Trading Materie prime: il 2019 sarà l’anno di oro e petrolio?

Il 2019 sarà l’anno delle materie prime? In particolare, dell’oro e del petrolio? Intanto, cominciamo a capire cos’è e come funziona il mercato delle materie prime.

Un mercato delle materie prime è un mercato che commercia nel settore economico primario piuttosto che nei prodotti manifatturieri. Le materie prime cosiddette soft sono prodotti agricoli come grano, caffè, cacao, frutta e zucchero. Le materie prime sono estratte, come l’oro e il petrolio.

Gli investitori accedono a circa 50 principali mercati delle materie prime in tutto il mondo con transazioni puramente finanziarie che superano sempre di più gli scambi fisici in cui le merci vengono consegnate. I contratti futures sono il modo più antico di investire in materie prime. I futures sono garantiti da beni fisici.

I mercati delle materie prime possono includere scambi fisici e scambi di derivati utilizzando prezzi spot, contratti a termine, futures e opzioni su futures. Gli agricoltori hanno utilizzato per secoli una semplice forma di scambio di derivati nel mercato delle materie prime per la gestione del rischio di prezzo.

Un derivato finanziario è uno strumento finanziario il cui valore deriva da una merce denominata sottostima. I derivati sono negoziati in borsa o over-the-counter (OTC). Un numero crescente di derivati viene scambiato tramite stanze di compensazione, alcuni con Central Counterparty Clearing, che fornisce servizi di compensazione e regolamento su una borsa a termine, nonché fuori borsa nel mercato OTC.

Derivati come contratti futures, swaps (anni ’70) -), Exchange-commerced Commodities (ETC) (2003-), i contratti a termine sono diventati i principali strumenti di negoziazione nei mercati delle materie prime. I futures sono negoziati su borse di materie prime regolamentate. I contratti over-the-counter (OTC) sono “contratti bilaterali negoziati privatamente tra le parti contraenti”.

I fondi negoziati in borsa (ETF) hanno iniziato a presentare prodotti nel 2003. Gli ETF Gold si basano su “oro elettronico” che non implica la proprietà di lingotti fisici, con i suoi costi aggiuntivi di assicurazione e stoccaggio in depositi come Londra mercato dei lingotti. Secondo il World Gold Council, gli ETF consentono agli investitori di essere esposti al mercato dell’oro senza il rischio della volatilità dei prezzi associata all’oro come merce fisica.

Le materie prime sono fortemente influenzate dagli sviluppi naturali, politici ed economici in tutto il mondo e possono subire rapidi cambiamenti di prezzo. Alla fine del 2018, il mercato delle materie prime è rimasto alquanto volatile con i prezzi di alcune materie prime, come l’oro e il petrolio, rimanendo più instabili di altri.

Nulla è mai certo di alcun mercato di trading, quindi è fondamentale mantenere un occhio vigile per le tendenze e utilizzare analisi di mercato per ottimizzare le decisioni sulle transazioni. Mentre fare previsioni sul mercato delle materie prime può essere particolarmente difficile, tenere il passo con analisi condotte da fonti affidabili è un passo nella giusta direzione.

Detto ciò, vediamo come è nato il trading delle materie prime, quali sono le materie prime e qual è la previsione sulle materie prime del 2019.

Migliori piattaforme per fare trading di materie prime

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Trading materie prime storia

Si ritiene che i mercati monetari e delle materie prime basati sulle materie prime abbiano avuto origine a Sumer tra il 4500 aC e il 4000 aC. I Sumeri usarono per primi i gettoni di argilla sigillati in una nave di argilla, poi le tavolette di argilla per rappresentare la quantità, per esempio il numero di capre da consegnare.

Queste promesse di tempo e data di consegna assomigliano al contratto a termine. Le civiltà primitive hanno usato in vario modo maiali, conchiglie rare o altri oggetti come moneta di base. Da quel momento i commercianti hanno cercato modi per semplificare e standardizzare i contratti commerciali.

I mercati dell’oro e dell’argento si sono evoluti nelle civiltà classiche. All’inizio i metalli preziosi erano valutati per la loro bellezza e valore intrinseco e erano associati ai reali. Col tempo venivano usati per il commercio e venivano scambiati per altri beni e merci, o per i pagamenti del lavoro.

L’oro, misurato, poi divenne denaro. La scarsità dell’oro, la sua densità unica e il modo in cui poteva essere facilmente sciolta, modellata e misurata la rendevano un naturale vantaggio commerciale. [12] A partire dalla fine del X secolo, i mercati delle materie prime crebbero come meccanismo per allocare merci, lavoro, terra e capitale in tutta Europa. Tra la fine dell’XI e la fine del XIII secolo, l’urbanizzazione inglese, la specializzazione regionale, l’infrastruttura ampliata e migliorata, l’aumento dell’uso della monetazione e la proliferazione di mercati e fiere furono la prova della commercializzazione.

La diffusione dei mercati è illustrata dall’installazione del 1466 di bilance affidabili nei villaggi di Sloten e Osdorp, così gli abitanti del villaggio non dovettero più recarsi ad Haarlem o ad Amsterdam per pesare il formaggio e il burro prodotti a livello locale.

La borsa di Amsterdam, spesso citata come la prima borsa, originata come mercato per lo scambio di merci. I primi scambi sulla Borsa di Amsterdam hanno spesso comportato l’uso di contratti molto sofisticati, tra cui vendite allo scoperto, contratti a termine e opzioni. “Il commercio ebbe luogo presso la Borsa di Amsterdam, un locale all’aperto, che fu creato come scambio di merci nel 1530 e ricostruito nel 1608. Gli stessi scambi di merci erano un’invenzione relativamente recente, esistente solo in una manciata di città.”

Nel 1864, negli Stati Uniti, grano, mais, bovini e maiali venivano ampiamente scambiati con strumenti standard nel Chicago Board of Trade (CBOT), il più antico scambio mondiale di futures e opzioni. Altri prodotti alimentari sono stati aggiunti al Commodity Exchange Act e scambiati attraverso CBOT negli anni ’30 e ’40, espandendo la lista dai cereali per includere riso, mangimi per mulini, burro, uova, patate irlandesi e soia.

I mercati delle materie prime di successo richiedono un ampio consenso sulle variazioni dei prodotti per rendere ogni merce accettabile per il commercio, come la purezza dell’oro nei lingotti. Le civiltà classiche costruirono complessi mercati globali scambiando oro o argento per spezie, tessuti, legno e armi, la maggior parte dei quali aveva standard di qualità e tempestività.

Nel XIX secolo “gli scambi diventarono efficaci portavoce e innovatori di miglioramenti nel trasporto, nel deposito e nel finanziamento, che ha aperto la strada all’espansione del commercio interstatale e internazionale.”

La reputazione e la compensazione sono diventate preoccupazioni centrali e gli stati che potrebbero gestirli hanno sviluppato potenti centri finanziari.

Materie prime tipi

Quali sono i tipi di materie prime? Li possiamo dividere per categorie:

Energia

Le materie prime energetiche includono petrolio greggio in particolare petrolio greggio West Texas Intermediate (WTI) e petrolio greggio Brent, gas naturale, olio da riscaldamento, etanolo e acido tereftalico purificato. La copertura è una pratica comune per questi prodotti.

Metalli

Qui occorre distinguere due sotto categorie:

a) Metalli preziosi

I metalli preziosi attualmente scambiati sul mercato delle materie prime comprendono oro, platino, palladio e argento venduti dall’oncia troy. Uno degli scambi principali per questi metalli preziosi è COMEX.

b) Metalli industriali

Qui vi rientrano rame, acciaio, ferro, alluminio, piombo, stagno, lega di alluminio, nichel, cobalto e molibdeno.

Prodotti agricoli

Le materie prime agricole possono includere legname (legname e foreste), cereali esclusi grano immagazzinato (grano, avena, orzo, segale, sorgo, cotone, lino, foraggio, fieno addomesticato, erba nativa), verdure (patate, pomodori, mais dolce, secco fagioli, piselli secchi, piselli surgelati e conservanti), frutta (agrumi come arance, mele, uva) mais, tabacco, riso, arachidi, barbabietole da zucchero, canna da zucchero, girasoli, uva passa, vivai, noci, complesso di soia, pesce d’acquacoltura specie di allevamento come pinne, molluschi, crostacei, invertebrati acquatici, anfibi, rettili o piante coltivate in aziende agricole acquatiche

Diamanti

Dal 2012, i diamanti non rientrano più convenzionalmente tra le materie prime in quanto considerati un bene pericoloso visto che per la loro estrazione viene versato molto sangue. Tra guerre civili e schiavismo. Ma anche per altre ragioni: la struttura monopolistica del mercato dei diamanti e la mancanza di standard uniformi per i prezzi dei diamanti. Esistono dei mercati specifici.

Materie prime previsioni 2019

Quali sono le previsioni sulle materie prime per il 2019? Ce le dice il Toro delle materie prime Goldman Sachs Group Inc. Il quale non si lascia intimorire dal sell-off delle materie prime e prevede rendimenti di circa il 17 per cento nei prossimi mesi. Descrivendo la situazione attuale come insostenibile e reclamizzando l’incontro del G20 di fine novembre 2018 a Buenos Aires come potenziale svolta.

“Data l’entità delle dislocazioni nei prezzi delle materie prime rispetto ai fondamentali – con il petrolio che ora ha unito i metalli nel pricing al di sotto del supporto dei costi – riteniamo che le materie prime offrano un punto di ingresso estremamente attraente per i long in petrolio, oro e base”, analisti tra cui Jeffrey Currie ha detto in un rapporto.

La nota elencava le sue prime 10 idee commerciali per il 2019, compreso un rimbalzo a Brent quando l’OPEC taglierà i rifornimenti.

I materiali grezzi sono stati colpiti a novembre da un cocktail tossico di conducenti, con grezzi affondamenti tra le speculazioni che ci sono troppe riserve, i metalli colpiti la crescita sta rallentando e gli investitori si preoccupano delle prospettive della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Questa settimana, i leader del G20 si riuniscono in Argentina, offrendo ai presidenti Donald Trump e Xi Jinping l’opportunità di affrontare il loro mestiere, mentre Vladimir Putin della Russia ha l’opportunità di affrontare una politica grezza con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

“Molte delle incertezze politiche che gravano sui mercati delle materie prime hanno una significativa possibilità di essere affrontate a Buenos Aires”, ha detto Goldman. “Questo include alcuni miglioramenti su China-U.S. relazione e, come negli incontri del G20 del 2016, una maggiore chiarezza su un potenziale taglio dell’OPEC.” Ecco alcune delle migliori idee di Goldman per il prossimo anno, come elencato nel rapporto:

Petrolio: Goldman si aspetta una riduzione dell’offerta OPEC e il suo annuncio porterà a una ripresa dei prezzi. Si consiglia di andare a lungo su Brent.

Petrolio a breve scadenza: ci sarà un ritorno alla backwardation. La banca raccomanda di vendere un valore di US $ 50 al barile dell’opzione put del mese di dicembre 2019, che attualmente vale $ 7,25 al barile a partire da venerdì.

Gas: il recente rally nei contratti invernali, spinto da un inizio freddo all’inverno, si è dislocato nell’aprile 2019 contratto di gas naturale, lasciandolo significativamente retrocesso rispetto a ottobre. La banca dice che questo spread continuerà a restringersi.

Oro: il mercato ha scontato 10 su 12 degli aumenti della Federal Reserve che la banca si aspetta, e la forte tendenza del dollaro è vista al contrario. “Se la crescita degli Stati Uniti rallenta il prossimo anno, come previsto, l’oro trarrebbe beneficio dalla maggiore richiesta di attività difensive”, ha detto Goldman, aggiungendo che potrebbe esserci un ulteriore sostegno da parte dell’acquisto della banca centrale.

Agricoltura: vai a lungo nella soia di Chicago, a corto di mais, banca dice. “I prossimi colloqui del G20 in Argentina saranno probabilmente importanti per la direzione a breve termine dei prezzi dei cereali negli USA, dato che normalmente il clima estivo è”, afferma Goldman.

“Il nostro punto di vista sul probabile esito degli incontri per la guerra commerciale in corso (molto probabilmente una pausa, ma con qualche possibilità di normalizzazione) è più ottimistico di quello attualmente scontato dai mercati”.

Petrolio previsioni 2019

I prezzi del petrolio più alti sono aull’orizzonte. Le esportazioni di petrolio venezuelano, libico e iraniano (dovute alle sanzioni statunitensi) sono diminuite nel 2018 e l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) ha deciso di tagliare l’offerta di 1,2 milioni di barili al giorno dall’inizio del 2019.

Questi sviluppi combinati con il calo significativo del dollaro USA e l’attesa di un moderato ritmo di crescita della domanda internazionale di petrolio porteranno probabilmente ad un aumento dei prezzi del petrolio quest’anno.

Oro previsioni 2019

Diversi fattori hanno contribuito al declino dei prezzi dell’oro di quasi il 5% nel 2018. Vi è stata la minaccia di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e la ripresa del dollaro USA insieme a crescenti preoccupazioni per l’indebolimento dell’economia cinese. Negli ultimi mesi, tuttavia, lo yuan cinese ha avuto più spazio per muoversi. Poiché la Cina è uno dei principali consumatori di oro, questo fa ben sperare per il futuro dei prezzi dell’oro.

Il calo della crescita economica degli Stati Uniti e l’indebolimento del dollaro dovrebbero anche portare all’aumento dei prezzi dell’oro nel 2019.

Quindi, a quanto pare oro e petrolio faranno registrare una impennata dei prezzi. Sarà davvero così? Dipenderà anche da un altro asset a cui essi sono correlati in maniera direttamente proporzionale: il dollaro.

Broker migliori del 2019 per investire in materie prime

Quali saranno i migliori broker nel 2019 per chi vuole fare trading sul prezzo delle materie prime? Eccone alcuni che sicuramente faranno parlare di sé:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY