Trading sulle criptovalute con AvaTrade: come funziona

Trading criptovalute su Avatrade, come funziona? Quando parliamo di trading online, ribadiamo sempre il concetto che è meglio affidarsi a broker che abbiano la licenza CONSOB (massima autorità di vigilanza italiana sul mercato finanziario), che offrano una miriade di servizi agli utenti iscritti (conto demo, newsletter con info e news, customer care accurato, continua formazione), che abbiano commissioni e spread il più basso possibili.

Tra i Broker che elenchiamo sovente c’è anche Avatrade, piattaforma per il trading online che oggi ha messo a disposizione la possibilità di fare trading mediante i CFD sulle cripto valute più famose e convenienti. In primis, ovviamente la prima, Bitcoin. Ma anche Ethereum, Dash, Ripple, Monero, e così via.

Ma prima di vedere come funziona il trading online delle criptovalute tramite Avatrade, è giusta una ripassata su chi è e come funziona il broker Avatrade.

Sommario

Chi è il broker Avatrade

Il broker per il trading online Avatrade offre ai trader la possibilità di operare tramite una varietà di piattaforme regolamentate e autorizzate. Ad oggi ben 8. Le quali offrono uno stile di trading online che possiamo definire tranquillamente come unico nel suo genere. Avatrade offre un servizio che noi riteniamo indispensabile: il conto demo gratuito. Che serve per spratichirsi quando si è alle prime armi senza mettere in pericolo i propri soldi reali. Ogni broker offre un tipo di conto demo diverso. C’è chi offre mille euro “finti”, chi diecimila, chi un lasso di tempo dall’iscrizione. Come il caso di Avatrade, che lo mette a disposizione per 21 giorni. Operare con il conto demo deve però essere fatto con tutti i limiti del caso, in quanto si tende a fare delle scelte senza pensarci sopra troppo a lungo, come invece accadrebbe se i soldi fossero reali. Quindi niente ansia ed emozioni, che incidono massicciamente sulle nostre scelte di trading. Ecco quindi perché i broker ci “fanno giocare” limitatamente.

Avatrade è un broker che non si cura sugli allori e negli anni si è continuamente rinnovato, senza però snaturarsi e puntando sempre alla completezza della sua offerta. Nei suoi oltre dieci anni di vita, questo broker con sede nella capitale irlandese Dublino, ha accumulato un portafoglio di oltre 20mila clienti, un volume di operazione di oltre 2 miliardi al mese, un volume di trading totale di oltre sessanta miliardi di dollari al mese. I suoi uffici di rappresentanza e le sedi nazionali sono dislocate anche in altre nazioni, tra cui pure la nostra, a Milano.

Perchè conviene investire in criptovalute su Avatrade

Le criptovalute sono considerate la moneta del futuro. Trattasi di denaro virtuale, che non prevede l’emissione da parte di una Banca centrale e sfugge al controllo dei governi nazionali. Inoltre, la criptovaluta si definisce così in quanto è appunto criptata tramite il sistema Peer-to-Peer (che abbiamo imparato a conoscere nelle chat di WhatsApp) ed è identificata con un codice lungo che ne rappresenta la chiave. Proprio per la loro incontrollabilità e per il fatto che è il sistema stesso a generarle in automatico, tali criptovalute vivono nella continua incertezza. E il loro valore può schizzare continuamente, per poi crollare (ciò che in gergo borsistico viene definita volatilità). Quindi sta al trader capire quando è il momento di acquistare o vendere.

Dunque, perché non mettere insieme la grande occasione di tredare in criptovalute e affidarsi ad un broker come Avatrade? Del resto, tali digitali hanno registrato un aumento drastico tra il mille e il quattromila percento nel corso degli ultimi tempi. Quindi, tenerle nel proprio wallet (portafoglio virtuale) conviene non poco. Anche se è meglio sempre diversificare i propri investimenti, limitandosi ad un massimo del 20 percento per strumento finanziario. Le criptovalute migliori su cui investire sono, come detto, non solo Bitcoin, ma anche Ethereum, Dash e Ripple.

Tali criptovalute possono essere definite come le opzioni di investimento popolari e convenzionali per tutti i trader. Conviene a tutti che questi strumenti finanziari moderni diventino popolari, così tutti i trader e le persone possono acquistare, negoziare e investire senza l’intervento di banche o altri istituti finanziari. Non avendo fisicità, sono asset digitali che restano sotto forma di dato. La forma tecnologica su cui poggiano controlla inoltre la maggior parte dei loro valori, e determina il protocollo di identificazione e trasferimento del denaro. Oltre a quelle già citate, molto interessanti sono anche il Litecoin, usate soprattutto per fare cambio di valute facilmente e senza troppi passaggi burocratici.

Le parole entusiaste di Dáire Ferguson, CEO di AvaTrade, riguardo le criptovalute sono equivalenti. Ferguson nelle sue dichiarazioni, ha evidenziato il fatto che gli ultimi eventi politici e finanziari hanno cambiato il mondo delle negoziazioni e pertanto loro si impegnano al fine di assicurarsi di rimanere al top del loro settore. Al fine di mantenere la propria leader in questo campo e non farsi sfuggire le nuove opportunità. Poi si è detto orgoglioso per il fatto che Avatrade sia il primo broker a introdurre le criptovalute alla propria già importante selezione di asset. Poi cita Ethereum, Dash e Ripple come le criptovalute che hanno assunto un’importanza strategica nel mondo delle valute elettroniche.

Avatrade è un broker sicuro?

Avatrade è sicuramente un broker sicuro. Oltre a vantare la succitata regolamentazione della CONSOB, vanta anche quella di altre autorità massime europee come il cipriota CYSEC e la britannica FAD. Ma anche accettata in paesi extraeuropei, come Giappone ed Australia. Il denaro dei trader è tenuto presso la Danske Bank, considerata una delle banche più affidabili del mondo, e sono pure separati dal resto del patrimonio della banca. Quindi ciò vuol dire che in casi di fallimento bancario o comunque di problemi finanziari, i depositi effettuati dai clienti sono messi al sicuro. Per quanto concerne privacy e sicurezza nelle transazioni, Avatrade utilizza dei sistemi di crittografia SSL a 256 bit e si avvale di partner leader in questo settore, come True Site, WebTrust e McAfee Secure.

Trading criptovalute Avatrade vantaggi

Quali sono i vantaggi che Avatrade offre per il trading online sulle criptovalute? Possiamo riassumerli in questi 3 vantaggi principali:

  • spread competitivi
  • nessuna commissione sulle transazioni
  • maggiore redditività
  • possibilità di aprire un conto reale con un minimo di 100 dollari (meno di 100 euro con il cambio attuale)
  • sfruttare a pieno le occasioni offerte dalla natura delle cripto valute
  • tassi swap competitivi
  • possibilità di andare short su tutte le coppie
  • Leva fino a 20:1 (la Leva è quel sistema che permette al trader di aprire posizioni molto più grandi rispetto al capitale che ha a sua disposizione. Il trader deve investire solo una percentuale della posizione, la quale varia per diversi fattori e a seconda dello strumento, del miglior broker forex e delle piattaforme)
  • assistenza clienti H24 e in 14 lingue diverse, tra le quali ovviamente la lingua italiana
  • quotazioni in tempo reale
  • grafici in tempo reale
  • varie piattaforme di trading adatte ai trader dai più esperti ai meno esperti
  • piattaforma MT4
  • servizio AvaTradeGO
  • possibilità di fare trading da mobile tramite una benfatta app

A ciò occorre aggiungere che dato che andiamo ad acquistare una moneta digitale, possiamo ottenere vantaggi economici senza dover possedere o acquistare fisicamente un bene. Un po’ come quando tramite ETF o CFD andiamo ad acquistare petrolio, oro, argento, caffè, ecc. Non dobbiamo ritirarci a casa con taniche di oro nero, scatoloni di lingotti o sacchi pesanti con chicchi. Giusto per rendervi l’idea.

Fare trading Bitcoin tramite Avatrade


Nel parlare di trading online di criptovalute tramite Avatrade, non possiamo non partire dai bitcoin. La prima moneta digitale. Le sue principali caratteristiche sono:

  • alta volatilità
  • scambio con il dollaro statunitense
  • possibilità di fare trading h24 ore, 5 giorni su 7, tramite le piattaforme MetaTrader 4 e AvaTradeAct
  • leva fino a 20:1

I Bitcoin (il cui codice identificativo i BTC) sono trasferiti mediante codici “criptati”, che non sono comprensibili ad hacker o a soggetti esterni alle transazioni. Il Bitcoin ha consolidato la propria funzione essendo ritenuta un’ottima valuta per scambiare denaro su internet in modo sicuro. Il trend del Bitcoin sul Dollaro USD ha permesso a molti trader di iniziare ad investire su questo bene con un incremento costante in tutti questi anni. Cosa occorre fare per fare trading su Bitcoin? Poche semplici cose, non certo essere astronauti:

  • connessione internet
  • portafoglio digitale e conto demo
  • possedere un dispositivo come smartphone, tablet o personal computer dal cui collegarsi e fare trading
  • essere in grado di effettuare un’analisi tecnica di trading (e qui subentra una ottima preparazione pre e post-iscrizione, che in genere le stesse piattaforme forniscono)

Cosa si può acquistare con una valuta digitale? La sua diffusione va ancora a rilento, ancora peggio nel nostro Paese. Tuttavia, le piattaforme di e-commerce cominciano gradualmente ad accettarle come mezzo di pagamento, mentre l’Università di Nicosia, la più importante di Cipro, dal 2014 la accetta come forma di pagamento delle tasse universitarie. Si stanno diffondendo anche sportelli ATM per prelevare soldi dai bitcoin e il primo ad apparire in Italia è stato ad Udinese.

Cosa si intende per “minatori” di Bitcoin? Dato che come detto le criptovalute non vengono regolamentate da banche centrali, esistono gli emettitori di Bitcoin definiti “Bitcoin Miner”, traducibile in minatori di Bitcoin. L’idea che può venire subito alla mente è quella dei sette nani della famosa favola con protagonista Biancaneve, muniti di piccone che si recano allegramente nelle miniere. Bè l’idea è molto vaga, ma può servire. Sono appunto coloro che creano i bitcoin, sebbene invece di un piccone abbiano un pc e un software adeguato. Esistono altresì degli exchange che operano anche offline mettendo in comunicazione le persone stesse.

Come vengono creati i Bitcoin? Tramite un algoritmo computerizzato ad alta intensità. Tuttavia, la loro emissione ha un tetto limite stabilito in partenza: 21 milioni di unità, che stando ai calcoli dovrebbe essere toccato nel giro di 100 anni. Ma c’è anche chi ritiene che non manchino molti anni.

Per fare trading Bitcoin, così come su altre criptovalute, su Avatrade è possibile farlo tramite CFD (acronimo di Contract for diffence, traducibile in Contratto per differenza). Trattasi di uno strumento derivato più utilizzato per fare trading online. E’ un contratto tra due parti, il trader ed un broker, che esprime la differenza di prezzo di un asset di mercato. Di qui il nome. Come funzionano i CFD? Semplice. La differenza si esprime tra il prezzo di acquisto e di chiusura, moltiplicato il numero di azioni specificate nel contratto. Un metodo molto simile a quello previsto dalla compravendita di azioni. I prezzi indicati dal broker CFD replicano quasi perfettamente il prezzo di mercato ed è possibile negoziare questi contratti ricevendo un addebito di una commissione.

Come fare trading Ethereum con Avatrade

Ethereum viene largamente considerata come il principale alter ego del Bitcoin, basata sul sistema blockchain. Anche Ethereum viene emessa in quantità limitata e oggi presenta un tasso di emissione collegato a delle formule matematiche alquanto complicate, mentre i Bitcoin abbiamo visto sono controllati anche per il futuro. Anche gli Ethereum sono scambiati liberamente tra account come accade per i Bitcoin. I loro blocchi sono però più veloci, praticamente ogni 15 secondi. Mentre i bitcoin richiedono molto più tempo, talvolta perfino il giro di qualche ora. E ciò, a detta di molti, rende gli Ether preferibili. Il valore di una unità di questa moneta digitale è pari attualmente a cento dollari.

La forma che sceglieremo per acquistare Ether tramite Avatrade sarà sempre quella dei CFD. Proprio come avviene per tanti altri asset di natura diversa (si pensi alla miriade di materie prime da scegliere).

Come fare trading online Litecoin tramite Avatrade

Un’altra criptovaluta molto popolare è quella dei Litecoin. Quali sono i vantaggi di fare trading online tramite Avatrade sui Litecoin?

  • La sicurezza con cui avvengono le transazioni (sistema crittografato peer-to-peer)
  • La semplicità di utilizzo della piattaforma
  • Leva fino a 10:1
  • Possibilità di diversificare il portfolio posseduto sul broker Avatrade.

I creatori del Litecoin hanno voluto riprodurre lo stesso modello del Bitcoin. Tuttavia non mancano delle differenze:

  • il modo in cui entrambe vengono minate
  • la procedura di sicurezza alla base di ogni transazione
  • numero di monete massimo che sarà prodotto in totale

Il Litecoin presenta anche alcuni vantaggi:

  • Velocità delle transazioni
  • Sicurezza maggiore
  • Maggiore liquidità

Come ottenere i Litecoin? Non essendo prevista l’esistenza di una Banca centrale che li emetta, nei seguenti modi:

  • scambio con denaro reale su apposite piattaforme di trading online
  • miniera di Litecoin, ossia un software molto costoso e abbastanza complicato tramite il quale è possibile minare Litecoin
  • scambiandoli con i Bitcoin (BTC/LTC) grazie ad Avatrade

Come acquistare Ripple tramite Avatrade

A differenza dei precedenti, Ripple è più pensato come un sistema di pagamento. E’ stato sviluppato con l’obiettivo di superare i limiti imposti da istituti finanziari come:

  • banche
  • carte di credito
  • altre reti finanziarie

Pertanto, Ripple si pone come obiettivo quello di rendere i pagamenti immediati e senza troppi interlocutori. Si posiziona sul podio al terzo posto dopo bitcoin ed ethereum quanto a capitale e quota di mercato. Il volume di affari in circolazione è di miliardi di dollari. Occorre però specificare che Ripple è il network, mentre la moneta sono i ripples (codice identificativo XRP). La frequenza con cui queste monete vengono rilasciate determina il prezzo e il tasso. Ad oggi esistono 100 miliardi di XRP, mentre Ripple detiene circa il 60% dei XRP.

Quali sono vantaggi di fare trading sul Ripple con AvaTrade?

  • vendere allo scoperto
  • Leva elevata
  • Trading automatizzato

Pur non essendoci una banca centrale dietro l’emissione di ripples, vi è comunque una società che li gestisce: “OpenCoin”. Possiamo comunque dire che esistono due entità separate che oggi formano il mondo Ripple:

  • il network di pagamento
  • la valuta che circola su questo network

OpenCoin punta comunque a collaborare con diversi sistemi di pagamento sparsi per il Globo, così da diffondere il più rapidamente possibile questa moneta. Ripple è anche molto veloce, tanto che le transazioni avvengono nel giro di 3-5 secondi. Tutti i pagamenti sono elaborati in maniera automatica e irreversibile. Cosa hanno in comune Bitcoin e Ripple? Questo:

  • numero predefinito di criptomonete che può essere coniato
  • trasferimento tramite P2P
  • hanno chiavi di sicurezza digitali che proteggono il sistema da scambi non autorizzati di valuta.
  • le informazioni sui pagamenti sono private

Quali sono invece le differenze tra Bitcoin e Ripple

  • Ripple più veloce nelle transazioni
  • maggiore efficienza energetica rispetto al Bitcoin
  • network decentralizzato per l’effettuazione di transazioni
  • Bitcoin è una criptomonea decentralizzata;
  • numero definito di XPR (Ripples) di 100 miliardi, bitcoin 21

Come fare trading online Dash su Avatrade

Dash è una criptovaluta più recente delle precedenti, ma con grandi prospettive. Sono translate tramite una piattaforma open-source, anch’essa peer-to-peer e puntano anche loro a mettere da parte le banche nel sistema di pagamento. Tutte le transazioni sono controllate e autenticate mediante una rete distribuita. Possiamo dire che in linea di massima la criptovaluta Dash offre le medesime caratteristiche dei bitcoin, sebbene abbiano qualche funzione in più. Non a caso, Dash si piazza settima tra le criptovalute, ma ha tutte le premesse per scalare il vertice. La particolarità è che può essere acquistata anche tramite Apple store.

Uno dei maggiori fattori che influenza tale l’aumento di prezzo è la domanda e l’offerta di monete disponibili all’utilizzo. Perché conviene fare trading online sul Dash tramite Avatrade? I motivi sono questi:

  • Possibilità di andare short su tutte le coppie
  • Leva fino a 20:1
  • Assistenza clienti H24 in 14 lingue diverse (tra cui anche l’italiano)
  • Quotazioni stimate in real time
  • Grafici forniti in tempo reale real time
  • Misure di sicurezza avanzate
  • Tecnologia innovativa
  • Valuta mondiale a cui chiunque può inviare denaro da ogni parte del Globo con la stessa velocità e con le stesse commissioni senza subire variazioni
  • Valuta economica da utilizzare
  • Rete su 2 livelli: uno basato sui minatori che riportano le transazioni sul blockchain; l’altro fondato su un livello dove si trovano i masternode.

Aggiungiamo poi che la criptovaluta si basa sul sistema “Darksend System”, che rende le transazioni non tracciabili. Tredare questa criptovaluta non richiede conti né nessuna registrazione, né alcuna verifica all’atto di registrarsi. Ancora, rispetto ai bitcoin, il Dash garantisce un maggiore anonimato e viene preferita in termini di privacy. Ma dato che è un progetto “in divenire”, sicuramente non mancheranno altre funzioni aggiuntive. Che come detto le farà ottenere sempre più credito in futuro. Non a caso, il volume di trading medio giornaliero raggiunto dai Dash è aumentato del 1.700% rispetto a due anni fa.

Come registrarsi su Avatrade per fare trading sulle criptovalute

Dopo aver fatto una panoramica su Avatrade e sulle criptovalute che possiamo acquistare su questo broker affidabile, vediamo come registrarsi su questo broker e iniziare a fare trading:

  • collegarsi all’indirizzo www.avatrade.it e nella schermata principale cliccare su Apri conto > Apri un conto reale
  • si apre una schermata e occorre inserire i dati che vengono richiesti, ossia sempre i soliti di ogni registrazione: Nome, Cognome, indirizzo e-mail valido e numero di telefono
  • selezionare la Piattaforma di Trading (ma tale scelta può anche essere omessa, permettendo che sia automatica) e la valuta nella quale si vorrà effettuare le proprie operazioni (a noi italiani conviene l’Euro, quindi selezionare EUR)
  • lasciare o togliere la spunta alla voce “Vorrei ricevere la newsletter, promozioni speciali, messaggi e aggiornamenti” a seconda se ci interessa o meno ricevere le mail contenenti questi contenuti
  • cliccare su “Crea un account”

Nella schermata successiva che si apre occorre inserire data di nascita, indirizzo di residenza e password personale. Occorre però anche rispondere alla domanda sulla propria esperienza nel mondo del trading. Essendo presumibilmente alle prime armi, cliccheremo sulla scelta “Primo passo”. Si aprirà così una nuova schermata, nella quale occorrerà inserire i dati relativi alla propria occupazione, al proprio utile annuale stimato e al valore netto stimato, nonché da dove provengono i fondi che si decide di investire e come si è venuti a conoscenza di Avatrade. Una volta completata questa operazione, cliccare su “Avanti”. Occorre però anche togliere la spunta dove si dichiara di non essere cittadino statunitense e metterla a quella in cui dichiari di accettare i termini e condizioni di utilizzo.

A questo punto la registrazione è finalmente completata. Per iniziare a fare trading occorre scaricare il software sul proprio Pc, che troveremo nella sezione “Il mio account”. Avatrade ha anche una ottima app, sia per il sistema operativo Android che iOS. Così da poter operare comodamente anche dal proprio smartphone e tablet, ovunque e dovunque.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY