare in un intervallo molto più ampio dopo i guadagni, rispetto agli swing di un indice dopo il rilascio di un dato. Immagina di avere un’enorme posizione corta in un’azione e vederla salire del 40% nel mercato post-vendita perché i suoi guadagni erano molto migliori del previsto. I rapporti sugli utili commerciali potrebbero non essere richiesti per ogni azione nel proprio portafoglio, ma potrebbe essere necessario per un azione in cui l’investitore ha una posizione piuttosto ampia, sia lunga che corta.

In questo caso, l’investitore deve valutare il merito di lasciare la posizione invariata rispetto alla relazione sugli utili o di apportare modifiche prima di essa.

I fattori che dovrebbero svolgere un ruolo in questa decisione includono:

  • Lo stato attuale del mercato complessivo (rialzista o ribassista)
  • il sentimento degli investitori per il settore a cui appartiene lo stock
  • il livello attuale di breve interesse nello stock
  • le aspettative sugli utili (troppo alte o comodamente basse)
  • le valutazioni per lo stock
  • performance dei prezzi a medio termine, guadagni e outlook segnalati dalla concorrenza, ecc.

Ad esempio, un investitore con una posizione del 15% in titoli tecnologici a capitalizzazione elevata che negozia su massimi pluriennali può decidere di tagliare le posizioni in avanti del rapporto sugli utili, in modo che ora rappresenti il 10% del portafoglio. Questo può essere preferibile al rischio di un forte calo dopo i guadagni se lo stock non è in grado di soddisfare le aspettative elevate degli investitori. Un’opzione alternativa potrebbe essere quella di acquistare put per coprire il rischio di ribasso.

Mentre ciò consentirebbe all’investitore di lasciare invariata la posizione al 15% del portafoglio, questa attività di copertura comporterebbe un costo significativo. Può anche essere logico negoziare un rapporto sugli utili per un’azione in cui l’investitore non ha una posizione ma ( giustamente o erroneamente) ha un alto grado di convinzione.

I punti chiave da tenere in considerazione sono: evitare di assumere una posizione eccessivamente grande e adottare una strategia di mitigazione del rischio per limitare le perdite se il commercio non funziona.

Notizie choc: cosa dovresti fare se gli schermi improvvisamente trasmettessero notizie di un attacco terroristico da qualche parte negli Stati Uniti, o la guerra sembra imminente tra due nazioni nel volatile Medio Oriente? Mentre questa è l’unica volta in cui potresti dover essere proattivo per proteggere il tuo capitale di investimento, una reazione istintiva a vendere tutto e portarla in collina potrebbe non essere la soluzione migliore.

Nel corso degli anni, i mercati finanziari hanno dimostrato una grande capacità di recupero subendo occasionali attacchi terroristici, come le esplosioni di bombe alla conclusione della maratona di Boston il 15 aprile 2013. Durante i periodi di incertezza geopolitica, potrebbe essere prudente ruotare con strumenti più speculativi e investimenti di qualità superiore e considerare la copertura del rischio di ribasso attraverso opzioni e ETF inversi.

Mentre dovresti ridimensionare la tua esposizione azionaria se è scomodamente alta, tieni presente che nella maggior parte dei casi, le correzioni a breve termine causate da eventi geopolitici o macroeconomici inaspettati si sono dimostrate essere occasioni di acquisto a lungo termine per eccellenza.

Si può dire, tristemente, che data la frequenza degli attacchi terroristici degli ultimi 4-5 anni, ormai il mercato “si è abituato”. E si lascia scioccare molto meno.

Come sfruttare il Trading sulle notizie

Come sfruttare il Trading sulle notizie? Ecco alcuni punti importanti da tener presenti:

  1. Conoscere le date e gli orari degli eventi importanti: le informazioni sulle date e gli orari dei principali eventi di mercato come annunci FOMC, comunicati economici e rapporti sugli utili delle principali aziende sono prontamente disponibili online. Conoscenza anticipata di questo “calendario degli eventi”.
  2. Avere una strategia in anticipo: si dovrebbe tracciare la strategia di trading in anticipo, in modo da non essere costretti a prendere decisioni avventate nella calura del momento. Conosci il tuo esatto punto di partenza e di uscita prima che l’azione abbia inizio.
  3. Evitare reazioni impulsive: al posto delle semplici reazioni, prendere decisioni di investimento razionali basate sulla tolleranza al rischio e sugli obiettivi di investimento. Ciò potrebbe richiedere di essere un contrarian occasionalmente, ma come attestano gli investitori a lungo termine, questo è l’approccio migliore per investire con successo in azioni.
  4. Limita i tuoi livelli di rischio: evita la tentazione di provare a guadagnare velocemente prendendo una posizione concentrata lunga o corta. Cosa succede se il commercio va contro di te?
  5. Avere il coraggio delle tue convinzioni: Supponendo che tu abbia fatto i compiti, considera di aggiungere a una posizione esistente se il titolo precipita a un livello inferiore al suo valore intrinseco, o, al contrario, vendi per ottenere profitti in uno stock che è molto popolare al momento.
  6. Guarda il quadro generale: spesso la reazione degli investitori a uno sviluppo potrebbe non essere come previsto. Ad esempio, la società canadese di gas naturale EnCana (ECA) ha tagliato il dividendo del 65% il 5 novembre 2013. Mentre un taglio del dividendo di questa portata normalmente manderebbe un crollo delle scorte, EnCana ha effettivamente recuperato il 3% nel corso della giornata. Questo perché gli investitori hanno visto il taglio dei dividendi come misura per risparmiare denaro e hanno anche approvato i piani della società di vendere azioni in una nuova società di royalties.
  7. Non lasciarti influenzare dal sentimento del mercato: questo è un corollario di alcuni dei suggerimenti precedenti, ed è abbastanza importante di per sé. Essere troppo influenzati dal sentimento del mercato può comportare troppi casi di acquisto elevato – quando l’euforia dilaga – e la vendita è bassa, quando regna il buio e il destino. Considerate la difficile situazione dei molti sfortunati investitori che sono stati così spaventati dall’inarrestabile ondata di cattive notizie nel 2008 che hanno abbandonato le loro posizioni azionarie vicino ai minimi, incorrendo in enormi perdite nel processo. Numerosi investitori non sono riusciti a rientrare in azioni dopo quella esperienza orrenda e, nel processo, hanno perso uno straordinario guadagno del 166% nella S&P da Marzo 2009 a Ottobre 2013
  8. Sapere quando “sbiadire” la notizia: molte volte è altrettanto importante ignorare la notizia o “sbiadirla” come lo è scambiarla. Best Buy (NYSE: BBYBBYBest Buy Co Inc74.99-1,61%) è un ottimo esempio di un titolo in cui ignorare il costante drumbeat di cattive notizie e concentrarsi invece sulle sue valutazioni e prospettive di inversione di tendenza, avrebbe dato buoni frutti. Lo stock è stato scambiato a 11,20 dollari a dicembre 2010, poiché stava perdendo quote di mercato per concorrenti online come Amazon.com (Nasdaq: AMZNAMZNAmazon.com Inc1,601,49 1,30%) e rivenditori aggressivi come Wal-Mart (NYSE: WMTWMTWalmart Inc86.19-1.53%). Ma a partire dal 6 novembre 2013, è stato il terzo miglior esecutore della S&P 500 per l’anno, quasi quadruplicato in quanto i profitti sono aumentati grazie a misure di riduzione dei costi e prezzi dei prodotti competitivi.

Trading sulle notizie nel Forex

Uno dei grandi vantaggi del trading di valute è che il mercato forex è aperto 24 ore al giorno, cinque giorni alla settimana (da domenica alle 17:00 fino a venerdì alle 16:00 EST). I dati economici tendono ad essere uno dei catalizzatori più importanti per i movimenti a breve termine in qualsiasi mercato, ma questo è particolarmente vero nel mercato valutario, che risponde non solo alle notizie economiche statunitensi, ma anche alle notizie provenienti da tutto il mondo. Con almeno otto principali valute disponibili per il trading presso la maggior parte dei broker di valute e più di 17 derivati su di esse, c’è sempre qualche pezzo di dati economici per il rilascio che gli operatori possono usare per informare le posizioni che assumono. Generalmente, ogni giorno vengono inviate non meno di sette parti di dati dalle otto principali valute o paesi che vengono seguiti più da vicino.

Quindi per coloro che scelgono di fare trading sulle notizie, ci sono molte opportunità. Qui, guardiamo quali sono i comunicati economici pubblicati quando, che sono più rilevanti per i trader forex (FX) e come i trader possono agire su questi dati che muovono il mercato.

Le valute che possiamo facilmente negoziare sul Forex praticamente sono tutte le principali. Ciò significa che puoi selezionare manualmente le valute e le uscite economiche a cui presti particolare attenzione. Ma, come regola generale, dal momento che il dollaro USA è “dall’altra parte” nel 90% di tutte le transazioni valutarie, le uscite economiche statunitensi tendono ad avere l’impatto più pronunciato sul mercato.

Ecco perché, come visto in precedenza, notizie come gli annunci della FED, dichiarazioni di guerra, attentati, boutade di Trump, i dati sull’occupazione no-farm, provenienti dagli Usa, hanno un grosso peso nel Forex. E quindi, sul trading delle notizie legato al Forex.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY