Trading Ripple: guida completa [Aggiornata 2020]

Come fare trading su Ripple? Conviene fare trading su Ripple? Ripple come funziona?

In questo articolo forniamo una guida completa sul trading online su una delle criptovalute più importanti in termini di capitalizzazione. Dopo Bitcoin ed Ethereum.

Ripple viene considerata una criptovaluta anomala per due ragioni principali. In primis, viene emessa da una sede centrale, a San Francisco, e non minata in modo decentralizzato come dovrebbe essere per le criptovalute.

Secondo motivo, è una criptovaluta che da anni stringe accordi con banche e piattaforme per le transazioni online. Quindi non è anti-sistema che le criptovalute dovrebbero essere.

Ripple infatti garantisce un duplice vantaggio: la velocità delle transazioni e il fatto che si possa aggirare il dollaro per effettuare transazioni tra valute Major e quelle esotiche. E ciò comporta il grande vantaggio di poter evitare le oscillazioni della valuta statunitense, le quali potrebbero comportare un ulteriore costo per chi effettua le transazioni.

Malgrado i tanti accordi, però, il prezzo di Ripple non ha mai davvero fatto registrare un rally significativo in questi anni. Se parliamo di lunghezza del trend. Ma ha vissuto solo brevi sussulti durati 2-3 giorni al massimo.

Di fatti, spesso si è parlato di una criptovaluta pronta a scavalcare Ethereum come regina degli Altcoin. O addirittura, pronta a scalzare Bitcoin. Ma poi ha sempre deluso le aspettative. Sarà sempre così?

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Ripple. Per citarne una ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori criptovalute in circolazione, non solo su Ripple. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Ripple cos’è

Cos’è Ripple? E’ una criptovaluta fondata nel 2012 a San Francisco da OpenCoin, società creata da Chris Larsen e Jed McCaleb.

Si tratta però soprattutto di un sistema di trasferimento fondi, che funziona in tempo reale. Nonché un network per gli scambi in valute e per invio di rimesse. Non a caso, viene adottato da diversi Money transfer, come anche il noto Money Gram.

Il protocollo alla sua base è Ripple Transaction Protocol (RTXP).

Trading Ripple: come funziona

Come funziona Ripple? Alla base troviamo un Protocollo internet di tipo open source, nel quale le transazioni vengono registrate su una Blockchain distribuita e a far muovere l’intero ingranaggio è il suo token XRP.

Fa in modo che le transazioni finanziarie possano essere gratuite, di livello internazionale. Che prevede non solo le criptovalute, ma anche le valute FIAT, le commodities, ecc. Ma non solo. Ripple è adattabile per ogni utilizzo, dato che conteggia anche i Km percorsi o i minuti di chiamate vocali per esempio.

Quindi è un sistema che può essere adattato anche per scopi non prettamente economici, come il frequent flyer o la telefonia mobile.

Ripple utilizza la verifica dei pagamenti in modo decentralizzato, quindi non controllato dalla sede centrale della società che l’ha elaborata.[

I “validators” includono società, providers e perfino il Massachusetts Institute of Technology.

Come detto, in questi anni Ripple ha stretto collaborazioni con vari Money Transfer, come MoneyGram, ma anche alcune banche di livello internazionale. Come la nostra UniCredit, UBS e Banco Santander.

Di recente, poi, è arrivato un accordo tra la seconda banca del Giappone – la Sumitomo Mitsui Financial Group (SMFG) – e la SBI Holdings. E anche in questo c’entra Ripple, tanto che il prezzo ha incassato un leggero rialzo.

Infatti, SBI Holdings è partner di Ripple. Pertanto, di riflesso, dato che ha rilevato la SMFG. Che quindi, gioco forza, utilizzerà XRP in futuro. Al contempo, la SBI Holdings ha annunciato che gli azionisti potranno scegliere di ottenere dividendi in XRP.

Migliori piattaforme per fare trading su Ripple

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
fxtbCFD su Bitcoin e CriptovaluteSegnali gratuitiISCRIVITI
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovaluteISCRIVITI
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Trading XRP cos’è e come funziona

Abbiamo detto che XRP è la valuta che fa muovere gli ingranaggi del sistema Ripple. E’ divisibile in 6 posizioni decimali. La più piccola unità divisionale, chiamata “drop” vale quindi 1 milionesimo di 1 XRP..

Sono stati creati 100 miliardi di XRP, il cui numero non sarà aumentato, quindi è una risorsa scarsa. E’ l’unico asset nativo previsto nel sistema.

Le restanti valute previste dal sistema sono strumenti di debito e in forma di bilanci.

XRP non viene dunque usato come mezzo di scambio e di accantonamento del valore. Ma ogni utente deve detenere una piccola “riserva” di 20 XRP.

Trading Ripple: la quotazione

Al momento della scrittura, la quotazione di XRP è di 0,213094 USD con un volume di scambi di 1.684.623.198 USD nelle ultime 24 ore. Segnando così un incremento di 4.5% nelle ultime 24 ore.

A circolare sono 44 Miliardi sui 100 previsti.

Il prezzo di Ripple si è mantenuto sempre sotto 1 dollaro fino al 2017, l’Età dell’Oro delle criptovalute. Quando Bitcoin arrivò a sfiorare i 20mila dollari.

Anzi, il trend rialzista di Ripple è proseguito anche ad inizio 2018, superando i 3 dollari di prezzo. Poi è calato bruscamente, tornando sotto l’euro nel luglio dello stesso anno.

Poi si è mantenuto lungo tutto il 2019 su una media di 0,30 dollari, perdendo però questo supporto verso la fine dell’anno e iniziando così anche il 2020.

Un trend ribassista proseguito ancora, tanto da scendere anche sovente sotto gli 0,20 dollari.

La capitalizzazione di mercato a 9.398.341.213 USD fa in modo che resti al terzo posto. Ma la distanza da Ethereum e soprattutto da Bitcoin, resta abissale.

Ethereum, infatti, registra oltre 28 miliardi di dollari di capitalizzazione. Mentre Bitcoin è inarrivabile Regina delle criptovalute con 185.663.134.009 USD.

Trading Ripple conviene?

Conviene fare trading sulla criptovaluta Ripple? In effetti, la storia del prezzo di Ripple non spinge molti a crederci, dato che non suscita grandi entusiasmi.

In effetti, a parte il balzo registrato tra la fine del 2017 ed inizio 2018, quando è arrivata a superare i 3 dollari, ha poi subito un crollo verticale fino a luglio 2018. Un crollo che ha beneficiato ovviamente chi ha investito sul trend ribassista della criptovaluta.

Poi da allora brevi sussulti e un trend lentamente ribassista, mantenendo per un anno la media di 0,30 dollari prima e 0,20 dollari poi. Perdendo di recente anche questo livello di supporto.

Dunque, il trading Ripple conviene puntando sui rimbalzi sui livelli di supporto, mentre le rotture dei livelli di resistenza devono essere una scelta secondaria.

Ripple è una criptovaluta che troppo spesso ha disatteso le aspettative. Ad ogni nuovo accordo di partnership, ci si è illusi che il prezzo potesse schizzare e conseguire un rialzo sostenuto. Invece, non è stato così.

Va poi detto che prima esisteva una correlazione positiva tra Bitcoin e Ripple. Per cui se uno aumentava, anche l’altra lo faceva e così anche al ribasso. Questa correlazione ultimamente sembra essere venuta meno.

Quindi si è perso un modo facile per fare previsioni sul prezzo di questa criptovaluta.

Infine, il suo esaurimento è ancora molto lontano (siamo a meno della metà dei token totali previsti distribuiti). Evento che potrebbe portare quando sarà, ad un aumento del prezzo.

Alla luce di tutto ciò, occorre puntare alla sua volatilità, soprattutto ribassista, ma in un’ottica di diversificazione del proprio portafoglio titoli. Controbilanciata da asset più sicuri e stabili.

Piattaforme per trading su Ripple

Abbiamo detto che Ripple spesso dà più soddisfazioni al ribasso che al rialzo. Ed è possibile investire su ciò grazie ai CFD, contract for difference, che permettono di investire su entrambi i movimenti di un asset.

I CFD permettono di investire su una pluralità di asset di varia natura, sfruttando anche la Leva finanziaria. Che ricordiamo però sempre essere una arma a doppio taglio, poiché come moltiplica i profitti, moltiplica anche le perdite.

Il modo migliore per investire in Ripple tramite CFD è farlo su Broker con regolare licenza, che non prevedano commissioni sullo spread e che offrano tanti servizi appannaggio dei trader.

Di seguito vediamo quali sono i Broker migliori che garantiscono queste condizioni.

Trading Ripple con eToro

eToro (clicca qui per il sito ufficiale) è un Broker che punta forte sulle criptovalute. Tanto che ne prevede ben 16 sulla sua piattaforma tra cui scegliere per investire in CFD.

Inoltre, consente di conservare le criptovalute tramite eWallet, un portafoglio digitale pensato proprio per le criptovalute.

Se ti affascina investire in Ripple ma non sai come fare, eToro mette a disposizione sia un Conto demo per esercitarsi, sia il copy trading per copiare quanto fanno i trader più rinomati. Che potrai scegliere visionando le loro performance.

Inoltre, eToro prevede un vero e proprio Social network dedicato ai trader, dove è possibile pubblicare post e seguire cosa pubblicano gli altri.

Per aprire un conto demo gratuito su eToro clicca qui.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Trading Ripple con ForexTB

ForexTB (clicca qui per il sito ufficiale) è il secondo Broker che vi consigliamo per il trading Ripple.

Si tratta di una piattaforma di trading online nata in tempi più recenti, ma che sta già facendo parlare di sé.

Offre pochi asset sui cui tradare, ma le commissioni sono davvero vantaggiose. Inoltre, consente di beneficiare dei segnali di trading formulati da un colosso del settore: Trading central.

Buona anche la formazione offerta da ForexTB, come un Conto demo ed un manuale formato eBook.

Per aprire un conto demo gratuito su ForexTB clicca qui.

Trading Ripple con Plus500

Veniamo infine a Plus500 (qui il sito ufficiale), altro Broker che risulta essere molto interessante per il trading Ripple.

Vanta tante licenze per operare, un solo account, ma che richiede un ingresso di soli 100 euro.

Plus500 si fa apprezzare per la sua piattaforma estremamente user-friendly fino a 32 lingue tra cui scegliere, per il Conto demo, una assistenza clienti proattiva.

Inoltre, è apprezzabile il fatto che sia sponsor di un club molto prestigioso quale l’Atletico Madrid. Sinonimo di serietà. Una partnership che va avanti dal 2015.

Per iniziare a fare trading su Ripple con Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.